Lv 13 points

johndemon15

Risposte preferite7%
Risposte120
  • Grosse lacune musicali, aiuto! mi aiutate, per favore?

    Cosa significa tempo in 4/4? come faccio a distinguerlo da un 5/4 o da un 7/8?

    cos'è una pentatonica?

    cos'è un'ottava? si distinguono le ottave tra di loro? come?

    grazie!

    3 risposteRock e Pop6 anni fa
  • Vorrei capire qualcosa di più del comunismo, potete aiutarmi?

    Vorrei capire qualcosa di più circa il comunismo: gli ideali, la storia...ho letto tempo fa Il Manifesto di Marx ma non ricordo molto, potete aiutarmi? mi consigliate dei libri? pensavo di cominciare con Gramsci, farei bene? sennò ditemi voi.

    La domanda è funzionale alla creazione di una comprensione, non ad un indottrinamento (il che comunque sarebbe a mia discrezione) quindi evitate di commentare o insultare.

    Grazie in anticipo a chi mi saprà rispondere

    1 rispostaEducazione - Altro6 anni fa
  • Possibile che ai malati psichiatrici, oltre a tutto il resto, serva soprattutto amore?

    Non voglio risposte scontate condite da banalità...

    Possibile che l'affettività giochi un ruolo determinante nella cura o precauzione di disturbi psichici o psichiatrici?

    1 rispostaSalute mentale6 anni fa
  • Ho google chrome lentissimo, ci mette 10 minuti ad avviarsi dopo che gli ho dato l'ordine?

    ci mette dieci minuti d'orologio contati. gli ho fatto però salvare molto in termini di pagine preferite, insomma ho premuto molte volte la stellina d'oro. in più ci avevo messo su diverse applicazioni, ad esempio add block, incognito ed altre ancora.

    come posso risolvere il problema oltre ad un ripristino del sistema o ad una disinstallazione?

    mi hanno consigliato di pulire il tutto usando ccleaner. l'ho fatto, ho scaricato il programma e ho dato una pulizia a tutto ma non è servito.

    grazie mille

    4 risposteComputer - Altro7 anni fa
  • problema con google chrome dopo che gli chiedo l'avvio ci mette 10 minuti per aprirsi?

    10 minuti di orologio contati

    che posso fare?

    ho windows 8

    1 rispostaGoogle7 anni fa
  • gli statunitensi che rapporto hanno col proprio lavoro e come vivono la vita?

    qui in Italia il proprio lavoro è visto come una cosa senza la quale non si può vivere, come in effetti è ovunque, su questo non ci piove: niente lavoro niente soldi. però si tende ad adorarlo e a dire "fa schifo ma c'è", a prescindere che piaccia o meno il lavoro che hai tra le mani è quello che ti tieni che ti faccia schifo o no. in Italia mi pare che ci sia la tendenza a riempirsi la pancia e a non curarsi di COME effettivamente si vive, se bene o male. l'importante è andare al lavoro produrre, ricevere e mangiare, senza curarsi troppo di sé stessi in rapporto al proprio lavoro e alla vita in generale. In america, da quel che ho letto e sentito dire, mi pare che si segua di più il cuore, ciò che piace e qui in Italia invece si vive di ciò che si trova e si ha il paraocchi in merito a vie alternative...insomma il figlio nasce da un padre di una categoria X e dunque il figlio finirà per essere X come il padre.

    Un esempio a sostegno di queste mie poche righe, che non vogliono essere esaustive, penso si possa trovare nel fatto che negli USA si possa vivere facilmente d'arte e della grande rilevanza che danno alla cultura in generale.

    Fonti:

    ho avuto a che fare con degli americani, ho letto da internet e da manuali di psicologia...

    vi lascio due link dai quali, nel sito, potrete esplorare e trovare molto

    http://www.voglioviverecosi.com/index.php?italiani...

    http://www.voglioviverecosi.com/index.php?italiani...

    3 risposteSocietà e culture - Altro7 anni fa
  • Cosa ne pensate? leggete sotto!?

    Guardate il video! poi ditemi! ;) spero vi piaccia, è il frutto di un pomeriggio di lavoro!

    http://www.youtube.com/watch?v=f-jHxkkfOFY

    Youtube thumbnail

    2 risposteAnimazione e fumetti7 anni fa
  • Perché nessuno mette più la canottiera anche se fa freddo? Perché non si usano più i fazzoletti di stoffa?

    Estate e primavera a parte, nei mesi autunnali ed invernali io uso mettere la canottiera per proteggermi dal freddo che patisco particolarmente. Indossare la canottiera mi pare una garanzia per evitare raffreddori, febbre, freddo alla pancia e malanni vari. Confrontandomi però con la maggior parte dei miei amici e coetanei noto che nessuno di essi la indossa, e anzi quando capita l'argomento spesso vengo visto in maniera strana o preso un po' in giro per questo fatto. C'è però da dire che loro, che si divertono tanto a prendermi in giro perché porto la canottiera, nei mesi più freddi sono sempre in giro a racimolare fazzoletti qua e là,

    Tra l'altro gli stessi non usano neanche fazzoletti di stoffa considerandoli un oggetto igienico ormai utilizzato solo più dagli anziani! io per un po' li ho usati considerandoli migliori di quelli di carta, ma ormai ho ceduto e mi sono convertito (trovando quelli di carta anche più salutari). Anche se un fazzoletto di stoffa lo lavi e lo riutilizzi ed in più dura molto di più di un fazzoletto di carta (tra l'altro non inquini riempendo il mondo di fazzoletti di carta sporchi!)

    Ora, non va più di moda indossare la canottiera ma è molto più trendy avere nasi gocciolanti, scorte di fazzoletti cartacei bucati e sporchi nelle tasche e diarrea?

    A me sembrano follie per apparire più "fighi"...

    Cosa ne pensate?

    4 risposteSalute mentale7 anni fa
  • Da battlefield 2 come posso scaricare, prendere forgotten hope 2?

    c'è bisogno del gioco originale su disco?

    1 rispostaVideogiochi7 anni fa
  • Cosa sapete dirmi di origin? è pericoloso? ha fregature?

    Spia le attività del pc una volta installato?

    Rallenta il pc?

    Può dare problemi di qualche tipo?

    Ho un windows 8

    Ditemi tutto quello che sapete, so solo che serve per fare acquisti ma a me serve solo per scaricare gratis battlefield 1942 (so che si può scaricare gratis, l'ho visto da wikipedia)

    Una volta installato se non più desiderato si può disinstallare senza avere problemi?

    Per favore siate seri e se necessario non risparmiatevi i dettagli, purtroppo di queste cose non me ne intendo molto.

    Ho visto un po' di pareri ma sono tutti positivi, nessuna critica, tutti che ne parlano abbastanza bene, tutti che lo usano per acquistare online...

    Grazie!

    2 risposteSicurezza7 anni fa
  • Per piacere qualcuno mi spieghi il significato di "Salò o le 120 giornate di Sodoma"?

    So che è un film di Pier Paolo Pasolini, sono a 40 minuti dall'inizio ma non lo sto capendo e ad essere sincero mi sta solo inquietando...

    qualcuno mi sa dire il significato? ho visto che è diviso in più parti ma il succo alla fine, all'apparenza, rimane lo stesso: un panorama dove vengono mostrate perversioni e nevrosi di stampo sessuale. Mi sembra un film maniacale, sicuramente non fine a sé stesso ma il cui significato non è di certo alla portata di tutti, o almeno non è cosa medio/facile raggiungere.

    Grazie

    Ciao

    1 rispostaCinema7 anni fa
  • AIUTOOO! Come faccio a rintracciare delle persone con cui ho totalmente perso i rapporti?

    Parlo di amiche che abitano in un'altra città, precisamente a Mantova.

    Non hanno più facebook ed ho perso i loro numeri di telefono, sono sorelle e ne so sia nome che cognome di entrambe.

    Mi farebbe piacere entrare nuovamente in contatto con loro perché è da un po' di anni che non le sento e vorrei sapere che fine abbiano fatto..

    Come posso rintracciarle considerando che non posso muovermi fino a Mantova?

    Grazie!

    Gli unici dati che so sono nome e cognome, non so il nome di scuole ne il nome dei genitori...so solo che il padre è medico e queste due ragazze sono sorelle.

    Grazie ancora!

    2 risposteAmici7 anni fa
  • Perché i teatri sono vuoti o comunque molto poco frequentati?

    Pochissimi ormai ci vanno con frequente regolarità...

    Perché? perché questa povertà culturale?

    3 risposteTeatro7 anni fa
  • Perché in Italia lavorare come artista è praticamente impossibile quando invece all'estero è normale?

    All'estero lavorare come artista è normale, lo fanno in molti e non vi sono difficoltà. L'artista all'estero va al lavoro alle 8 ed esce alle 17 come tutti ed ha famiglia come tutti. Hanno i problemi come tutti e soddisfazioni come tutti. Perché qui in italia no? perché c'è lo stereotipo dell'artista come lavoro "raro e famoso e se non così chi lo fa è povero e tormentato"?

    Io vado all'univeristà ma proprio non mi ci trovo. Suono anche il basso, faccio recitazione e lo speaker in una web radio e vorrei svilupparmi in questi campi creativi perché, lo sto provando ora sulla mia pelle, in un ambito serioso e accademico come quello universitario proprio non mi ci trovo, ma al contrario in situazioni creative e fantasiose come quelle sul palco o dietro le quinte mi sento a mio agio e sto davvero bene e a detti di molti non me la cavo neanche tanto male.

    Cosa dovrei fare per svilupparmi in questo campo in maniera serena senza essere disturbato o mal giudicato? se provo a parlarne tutti mi guardano male e mi danno del ragazzino, ma semplicemente è ciò che sono e se provo a dire che all'estero è una cosa normale gli altri non voglio ne sentire e neanche ascoltare, sono fossilizzati nella loro realtà, eppure all'estero è un lavoro normale!

    cosa posso fare? emigrare? per andare dove? so che è una strada in salita però è ciò che sono ed è quello in cui mi sento completamente a mio agio anche se forse non sarò il migliore.

    (faccio teatro da 3 anni ed ora sono al primo anno di un corso avanzato)

    prima di rispondere e di mettere in discussione quello che ho detto leggete qui: http://www.ilfattoquotidiano.it/2012/10/30/belgio-...

    ne approfitto per farmi pubblicità: https://www.youtube.com/watch?v=_vPm3iyBijc

    Youtube thumbnail

    e se dovete commentare fatelo qui

    (sono la camicia verde/marroncino)

    Scritto e non riletto

    1 rispostaArte e cultura - Altro8 anni fa
  • La poesia necessità per forza di rime?

    Scrivere una poesia comporta per forza che al suo interno vi siano delle rime? intendo i componimenti in versi. in più la metrica deve essere sempre rispettata? ci sono varie correnti di pensiero a riguardo?

    grazie a tutti ciao

    3 rispostePoesia8 anni fa
  • Tra qualche tempo credo che mi prenderò un criceto oppure un chinchillà, MA...?

    Mi chiedo fondamentalmente una cosa:

    Sono animali che nel bene o nel male passeranno gran parte del loro tempo in una gabbia.

    Io ora mi chiedo: quanto è giusto mettere in prigionia degli animali? Infondo starebbero fuori dalle sbarre solo se sorvegliati e non sarebbero mai veramente liberi, nel loro habitat naturale, perché starebbero sempre in quattro mura di una casa umana. Mi sento presuntuoso a volere un animale di questo tipo...

    Mi chiedo allora quanto io ne abbia veramente bisogno e quanto soprattutto loro possano avere bisogno di un umano che li "imprigioni".

    Infondo li teniamo per nostro piacere, anche se magari li trattiamo bene, però quanto facciamo bene a loro tenendoli chiusi in una gabbia o comunque liberi nelle mura di una casa? Non soffrirebbero?

    Per esempio: a casa dopo un'intera giornata fuori e solo allora potrò aprire la gabbia e lasciarlo "libero" in casa...non credo sia giusto nei suoi confronti, comunque lo si imprigionerebbe e lo si toglierebbe dal mondo...

    Questi animali non soffrono stando in una gabbia?

    Hanno bisogno di noi, del nostro affetto e delle nostre cure? li colgono come tali oppure soffrono comunque?

    Non sarebbe meglio tornare a lasciarli liberi nel proprio ambiente, sia questo sud america come nel caso dei cincillà oppure asia come nel caso dei criceti?

    Prendere un animaletto di questo tipo un giorno mi gratificherebbe e mi piace l'idea di fare del bene a qualcuno...ma se al contrario dovessi far soffrire un essere vivente tenendolo rinchiuso...non mi sembrerebbe giusto, anche se la sua stirpe fosse in gabbia da generazioni, non mi sembrerebbe giusto comunque. Poi se vado in un negozio di animali noto spesso che i roditori in generale cercano di fuggire dalla gabbia aggrappandosi o provando a mettere la testa fuori...

    Hanno bisogno di noi?

    Patiscono la gabbia?

    Aiutatemi a capire un po'...

    (evitate risposte del tipo "tanto se non lo prendi tu lo prende qualcun altro e starebbe lo stesso in una casa" "sì ma se lo prendi tu finisce in mani migliori" o "vanno presi e tenuti sennò ci fanno le pellicce!" , non ha senso, comunque se è qualcosa di male non mi va di contribuire al giro della prigionia e per le pellicce basta evitare che vengano uccisi, lasciandoli comunque in libertà!)

    5 risposteRoditori8 anni fa