Scopri

  • 174
    Voti positivi di tutte le risposte in questa domanda

    Cosa ne pensate di Virginia Raggi?

    Risposta preferita:

    Non sono romano e non voto a Roma.

    Ma, esprimendo una mia opinione, dico che moltissimi cittadini (votanti o meno dei 5S) se ne sono pentiti e non lo rifarebbero. Come altri, la rivoterebbero ad occhi chiusi.

    Pure da me c'è un sindaco del M5S e, a parte rifare il manto stradale con getti di catrame a basso prezzo e bassa qualità, e ogni tanto una sfoltita alle aiuole, di concreto, si è solo arraffato 11.000 euro al mese (queste sono le voci) e per giunta, ha dato mano libero alla polizia municipale di fare multe a iosa anche dove, tipo, non vi sono cartelli di divieto sosta e fermata e/o strisce gialle. Per non parlare della tassa sull'usufrutto parcheggio del suolo pubblico vicino casa propria...

    Non lo votai, ma uscì lo stesso.

    37 rispostePolitica e governo - Altro4 giorni fa
  • 199
    Voti positivi di tutte le risposte in questa domanda

    Da quando c’è stato il lockdown ho cominciato a vedere diversamente Giuseppe Conte. Ho iniziato ad avere una cotta per lui.?

    Prima non lo calcolavo nemmeno, ora invece mi faccio un sacco di film mentali, non riesco a smettere di pensare a lui.  

    Sono l’unica?👀  

    È davvero un bell’uomo. Intelligente, gentile, figo... dio quanto è bello! 

    Vorrei che si innamorasse di me... Lasciando stare il lato politico, è davvero un figone! Prima o poi lo seduco 🥰  

    Molti hanno parlato anche di sindrome di Stoccolma. Può darsi che io soffra di questa sindrome, eh, io intanto cerco un modo per farmelo mio 🥰 

    É molto colto... una persona di bell’aspetto e intelligente è la fine del mondo. 

    44 rispostePolitica e governo - Altro3 giorni fa
  • 21
    Voti positivi di tutte le risposte in questa domanda

    Sul lavoro mi è successo che.. ?

    ho subito abusi e soprusi psicologici da parte del datore di lavoro nell'azienda in cui lavoro, diciamo che finora ho resistito per tanto tempo ma son arrivato ad un punto di non ritorno. Mi sta distruggendo mentalmente.. mi ha rinchiuso in un ufficio senza aver contatti con altre persone, ho subito umiliazioni di ogni genere che hanno influito negativamente sulla mia salute mentale, poi lui denigrandomi e facendomi sentire una nullità, cercando di manipolare e piegare la mia volontà al suo volere, facendomi sentire un'inetto e togliendomi la possibilità di potermi esprimere liberamente. Ho visto che in Italia non esiste una legge per reati del genere. Come posso difendermi e a chi posso rivolgermi? Non mi era mai successa una cosa del genere in altri ambienti di lavoro. Dove sono capitato? chiedo consigli e aiuto .. Grazie.

    14 rispostePsicologia23 ore fa
  • 45
    Voti positivi di tutte le risposte in questa domanda

    Quanto rumore fa il silenzio ?

    Ispirata a mio padre che nella mia adolescenza mi levò la parola. 

    22 risposteSociologia2 giorni fa
  • 14
    Voti positivi di tutte le risposte in questa domanda
  • 94
    Voti positivi di tutte le risposte in questa domanda

    A me purtroppo è successo, a voi è mai capitato?

    Di essere presa in giro da degli sconosciuti? Ho vent'anni, e a detta di tutti ho un fisico bellissimo, perfetto. Di faccia purtroppo non sono un gran che per via di alcuni difetti, difatti da più giovane sono stata anche bullizzata per questo. Comunque solitamente per via di questo tendo ad andare in giro coprendo il mio corpo in modo da non creare questo terribile contrasto. L'altra sera ho deciso di azzardare per una volta e vestirmi come mi piace, mettendo degli shorts e un top corto, dunque il mio fisico era in mostra. Passando c'era un gruppo di ragazzi ed ho sentito qualcuno dire "vedi il fisico ma poi vedi la faccia.." ed altre cose che non ho sentito perché stavo passando avanti, ma comunque ho sentito tutto il gruppo ridere. Ora, magari non si riferivano neanche a me in quanto era abbastanza buio, però nel caso fosse mi ha fatto stare tanto male, e mi fa soffrire tutt'ora. La gente cosi è il motivo per cui copro il mio corpo, in modo da evitare il contrasto..

    A voi è mai capitato di essere presi in giro da degli sconosciuti? Come avete reagito? Ci siete stati male?

    37 rispostePsicologia3 giorni fa
  • 8
    Voti positivi di tutte le risposte in questa domanda

    ho raggiunto una nuova consapevolezza, riguardo la mia emarginazione sociale, dunque, praticamente, ho capito che io alla gente sembri una?

    cretina!!

    perchè sono goffa, timida....e molto emotiva!!

    quindi anche se sono intelligente, vista la mia timidezza, tendo a comportarmi in un modo inappropriato...

    ad es, mi rendo conto che magari quando parlo, m'impappino, oppure distolgo lo sguardo...oppure non mi vengono in mente le parole giuste...

    quindi, gli altri, vedendomi così, pensano "ma questa è ritardata", invece è solo che sono bloccata dalla timidezza.

    ecco, dunque come mai agli altri appaio in modo negativo, pur non essendo così negativa...perchè non riesco ad essere a mio agio...

    ci metto tanto ad ambientarmi e più persone estranee ci sono e più sono sul "chi va la"...

    però.....boh....si "guarisce" dalla timidezza??

    si "guarisce" da questa cosa?

    secondo me no....cioè, a parte usare cocaina, o qualche stupefacente non vedo come io possa cambiare questo mio modo di essere....

    cioè non so, in che modo, potrei evitare questi comportamenti...

    boh... che ne dite?

    12 rispostePsicologia22 ore fa
  • 37
    Voti positivi di tutte le risposte in questa domanda
  • 37
    Voti positivi di tutte le risposte in questa domanda

    Ti sei mai vergognato/a dei tuoi sentimenti?

    Risposta preferita:

    La vergogna è uno dei sentimenti umani. 

    Ci si vergogna quando si fa, o si pensa mentalmente di fare, qualcosa che è contrario all'educazione ricevuta.

    Ma l'educazione ricevuta è giusta?

    Per esempio, mangiare la carne di animali allevati per questo scopo e uccisi (spero non brutalmente) per poterne mangiare la carne è una cosa di cui vergognarsi. I vegani e i vegetariani dicono di si. Ma se pensi che tutto il mondo animale si basa sul  ciclo alimentare in cui i vegetali creano la materia organica, vengono uccisi o potati dagli animali erbivori che a loro volta vengono uccisi dagli animali carnivori ti rendi conto che è la natura che impone questo ciclo alimentare rendendo gli animali carnivori impossibilitati a creare la materia organica di cui abbisognano.

    Si potrebbero vedere delle analogie con un ladro (disoccupato e privo di sostentamento) che entrato nel supermercato ruba qualche cibo per se o per i suoi figli, altrimenti è la fame. E' una cosa di cui vergognarsi, contraria all'educazione che dice di non rubare, ma che è necessaria per evitare la fame.

    Io non ho mai rubato perché ho lavorato e non mi sono mai trovato nella condizione di quello che ruba al supermercato, anche perché fin da piccolo ho cercato di studiare per avere un lavoro, ma chi sono io per giudicare chi non si è trovato nelle mie condizioni?

    In realtà la tua domanda non era rivolta alle azioni fatte ma semplicemente ai sentimenti che creano, in potenza, delle azioni. 

    I sentimenti non richiederebbero nemmeno una vergogna fintanto che non si trasformano in azioni (di cui vergognarsi) ma stante il ragionamento fatto prima per le azioni io non mi sento di giudicare le azioni, figurarsi i semplici sentimenti. 

    Poi i sentimenti possono essere ad esempio di amore, oppure di odio. 

    L'amore è di per se un sentimento puro, spontaneo, positivo, ma se è rivolto ad un soggetto già impegnato diventa negativo.

    L'odio, o anche l'invidia, è invece un sentimento ripugnante, contrario alla nostra umanità.

    In ogni caso i sentimenti, finchè non vengono messi in pratica sono semplicemente delle intenzioni non realizzate e non dovrebbero produrre senso di vergogna.  

    28 risposteSociologia2 giorni fa
  • 9
    Voti positivi di tutte le risposte in questa domanda
  • 1
    Voti positivi di tutte le risposte in questa domanda

    Perché gli amori mai nati ci tormentano? ?

    Ho 26 anni e quando ne avevo 18, durante una stage con la scuola, ho conosciuto un ragazzo, di 10 anni più grande di me, con cui ho scambiato piacevolissime chiacchierate. La chimica tra noi due era fortissima, io ero sempre stata molto matura per la mia età e ci trovavamo benissimo, eravamo perfettamente sulla stessa lunghezza d'onda. Ovviamente io mi presi una bella cotta ma non avrei mai pensato che fosse ricambiata. Quando tornai a casa però, lui mi confessò invece di pensare costantemente a me e per qualche settimana ci sentimmo. Con il tempo il tutto si affievolì, non potevamo vederci e in realtà non potevamo nemmeno sentirci visto che lui era (e lo è tutt'ora) sposato. Il punto è, che nonostante siano passati 8 anni, nonostante io abbia la mia felice vita con il mio fidanzato, nonostante io non abbia nessun contatto (giustamente) con lui da allora, io continui a pensarlo e ho quasi la certezza che sia lo stesso per lui. Pensare a lui mi fa sorridere, mi fa pensare ai miei spensierati 18 anni ma a volte è frustrante. Perché continuo a pensare una persona che ho conosciuto appena? Perché le cose irrealizzate e impossibili si ancorano a noi cosi fortemente? A volte vorrei scrivergli, dirgli quello che penso e sperare di riuscire a cancellarlo dalla mia testa. A volte desidero vederlo, sperare di restare delusa, di non provare niente così da poterlo finalmente dimenticare. Se non faccio niente di tutto ciò, temo che lui resti per sempre, silenzioso, tra i miei pensieri.

    5 rispostePsicologia9 ore fa
  • 13
    Voti positivi di tutte le risposte in questa domanda
  • 21
    Voti positivi di tutte le risposte in questa domanda
  • 11
    Voti positivi di tutte le risposte in questa domanda

    qual'è il vostro sogno più vero?

    il mio è quello di fare un'altra vacanza ai Caraibi, e il vostro?

    21 rispostePsicologia3 giorni fa
  • 0
    Voti positivi di tutte le risposte in questa domanda

    Sondaggio all'italiana..?

    5 semplici domande. 

    5 categorie.

    Chi salveresti tra le 4 opzioni?

    1-Hit dell'estate 2020?

    (A) A un passo dalla luna(Rocco Hunt)

    (B) Paloma (Fred de Palma)

    (C) La isla (Elettra Lamborghini)

    (D) Sangria (Emma Muscat)

    2- Serie tv italiana?

    (A) Don Matteo

    (B) I Cesaroni

    (C)Un medico in famiglia

    (D) Che dio ci aiuti

    3- Meta mare italiana?

    (A) Cinque terre

    (B) Salento 

    (C)Costiera Amalfitana

    (D)Riviera Romagnola

    4- Youtubers italiani?

    (AMatt & Bise

    (B)Lyon wgf

    (C)The show

    (D)Space Valley

    5- Scrittori italiani?

    (A)Luigi Pirandello

    (B)Giuseppe Ungaretti

    (C)Giovanni Pascoli

    (D)Eugenio Montale

    Se volete, potete dare anche una spiegazione alla vostra risposta

    4 risposteGiochi e passatempi - Altro21 ore fa
  • 108
    Voti positivi di tutte le risposte in questa domanda

    Cosa? Perché? Leggere ci rende persone migliori? Sì o no?

    Ti faccio questa domanda riprendendo un estratto dal paragrafetto chiamato 'Gli effeminati intellettuali', da Lezioni spirituali per giovani samurai di Yukio Mishima: 'Le letteratura è la professione ideale per chi desideri rifugiarsi in una zona sicura, come un granchio si occulta nella sua tana. (...) Chi infatti cerca un obiettivo di vita nella letteratura è in qualche modo insoddisfatto dall'esistenza reale (...). Mi è sufficiente uno sguardo per distinguere tra la folla un ragazzo posseduto da simili idee: i suoi occhi sembrano limpidi, ma privi di luce nel profondo, ed è totalmente sprovvisto di pura naturalità e di forza animalesca, le principali prerogative della gioventù: non è che una sorta di crittogamo'.

    Spero che questo estratto ti abbia ispirato a rispondere, in un modo o nell'altro. E visto che ci siamo ti pongo una seconda domanda: #ioleggoperché, sì, cetto, tutto caruccissimo, ma in che modo la letteratura, 'leggere', ci indebolisce? Cosa ci toglie? Perché non dovremmo affatto leggere?

    Grazie :)

    29 risposteSociologia5 giorni fa
  • 20
    Voti positivi di tutte le risposte in questa domanda
  • 73
    Voti positivi di tutte le risposte in questa domanda

    Coronavirus, a settembre di nuovo chiusi...veramente tutta questa pagliacciata non finirà mai piu' ?

    Risposta preferita:

    Purtroppo l'Italia  è una nazione di dementi, cagasòtto e impediti. Spiace dirlo ma è  la realtà.

    Ammettendo (per assurdo) che vi sia un pericolo reale anche per chi è in buona salute (inutile contraddire, anche con argomenti e numeri: i cagasòtto terrorizzati credono solo alla mèrda che dicono in tv) io preferirei  correre il rischio di ammalarmi e al limite morire piuttosto che vivere  in modo indegno. 

    23 rispostePolitica e governo - Altro2 giorni fa
  • 0
    Voti positivi di tutte le risposte in questa domanda

    Giochiamo! Nomi cose città?

    Allora,gioco: 

    -Ci si prenota,si va in ordine alfabetico,e si scrive 

    Nomi 

    Cose 

    Città 

    Animali 

    Cibi 

    Personaggi famosi 

    ( ho aggiunto delle cose,io lo faccio così u.ù) 

    Allora faccio un esempio 

    LETTERA A 

    Nomi: Armando 

    Cose Armadio 

    Città Atene

    Animali Aquila

    Cibi Aragosta

    Personaggi famosi Angela Alberto/Piero

    L'answerino/a dopo di me,farà la stessa cosa solo con la lettera B 

    E così via. 

    Prenotatevi,ovviamente,così da evitare pasticci :D 

    Ciao ^^

    7 risposteGiochi e passatempi - Altro2 giorni fa
  • 169
    Voti positivi di tutte le risposte in questa domanda

    Siete pro o contro?

    Vi elenco una serie di cose, ditemi se siete pro o contro. 

    Religione.                                           

    Aborto.

    Legalizzazione droghe leggere.

    Vietare l’alcol in luoghi pubblici.

    Aumentare l’età per essere maggiorenni.

    Auto elettriche. 

    Servizio militare obbligatorio. 

    Che i ricchi paghino più tasse.

    Più facilità nel detenere armi.

    Potersi difendere nelle proprietà private.

    Centrali nucleari in Italia. 

    Pena di morte.

    Matrimoni omosessuali.

    74 risposteLegge ed etica5 giorni fa
Chiedi