Lv 2516 points

Andrea

Risposte preferite40%
Risposte70
  • campo elettrico e d.d.p.?

    Come faccio a calcolare il campo elettrico tra 2 piani conoscendo solo la d.d.p. e la distanza tra essi? non ho le dimensioni dei piatti quindi non posso utilizzare nel risultato la formula nota sigma/2epsilon

    2 risposteFisica6 anni fa
  • decoder satellitare?

    Salve a tutti, so che si può modificare un decoder digitale basato su linux per vedere canali s*y altrimenti a pagamento. Il problema è che non riesco a trovare su internet informazioni esaurienti o guide a riguardo e mi rimangono parecchi dubbi che spero qualcuno mi chiarisca.

    1)Per vedere i canali satellitari HD a pagamento serve un decoder particolare? ho letto che alcuni decoder HD non riescono a stare dietro al flusso dati di s*y.

    2) Qualcuno fa riferimento a una linea s*y che costa 70 - 80 euro all'anno, è possibile o è una cavolata?

    3) quale decoder mi consigliereste senza spendere più di 150/200€? linux based ovviamente

    4)qualche guida?

    So benissimo che è illegale ma non mi interessa, questi farabutti stanno comprando tutto e di più e chiedono prezzi esorbitanti. Adesso che hanno comprato anche la motogp mi stanno proprio sul c***o

    2 risposteTV6 anni fa
  • adiabatica irreversibile?

    non riesco a risolvere questo problema:

    Un gas perfetto biatomico è contenuto in un recipiente cilindrico verticale, chiuso da un pistone

    scorrevole senza attrito, caricato con dei pesi. Le pareti del recipiente e il pistone sono adiatermani.

    Inizialmente il gas si trova in uno stato di equilibrio termodinamico e occupa un volume pari a 10.0

    l. A un certo istante di tempo vengono tolti alcuni pesi dal pistone, in modo da dimezzare

    bruscamente la pressione esercitata sul gas. Dopo un certo tempo il gas si stabilizza in un nuovo

    stato di equilibrio termodinamico. Trova il volume occupato dal gas nello stato finaleUn gas perfetto biatomico è contenuto in un recipiente cilindrico verticale, chiuso da un pistone

    scorrevole senza attrito, caricato con dei pesi. Le pareti del recipiente e il pistone sono adiatermani.

    Inizialmente il gas si trova in uno stato di equilibrio termodinamico e occupa un volume pari a 10.0

    l. A un certo istante di tempo vengono tolti alcuni pesi dal pistone, in modo da dimezzare

    bruscamente la pressione esercitata sul gas. Dopo un certo tempo il gas si stabilizza in un nuovo

    stato di equilibrio termodinamico. Trova il volume occupato dal gas nello stato finale

    1 rispostaFisica6 anni fa
  • trasformazione irreversibile?

    Non riesco a risolvere questo problema:

    Si consideri un recipiente cilindrico a pareti rigide adiabatiche, chiuso superiormente da un

    pistone scorrevole senza attrito anch’esso adiabatico e di massa trascurabile. Il recipiente è diviso in

    due parti A e B, separate da una parete costituita da uno strato isolante estraibile e da uno

    conduttore fisso. Nella parte A sono contenute nA = 2 moli di gas perfetto biatomico a temperatura

    TA =300 K, in equilibrio con la pressione esterna pA = 1.01x10^5 Pa. In B sono contenute nB= 3

    moli di gas perfetto monoatomico a temperatura TB = 600 K. Dalla parete di separazione viene

    rimosso lo strato isolante. Determinare la temperatura finale dei due gas ed il volume del gas in A,

    ad equilibrio raggiunto. Calcolare la variazione di entropia dei due gas e dell’universo.

    1 rispostaFisica6 anni fa
  • problema termodinamica?

    non so risolvere l'ultimo punto di questo problema... mi spiegate come si fa?

    L’azoto liquido bolle a pressione atmosferica e temperatura Tb -196 °C; il calore latente è pari

    a 2 x 10^5 J/kg. Un corpo di massa m = 50 g, calore specifico c = 400 J/kgK e temperatura iniziale T

    = 24°C viene immerso in un grande recipiente contenente azoto liquido bollente. Calcolare quanto

    azoto evapora . Calcolare anche la variazione d’entropia dell’universo.

    1 rispostaFisica6 anni fa
  • dubbio gravitazione?

    il problema in per se è semplice ma faccio confusione su un concetto:

    trovare l'energia necessaria per portare in orbita un satellite di 800 kg in orbita geostazionaria lanciandolo dall'equatore, trovare l'energia necessaria se invece viene lanciato dal polo.

    la velocità di rotazione, orbita ecc li ho trovati tutti. Ho proceduto così:

    calcolo l'energia potenziale sulla superficie terrestre con la formula U0=GmM/Rt

    calcolo l'energia potenziale nell'orbita geostazionaria con la stessa formula sopra

    faccio la sottrazione tra le 2

    per verifica l'ho calcolata facendo la sottrazione tra le 2 energie cinetiche e mi viene un altro risultato.

    devo fare la sottrazione tra l'energia meccanica iniziale e finale? cioé U0+Ek0-U1-Ek1?

    2 risposteFisica7 anni fa
  • gravitazione?

    Come si risolve questo? ho provato con la conservazione dell'energia ma non riesco ad isolare la distanza minima.. si può considerare come un moto circolare?

    Una cometa si muove su un'orbita parabolica; quando si trova a distanza h = 10^6 Km dal centro

    della Terra la sua velocità v è inclinata di un angolo beta = 15° rispetto alla congiungente cometa -

    Terra. Si determini la distanza di massimo avvicinamento alla Terra della cometa.

    1 rispostaFisica7 anni fa
  • problema fisica?

    Come si risolve sto problema? non ne vengo fuori.

    Una sferetta è posta in una guida priva di attrito di forma parabolica e di equazione y = Ax2, con

    A costante. La guida è posta in rotazione attorno al proprio asse con velocità angolare costante ω.

    Calcola il valore di ω per cui la sferetta non scende lungo la guida.

    1 rispostaFisica7 anni fa
  • moto circolare?

    non so risolvere questo problema. N.B la forza di attrito cambia nel tempo al variare di v

    Un piccolo blocco di massa m striscia su una superficie orizzontale liscia (ossia senza attrito)

    mentre viaggia all’interno di un cerchio di raggio R. Il coefficiente di attrito fra blocco e parete sia

    µ; pertanto, la velocità v del blocco diminuisce nel tempo. Trovare, in funzione di m, R,µ, v:

    a) la forza di attrito sul blocco;

    b) l’accelerazione tangenziale del blocco;

    c) il tempo necessario affinchè la velocità si riduca ad un terzo del valore iniziale v0.

    1 rispostaFisica7 anni fa
  • problema molle corpi rigidi?

    non riesco a risolvere questo problema:

    Su una mensola orizzontale liscia sono appoggiati due corpi, A e B, di massa rispettivamente 100

    g e 300 g. Il sistema A comprime una molla di massa trascurabile e costante elastica k= 400n/m. Il

    corpo B si trova, invece, sul bordo del piano, a un’altezza di 2.00 m dal suolo. All’istante t=0 s

    il sistema A viene lasciato libero e va a urtare centralmente B facendolo cadere. Sapendo che il

    sistema B cade a una distanza L = 50 cm dalla posizione di equilibrio iniziale e supponendo l’urto

    elastico, trova:

    a) l’intensità della variazione di lunghezza della molla al tempo iniziale t= 0.0s

    b) a quale distanza D rispetto al bordo del tavolo cadrà il corpo A a causa della

    ricompressione della molla dopo l’urto con B.

    1 rispostaFisica7 anni fa
  • problema moto circolare?

    non so risolvere questo problema, in particolare non so come esprimere la forza di attrito che cambia nel tempo.

    Un piccolo blocco di massa m striscia su una superficie orizzontale liscia (ossia senza attrito)

    mentre viaggia all’interno di un cerchio di raggio R. Il coefficiente di attrito fra blocco e parete sia

    µ; pertanto, la velocità v del blocco diminuisce nel tempo. Trovare, in funzione di m, R,µ, v:

    a) la forza di attrito sul blocco;

    b) l’accelerazione tangenziale del blocco;

    c) il tempo necessario affinchè la velocità si riduca ad un terzo del valore iniziale v0.

    1 rispostaFisica7 anni fa
  • problema moto cisrcolare?

    Un piccolo blocco di massa m striscia su una superficie orizzontale liscia (ossia senza attrito)

    mentre viaggia all’interno di un cerchio di raggio R. Il coefficiente di attrito fra blocco e parete sia

    µ; pertanto, la velocità v del blocco diminuisce nel tempo. Trovare, in funzione di m, R,µ, v:

    a) la forza di attrito sul blocco;

    b) l’accelerazione tangenziale del blocco;

    c) il tempo necessario affinchè la velocità si riduca ad un terzo del valore iniziale v0.

    1 rispostaMoto7 anni fa
  • problema attrito viscoso?

    non so come risolvere questo problema mi aiutate?

    Una goccia d’acqua sferica di raggio 30.0 (micro)m e densità 1000 Kg/m^3

    cade, con partenza da ferma, in aria. L’aeriforme è caratterizzato da una viscosità di 1.827 10^-5 Pa s .

    Calcola l’intensità massima della forza viscosa agente sulla goccia, la velocità limite, la velocità e la accelerazione della goccia dopo un tempo di caduta pari a un decimo del tempo caratteristico.

    1 rispostaFisica7 anni fa
  • fisica moto armonico?

    non riesco a risolvere questo problema... mi potete spiegare come fare?

    L’estremità di uno dei due bracci di un diapason oscilla alla frequenza di 440 Hz e la distanza

    tra i due punti di inversione del moto è 1.00 mm. Supponi che l’oscillazione del braccio possa

    essere considerata come un moto armonico semplice.

    a) Calcola la velocità e l’accelerazione massime durante il moto del braccio.

    b) Trova la velocità e l’accelerazione dell’estremità del braccio nel momento in cui si trova

    a 0.200 mm dalla posizione di equilibrio.

    1 rispostaFisica7 anni fa
  • problema di fisica?

    non riesco a risolvere questo esercizio chi mi può aiutare?

    Su una pista circolare di raggio R = 150 m un ciclista parte da fermo, si muove con accelerazione

    tangenziale costante fino al tempo t1 in cui l’accelerazione forma un angolo di 45° con la velocità.

    Da questo istante di tempo il sistema mantiene una velocità di modulo costante pari a v1. Sapendo

    che il ciclista impiega 2.00 min per fare il primo giro di pista, trova la lunghezza del tratto l1,

    percorso fino all’istante di tempo t1, e il valore della componente tangenziale dell’accelerazione

    all’istante di tempo t1.

    2 risposteFisica7 anni fa
  • problema moto proiettili?

    ciao a tutti, non riesco a risolvere il secondo punto di questo problema:

    Un proiettile viene sparato da un'arma posta sulla superficie terrestre, con angolo di inclinazione

    theta = 20° e velocità iniziale v0 = 100 m/s. Si trovi la gittata G. Se si volesse colpire un bersaglio

    posto a una quota y = 200 m e a distanza (orizzontale) x = 500 m dall'arma, come andrebbe

    inclinata quest'ultima?

    con l'equazione del moto (parabola) non riesco a tirare fuori l'angolo theta, non so se è sbagliata la strada o se commetto errori agebrici

    2 risposteFisica7 anni fa
  • problema cinematica?

    Non so più dove sbattere la testa per risolvere questo problema, chi mi aiuta?

    Un punto materiale parte dall’origine del sistema di riferimento e propaga lungo una traiettoria

    rettilinea con velocità iniziale v -2.0 m/s . Il sistema ha un’accelerazione che varia nel tempo

    secondo la legge: a(t)= 0.1 t (m/s^3). Calcola il tempo e la posizione di arresto. Trova, inoltre, l’istante

    di tempo in corrispondenza del quale il punto ripassa dall’origine del sistema di riferimento e la sua

    velocità in tale istante di tempo. Determina, infine, l’espressione della velocità media in funzione

    del tempo e confrontala con la media delle velocità istantanee valutate agli istanti iniziali e finali.

    1 rispostaFisica7 anni fa
  • un pallone vuoto vola?

    Una sfera rigida con massa trascurabile in cui all'interno è stato fatto il vuoto vola?

    5 risposteFisica7 anni fa
  • equazione numeri complessi?

    Ciao a tutti, non riesco a risolvere questa equazione

    (z-1)^3=(1-√3i)^3

    Non mi interessano solo i risultati, voglio capire perché

    2 risposteMatematica7 anni fa
  • problema con i numeri complessi?

    Ciao a tutti, chi mi sa spiegare come ricavare le radici 4 di 5i?

    il problema sarebbe z^4-5i=0, con la formula di de moivre (che probabilmente sbaglio ad applicare) i risultati non tornano perché non vengono angoli noti.

    Grazie

    PS so usare Wolfram, voglio sapere il procedimento non il risultato

    2 risposteMatematica7 anni fa