Lv 166 points

STEFANO

Risposte preferite5%
Risposte36
  • Attachment image

    Ubriaco di oscurità?

    Vorrei sprofondare nell'abisso! ...e poi rimanerci! Essere assalito da luci soffuse e spasmi di malumore.....

    Vorrei che le menadi di un tempo passato mi squarciassero il petto per far uscire l'impietosa febbre che mi scuote dall'interno e mi mostra la via!!!

    Vorrei poter fissare il sole....

    Vorrei saggiare il dono delle visioni....

    Vorrei dormire negli occhi di un pazzo!!!! ....ed appoggiare i miei dove l'ultimo bagliore di specchio ha spento la fiamma!!!!!!

    Psicologia1 anno fa
  • Attachment image

    Il corvo del tempo?

    Molti cadaveri galleggiano sullo specchio di un fiume.......

    Corvi fumosi gracchiano al destino, rimanendo caparbiamente indifferenti alla vita.

    Loschi figuri ammantati di nero c'attendono al varco... per mostrarci l'ultimo spettacolo dell'uomo pagliaccio!

    7 risposteStudi di genere1 anno fa
  • Mi sono aperto un chakra in motorino.?

    Era bagnato e sono scivolato. Mi sono sfracellato sull'asfalto. Li mi sono aperto un chakra. 18 punti per richiuderlo.

    6 risposteStudi di genere1 anno fa
  • Attachment image

    Adamo ed Eva non sono stati cacciati, se ne sono andati da soli.?

    Il paradiso terrestre è un mito. Una metafora. Anche la cacciata. Rappresenta la protezione di un genitore verso i figli. Finché sono piccoli è ingenui nulla sanno, e dunque vanno protetti e guidati. Essi vivono nella loro cameretta e per loro è il mondo intero. Crescendo si imparano cose e si insinua il dubbio. studiando e facendo esperienza e scoperte di riflette e si cresce. Allora la stanza appare piccolissima e angusta e i vuole uscire. Ma fuori il mondo e duro e spietato e ci cambia. A quel punto non si può restare dentro una gabbia d'orata per essere protetti. Si decide di uscire ed esplorare. Adamo ed Eva si sono allontanati di propria volontà. Se fossero rimasti li si sarebbero ammalati di apatia totale. Vivere l'immortalità nella più totale mancanza di intelletto.

    5 rispostePsicologia1 anno fa
  • Attachment image

    Vorrei iniziare un cammino iniziatico verso le pratiche meditative. Consigliatemi qualcosa...?

    Saper controllare non solo il proprio stato emozionale ma anche il proprio modello mentale della realtà è qualcosa che ci permette di conoscere noi stessi e il mondo che ci circonda. Esso è null'altro che ombra. Proiezioni fantasmagoriche del nostro io più profondo. La realtà è un simbolo esoterico delle nostre interpretazioni. L'uomo è capace di trasfigurare la realtà attraverso la conoscenza di se stesso. Come quando il maestro Alester Corowley evoco, nel 1903, Aiwass in persona. Ma egli null'altro era che una manifestazione esoterica e idealizzata del suo io più profondo.

    2 risposteReligione e spiritualità1 anno fa
  • Attachment image

    Credete alla vita dopo la morte?

    Come può l'autoconsapevolezza e la coscienza di se (l'anima e volete) sopravvivere al cervello che la crea?

    Pensateci bene: pensate al rombo del motore... esso non ha coesione fisica ma è la conseguenza di qualcos'altro. Questo qualcosa è il motore. Se il motore si ferma il rombo smette di esistere. Non sopravvive al motore che lo genera... ed ha realtà fintanto che il motore esiste e si trova in funzione. Il cervello è il motore.... l'anima il rombo.

    24 risposteFilosofia1 anno fa
  • Secondo voi gli animali possono provare emozioni?

    Ma al di là di tutto voi credete che il cane sappia che quello sia un funerale e che sia per il proprio padrone?

    è più per la gente... la quale si immedesima nella forma di vita canina attribuendo ad essa emozioni SUPERIORI che non ha.

    Tutti gli animali evoluti (cani e gatti ad es) provano emozioni di base ( paura, collera, fame, affetto e istinto di sopravvivenza). Ma silo gli umani provano le emozioni dette superiori ovvero quelle umane chiamate sentimenti. Oltre al fatto che un cane non ha una intelligenza tale da comprendere una forma rituale astratta volta a lenire il dolore della perdita come quella di un funerale

    11 risposteCani1 anno fa
  • I fantasmi non esistono.. è il tempo che si sovrappone tra i due presenti: passato e futuro.?

    Partendo dall'assunto che il tempo non esiste possiamo forse dire che si vive in un fugace eterno presente. Cos'è il tempo? é la percezione di un istante che non è reale. Che non esiste. Noi pensiamo di capirlo e di afferrarlo (il presente) ma di fatto è la cosa più sfuggente dell'intero universo. Il presente è un costrutto mentale!

    3 risposteFilosofia2 anni fa
  • Quando la televisione sta dentro la tua testa.....?

    Proiezioni fantastiche. Storie trasversali ed alternative. NIENTE SENSAZIONI TATTILI. NIENTE CORPO.

    Vivera una doppia vita all'interno della propria immaginazione può essere sconvolgente per taluni o piacevole per altri. Ma quando diventa la tua unica via di fuga da una vita misera e insoddisfacente puo diventare molto spossante e deludente. Tra talenti nascosti e piccole gioie quotidiane il protagonista del nostro romanzo alla fine lascerà entrare il sole nella mente grazie all'incontro con una persona speciale.

    Come vi sembra l'incipit?

    Sto scrivendo un racconto.

    1 rispostaStudi di genere2 anni fa
  • Attachment image

    Perché le persone tendono ad etichettare, giudicare e discriminare gli altri con tanta leggerezza?

    è proprio vero che in un contesto di gruppo sociale coeso si tende a depersonalizzare e stessi!

    3 risposteSociologia2 anni fa