Lv 611.589 points

Antonio d

Risposte preferite37%
Risposte1.534
Domande88

. . TORNATO ANZITEMPO DAGLI EMIRATI ARABI. MA SENZA PIÙ VOGLIA DI RICOMINCIARE. CIAO A TUTTI ! .

  • Anche secondo voi la riconversione di Termini Imerese è una scelta incomprensibile e priva di senso ?

    Marchionne (Amm.Del. di FIAT) ha annunciato tale piano a partire dal 2012, ma la scelta non convince Epifani (CGIL):

    "È incomprensibile quanto detto da Marchionne sullo stabilimento di Termini Imerese. Se dipende dalla domanda di auto, prima vediamo come va la domanda. Così la trovo una decisione contraddittoria rispetto a quanto fatto e detto da FIAT fino a qualche giorno fa. Una scelta, anche dal punto di vista del tempo e del metodo, priva di senso".

    Se Epifani permette, gliela spiego io.

    L'Italia è il paese più automobilizzato AL MONDO !! Circa 33 milioni di autoveicoli su 55 milioni di abitanti, un rapporto che non ha eguali in tutto il resto del pianeta. Lo stesso dicasi per l'incidenza che il mercato dell'auto aveva sul nostro PIL, fino a prima che iniziasse la crisi : il 14% .

    Un bel giorno la domanda di nuove auto è colata a picco. Ma che strano !? Sembrava una cosa così normale cambiare un'auto ogni 5 anni. Era così semplice indebitarsi a vita per regalare un'auto al figlio che compie 18 anni. Farsi derubare dalle assicurazioni sembrava non essere un problema quasi per nessuno.

    Marchionne, secondo me, ha fatto una scelta giustissima nel capire in tempo che anche gli italiani stanno cambiando cultura, "aiutati" dalla crisi. E ha deciso che è meglio iniziare a pensare che si possa convertire uno stabilimento perché produca qualcos'altro. Ed è anche interesse di quelli che ci lavorano che la loro azienda si evolva per affrontare i cambiamenti delle domande del mercato (o preferiscono fallire e campare di cassa integrazione ?).

    E i sindacati che fanno ? Spingono gli operai a protestare perché lo stabilimento continui a produrre auto che resteranno quasi tutte invendute !!

    Ragazzi, ditemi un po' la vostra.

    Vogliamo ridurre i gas serra o vogliamo continuare a tenere in vita un sistema così marcio che non sta in piedi se tutti noi non compriamo auto in continuazione ? Vogliamo ridurre gli 8000 morti l'anno sulle nostre strade o la priorità è quella di mantenere in vita uno stabilimento destinato ad andare in perdita ? Con operai che, se non saranno riqualificati e destinati ad altra produzione, perderanno il lavoro e costeranno anche un po' di cassa integrazione pagata coi soldi nostri ? Vogliamo ridurre i morti per le polveri sottili (altri 8000 l'anno) e incentivare il car-sharing, il trasporto coi mezzi pubblici e altre valide iniziative che nel resto d'Europa sono in piena esecuzione ? O vogliamo continuare in questo circolo vizioso tra prediche a non inquinare e inviti ad acquistare auto "per far girare la nostra economia" ??

    .

    7 rispostePolitica e governo - Altro1 decennio fa
  • Anche secondo voi la riconversione di Termini Imerese è una scelta incomprensibile e priva di senso ?

    Marchionne (Amm.Del. di FIAT) ha annunciato tale piano a partire dal 2012, ma la scelta non convince Epifani (CGIL):

    "È incomprensibile quanto detto da Marchionne sullo stabilimento di Termini Imerese. Se dipende dalla domanda di auto, prima vediamo come va la domanda. Così la trovo una decisione contraddittoria rispetto a quanto fatto e detto da FIAT fino a qualche giorno fa. Una scelta, anche dal punto di vista del tempo e del metodo, priva di senso".

    Se Epifani permette, gliela spiego io.

    L'Italia è il paese più automobilizzato AL MONDO !! Circa 33 milioni di autoveicoli su 55 milioni di abitanti, un rapporto che non ha eguali in tutto il resto del pianeta. Lo stesso dicasi per l'incidenza che il mercato dell'auto aveva sul nostro PIL, fino a prima che iniziasse la crisi : il 14% .

    Un bel giorno la domanda di nuove auto è colata a picco. Ma che strano !? Sembrava una cosa così normale cambiare un'auto ogni 5 anni. Era così semplice indebitarsi a vita per regalare un'auto al figlio che compie 18 anni. Farsi derubare dalle assicurazioni sembrava non essere un problema quasi per nessuno.

    Marchionne, secondo me, ha fatto una scelta giustissima nel capire in tempo che anche gli italiani stanno cambiando cultura, "aiutati" dalla crisi. E ha deciso che è meglio iniziare a pensare che si possa convertire uno stabilimento perché produca qualcos'altro. Ed è anche interesse di quelli che ci lavorano che la loro azienda si evolva per affrontare i cambiamenti delle domande del mercato (o preferiscono fallire e campare di cassa integrazione ?).

    E i sindacati che fanno ? Spingono gli operai a protestare perché lo stabilimento continui a produrre auto che resteranno quasi tutte invendute !!

    Ragazzi, ditemi un po' la vostra.

    Vogliamo ridurre i gas serra o vogliamo continuare a tenere in vita un sistema così marcio che non sta in piedi se tutti noi non compriamo auto in continuazione ? Vogliamo ridurre gli 8000 morti l'anno sulle nostre strade o la priorità è quella di mantenere in vita uno stabilimento destinato ad andare in perdita ? Con operai che, se non saranno riqualificati e destinati ad altra produzione, perderanno il lavoro e costeranno anche un po' di cassa integrazione pagata coi soldi nostri ? Vogliamo ridurre i morti per le polveri sottili (altri 8000 l'anno) e incentivare il car-sharing, il trasporto coi mezzi pubblici e altre valide iniziative che nel resto d'Europa sono in piena esecuzione ? O vogliamo continuare in questo circolo vizioso tra prediche a non inquinare e inviti ad acquistare auto "per far girare la nostra economia" ??

    .

    1 rispostaEconomia1 decennio fa
  • "Spia dorsale" ? Mica tanto, un errore di stampa !!?

    Latorre (PD) dice che al PD occorre una SPIA dorsale !!

    http://it.notizie.yahoo.com/19/20090608/tpl-europe...

    Ma dai, sarà sicuramente un errore di stampa di Yahoo!-Notizie.

    Perché, se così non fosse, Latorre non dovrebbe faticare molto per cercare UNA SPIA nel dorso del suo partito : GLI BASTEREBBE GUARDARSI ALLO SPECCHIO !!!!

    Stelline e risate !!!

    .

    1 rispostaPolitici1 decennio fa
  • Acerra. E vi pareva che non facèvano le cose all'italiana ?

    Termovalorizzatore di Acerra, già sforata per 15 giorni soglia pm10 !!

    (Fonte : Reuters)

    Le emissioni di polveri sottili prodotte dal termovalorizzatore di Acerra, nel Napoletano, hanno superato la soglia consentita dalla legge, finora, per 15 giorni dall'inizio dell'attività dell'impianto, inaugurato lo scorso 26 marzo.

    È quanto emerge dai dati rilevati e validati lo scorso 23 maggio dall'Arpac, l'Agenzia regionale per la protezione ambientale della Campania, e diffusi sul proprio sito Web.

    In materia, la legge consente sforamenti di 50 µg/m³ di polveri sottili, le cosiddette PM10, per 35 volte nell'arco di un anno.

    Il problema dell'inquinamento (atmosferico e non) è stato all'origine di moltissime manifestazioni di protesta organizzate dagli abitanti della zona che, preoccupati per la loro salute, si sono opposti duramente alla costruzione dell'impianto, destinato a produrre energia dalla combustione dei rifiuti.

    L'avvio dell'impianto - gestito dall'ex municipalizzata di Brescia e Milano A2A - è stato considerato una delle condizioni per porre fine all'emergenza rifiuti che ha messo in ginocchio Napoli e dintorni alla fine del 2007.

    Il termovalorizzatore - che assorbe 2.000 tonnellate di rifiuti al giorno - non è ancora completamente a regime.

    - - - - - - - - - - - - -

    Credetemi : è con molta amarezza che leggo questa notizia. Perché io NON SONO un cieco seguace di Grillo che ha le convulsioni quando sente parlare di inceneritori o termovalorizzatori. Essi sono una tecnologia che NON ABBIAMO inventato noi in Italia e che in altre parti del mondo viene utilizzata con criterio e moderazione : pochi ma ben alimentati.

    Ce n'è addirittura uno in pieno centro di Barcellona. Nessun cittadino spagnolo (né zapateriano né aznariano) levò un grido di protesta al momento della sua costruzione e oggi esso funziona perfettamente, è costantemente monitorato e non sfora quasi mai nessuna soglia limite.

    Ovviamente è tenuta sotto controllo anche la tipologia di rifiuti con cui esso è alimentato. E fornisce energia elettrica ad un intero centro comerciale ad esso adiacente e avanza perfino qualche kW per la rete elettrica spagnola.

    Purtroppo, quando si sposta il discorso in zone dove NON si fa la raccolta differenziata, dove è alta l'infiltrazione della camorra e dove si ha la pretesa che tale tecnologia costituisca L'UNICA soluzione all'emergenza rifiuti . . . questi sono i risultati !!

    Già mi immagino i battibecchi tra i Verdi campani che diranno

    "Ait vist, che teneàmm arraggiòne nùie ?"

    e i loro avversari che risponderanno

    "No, nùie aimm vist asulament chell ca vùie ait cumbnaat !!"

    Cosa potrà mai salvare quella regione . . . ?

    .

    7 risposteAmbiente - Altro1 decennio fa
  • Ora ci si mettono anche quei comunistacci del 'Financial Times' . . . ?

    (Fonte : ANSA)

    Berlusconi "non è un fascista", ma rappresenta un "pericolo, in primo luogo per l'Italia, ed un esempio negativo per tutti". Così il Financial Times, in un editoriale, parla del presidente del Consiglio italiano che, sottolinea, "chiaramente non è Mussolini: lui ha squadre di veline, non di camicie nere". Per il quotidiano, "il pericolo rappresentato da Berlusconi è di ordine diverso rispetto a Mussolini. è quello dei media che rendono meno seri i contenuti della politica, sostituendoli con l'intrattenimento. è la spietata demonizzazione dei nemici e il rifiuto di garantire indipendenza alla concorrenza. è quello di mettere una fortuna al servizio della creazione di un'immagine forte, fatta della rivendicazione di infiniti successi surrogati da sostegno popolare". Per il Financial Times, che definisce "La Repubblica" giornale di "centro che tende a sinistra" ed il "più ostinato" nel porre le domande "sulla sua relazione con una teenager che vuole diventare velina", se Berlusconi è così "dominante", la colpa è anche di una "sinistra assente", di istituzioni deboli e spesso politicizzate e di un giornalismo che troppo spesso ha accettato un ruolo subalterno. Ma soprattutto la colpa è di un uomo molto ricco, molto potente e sempre più spietato.

    - - - - - - - - - - - - - -

    Io posso capire che, per i tanti ultra 70enni che lo votano, i giudizi di certa stampa estera, per quanto autorevoli, possono difficilmente essere usati come argomento.

    Ma mi chiedo come possono i suoi elettori più giovani, utenti di internet, RIFIUTARSI di prendere in considerazione certe analisi così ben argomentate e stese da quotidiani ÈSTERI, che NULLA hanno a che spartire con gli avversari ITALIANI di Berlusconi. E che addirittura hanno parole impietose anche per questi ultimi.

    .

    13 rispostePolitici1 decennio fa
  • Sentiteli : adesso sono tutti favorevoli a ridurre il numero dei parlamentari !! Ma sapete che c'è ?

    C'è che, se prima non riprìstinano LA PREFERENZA SULLA SCHEDA, io non ci sto !!!

    Sì, proprio così. Se si dovesse fare la raccolta firme per una proposta di legge di iniziativa popolare in questo senso, IO NON FIRMERÒ !!

    Ma come ? Non mi farebbe piacere che si dimèzzino le spese per i parlamentari ?

    E CHE SI DIMÈZZINO LO STIPENDIO !!

    Pensateci bene: abbiamo un parlamento DI NOMINATI, perché nessuno di noi ha mai scritto di proprio pugno il loro cognome su alcuna scheda. Già in questo stato di cose, è difficile che qualcuno degli eletti levi mai una voce fuori dal coro del suo gruppo parlamentare, diretto dalla rispettiva segreteria di partito.

    Dimezzare i parlamentari, in questo stato di cose, significherebbe DIMEZZARE ANCHE LA (già risicatissima) PROBABILITÀ che un parlamentare faccia mai qualcosa di sgradito al proprio leader di partito.

    Ognuno di noi si ridurrebbe a fare una croce su di un simbolo di partito e vedrà dimezzare anche gli eletti appartenenti alla relativa lista : anziché QUATTRO GATTI scelti dal partito, DUE SOLI GATTI scelti sempre dal partito !

    E pensate anche ad un'altro aspetto. Se ora il Presidente del Consiglio può fare il bello e cattivo tempo, facendosi approvare decreti a suon di richieste di fiducia, è perché gli è sufficiente tenere a bada 316 deputati e 162 senatori (tanto sono tutti nominati da lui).

    Se dovessero riuscire a dimezzare il numero dei parlamentari, il primo ministro avrà gioco ancora più facile perché gli basterà solo scegliere 160 deputati e 81 senatori !!! E saranno ancora minori le possibilità che qualcuno di essi blocchi il governo, nel momento in cui arrivasse alle camere un qualche decreto nefasto per il paese.

    Io vedo queste intenzioni come un ultertiore tentativo di affossare la democrazia. Abbellito solo dalla facciata del dimezzamento delle spese.

    E sarei favorevole ad una riduzione dei parlamentari SOLO DOPO che decidessero di farli scegliere a noi. Perché, finché sono scelti dal partito, io mi sentirò ancora meno rappresentato.

    Ditemi un po', voi come la pensate...

    .

    16 rispostePartecipazione civica1 decennio fa
  • Approvata la class-action, MA SENZA RETROATTIVITÀ . E non solo . . . ?

    Via libera del Senato alla nuova formulazione della class action.

    (Fonte : Reuters)

    L'aula ha approvato anche l'articolo 30-bis del disegno di legge sullo Sviluppo che riscrive la disciplina sulle azioni risarcitorie collettive per come era prevista in origine dalla Finanziaria 2008.

    La class action sarà applicabile "agli illeciti compiuti successivamente all'entrata in vigore" del provvedimento. L'aula ha approvato anche un emendamento presentato dal senatore Alberto Balboni (PdL) che ha cancellato la parziale retroattività da luglio 2008 della class action inserita nella versione originale dell'articolo 30-bis.

    Il provvedimento stabilisce che i diritti individuali dei consumatori sono "tutelabili anche attraverso l'azione di classe". Ciascun componente della classe dovrà però agire per ottenere la condanna al risarcimento.

    Una formulazione contestata con forza dalle associazioni dei consumatori, che ritengono il testo inapplicabile. Il nodo riguarda le possibili conseguenze per i ricorrenti. Dato che le associazioni non possono attivare autonomamente l'azione risarcitoria, se il Tribunale rigetta l'istanza ritenendola inammissibile, i ricorrenti rischiano di vedersi condannati al rimborso delle spese legali.

    Il ddl Sviluppo sarà licenziato dal Senato tra domani e venerdì mattina. Anche se il provvedimento dovrà tornare in terza lettura alla Camera la prossima settimana, sono improbabili nuove modifiche al testo.

    COME FUNZIONA LA CLASS ACTION ALL'ITALIANA

    Il ddl Sviluppo prevede che i consumatori, al momento di aderire alla Class action, debbano depositare la "documentazione probatoria" in tribunale. L'adesione comporta la rinuncia a ogni azione risarcitoria individuale.

    Alla prima udienza il tribunale decide con una ordinanza sull'ammissibilità della domanda. La domanda è dichiarata inammissibile quando è "manifestamente infondata, quando sussiste un conflitto di interessi ovvero quando il giudice non ravvisa l'identità dei diritti individuali tutelabili [...] nonché quando il proponente non appare in grado di curare adeguatamente l'interesse della classe".

    Se ammette la class action, il tribunale fissa "termini e modalità della più opportuna pubblicità, ai fini della tempestiva adesione degli appartenenti alla classe".

    Spetta sempre al giudice fissare un termine perentorio per l'adesione, "non superiore a 120 giorni dalla scadenza di quello per l'esecuzione della pubblicità".

    In caso di pronuncia a favore della richiesta di risarcimento, il tribunale stabilisce il criterio omogeneo di calcolo per la liquidazione delle somme.

    - - - - - - - - - - -

    Tutti gli spacciatori di titoli tossici, arricchiti negli ultimi anni, ringraziano caldamente il senatore Balboni !

    Qualcuno è in grado di spiegare che vuol dire che

    "le associazioni non possono attivare autonomamente l'azione risarcitoria" ?

    Grazie.

    .

    7 risposteLegge ed etica1 decennio fa
  • Incredibile : già nel 1985 Vasco Rossi cantava . . . ?

    "T'immagini la fregatura che han preso

    quelli che son partiti

    tutti di corsa, tutti quanti per il Messico"

    Ma a che si riferiva ?

    Cos'era successo in quegli anni in Messico, che aveva fatto rimanere fregati (come oggi!!!) tutti quelli che vi si erano recati ?

    Ovviamente, il buon Vasco non s'è lasciato sfuggire l'occasione di cantare questa canzone nel concertone di ieri a Roma !

    Magari era solo una frase buttata lì... (dal momento che "Messico" è parola sdrucciola come "dollaro", "secolo" e tutte le altre parole di fine strofa della stessa canzone).

    Chi gliel'avrebbe detto a Vasco che, 24 anni dopo, sarebbero arrivate davvero una "fregatura dal Messico" e una "crisi del secolo" (anch'essa menzionata nella stessa canzone) ?!?

    .

    4 risposteStoria1 decennio fa
  • Is this music a sound track ? If yes, what film ?

    .

    www.youtube.com/watch?v=cO37UX-r2bo&feature=channel_page

    Thanks

    .

    5 risposteMovies1 decennio fa
  • Una volta tanto che Ferrero stava facendo un discorso "serio e solidale"...?

    Mi riferisco alla puntata di AnnoZero di ieri sera.

    Io non sono elettore di Rifondazione, ma ho condiviso ogni singola parola pronunciata da Ferrero in tutto il corso della trasmissione (e, per quanto mi secchi ammetterlo, ho condiviso anche il 5% di quello che ha detto Castelli. Ma lasciamo stare.).

    Tutti gli stabilimenti tessili della provincia di Prato stanno chiudendo. O almeno... chiudono quelli REgolari. Quelli cinesi (IRRegolari), purtroppo, fanno ancora affari alla grande !

    E per due ore, Ferrero e Castelli hanno dibattuto nell'individuare cause e possibili soluzioni ad una rogna NELLA ROGNA, che è il prosperare del lavoro nero in mezzo ad un lavoro REgolare ormai in crisi.

    A pochi minuti dal termine, uno degli operai pratesi ha preso la parola e ha posto in modo secco la domanda:

    "Noi stiamo senza lavoro e senza stipendio, ma per fortuna fra qualche mese avremo la Cassa-Integrazione. Fra qualche mese chiuderanno altre imprese e altri lavoratori ancora meno fortunati di noi si ritroveranno senza lavoro e senza Cassa-Integrazione. Se non arrivano finanziamenti per nuovi ammortizzatori sociali e per tenere in piedi gli stabilimenti, morirà tutta l'industria tessile pratese. Volete prendervi questa responsabilità ?"

    Ferrero ha risposto, anzi STAVA rispondendo:

    "I soldi per nuove Casse-integrazioni si possono trovare.

    5 miliardi possono essere presi dai mancati pagamenti del condono 2002/2003 : quasi tutti i richiedenti condono pagarono solo la prima rata..."

    Ma l'operaio qui lo ha interrotto:

    "A noi 'n sce ne frega gnente !! Vogliamo finanziamenti pe' non fa chiude gli stabilimenti a Pratho !!"

    "Ha ragione. E io sto rispondendo alla domanda 'dove troviamo i soldi per le Casse-integrazioni da destinare a chi perde il lavoro'."

    "Non sce ne frega gnente !! Vogliamo finanziamenti pe' non fa chiude gli stabilimenti di Pratho !!"

    "HO CAPITO ! Devo pur rispondere alla domanda su dove trovare i finanziamenti !!!"

    Poi ha preso la parola un altro operaio ancora e ha ribadito:

    "A Prato servono soldi !" E poi si è messo ad urlare "Qui dal 2001 'un s'è mai vista una lira !"

    E altre invettive sugli aiuti dati ad altri settori.

    E l'intervento di Ferrero è morto lì.

    Ora... io posso capire che la fame renda aggressivi, ma penso che gli operai tessili del pratese devono anche rendersi conto che la crisi non c'è solo a Prato ma in tutto il mondo ! E dall'Italia devono venire misure che si devono inserire in un quadro nazionale e generale ; e che àrginino i danni derivanti dalla crisi di OGNI settore industriale (tessile, automobilistico, alimentare, calzaturiero, artigianale...).

    FERRERO L'HA CAPITO !! E ieri sera stava cercando di spiegarlo.

    Ma, a quanto pare, esiste anche UNA FETTA di classe operaia che ha perso completamente la bussola nella ricerca di quelle che possono essere le soluzioni ai mali di TUTTA la classe operaia.

    Voi cosa direste a quell'operaio pratese ?

    .

    15 rispostePolitica e governo - Altro1 decennio fa
  • Assolti tutti e quattro gli imputati del processo per l'omicidio di Anna Politkovskaia. Per forza...?

    ... il vero colpevole non era in aula tra loro, bensì AL CREMLINO !!!

    (ANSA) - MOSCA, 19 FEB - La giuria ha dichiarato innocenti tutti e quattro gli imputati per l'uccisione della giornalista d'opposizione Anna Politkovskaia. I giurati hanno ritenuto non provate le loro responsabilità. Si tratta dell'ex dirigente della polizia Serghei Khadzhikurbanov, accusato di avere organizzato il delitto; dei fratelli ceceni Dzhabrail e Ibragim Makhmudov, presunti 'pedinatori' della donna. Al quarto imputato, l'ex colonnello dei servizi segreti Pavel Riaguzov, erano contestati reati minori.

    Vi prego, una stellina per ricordare la povera Anna e il povero Litvinenko.

    E visto che ci siamo, ricordiamo anche il povero Mino Pecorelli (di cui fra un mese ricorre il 30esimo anniversario dell'uccisione), il povero Mauro De Mauro, Pierpaolo Pasolini e tutti i cronisti scomodi ai governi, uccisi per aver raccontato ai popoli-buoi le verità che, forse, quegli stessi popoli NON volevano sapere sui loro governanti.

    .

    10 rispostePartecipazione civica1 decennio fa
  • Così Savonarola attaccava Lorenzo de' Medici. Cosa vi viene in mente, ascoltandolo ?

    http:// it.youtube.com/watch?v=iS_uUTgsnlA

    (fate copia&incolla ed eliminate, poi, lo spazio tra http:// e it.)

    Almeno . . . (per meglio dire) : queste sono le parole che l'autore Vincenzo Labella ha attribuito a Savonarola, sceneggiando per la Rai il film "La primavera di Michelangelo", nel 1991.

    1991 , eh ? Tempi non sospetti.

    Chi gliel'avrebbe detto a Labella che, pochi anni dopo, le sue parole sarebbero state (quasi) perfettamente adatte per descrivere la situazione italiana ? (E, soprattutto, chi gliel'avrebbe detto a Savonarola ?)

    L'unica differenza è che l'odierno emulatore di Lorenzo il Magnifico CI HA PROVATO, a modificare la Costituzione, rivelandosi quindi meno astuto di lui.

    Ma, per il resto, mi pare che tutto torna perfettamente. Che ne dite ?

    .

    6 rispostePolitici1 decennio fa
  • Se volete far sentire un alito di solidarietà a Carlo Vulpio . . .?

    Carlo Vulpio è un giornalista del "Corriere della Sera", al quale il suo direttore Paolo Mieli ha tolto l’incarico sul caso Catanzaro, che coinvolge (forse stiamo quasi per dire "coinvolGEVA") magistrati, politici, imprenditori e membri del CSM.

    La decisione di Mieli appare incomprensibile, non solo perchè Vulpio con il suo ultimo libro “Roba Nostra” ha dimostrato di conoscere a fondo le vicende delle quali si stava occupando, ma anche perché i recenti sviluppi della sua inchiesta, fondata sugli atti giudiziari, svelano inediti retroscena, ignorati da molti media nazionali.

    http://www.firmiamo.it/siamotutticarlovulpio

    Questa petizione penso che sia stata messa su da una qualche associazione di giornalisti, per chiedere a Mieli di desistere dalla decisione presa e al sindacato "... di vigilare affinchè il loro collega sia tutelato e sia garantita la corretta informazione. Quanto sta accadendo spiega la perdita costante di qualità dell’informazione italiana, motiva la continua perdita di lettori della stampa italiana e rivela la grave minaccia al diritto all’informazione, tutelato dalla Carta Costituzionale."

    Che dire... Io non ho mai creduto all'utilità pratica di queste petizioni on-line. Ma, se si tratta di far sentire un po' di solidarietà a qualcuno che è vittima dei tanti poteri occulti e palesi del paese, non riesco a negare una firma.

    E invito anche voi a non negargliela.

    E, visto che ci siete, vi invito anche a non negare una stellina alla presente.

    Grazie.

    .

    4 risposteGiornalismo e media1 decennio fa
  • Perché, da un po' di tempo, c'è chi si sgola per l'abolizione delle Provincie, ma nessuno parla di abolire...?

    ... le COMUNITÀ MONTANE ???

    Le provincie esistono da oltre un secolo e si occupano (o, per lo meno, DOVREBBERO occuparsi) di gestire i centri per l'impiego, di promuovere arte e cultura, di fare strade provinciali, di partecipare alle discussioni che riguardano le opere pubbliche nell'ambito dei loro territori (per non creare forti squilibri al loro interno), di operazioni di controllo e tutela ambientale nelle zone intermedie fra i vari comuni, di agricoltura, di scuole...

    Insomma hanno precisi compiti, anche se in tempi di crisi nessuno ne "sente" il lavoro e anche se (diciamo la verità) spesso i loro compiti sono disattesi.

    Le Comunità Montane, invece, sono di istituzione molto più recente e, dal momento che il loro mantenimento costa circa IL DÈCUPLO dei soldi che tali enti spendono per i loro rispettivi territori, è molto più palese che la loro utilità è ESCLUSIVAMENTE a beneficio di coloro (consiglieri e impiegati) che ne fanno parte.

    Sappiamo anche dei non pochi casi eclatanti di Comunità Montane che si affacciano SUL MARE.

    E allora, se proprio si deve abolire qualcosa, non sarebbe il caso di iniziare ad abolire PRIMA LE COMUNITÀ MONTANE ?

    E POI, di discutere cosa fare delle Provincie ?

    Io penso che, sull'abolizione delle Comunità Montane, si possa raggiungere una convergenza molto più ampia. Eppure, non sento nessuno che ne parla.

    .

    8 rispostePolitica e governo - Altro1 decennio fa
  • Secondo voi, sono io che non vedo al di là del mio naso o è Tom Hodgkinson ad avere dei seri problemi mentali ?

    Leggete un po' qui, cosa è stato capace di scrivere nei confronti di Facebook, questo scrittore, giornalista di "The Guardian".

    http://www.megachip.info/modules.php?name=Sections...

    Incomincia, scavando nelle vite delle persone che hanno costruito Facebook (e chissà se dice delle cose vere o se se le è invemtate). Mettiamoci allora anche noi, a scavare un po' nella sua vita... http://it.wikipedia.org/wiki/Tom_Hodgkinson .

    "L'ozio come stile di vita" ?? È vero che, per poter parlare male di un libro, bisogna averlo letto. Ma, approfondendo, vado a leggere sul sito di rcslibri proprio che...

    "Tom Hodgkinson è il direttore di «The Idler», un librorivista semestrale, da anni oggetto di culto in Inghilterra, in cui scrittori e umoristi esaltano i piaceri dell'ozio e della pigrizia e combattono l'idolatria del lavoro."

    Non penso, quindi, di sbagliarmi di molto, se immagino questo Hodgkinson come un odiosissimo dandy, mantenuto e radical-chic che, senza essere mai stato un vero lavoratore, fa discorsi campati in aria contro il Capitale... e poi va a fare shopping a via dei Condotti, PARDON, a Carnaby Street.

    Rimpiange il baretto come luogo di VERA socializzazione... Sarà mica che lui ha avuto la fortuna di nascere a Londra e non in una di quelle regioni agricole che costringono i giovani più in gamba ad emigrare nella capitale, abbandonando quindi il baretto e gli amici di infanzia ?

    Che poi, anche il baretto, secondo la sua filosofia, potrebbe essere considerato un fulcro del capitalismo: se Facebook sarebbe un sito che, con la scusa di aggregare persone lontane, mira solo a facilitare la vendita di determinati prodotti... anche i bar, allora sono luoghi che nascondono il perverso intento di vendere bibite, birre e caffé, mascherato dal falso buon intento di facilitare la socializzazione delle persone. Boicottiamo anche i bar, a 'sto punto !!

    Cosa m'avrebbe venduto, poi, Facebook ??

    Non solo: c'è la CIA, dietro Facebook !! La quale ha brama dei nostri dati personali, dei nostri prodotti di consumo preferiti... il "Grande Fratello" saprà tutto degli iscritti a Facebook e potrà condizionare la loro esistenza !!

    Che ci farebbe, poi, la CIA, con i miei dati ? A parte che ci si può anche iscrivere senza rivelare alcun dato sensibile (come indirizzi civici, e-mail, numeri telefonici...). E così ho fatto io. Ma davvero, se scrivessi anche tutti i miei dati sensibili, dopo un po' mi ritroverei qualche agente segreto a pedinarmi e a sorvegliarmi ?

    E continua "Chi si registra a Facebook diventa un girovago che parla delle reclame di Blockbuster o della Coca Cola e tesse le lodi di questi marchi agli amici. Stiamo assistendo alla mercificazione delle relazioni umane, l'estrazione di valore capitalistico dall'amicizia."

    Ma veramente c'è qualcuno fra di voi che su Facebook fa pubblicità a CocaCola ?

    "Se, per esempio, si dice su Facebook di amare un particolare film, quando uscirà nei cinema un film simile, state pur sicuri che vi terranno informati. Mandandovi la pubblicità."

    Embè ? Che grave danno ! Facciamo allora un applauso a tv e giornali che ci bombardano con pubblicità di prodotti a cui NON siamo interessati ? Il cattivo sarebbe Facebook che ci manda pubblicità "su misura per noi" ? (ma davvero Facebook manda pubblicità??). Mentre il buono è Mastrota con le televendite di materassi e pentole da cucina ? O Franco Boni con tappeti e quadri d'autore ?

    Scusatemi, se mi sono così dilungato in questo sfogo, ma l'astio che provo per certi soggetti così boriosi e visionari come questo Hodgkinson è proprio incontenibile.

    Voglio sentire comunque il vostro parere: davvero Facebook è una minaccia sociale ? Anche Yahoo! Answers allora ?

    .

    8 risposteFacebook1 decennio fa
  • Sono passati 15 giorni. Che voi sappiate, qualcuno si è recato dai magistrati ?

    Sono passati 15 giorni da quando, in seguito all'elezione di Villari a Presidente della Commissione Parlamentare di Vigilanza sulla RAI, Di Pietro accusò Berlusconi di essere un corruttore e Berlusconi lo minacciò di querela se non si fosse recato dai magistrati per portare le prove di ciò di cui lo accusava.

    Ovviamente Di Pietro non aveva ragione di recarsi da nessun magistrato, dal momento che le azioni di cui accusava Berlusconi non costituivano reato (fondate o meno che fossero, tali accuse).

    Ma (che io sappia) nemmeno Berlusconi si è recato da nessun giudice per querelare o denunciare Di Pietro come calunniatore o diffamatore.

    Certo che, per poter dare un giudizio obiettivo sulla questione, bisognerebbe aver ascoltato tutte le telefonate che si sono scambiati tutti i personaggi in questione.

    Ma penso che ognuno di voi si sia fatto una propria idea dei retroscena, magari in base al proprio sentore di malpensante o anche semplicemente in base al proprio tifo politico.

    E quindi vi chiedo: voi come avete interpretato la vicenda ? Come mai Berlusconi, in seguito alle accuse, ha minacciato ritorsioni legali e poi (se non sbaglio) non ha provveduto ?

    .

    8 rispostePolitica e governo - Altro1 decennio fa
  • Finalmente arrivano, anche in TV, le immagini della Campania ancora alle prese coi rifiuti ! Grazie, Report !!?

    Finalmente la verità sulla PRESUNTA fine dell'emergenza rifiuti non fa più SOLO parte delle "dicerìe della rete" e arriva anche in TV.

    Finalmente un programma televisivo in cui si dice che il decreto con cui si sono avviate le discriche di Sant'Arcangelo e di Savignano Irpino È DI MARZO 2008 e porta la firma di ROMANO PRODI !!!

    Finalmente un giornalista televisivo locale che ha rivelato di aver ricevuto l'ordine "Preparateci delle immagini di Napoli ripulita !".

    Finalmente si vedono anche in tv (e non solo su youtube) le immagini delle strade provinciali campane ancora intasate da scarichi abusivi industriali e privati. Si parla di competenze non chiare tra sindaci, Commissariato alle Bonifiche e azienda incaricata (vittima di un attentato incendiario non appena insediata nell'incarico http://www.repubblica.it/mobile/napoli/fiamme-alla... ).

    Per cui, alcuni cùmuli di rifiuti scaricati abusivamente nelle campagne e sulle strade provinciali restano lì, perché non è chiaro chi deve rimuoverli. Il sindaci hanno fatto gli esposti al Commissariato alle Bonifiche, il quale ha dato gli incarichi alla Recam, per poi revocarglieli in seguito all'incendio.

    Si mostrano le immagini di roghi appiccati sia in campagna (dai contadini che devono pur liberare i loro terreni coltivati), sia nei piccoli centri cittadini (probabilmente dai delinquenti collusi con le aziende che fanno smaltimenti irregolari).

    La diossina sprigonata in questi incendi va ad impregnare i foraggi di cui si cibano i bovini e finisce nel loro latte.

    Adesso, per cortesia, la finiamo di dire che l'emergenza rifiuti nel napoletano è finita ?

    .

    19 risposteGoverno1 decennio fa
  • Avete notato anche voi l'ultima genialata degli spammers ?

    Aprite la vostra posta di Yahoo! e date un po' un'occhiata alla vostra cartella "Antispam".

    A dominare sono ancora i falsi messaggi delle banche che invitano a controllare l'estratto conto e i messaggi da parte di gente che vende prodotti per migliorare le prestazioni sessuali e per aumentare le dimensioni del pene.

    Ma, in mezzo a queste, ecco farsi spazio una terza categoria di mail di spam. Sono contraddistinte dal fatto che nella colonna del mittente (contrassenata con "Da") compare nientemeno che . . . IL VOSTRO STESSO INDIRIZZO E-MAIL !! Ma che novità è questa ?

    La prima cosa che mi chiedo è : come hanno fatto a creare un account di yahoo uguale al mio, ma differente solo per il fatto che (anziché il mio nome e il mio cognome) ha come intestatario una voce contenente solo l'indirizzo e-mail ??? (il mio indirizzo e-mail)

    Ma sorvoliamo sui dettagli tecnici. Passiamo a quelli psicologici : perché leggendo il mio stesso indirizzo e-mail come mittente, dovrei essere più incuriosito di quando leggo il nome di una banca o di qualcuno che vende prodotti per... insomma... quei prodotti là ?

    Ma leggiamo anche l'oggetto di ognuno di questi messaggi:

    "What makes her suffer every night?"

    "Obama wasting state funds"

    "We have your shaming pics. "

    "We got your personal video "

    "Your neighbour sent us your home video "

    "Dont let your neighbour satisfy your wife"

    Messaggi che hanno in comune il fatto di essere allarmanti, pur se su argomenti differenti.

    Ma facciamoci coraggio e apriamo 'sti messaggi. E cosa contengono ?

    Immagini non visualizzabili con a fianco un link, con su scritto "Se non riesci a visualizzare l'immagine clicca qui".

    A 'sto punto, ho avuto un po' di paura a cliccare e mi sono fermato.

    Però passando la freccetta del mouse sui link (senza cliccare) appaiono gli indirizzi dei siti su cui andrei a finire (se cliccassi):

    http:// wimbalb.ixwewyi.cn/

    http:// azpftyw.jksifqo.cn/

    http:// wvxzxbd.jpeesfg.cn/

    http:// ydbz.gkjedbd.cn/

    ... e così via. (gli spazi tra "http://" e il resto degli indirizzi ce li ho messi apposta perché voglio che non ci clicchiate nemmeno voi).

    Che siti sono questi che finiscono con " .cn/ " ?

    Ma soprattutto che senso hanno questi messaggi ? Non sanno più cos'altro inventare...

    .

    6 risposteSpam1 decennio fa
  • "La cosa più sbagliata che si può fare, in questo momento, è quella di aumentare le tasse al ceto medio !" ...?

    L'ha detto Obama, nel suo discorso di ringraziamento.

    Proprio nell'ultimo mese, qui su Answers, molti utenti hanno posto domande in cui tiravano in ballo il cosiddetto "ceto medio" o "italiano medio"

    http://it.answers.yahoo.com/question/index;_ylt=Ag...

    http://it.answers.yahoo.com/question/index;_ylt=Av...

    http://it.answers.yahoo.com/question/index;_ylt=Am...

    http://it.answers.yahoo.com/question/index;_ylt=Am...

    usando tali parole in senso quasi spregiativo, identificando il "ceto medio" come quello costituito dai ricchi, dagli evasori, dagli immobiliaristi, dai commercianti... e da tutte quelle categorie di persone che, dalla politica lassista, deregolatrice e libertinara del PdL, hanno tutto da guadagnare.

    Oppure, in senso culturale, identificando il "ceto medio" come quello costituito dai telespettatori della tv-spazzatura, da quelli che fanno la fila per comprare il videofonino dell'ultimo modello e da quelli che cambiano strada se incrociano un immigrato.

    Probabilmente, a darvi questa idea un po' falsata del significato delle parole "ceto medio", sono stati certi autori come Pasolini (che io rispetto, ma) di cui io non ho mai condiviso questo suo modo di vedere e giudicare male i piccolo-borghesi come me.

    Obama, invece (per me giustamente!), usa le parole "ceto medio" per riferirsi a quelle persone che, pur non morendo di fame, non "se la spassano"; che pur arrivando a fine mese (con qualche sacrificio) non possono più permettersi lussi di alcun genere; che pur riuscendo a pagare la rata del mutuo, non "sciàlano" nemmeno un centesimo di quello che avanza; che stanno attenti quando fanno la spesa a comprare ogni articolo dove costa meno; e via dicendo.

    Allora io voglio chiedere (senza voglia di polemica) ai vari Stewie, Luc10, ValerioPalo...

    Avete tifato la persona sbagliata ? Oppure Obama è da apprezzare ANCHE per il fatto che non usa a sproposito le parole "ceto medio" ?

    In Italia ci sono 7,5 milioni di poveri (ultimo rilevamento ISTAT). Perché raggruppare brutalmente tutti i restanti 46 milioni in un unico insieme chiamato "ceto medio" ? Vogliamo almeno eliminare quei 10-15 milioni di ricchi che (sempre secondo l'ISTAT) posseggono il 42% della ricchezza e il 28% delle entrate ?

    Obama lo ha capito, che io (in quanto lavoratore dipendente, a 1200 euro al mese, single) sono un degno rappresentante del ceto medio.

    Invece, tra i suoi fan italiani, c'è ancora chi si irrita quando sente le parole "ceto medio" e pensa a chi vive allegramente, senza problemi economici, evade il fisco, vota PdL, odia gli extracomunitari e si danneggia il cervello davanti a certi programmi tv di nessun valore culturale.

    Perché ?

    .

    16 risposteElezioni1 decennio fa
  • Maggioranze "silenziose" e "minoranze chiassose" . . . ?

    Posso ricordare a tutti quelli che leggono che quasi tutta la storia di Italia è stata scritta dalle "minoranze chiassose" ?

    E che, se in ogni occasione avessimo dato ragione PER PRINCIPIO alle maggioranze "silenziose", a quest'ora neanche avremmo un'Italia ?

    Qualcuno si offende, se gli ricordo che il Risorgimento, l'Unità di Italia, il Fascismo e l'Antifascismo, la Resistenza, le lotte contadine, le lotte operaie, la Mafia e la lotta alla Mafia, il Terrorismo e la lotta al Terrorismo . . .

    . . . sono tutte pagine della nostra storia scritte da "minoranze chiassose" che si sono sacrificate (perdendo a volte una giornata di lavoro, a volte LA VITA, a volte uno stipendio, a volte un intero patrimonio) , mentre le "maggioranze silenziose" delle varie rispettive epoche erano indaffarate in altre priorità ?

    (Del tipo : "io devo lavora' " , "io c'ho famiglia" , "io preferisco studiare" , "io non vorrei prendermi qualche manganellata" , "sono tutti dei facinorosi che non sanno neanche loro per cosa protestano" . . .)

    Soprattutto vorrei ricordarlo a quel figuro dalla faccia di bronzo che, ieri sera ad "Annozero", è stato capace di urlare "Non c'è nessun movimento !" , "Questa protesta è condotta da una minoranza: ad occupare le aule della Sapienza ci sono poco più di 300 studenti a fronte di oltre 140mila iscritti !".

    Come si chiamava (che non sono riuscito neanche a leggerne il nome) ?

    Ma oltre che a lui, penso che non faccia male a nessuno, tra di voi che leggete, un appunto con su scritto che NON SEMPRE (anzi... quasi mai) il silenzio della maggioranza silenziosa va ascoltato più delle urla della piazza (anche perché, ascoltando persone in silenzio, è difficile udire le loro ragioni).

    E questo vale anche in una democrazia come la nostra, in cui alle urne viene chiamata anche la pensionata ultra80enne, che in tv vede solo giochi-quiz e telenovelas sudamericane : il politico da lei eletto deve avere il buon senso di non prendere in considerazione sondaggi in cui è stata interpellata anche lei. Altrimenti, non si comporta da democratico, ma da POPULISTA TELEIMBONITORE !!!

    Siete d'accordo ? O mi sbaglio ?

    .

    7 rispostePartecipazione civica1 decennio fa