Lv 43.146 points

Lupo Fabio XIV

Risposte preferite27%
Risposte513
  • Mi spieghereste in breve il funzionamento del Patto di stabilità interno, quello relativo agli enti locali,,,?

    Vorrei capire in particolare il meccanismo che "blocca" la spesa dei comuni che hanno tuttavia soldi in cassa da poter spendere.

    Chi risponderà facendo copia-incolla da Wikipedia spero passi un 2014 triste.

    1 rispostaPolitica e governo - Altro7 anni fa
  • Dubbi su come effettuare un pagamento da un conto corrente bancario a un conto corrente postale,,,?

    Il dubbio è questo: per accreditare una somma sul conto corrente postale del destinatario, ho bisogno necessariamente del suo IBAN o basta il suo numero di CCP?

    2 risposteAffari e finanza - Altro8 anni fa
  • Fondo salva stati: il trasferimento di soldi nel fondo peserà sui bilanci statali o no,,,?

    Secondo l'accordo del vertice europeo dell'altra notte, i soldi che i paesi europei metteranno nel Fondo salva stati andranno ad incidere nel rapporto deficit/Pil (che non deve superare lo 0,5% secondo quanto previsto dal Fiscal Compact) o no? E in ogni cosa, cosa pensate di un meccanismo che fa coincidere salvati e salvatori?

    2 rispostePolitica e governo - Altro9 anni fa
  • Mancano 17 giorni alla Mezza maratona Roma-Ostia, come e quanto allenarsi,,,?

    Non vorrei arrivare coi muscoli affaticati al fatidico giorno, il 26 febbraio. Visto che è la mia prima gara su tale distanza ( di solito faccio quelle provinciali della Uisp, di 13 o 15 km) non so come comportarmi in queste 2 settimane, quanto allenarmi, se fare fondo rispetto alle ripetute o viceversa.

    Cosa mi consigliate?

    2 risposteCorsa9 anni fa
  • Cosa dice Standard&Poor's sul debito pubblico, sui leader europei e sul pareggio di bilancio,,,?

    S&P ha declassato mezza Europa tra cui l'Italia e la Francia. Viviamo in un Mondo, ma in particolare in un'Europa che ha dato tanto, troppo potere agli attori del mercato e alle sue anarchiche leggi, negando decenni di identità politica e sociale europea basata su principi più umani e civili.

    Ma ormai, visto che si deve dar retta ai sacerdoti del mercato sorgono spontanee delle domande: ma i nostri leader, servi del mercato e dell'ideologia neoliberista, sono criminali, tonti o cos'altro? No perché le critiche alle misure di austerità concepite come soluzione della crisi vengono ormai da tutto il mondo finanziario, da analisti della Goldman Sachs, dai premi nobel dell'economia, dal Financial Times e addirittura da Standard & Poor's, che ieri ha scritto: < Le riunioni dei leader della UE si concentrano sui temi sbagliati. L’adozione di pacchetti di austerità per ridurre i deficit non identificano i rischi reali. Infatti durante i primi 10 anni dell’Euro la Germania aveva uno dei deficit più alti in assoluto, mentre la Spagna aveva pareggio di bilancio>.

    Rincariamo la dose, ecco le parole di uno dei massimi padroni del mercato, Charles Dallara, speculatore finanziario capo dei creditori privati della Grecia. Lui dice che: "Temiamo la loro impossibilità di onorare il debito denominato in una moneta straniera, cioè l’Euro, non il debito in sé!".

    Persino Monti, neoclassico che crede nel rigore e nella stretta fiscale, che lui chiama "stabilità", ha criticato la Merkel facendole presente che gli italiani non saranno disposti a fare altri sacrifici se non ci sarà un aiuto da parte dell'Europa (cioè dalla Merkel) e se non si prospettano dei benefici. E l'austerità non potrà mai portare benefici all'economia, perché crea solo recessione, non c'è via d'uscita, scusatemi davvero,ma solo un dèmente può pensare che l'austerità serva a migliorare l'economia.

    Ora, se tutto il mondo economico e finanziario fosse concorde nel reputare salvifica l'austerity allora ok, io sarei comunque in totale disaccordo ma almeno non potrei accusare Merkel, Sarkozy, Draghi e Monti di essere miopi/criminali/ipocriti/tonti (uno dei 4 aggettivi), avrei tutto il mondo contro di me (e sarei in un angolo con i keynesiani e i liberisti più mentalmente sani) ma se praticamente tutti stanno dicendo che la Bce deve intervenire massicciamente e che la morsa dell'austerity fa solo danni, il dubbio è legittimo, e mi chiedo: ma i nostri leader europei quale tra i 4 aggettivi si meritano?

    Se pure S&P arriva a dire che il pareggio di bilancio è inutile, che l'austerità fa danni e che i rischi reali sono altri, di che diamine si parla quando si identifica nel pareggio dei conti (come se lo Stato fosse un'azienda,,) e nel rigore la salvezza europea? Ma non vedono come si è ridotta la Grecia a tassare, svendere e tagliare a man bassa?

    1 rispostaPolitica e governo - Altro9 anni fa
  • Qual è il candidato repubblicano più pericoloso,,,?

    Tra i candidati repubblicani c'è gente parecchio pericolosa, si va dagli imperialisti violenti e bellicisti ai non bellicisti che predicano l'individualismo più sfrenato e a-sociale, per arrivare poi ai fondamentalisti destrorsi del Tea Party.

    Ma in particolare mi preoccupa Mitt Romney, che definisce Obama "socialista" (ma dove!?), che lo accusa di voler implementare il welfare negli Usa invece che basarsi sui principi del libero mercato e dell'intrapendenza individuale, e che parla in maniera molto chiara e netta del ruolo internazionale degli States, cioè vuole che si implementino le spese militari così da far cagàr sotto tutte le altre nazioni, mentre Obama avrebbe tagliato troppe spese belliche e cercato un'<assurda> conciliazione con gli altri paesi. È proprio l'ultimo punto quello che mi preoccupa, ha parlato esplicitamente dell'Imperialismo americano, che dovrebbe intimorire tutto e tutti, far tornare gli Usa ai loro tempi d'oro e sottomettere tutto il mondo ad essi.

    Gli altri candidati sono Ron Paul, che è per il ritiro delle truppe americane da ogni fronte, per la riduzione delle spese belliche, per la rinuncia all'imperialismo militare, per rapporti normali con Israele, piuttosto che privilegiati e servizievoli, per le libertà civili danneggiate dall'11 settembre 2001. Ma è anche un iper-liberista, vorrebbe che lo Stato si togliesse completamente dalle scatole, che la Fed venga chiusa, che ognuno pensi per se stesso e che le fasce più deboli e povere si arrangino da sole come cani randagi.

    Abbiamo poi Rick Santorum, di orgine italiana, che è un fondamentalista cristiano: è contro l'aborto, contro i matrimoni gay e contro il laicismo. Da una sua intervista: "Quando sentii John Kennedy difendere la separazione Stato-Chiesa mi venne da vomitare". Lui è un filo sionista che appoggia Israele senza se e senza ma.

    Questi sono i 3 candidati principali. Quale sarebbe, secondo voi, il male peggiore se uno di loro dovesse sconfiggere Obama a novembre,,,?

    6 rispostePolitica e governo - Altro9 anni fa
  • Comportamenti da adottare per evitare che il mio cane mi morda,,,?

    Ho un cane non di razza, taglia media, femmina e di 8 mesi. Il problema è che io, a parte 3-4 volte iniziali quando era ancora cucciolo, non lo vedo da mesi, visto che studio lontano da casa. Adesso che son tornato per le vacanze natalizie ho constatato che lei, Biagio (sì, è una cagna e si chiama Biagio), non mi riconosce e non fa altro che ringhiarmi e cercare di mordermi appena mi avvicino. Per adesso i nostri incontri sono stati "limitati", nel senso che l'ho visto solo quando era attaccato con la catena (niente scandali, di solito è libero e scorrazza per la campagna) e sono certo che se fosse stato libero mi avrebbe morso senza rimorsi.

    Con i miei familiari è tranquillissima, coccolosa, scodinzolante. Io rischio i punti di sutura.

    Come comportarmi per far valere il detto "il cane è il migliore amico dell'uomo" ?

    8 risposteCani9 anni fa
  • 23 miliardi di € al FMI che poi potrebbe prestarceli per salvarci. Eh!?

    http://archiviostorico.corriere.it/2011/dicembre/2...

    L'Italia contribuirà con 23,48 miliardi di euro all'ampliamento delle "casse" del Fondo Monetario Internazionale, il quale riceverà un finanziamento totale di 150 miliardi che dovrà usare, in seguito, per "salvare" i paesi dell'eurozona colpiti dalla crisi del debito.

    Dopo la farsa dell'Efsf adesso questa del Fmi che, come si sa, concede prestiti solo e solo se il paese ricevente attua determinate politiche economiche e fiscali: taglio drastico della spesa pubblica, taglio di sovvenzioni statali, licenziamenti di massa nel settore pubblico, austerità fiscale, privatizzazioni. Inoltre lo stato puntato dal Fmi quei prestiti dovrà anche restituirli, più gli interessi, in una situazione di recessione economica (perché le misure del Fmi a quella portano, sviluppo un corno). In poche parole dobbiamo sborsare 23,48 miliardi per darli da una combriccola di strozzini che poi ce li presteranno a patto che noi facciamo ciò che essi ci diranno di fare.

    Intanto una soluzione ovvia e tecnicamente semplicissima, quanto banale, viene costantemente ignorata, anzi, rifiutata: la Bce garante in maniera illimitata dei debiti pubblici europei. Compratrice di ultima istanza dei titoli pubblici. Può farlo, può stampare tutti gli euro che vuole e, vista la situazione, l'inflazione monetaria sarebbe l'ultima cosa che potrebbe arrivare, ora come ora è impossibile che arrivi, letteralmente impossibile. Ma Mario Draghi dice di no, la Bce deve continuare ad essere anomala, e le misure di austerità vanno implementate perché fin ora hanno prodotto solo recessione “...perché non sono state abbastanza recessive, e non abbastanza generalizzate" (http://www.ilfattoquotidiano.it/2011/12/19/linterv... ).

    Siamo nelle mani (luride) di monetaristi e neoliberisti senza scrupoli né morale. La vedete una luce in fondo al tunnel? E se sì, la vedremo da vivi o da morti?

    5 rispostePolitica e governo - Altro9 anni fa
  • Secondo voi la teoria economica neoclassica nacque per interpretare la realtà o per imporre una falsa visione?

    Il punto più importante di "innovazione" della teoria neoclassica è la determinazione del livello dei redditi, cioè di salari, profitti e rendite. Per i Classici, per Marx e i Socialisti ricardiani non c'era alcuna legge economica a stabilire quale fosse il livello ideale di salario. Marx aveva fondato la teoria del pluslavoro e del plusvalore partendo proprio da ciò, anzi, partendo dallo stesso David Ricardo, il più grande economista borghese, che pensava che il livello dei salari venisse deciso in maniera tale da garantire una vita dignitosa e la riproduzione dei salariati, ma nulla vietava che guadagnassero di più e si appropriassero di fette più ampie del prodotto sociale.

    Io credo che la teoria neoclassica, che parla del salario d'equilibrio fissato dall'incontro di domanda e offerta di lavoro, non sia nata per interpretare la realtà economica, ma per imporre ideologicamente una visione slegata dalla realtà e avversa alle classi lavoratrici. Credo che quella neoclassica sia stata una teoria creata ad hoc per la rivalsa della classe capitalista, e non si deve essere marxisti per dirlo, basta essere classici o keynesiani.

    Gli ultimi decenni hanno visto la riesumazione di queste teorie e la loro svolta fondamentalista: è nato il Neoliberismo selvaggio.

    Qual è la vostra opinione in merito alla nascita del Neoclassicismo economico,,,?

    3 rispostePolitica e governo - Altro9 anni fa
  • La Bundesbank ha comprato i bund tedeschi invenduti. L'ipocrisia tedesca supera ogni limite,,,?

    A dire No, anzi Nein!, al ruolo centrale della Bce come prestatrice di ultima istanza e garante in maniera illimitata dei debiti pubblici europei è stata essenzialmente la banDa teutonica, con la lady di farro Angela Merkel ad aver fatto sì che la speculazione si abbattesse sui paesi europei (da poco anche sulla Francia) e impoverisse tutti quanti, costretti a inginocchiarsi dinanzi all'imponente mole degli speculatori finanziari. Sarebbe bastata una Bce normale, ovvero compratrice di titoli di stato (seriamente, non comprando qualcosina di tanto in tanto e addirittura diminuendo gli acquisti durante l'attacco all'Italia negli ultimi giorni berlusconiani), per ricacciare indietro la speculazione. La Fed lo fa, e i titoli americani rendono pochissimo, come quelli giapponesi (il Giappone ha un rapporto debito/PIL al 230%). Ma nein, questi acquisti sono stati visti come innaturali ed immorali. "Non è il suo ruolo!" continuano a dirci riferendosi alla banca con sede a Francoforte. Addirittura Jurgen Stark, ex membro dell'esecutivo della Bce, si è dimesso dopo che la banca aveva iniziato timidamente ad acquistare titoli italiani e spagnoli.

    Questi fondamentalisti monetaristi, però, mostrano anche parecchia ipocrisia. Ma visto che l'ipocrisia la mostrano loro nessuno dice nulla, ormai tutti accettano i diktat germanici, si è delegato il potere, dopo che alla Commissione, anche al governo tedesco, che sta facendo fallire tutto.

    Dopo che la Germania è rimasta da sola in un'Europa piena di buche e fossati, adesso anche i suoi bund vengono reputati meno affidabili di prima, e il Tesoro nell'asta del 23 novembre non è riuscito a piazzare il 35% dei bund (2,5 miliardi) ma, udite udite, è intervenuta direttamente la banca centrale tedesca, la Bundesbank! (http://www.investireoggi.it/news/asta-bund-tedesch... Dal punto di vista logico ha fatto benissimo a farlo, è scontato che si debba fare così, lo fanno tutte le bance centrali normali pensate da gente normale. Ma i padri del Trattato di Maastricht non so se chiamarli anormali o delinquenti. Loro hanno scritto espressamente, nell'articolo 21.1 nello statuto della Bce: "Conformemente all'articolo 123 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea, è vietata la concessione di scoperti di conto o qualsiasi altra forma di facilitazione creditizia da parte della BCE o da parte delle banche centrali nazionali, a istituzioni, organi o organismi dell'Unione, alle amministrazioni statali, agli enti regionali, locali o altri enti pubblici, ad altri organismi di settore pubblico o ad imprese pubbliche degli Stati membri, così come l'acquisto diretto presso di essi di titoli di debito da parte della BCE o delle banche centrali nazionali”.

    È un vero scandalo, una cosa gravissima. La Germania viola le regole che essa stessa pretende siano rispettate con rigore dagli altri!

    Ma dove sono i luminari che vengono a narrarci della serietà tedesca e della buffonaggine italiana? Dove sono i giornalisti di primo piano e i politici di sinistra? Si sono venduti tutti l'anima?

    6 rispostePolitica e governo - Altro9 anni fa
  • Perché mai essere "seri e competenti" dovrebbe essere una cosa sempre e comunque positiva,,,?

    Non mi pare che Milton Friedman e i suoi Chicago Boys fossero pagliacci incompetenti, anzi, erano molto preparati e seri, tuttavia le loro teorie, o meglio, la loro ideologia ha portato ad un disastroso trentennio di neoliberismo che ha dato il "meglio" di sé nel Cile di Pinochet, dove alla distruzione fisica dell'opposizione si accompagnò quella economica degli economisti monetaristi, che distrussero un paese e la sua economia.

    Caso ancora più recente, anzi, attuale: la Grecia. Le misure imposte dalla Troika sono arrivate dal fior fiore degli economisti europei, da tecnici del Fmi, della Bce e della Commissione. Gente che non si presta a scandali personali, barzellette sconce o che possa essere sospettata di incompetenza, eppura le loro misure hanno distrutto un paese, lo hanno impoverito, moltiplicato esponenzialmente disoccupati, nuovi poveri, criminalità, distruzione sociale, suicidi.

    Stavo leggendo un'intervista ad una docente dell'Università di Roma Tre, la prof. Antonella Stirati, la quale dice che "È evidente che la competenza è importante. Avere al potere degli incompetenti, di qualsiasi orientamento siano, è sempre dannoso. È chiaro tuttavia che la “competenza” del politico o del tecnico non è una categoria di per sé sufficiente a formulare un giudizio sul suo possibile operato. Per esempio le politiche economiche proposte alla Grecia avevano una giustificazione basata su teorie economiche elaborate da persone di “riconosciuta competenza”. Teorie secondo le quali contraendo la spesa pubblica e riducendo i disavanzi si liberano forze e risorse, sia dal lato della domanda sia dal lato dell’offerta, in grado di risollevare l’economia. Tutto ciò è stato smentito dai fatti. E dal punto di vista della teoria economica eterodossa era ovvio che le cose sarebbero andate così. Per quanto riguarda l’Italia un governo di persone molto competenti che si attenessero rigidamente alle prescrizioni dell'ormai famosa lettera della Bce potrebbe essere molto pericoloso".

    Ora, se il Prof. Monti è della stessa scuola economica dei Signori della Troika, perché mai la sua serietà dovrebbe garantirci l'uscita dalla crisi? O la serità è una qualità che premia sempre e comunque (-_-") ?

    7 rispostePolitica e governo - Altro9 anni fa
  • Teoria quantitativa della moneta. Cosa c'è che non va nella teoria/religione adottata dalla Bce/Ue,,,?

    La teoria quantitativa della moneta, dei monetaristi, afferma che le politiche monetarie espansive provocano solamente inflazione, e non influiscono sulla produzione o sull'occupazione o sui salari. Anzi, il livello di produzione è dato solo dalla parte reale del sistema economico, ovvero dalle curve di domanda e offerta di lavoro e di capitale. Questi due fattori trovano pieno impiego grazie alle leggi economiche di domanda e offerta. Se la BC immette moneta nel sistema non farà altro che aumentare i prezzi, visto che l'allocazione di lavoro e capitale è già decisa da altro, e soprattutto è pienamente impiegata.

    Pur ammettendo per un secondo che ciò sia vero (la formula è Mv=PY, dove M è la moneta circolante, v la velocità delle transazioni, P i prezzi e Y la produzione), non ci si dimentica di una cosina? I tedeschi, che hanno trasmesso a tutti quanti la fobia dell'inflazione e che nel trattato di Maastricht, nel creare la Bce, hanno incastonato i loro timori rendendo la Bce una banca volta al solo compito di tenere a bada l'inflazione, senza renderla capace di finanziare gli stati, e facendo della teoria (TEORIA! Non Legge di gravità!) quantitativa della moneta una verità dogmatica,,, hanno dimenticato una cosa fondamentale: ma l'allocazione del lavoro e del capitale, trovano davvero pieno appagamento? Lasciando da parte il capitale e prendendo in considerazione solo il Lavoro, non ci dimentichiamo della disoccupazione? Non vediamo che la curva di domanda e offerta di lavoro non trovano un punto d'equilibrio e che ci sono milioni di disoccupati involontari?

    Come può mai funzionare il dogma tedesco se non è coerente nemmeno con se stesso? Le politiche espansive, anche seguendo la teoria, non potrebbero mai causare alta inflazione se i fattori della produzione, lavoro e capitale, non sono occupati!

    Questa ottusità tedesca porterà l'Europa allo sfascio.

    2 rispostePolitica e governo - Altro9 anni fa
  • Secondo quale logica bombardare per settimane una città abitata da 80.000 civili equivale a proteggerli,,,?

    Sirte ha resistito strenuamente nelle ultime settimane, difesa da migliaia tra soldati (i pochi rimasti) e volontari civili. La città è stata messa sotto assedio, privata dei rifornimenti tanto da spingere i capi religiosi ad autorizzare l'uccisione di cani e gatti a scopi alimentari. È stata bombardata ed affamata. La conta dei morti rivelerà il tragico bilancio, che comunque non si prospetta molto positivo.

    Ora tutti grideranno alla fine della dittatura, senza pensare alle conquiste sociali (come l'uguaglianza delle donne, la laicità, il sistema di welfare) ed economiche libiche riconosciute chiaramente dall'Onu fino all' inizio del 2011 (non c'era mica la povertà e assenza di diritti del vicino Egitto), agli effetti catastrofici dei bombardamenti che hanno distrutto di tutto (solo obiettivi militari, vero? -_-"), ucciso migliaia di persone. Nessuno penserà alla lotta tribale per il potere (perché questo muoveva i ribelli. Mercenari per il potere tribale.), alla colonizzazione economica attraverso l'appropriazione di cospicui appalti sul petrolio, il gas, attraverso il saccheggio dei fondi sovrani libici e di tutti i loro pacchetti azionari, attraverso la fine del progetto di indipendenza finanziaria panafricana (forse l'obiettivo più temuto). Nessuno pensa alla neocolonizzazione di un paese che era il più progredito dell'Africa. Ma ovviamente i nostri valori politici sacri come la democrazia (nella quale non viviamo, nessuno ci chiede se vogliamo entrare in guerra o se vogliamo entrare nell'euro o se vogliamo politiche di austerity. Cioè nessuno ci chiede il parare su questioni così importanti. E dov'è il potere del popolo?) vanno imposti ad altri paesi con diverse strutture sociali, politiche e culturali come un virus che entra nell'organismo per distruggerlo. Iniettiamo i nostri pseudo-valori contro la volontà dei riceventi, in un pieno attacco di imperialismo culturale. E militare.

    No, io non gioisco per la (non ancora confermata ed inequivocabile) morte di Gheddafi, perché il futuro della Libia sarà tremendo, perché i ribelli sono degli assetati di potere governati da ex ministri libici cacciati per il loro tentativo, passato ed oggi presente, di svendere secondo il dogma del Libero Mercato i beni pubblici libici. Non gioisco perché l'Occidente si è di nuovo imposto su un paese che non seguiva i suoi amorevoli consigli, ha di nuovo orwellianamente portato la pace attraverso la guerra, e scannato e bruciato e ucciso e saccheggiato in maniera chiarissima continuando a ripetere, come fa uno psicopatico disassociato completamente dalla realtà, che lo faceva per proteggere il popolo. Non gioisco perché, pur coi suoi limiti, difetti e distorsioni, il regime libico non era improntato sulla miseria dei molti e la ricchezza dei pochissimi (non che non ci fossero classi, con gente più ricca di altre, con la tribù dei Gheddafi più avvantaggiata di altre, ma non era certo ai livelli di disuguaglianza sociale inglese, italiana o americana). Non gioisco perché l'attacco è stato giustificato da balle mediatiche sparate senza alcuna prova e poi smentite, come la fossa comune, i 10 mila morti, i bombardamenti aerei su Tripoli e Bengasi, gli stupri di massa.

    Non gioisco perché ho una morale. Non gioisco perché in nome della caccia a Gheddafi, tutti quanti hanno giustificato, o peggio, ignorato il massacro di migliaia di civili, come è successo a Sirte.

    Ma voi fate pure, gioite. Gioiamo tutti quanti, e alla prossima manovra da 80 miliardi di euro gridiamo tutti in coro: "evviva la nostra democrazia, evviva il nostro potere decisionale!".

    3 rispostePolitica e governo - Altro9 anni fa
  • Rondolino e il ministro Sacconi hanno parlato di ex 68ini arrivati ai vertici del Potere,,,?

    Mi spiego meglio: il giornalista e autore televisivo Fabrizio Rondolino, e il ministro del Lavoro e welfare Sacconi, in seguito alla manifestazione di Roma, hanno accennato a militanti sessantottini che lottavano contro il sistema capitalista, consumista, autoritario e che in seguito, da adulti, sono entrati nelle stanze dei bottoni, ovvero nelle stanze del potere, dalla politica alla finanza.

    Volendo fare nomi e cognomi, chi rientra in questa categoria,,,?

    8 rispostePolitica e governo - Altro9 anni fa
  • Quando viene quantificata l'economia Usa viene preso in considerazione il PIL o il PNL?

    Il Prodotto Nazionale Lordo è un indicatore usato dagli statunitensi, e comprende non solo la produzione interna ma anche quella estera delle multinazionali americane, cosa che non avviene quando l'Istat calcola il Pil italiano, quindi se la Fiat produce il valore X con i suoi stabilimenti in Brasile e in Polonia, X rientrerà nei Pil brasiliano e polacco, non in quello italiano.

    La mia non è una domanda polemica (non 'sta volta), ma reale, cioè ho davvero la curiosità di sapere se l'economia statunitense viene quantificata col Pil o col Pnl.

    2 rispostePolitica e governo - Altro9 anni fa