Lv 31.723 points

Winston

Risposte preferite50%
Risposte127
Domande14

Penso che queste massime di Sir W. Churchill rappresentino a dovere il mio pensiero su molti fronti: - Il capitalismo è un'ingiusta ripartizione della ricchezza. Il comunismo è una giusta distribuzione della miseria. - Sono sempre pronto a imparare, sebbene non sempre gradisca che altri mi insegnino. - È stato detto che la democrazia è la peggior forma di governo, eccezion fatta per tutte quelle altre forme che si sono sperimentate finora. - Fanatico è colui che non può cambiare idea e non intende cambiare argomento. - Un prigioniero di guerra è un uomo che cerca di ucciderti, non ci riesce, poi ti chiede di non ucciderlo.

  • Cosa significano L e R di fianco ad ogni articolo del DPR 445/2000?

    In ogni articolo del DPR 445/2000 è presente la lettera L o R, ovvero entrambe, sia nel titolo, sia nel testo. Cosa significano? Non ho trovato alcun riferimento nel testo, né nelle note.

    2 risposteLegge ed etica8 anni fa
  • Fagioli raggrinziti in ammollo?

    Ho messo a bagno i fagioli, che scadono ad aprile 2013 (quindi non sono vecchi). Dopo 2 ore sono tutti raggrinziti. E' normale che facciano così? Non è che poi in cottura la buccia si staccherà e verrà fuori una poltiglia schifosa?

    3 risposteCucina e ricette9 anni fa
  • Vi piace questo pezzo? Criticate pure, è quello che voglio!?

    Apro la porta della stanza di scatto, gridando:

    “Bomba in buca!”

    La richiudo immediatamente per riaprirla un secondo dopo ed entrare. Pasquale è disteso sul letto e mi guarda con un'aria per nulla stupita ma un po' seccata per l'improvvisa sveglia.

    “Va a fa 'mocca a soreta!”

    Il caos in stanza è lo stesso di quello che provocherebbe una granata che esplode in un ambiente chiuso. Le lattine di aranciata vuote sono sempre sulla mensola, il lezzo di fumo stantio impregna l'aria e la finestra aperta non basta a tenere il ritmo serrato del più incallito fumatore della caserma. La ragnatela appesa alla tubatura del termosifone è dove la lasciai il giorno in cui partii per le ferie. Le sedie sono in equilibrio precario causa l'immensa mole di vestiti smessi in attesa di essere portati in lavanderia e le porte degli armadi sono tutte spalancate, esibendo il loro contenuto variopinto e sparpagliato che sembra un quadro di Kandinskij.

    Il mio letto è ricoperto di vestiti sgualciti e divise non mie, mentre sotto di esso una matassa di polvere svolazzante conferma quello che per tutta la durata delle mie ferie avevo presentito.

    “Grazie per aver dato una pulita in mia assenza.”

    “Figurati Samuè, per te questo ed altro.” ribatte ironicamente.

    Cerco un posto dove appoggiare le valigie, ma non lo trovo.

    “Ti spiacerebbe togliere dalle palle tutta questa roba? Possibile che ogni volta che torno da casa devo trovare questo casino?”

    “Non è esatto. Il casino c'è anche quando ci sei.”

    “Si, ma quando sono coprotagonista nella realizzazione lo noto meno.”

    “Ho capito, ma non è tutto merito mio. Anche Donato ci ha messo del suo.”

    Sbuffo e decido di lasciar perdere la predica. Ma continuo a non trovare un posto dove appoggiare le valigie. Faccio largo da solo. Raccolgo tutti i vestiti sparsi sul mio letto e li lancio su quello vicino. Prendo un panno e inizio ad alzare gli oggetti dalla mia mensola, lasciando al loro posto un calco di polvere. Una nuvola di polvere va a mischiarsi con quella di fumo prodotta da Pasquale che, non pago, se n'è accesa un'altra. I mozziconi del “prodotto” giornaliero galleggiano in una bottiglia piena per metà d'acqua e che ha assunto un colore vomitevole, che mi dà la nausea solo a guardarla. Decido di dare una pulita anche in terra, almeno fin dove riesco ad arrivare. Il letto di Pasquale è ribattezzato Area 51, visto che è totalmente off-limits per chiunque voglia pulire là sotto. Quello è il suo deposito personale di scarpe, scatole e cianfrusaglie varie, conservate in mezzo a matasse di polvere. Finisco di portare quanto raccolto al cestino e lo guardo, mentre con un sorriso beffardo mi guarda a sua volta.

    “Grazie per esserti alzato di scatto per aiutarmi. Stai pure tranquillo, faccio da solo.” Ironizzo.

    “Ti voglio bene Samuè.”

    “Anch'io a te Pasqua'.”

    “Z'llù, accumpagname a accattà e' sigarette1”

    Pasquale è stato da me ribattezzato Il re dei Rom, proprio perché non credo che tra come si presenta lui e il monarca vero e proprio ci siano sostanziali differenze, se non forse di accento.

    Porta la barba incolta, i capelli lunghi e pettinati all'indietro con una quantità esagerata di gel, ha la catena d'oro al collo, la pancia e riesce a bere quantità incredibili di birra senza ubriacarsi.

    E' il fiero possessore dell'unica Lancia K con motore posteriore, nel senso che ce l'ha nel bagagliaio. Costava poco ed era appariscente, quantomeno più di una Panda, e il concessionario napoletano che gliela vendette captò con precisione disarmante il momento in cui per quella macchina sarebbe scoccata l'ultima ora, ossia tre giorni dopo il suo acquisto e contestuale arrivo a Trieste.

    Adesso giace senza targhe nel parcheggio della caserma, con un ironico cartello appeso dai colleghi sul parabrezza posteriore “Veicolo sottoposto a sequestro penale”, identico a quelli che si mettono sulle auto utilizzate per compiere delitti.

    Una volta pensai di prestargli la mia macchina per andare a comprare le sigarette, ma riflettendoci decisi che sarebbe stato meglio accompagnarlo. E' perennemente in bolletta – causa moglie sanguisuga dalla quale è separato – e per risparmiare qualche soldo le compra all'estero, in Slovenia. Dato l'aspetto trasandato che lo fa somigliare a un evaso ho sempre il terrore che la polizia di oltreconfine lo fermi e lo accompagni in ufficio col pretesto che la macchina che sta guidando non è sua.

    “Ma perché non demolisci quel rottame di sotto e ti compri una Punto, magari con duecentomila chilometri, ma funzionante?”

    “Non mi piace la Punto, e poi lo sai che faccio viaggi lunghi e mi piace stare comodo.”

    “Ti ricordo che sono due anni che usi il treno e il sottoscritto per spostarti, e che anche se ho capito che ti piace avere l'autista che fa tanto figo, io potrei anche stancarmi di recitare la parte.”

    “M'accompagni o no?”

    “Andiamo.” dissi.

    Alla stazione di servizio tornò con due pacchetti di Chesterfield.

    “Fumi un pacchetto al giorno. Dopodomani al più tardi siamo di nuovo qua.

    1 rispostaLibri ed autori1 decennio fa
  • comportamento cucciolo di bassotto?

    Il mio cucciolo di bassotto, di 2 mesi di età ha stranamente cambiato comportamento nei miei confronti. I primi giorni era scodinzolante e festoso, mentre ora (sono passati 10 giorni) nei miei confronti è diventato un po' opportunista (alla stregua di un gatto direi). Scodinzola e fa le feste se lo porto a passeggio, quando gli do da mangiare, e in varie altre occasioni di gioco. Fa un po' di fatica a rispondere al richiamo invece, mentre i primi giorni reagiva subito appena lo chiamavo. Non è aggressivo, non l'ho mai punito quando fa i bisogni in casa perché so che è ancora troppo piccolo. Solo 2 volte, mentre addentava la tappezzeria del divano gli ho dato una scrollata dietro il collo come farebbe la mamma quando li riprende per un comportamento sbagliato, e non lo ha più ripetuto. Adesso sono un po' dispiaciuto quando vedo che scodinzola più agli estranei che a me, anche se capisco che magari spera di ottenere qualcosa.

    Chi mi sa dire perché fa così?

    10 risposteCani1 decennio fa
  • Cosa pensate di questo pezzo?

    Apro la porta della stanza di scatto, gridando:

    “Bomba in buca!”

    La richiudo immediatamente per riaprirla un secondo dopo ed entrare. Pasquale è disteso sul letto e mi guarda con un'aria per nulla stupita ma un po' seccata per l'improvvisa sveglia.

    “Va a fa 'mocca a soreta!”

    Il caos in stanza è lo stesso di quello che provocherebbe una granata che esplode in un ambiente chiuso. Le lattine di aranciata vuote sono sempre sulla mensola, il lezzo di fumo stantio impregna l'aria e la finestra aperta non basta a tenere il ritmo serrato del più incallito fumatore della caserma. La ragnatela appesa alla tubatura del termosifone è dove la lasciai il giorno in cui partii per le ferie. Le sedie sono in equilibrio precario causa l'immensa mole di vestiti smessi in attesa di essere portati in lavanderia e le porte degli armadi sono tutte spalancate, esibendo il loro contenuto variopinto e sparpagliato che sembra un quadro di Kandinskij.

    Il mio letto è ricoperto di vestiti sgualciti e divise non mie, mentre sotto di esso una matassa di polvere svolazzante conferma quello che per tutta la durata delle mie ferie avevo presentito.

    “Grazie per aver dato una pulita in mia assenza.”

    “Figurati Samuè, per te questo ed altro.” ribatte ironicamente.

    Cerco un posto dove appoggiare le valigie, ma non lo trovo.

    “Ti spiacerebbe togliere dalle palle tutta questa roba? Possibile che ogni volta che torno da casa devo trovare questo casino?”

    “Non è esatto. Il casino c'è anche quando ci sei.”

    “Si, ma quando sono coprotagonista nella realizzazione lo noto meno.”

    “Ho capito, ma non è tutto merito mio. Anche ci ha messo del suo.”

    Sbuffo e decido di lasciar perdere la predica. Ma continuo a non trovare un posto dove appoggiare le valigie. Faccio largo da solo. Raccolgo tutti i vestiti sparsi sul mio letto e li lancio su quello vicino. Prendo un panno e inizio ad alzare gli oggetti dalla mia mensola, lasciando al loro posto un calco di polvere. Una nuvola di polvere va a mischiarsi con quella di fumo prodotta da Pasquale che, non pago, se n'è accesa un'altra. I mozziconi del “prodotto” giornaliero galleggiano in una bottiglia piena per metà d'acqua e che ha assunto un colore vomitevole, che mi dà la nausea solo a guardarla. Decido di dare una pulita anche in terra, almeno fin dove riesco ad arrivare. Il letto di Pasquale è ribattezzato Area 51, visto che è totalmente off-limits per chiunque voglia pulire là sotto. Quello è il suo deposito personale di scarpe, scatole e cianfrusaglie varie, conservate in mezzo a matasse di polvere. Finisco di portare quanto raccolto al cestino e lo guardo, mentre con un sorriso beffardo mi guarda a sua volta.

    “Grazie per esserti alzato di scatto per aiutarmi. Stai pure tranquillo, faccio da solo.” Ironizzo.

    “Ti voglio bene Samuè.”

    “Anch'io a te Pasqua'.”

    4 risposteLibri ed autori1 decennio fa
  • Perché la mia gatta STERILIZZATA miagola in modo strano?

    La mia gatta ha circa un anno e da qualche giorno ha iniziato a miagolare in modo strano. E' sempre alla finestra o al balcone ad annusare l'aria. Secondo voi perché fa così? Si comporta quasi come se fosse in calore!

    4 risposteGatti1 decennio fa
  • Spia trasformatore HD esterno lampeggiante?

    Mentre stavo guardando un filmato, il mio Maxtor one touch da 750 Gb si è spento di botto. L'alimentatore, o trasformatore che dir si voglia adesso lampeggia ogni volta che accendo l'HD. Ho provato anche a cambiare alimentatore ma il problema si ripresenta tale e quale.

    Cos'è successo,un corto circuito? Non si sente odore di fili bruciati e l'HD è freddo ed era poggiato sul pavimento al momento del guasto. Cos'è successo e sopratutto si può fare qualcosa?

    Grazie a tutti coloro che sapranno dirmi qualcosa.

    1 rispostaHardware - Altro1 decennio fa
  • Obblighi di un testimone di sinistro stradale?

    Esiste l'obbligo giuridico per un testimone di un sinistro stradale di presentare la fotocopia del documento esibito?

    Un mio conoscente è stato tamponato mentre era fermo in colonna. Privo di CID, ha scambiato i propri dati con la controparte, che adesso ha dichiarato che lui (il tamponato) stava facendo retromarcia al momento dell'urto.

    Morale della favola: concorso di colpa al 50%.

    C'era un testimone al sinistro, il quale ha rilasciato la propria dichiarazione con tutti gli estremi del documento d'identità, ma si rifiuta di fornire la fotocopia del documento.

    L'assicurazione senza questa non ritiene valida la testimonianza.

    Tutte le mie ricerche su internet per trovare la legge in questione si sono rivelate vane.

    Qualcuno conosce gli estremi di legge che delineano questa situazione?

    PER FAVORE, SI ASTENGA DAL RISPONDERE CHI NON E' A CONOSCENZA DELLA MATERIA!

    Grazie a tutti

    1 rispostaAssicurazioni1 decennio fa
  • Perché la mia gatta si comporta così?

    Preciso che ho avuto molti altri gatti prima, e solo questa meticcia di 5 mesi e mezzo manifesta questo atteggiamento.

    L'ho presa che aveva circa 40 giorni e fin da subito ha iniziato a giocare in maniera "violenta". Spesso infatti quando ti invoglia al gioco, dopo poco assume la classica posizione di difesa: orecchie portate all' indietro, corpo retratto e occhi quasi socchiusi. La mantiene anche dopo che il "pericolo" è cessato (cioè quando la persona che gioca con lei ha smesso di manifestarsi come ostile) e attacca anche dopo qualche minuto che il gioco è finito, talvolta fino a causare vere e proprie ferite che necessitano di disinfezione.

    Inoltre rifugge il contatto umano ma non il rapporto. Insomma è lei a venirti a cercare con contorno di fusa e tutto il resto e poi quando la prendi in braccio per accarezzarla si dilegua in un attimo. La cosa strana è che non si allontana di molto, bensì si accoccola sul bracciolo del divano o su una sedia di fronte alla persona oggetto delle attenzioni.

    Recentemente l'ho addirittura vista mentre col cuscino faceva da sola il verso di succhiare il latte dalla mamma, aiutandosi spingendo con le zampe.

    Inoltre nostro figlio di 3 anni può farle ciò che vuole (sempre che riesca a prenderla) senza subirne le conseguenze.

    Qualcuno di voi sa dirmi perché fa così? Sono forse sintomi di stress?

    12 risposteGatti1 decennio fa
  • Che fine hanno fatto i grandi statisti?

    Durante gli anni della guerra, il mondo era pieno di grandi statisti. Si può approvare o non approvare il loro operato, sta di fatto che erano seguiti dalla stragrande maggioranza della popolazione per le loro giuste politiche in campo economico e sociale (previdenza, istruzione, sicurezza ecc.)

    Roosevelt, Mussolini, Churchill, Stalin, Franco, lo stesso Hitler.

    Assodato che molti con le loro scelte hanno fatto più male che bene (vedi guerra e leggi razziali), è anche vero che istituendo politiche talvolta impopolari hanno portato le rispettive nazioni a progredire sotto molti punti di vista.

    Perché oggi non esistono più statisti con obiettività e coraggio? (L'ultima degna di nota mi sembra sia stata la Tatcher...)

    4 rispostePolitici1 decennio fa
  • Cosa è meglio?

    Secondo voi è meglio se un politico è vizioso (intendo anche furbetto) ma competente, in grado di far progredire l'Italia, oppure è meglio probo e onesto, ma dotato di scarse capacità di governo?

    4 risposteGoverno1 decennio fa
  • Cosa pensate di questo aneddoto su Churchill?

    Avvisato della sconfitta elettorale dal suo maggiordomo mentre faceva il bagno, Churchill commentò: "E' proprio perché questi eventi possano continuare ad accadere che abbiamo combattuto la guerra! Ora passami l'asciugamano!"

    5 rispostePolitici1 decennio fa
  • rosmarino, salvia e alloro insieme?

    Ho a disposizione un grande vaso in giardino, nel quale vorrei piantare rosmarino, salvia e alloro. Vanno bene piantate insieme?

    Sennò, quali potrei abbinare in un'unica coltura, lasciando in un altro vaso una delle tre da sola?

    10 risposteGiardinaggio1 decennio fa
  • Com'è il bassethound in appartamento?

    Sono da sempre innamorato dei cani di questa razza, ma purtroppo non ne ho mai posseduto uno. Qualcuno di voi che ha avuto esperienze sa dirmi i punti salienti del suo carattere e pregi e difetti della specie?

    Premetto che abito in appartamento con mia moglie e mio figlio di 3 anni. Ad esempio, ha l'abitudine di abbaiare per un nonnulla? E' difficile insegnargli a non sporcare in casa? Morde la tappezzeria e male accetta le "attenzioni" dei bambini?

    Purtroppo sui vari siti di allevamenti ho trovato spiegazioni discordanti su questo e su altri punti.

    Gradisco anche suggerimenti su altre razze di taglia medio-piccola che abbiano bisogno di poche cure del pelo (es stripping e pettinature quotidiane). Non importa se ha la tendenza a perdere pelo e sottopelo.

    Grazie a tutti

    3 risposteCani1 decennio fa