Lv 59.059 points

sydbarrett

Risposte preferite16%
Risposte2.050
  • Matrimonio religioso in Italia con un'australiana?

    iao a tutti,

    Sono in crisi da burocrazia pre-matrimoniale!

    Vivo in Australia dove ho sposato la mia lei (australiana) un anno fa. Non ho registrato il matrimonio al Consolato italiano (al quale non sono neanche iscritto, avendo la residenza ancora in Italia).

    Ora vorremmo sposarci in chiesa in Italia (anche lei è cattolica), quindi il matrimonio dovrebbe essere solo religioso e non anche civile, giusto? Perchè altrimenti verrebbe richiesto un certificato di stato libero, che ovviamente io potrei ottenere (visto che per l'Italia sono ancora uccel di bosco), ma lei no, essendo legalmente sposata con me in Australia.

    Detto questo, so anche che si va al Comune qualche mese prima a fare la promessa di matrimonio, cosa che ovviamente io non dovrei fare... ma ho sentito che bisogna comunque fare le pubblicazioni in Chiesa almeno 8 giorni prima del matrimonio? E' vero?

    Tra l'altro ho fatto battesimo, comunione e cresima in tre parrocchie diverse e non ho ovviamente una parrocchia in Italia, visto che è da tanto che ho lasciato il mio paese.

    Il corso prematrimoniale potremmo farlo qui in Australia senza problemi.

    Io vorrei evitare che si sappia che ho contratto già matrimonio civile qua, perchè i miei non lo sanno e potrebbero non essere troppo contenti se venisse fuori!

    Come mi muovo? Quanto tempo prima dobbiamo essere in Italia? Quali documenti sono necessari?

    Devo assolutamente far riconoscere il matrimonio in Consolato?

    Grazie e scusate i troppi dubbi!

    6 risposteReligione e spiritualità8 anni fa
  • Matrimonio religioso in Italia con un'australiana?

    Ciao a tutti,

    Sono in crisi da burocrazia pre-matrimoniale!

    Vivo in Australia dove ho sposato la mia lei (australiana) un anno fa. Non ho registrato il matrimonio al Consolato italiano (al quale non sono neanche iscritto, avendo la residenza ancora in Italia).

    Ora vorremmo sposarci in chiesa in Italia (anche lei è cattolica), quindi il matrimonio dovrebbe essere solo religioso e non anche civile, giusto? Perchè altrimenti verrebbe richiesto un certificato di stato libero, che ovviamente io potrei ottenere (visto che per l'Italia sono ancora uccel di bosco), ma lei no, essendo legalmente sposata con me in Australia.

    Detto questo, so anche che si va al Comune qualche mese prima a fare la promessa di matrimonio, cosa che ovviamente io non dovrei fare... ma ho sentito che bisogna comunque fare le pubblicazioni in Chiesa almeno 8 giorni prima del matrimonio? E' vero?

    Tra l'altro ho fatto battesimo, comunione e cresima in tre parrocchie diverse e non ho ovviamente una parrocchia in Italia, visto che è da tanto che ho lasciato il mio paese.

    Il corso prematrimoniale potremmo farlo qui in Australia senza problemi.

    Io vorrei evitare che si sappia che ho contratto già matrimonio civile qua, perchè alcuni parenti potrebbero non essere troppo contenti!

    Come mi muovo? Quanto tempo prima dobbiamo essere in Italia? Quali documenti sono necessari?

    Devo assolutamente far riconoscere il matrimonio in Consolato?

    Grazie e scusate i troppi dubbi!

    3 risposteMatrimonio e divorzio8 anni fa
  • Videogiochi simili a Battlefield 3?

    Ciao ragazzi, devo fare un regalo a un amico che va matto per Battlefield 3.

    Dice che Assassin Creed e' supernoioso e non ne parliamo dei giochi in cui ci sono missioni da svolgere tipo Skyrim

    Io non ne capisco un'acca.... che videogiochi mi consigliate?

    5 risposteVideogiochi8 anni fa
  • Può la paura di una relazione condizionare una persona a tal punto?

    C'era una volta questa ragazza che non si innamorava mai e non andava mai con lo stesso ragazzo per più di due volte consecutive.

    Noi eravamo molto amici, entrambi abbastanza libertini e per questo in sintonia. Ci aiutavamo a vicenda nella "caccia" e ci divertivamo, anche se io a differenza sua non avevo mai smesso di sperare di incontrare il vero amore.

    Come è ovvio una sera finimmo a letto insieme. E poi quella dopo, e poi un film insieme e gli amici che cominciano a guardarci sorridendo. Dopo un mesetto lei si dà alla macchia, mi evita, dice che ha sempre da fare, esce sempre meno con i nostri amici in comune. Io un po' la inseguo, poi alzo le mani e accetto la sconfitta. Anche io ero stato uno dei tanti.

    Passano gli anni. Io cambio città e oggi vivo con la mia attuale ragazza, sono felice e non chiedo altro.

    Oggi una mia amica mi dice che ha conosciuto un'amica della mia ex-amica, che ha raccontato che ai tempi la mia ex-amica era presissima di me, ma per non affrontare una storia che sarebbe diventata seria aveva preferito lasciar perdere e stare male (e farmi star male, aggiungerei).

    Per carità, ormai è passato tanto tempo e io sono felice come sono, ma non capisco.

    Perchè mai una persona dovrebbe negarsi la felicità? Perchè non darmi la possibilità di renderla felice? Se avessi saputo, avrei insistito...

    4 rispostePsicologia9 anni fa
  • Gente, mi date un parere su questa storia?

    C'era una volta questa ragazza che non si innamorava mai e non andava mai con lo stesso ragazzo per più di due volte consecutive.

    Noi eravamo molto amici, entrambi abbastanza libertini e per questo in sintonia. Ci aiutavamo a vicenda nella "caccia" e ci divertivamo, anche se io a differenza sua non avevo mai smesso di sperare di incontrare il vero amore.

    Come è ovvio una sera finimmo a letto insieme. E poi quella dopo, e poi un film insieme e gli amici che cominciano a guardarci sorridendo. Dopo un mesetto lei si dà alla macchia, mi evita, dice che ha sempre da fare, esce sempre meno con i nostri amici in comune. Io un po' la inseguo, poi alzo le mani e accetto la sconfitta. Anche io ero stato uno dei tanti.

    Passano gli anni. Io cambio città e oggi vivo con la mia attuale ragazza, sono felice e non chiedo altro.

    Oggi una mia amica mi dice che ha conosciuto un'amica della mia ex-amica, che ha raccontato che ai tempi la mia ex-amica era presissima di me, ma per non affrontare una storia che sarebbe diventata seria aveva preferito lasciar perdere e stare male (e farmi star male, aggiungerei).

    Per carità, ormai è passato tanto tempo e io sono felice come sono, ma non capisco.

    Perchè mai una persona dovrebbe negarsi la felicità? Perchè non darmi la possibilità di renderla felice? Se avessi saputo, avrei insistito...

    2 risposteSingle e appuntamenti9 anni fa
  • Può una persona negarsi una storia per paura?

    Ciao a tutti,

    Volevo solo condividere con voi una cosa che ho saputo oggi e che mi lascia alquanto perplesso.

    Per alcuni anni ho avuto solo storie senza importanza. C'era stato però qualcosa con una ragazza con la quale ero molto amico. Per un po' siamo usciti molto insieme come amici e abbastanza inevitabilmente ci siamo avvicinati. Lei dichiarava apertamente di non volere storie serie e cambiava accompagnatore con gran facilità.

    Una sera delle tante in cui eravamo a ballare, è successo qualcosa fra noi. Siamo poi finiti a letto quella sera e un altro paio di volte (forse qualcuna in più) nell'arco di un mese, e io pur non chiedendole niente chiaramente ci tenevo a lei. Dopo poco tempo, lei bruscamente ha tagliato i rapporti con me, arrivando ad evitarmi palesemente, anche se negava con me dicendo solo che era molto impegnata.

    Io dopo un po' mi sono rassegnato, pensando che fossi caduto nella rete anche io come tutti i ragazzi con cui l'ho sempre vista. L'unica cosa è che mi è dispiaciuto un sacco di perdere una persona a cui tenevo per un paio di sco.pate che potevo anche farmi da un'altra parte.

    E' passato tanto tempo, non viviamo più nella stessa città e io sono oggi felicemente fidanzato e sto benissimo come sto.

    Ma oggi, un'amica comune che non vedevo da un po', mi ha detto che ha conosciuto un' amica di questa ragazza la quale non solo sapeva di me, ma si è lasciata sfuggire che la mia ex-amica era presissima di me e ha preferito troncare perché aveva paura dei suoi sentimenti.

    Ribadisco, non ho nessuna intenzione di tornare sui miei passi (parliamo di avvenimenti accaduti anni fa ormai) e sto bene con la mia tipa, ma tutt'oggi non riesco a non pensarci. Come può una persona mettere a tacere un sentimento forte per paura?

    Sarà che io sono l'opposto, e mi butto a capofitto in qualsiasi situazione... è che se avessi saputo allora quello che so oggi, di sicuro avrei insistito, l'avrei cercata, l'avrei convinta a provarci o almeno avrei provato a convincerla con tutti i mezzi.

    Sospiro. Spallucce. Meno male che la vita va avanti.

    2 risposteSingle e appuntamenti9 anni fa
  • Rischio e lascio tutto per lei?

    Le cose stanno così.

    L'anno scorso ho cominciato a uscire con una ragazza, pur sapendo che entro pochi mesi, sarebbe tornata in Australia per sempre. Io, che dall'ultima mia fidanzata storica, nn ho più avuto storie serie, non avevo problemi a uscire con lei, anche se sapevo che mi stavo affezionando e ci sarei stato male quando lei fosse ripartita.

    Settembre scorso, è andata via, e io ho deciso di confessarle che provavo qualcosa di profondo per lei. Da allora, ci siamo sentiti praticamente tutti i giorni e io ho deciso di andare a trovarla in Australia. Sono stato là due settimane lo scorso dicembre, ed è stato fantastico.

    Lì abbiamo parlato di cosa fare di noi, e lei mi ha chiesto di andare in Australia e di vivere insieme una storia, definendoci finalmente "fidanzati" e non due che si frequentano e basta.

    Io ho temporeggiato, perché avevo appena cambiato lavoro (vivo a Londra e lavoro nella produzione di una casa di moda superfamosa). Lei mi ha detto che non aveva problemi ad aspettarmi, e che dopo il mio trasferimento in Australia per un anno o due, se tutto va ancora a gonfie vele tra noi, lei non esiterebbe a tornare in Europa, visto che adora la vita qui.

    Lei ha perso la testa per me, e di certo io per lei. Ormai sono sei mesi che lavoro nella mia nuova posizione, e non vedo motivo di aspettare oltre. Lei non può venire qui per ora, perché non avrebbe il visto, io invece potrei lasciare tutto e prendere il working holiday visa per l'Australia. Il che significa ricominciare da capo, cercare un lavoro, che a causa della natura del visto stesso non potrebbe essere duraturo né al pari di quello che ho ora... ma stare finalmente con lei a tempo pieno.

    La mia perplessità è... ha senso lasciare tutto per qualcuna che si è frequentato per un paio di mesi? Per una donna con la quale senza dubbio sento di poter avere una storia seria e duratura... ma....

    Ma anche della mia ex storica ero follemente innamorato, e pensavo che sarebbe stata lei la madre dei miei figli. Invece mi sbagliavo. E se mi sbagliassi anche questa volta?

    Ho tanti timori, ma ho anche tanta voglia di provarci con lei. Tra l'altro ho 27 anni (lei 26), e penso che l'amore valga più della carriera nella vita...

    Voi cosa mi consigliate di fare?

    8 risposteFidanzamento e matrimonio10 anni fa
  • Cosa faccio? Rischio e lascio tutto quello che ho per lei?

    Le cose stanno così.

    L'anno scorso ho cominciato a uscire con una ragazza, pur sapendo che entro pochi mesi, sarebbe tornata in Australia per sempre. Io, che dall'ultima mia fidanzata storica, nn ho più avuto storie serie, non avevo problemi a uscire con lei, anche se sapevo che mi stavo affezionando e ci sarei stato male quando lei fosse ripartita.

    Settembre scorso, è andata via, e io ho deciso di confessarle che provavo qualcosa di profondo per lei. Da allora, ci siamo sentiti praticamente tutti i giorni e io ho deciso di andare a trovarla in Australia. Sono stato là due settimane lo scorso dicembre, ed è stato fantastico.

    Lì abbiamo parlato di cosa fare di noi, e lei mi ha chiesto di andare in Australia e di vivere insieme una storia, definendoci finalmente "fidanzati" e non due che si frequentano e basta.

    Io ho temporeggiato, perché avevo appena cambiato lavoro (vivo a Londra e lavoro nella produzione di una casa di moda superfamosa). Lei mi ha detto che non aveva problemi ad aspettarmi, e che dopo il mio trasferimento in Australia per un anno o due, se tutto va ancora a gonfie vele tra noi, lei non esiterebbe a tornare in Europa, visto che adora la vita qui.

    Lei ha perso la testa per me, e di certo io per lei. Ormai sono sei mesi che lavoro nella mia nuova posizione, e non vedo motivo di aspettare oltre. Lei non può venire qui per ora, perché non avrebbe il visto, io invece potrei lasciare tutto e prendere il working holiday visa per l'Australia. Il che significa ricominciare da capo, cercare un lavoro, che a causa della natura del visto stesso non potrebbe essere duraturo né al pari di quello che ho ora... ma stare finalmente con lei a tempo pieno.

    La mia perplessità è... ha senso lasciare tutto per qualcuna che si è frequentato per un paio di mesi? Per una donna con la quale senza dubbio sento di poter avere una storia seria e duratura... ma....

    Ma anche della mia ex storica ero follemente innamorato, e pensavo che sarebbe stata lei la madre dei miei figli. Invece mi sbagliavo. E se mi sbagliassi anche questa volta?

    Ho tanti timori, ma ho anche tanta voglia di provarci con lei. Tra l'altro ho 27 anni (lei 26), e penso che l'amore valga più della carriera nella vita...

    Voi cosa mi consigliate di fare?

    6 risposteFidanzamento e matrimonio10 anni fa
  • Che situazione grottesca, un po' di conforto!!!! :)?

    Sto con una ragazza meravigliosa, che purtroppo non vedo da tre mesi perché è australiana e al momento è a casa... e sto contando i giorni e i minuti perché la rivedo tra 2 settimane (FINALMENTE!!).

    Divido casa con tre amici, (siamo tre ragazzi e una ragazza).... uno di loro da una settimana sta uscendo con la sorella della mia ragazza, e ora sono di sopra a s.copare.... e gli altri due miei coinquilini sono di sopra nella stanza di uno dei due, li sentivo chiacchierare e ora stanno s.copando anche loro!!!

    E io che non s.copo da tre mesi AIUTO!!!

    :)

    Buona notte a tutti :)

    2 risposteSingle e appuntamenti10 anni fa
  • Ho bisogno dei vostri consigli, non so bene cosa fare...?

    Vivo a Londra, ho un lavoro che fino a poco tempo fa non mi dispiaceva... ma le cose stanno cambiando molto nel dipartimento, abbiamo nuovi manager e da settembre dovremo essere aperti dalla mattina alla sera tutti i giorni weeekend compresi, il che significa lavorare a orari improbabili mentre tutti i miei amici riposano.

    Perciò sto pensando di lasciare il lavoro, ma non sono ben sicuro di cosa fare. In tutto ciò ho in mente anche di fare un lungo viaggio in Australia... perché purtroppo mi sono innamorato di una ragazza australiana che a settembre torna a casa. Per sempre.

    Una delle opzioni sarebbe lasciare tutto, partire per questo viaggio, e ricominciare a cercare lavoro al mio ritorno. Ma proprio ieri mi hanno chiamato per un colloquio nella mia stessa azienda (che è una importantissima azienda di una marca di lusso), in un altro dipartimento.

    Sono entrato in panico, perché non so cosa augurarmi? Ottenere il nuovo lavoro sarebbe perfetto per me dal punto di vista lavorativo... non ottenerlo mi permetterebbe di coronare il mio sogno... Ma mi rendo anche conto che devo tenere i piedi per terra, perché io non sono disposto a trasferirmi in Australia per una ragazza che ho conosciuto tre mesi fa. Eppure.

    Sono molto confuso... voi cosa ne pensate?

    6 risposteSingle e appuntamenti1 decennio fa
  • Mi date un consiglio?

    Sembra un film, sembra una storia assurda in cui mio malgrado mi ritrovo invischiato... ma vi assicuro che è tutto vero....

    Tre anni e mezzo fa vengo a vivere a Londra e lascio la mia fidanzata storica... rottura turbolenta, mesi di insulti da ambo le parti, altri mesi di indifferenza totale, poi riavvicinamento pacifico e gradualmente amicale... Ma è sempre rimasto un rapporto abbastanza difficile e equivoco... per intenderci, rci incontriamo molto raramente ma succede quasi sempre qualcosa.

    Intanto entrambi siamo andati avanti con le nostre vite e sebbene non sappia niente della sua vita privata mi hanno raccontato che ha avuto varie storielle ma niente di importante.

    Idem per me. Fino a qualche mese fa. Incontro questa ragazza assolutamente fantastica, una ragazza australiana. Stiamo da dio, ma ora lei è in viaggio per l'europa. La rivedrò a breve per un paio di settimane, poi se ne andrà in canada... e poi la rivedrò ancora una decina di giorni, prima che torni definitivamente in Australia (probabilmente lasciandomi con il cuore spezzato).

    In tutto ciò, la mia ex ragazza storica ha deciso di trasferirsi a Londra a breve. Se non ci fosse stata la mia fantastica australiana, ci scommetto che ora starei pensando che finalmente tutti gli ostacoli che ci hanno fatto lasciare siano stati spazzati via.

    Io sono proprio cotto della nuova fiamma, ma rispetto la mia ex e non voglio brutalmente sbatterle in faccia la realtà. Ma non voglio neanche che si illuda. Le voglio bene, ma non sono disposto a ricominciare come se nulla fosse. Anche se a breve la mia nuova fiamma tornerà in australia, e probabilmente non la rivedrò mai più, sarà difficile togliermela dalla testa.

    Ora la domanda è: come lo spiego alla mia ex senza urtare i suoi sentimenti?

    6 risposteFidanzamento e matrimonio1 decennio fa
  • Cosa posso fare? Sono confuso?

    Sembra un film, sembra una storia assurda in cui mio malgrado mi ritrovo invischiato... ma vi assicuro che è tutto vero....

    Tre anni e mezzo fa vengo a vivere a Londra e lascio la mia fidanzata storica... rottura turbolenta, mesi di insulti da ambo le parti, altri mesi di indifferenza totale, poi riavvicinamento pacifico e gradualmente amicale... Ma è sempre rimasto un rapporto abbastanza difficile e equivoco... per intenderci, rci incontriamo molto raramente ma succede quasi sempre qualcosa.

    Intanto entrambi siamo andati avanti con le nostre vite e sebbene non sappia niente della sua vita privata mi hanno raccontato che ha avuto varie storielle ma niente di importante.

    Idem per me. Fino a qualche mese fa. Incontro questa ragazza assolutamente fantastica, una ragazza australiana. Stiamo da dio, ma ora lei è in viaggio per l'europa. La rivedrò a breve per un paio di settimane, poi se ne andrà in canada... e poi la rivedrò ancora una decina di giorni, prima che torni definitivamente in Australia (probabilmente lasciandomi con il cuore spezzato).

    In tutto ciò, la mia ex ragazza storica ha deciso di trasferirsi a Londra a breve. Se non ci fosse stata la mia fantastica australiana, ci scommetto che ora starei pensando che finalmente tutti gli ostacoli che ci hanno fatto lasciare siano stati spazzati via.

    Io sono proprio cotto della nuova fiamma, ma rispetto la mia ex e non voglio brutalmente sbatterle in faccia la realtà. Ma non voglio neanche che si illuda. Le voglio bene, ma non sono disposto a ricominciare come se nulla fosse. Anche se a breve la mia nuova fiamma tornerà in australia, e probabilmente non la rivedrò mai più, sarà difficile togliermela dalla testa.

    Ora la domanda è: come lo spiego alla mia ex senza urtare i suoi sentimenti?

    4 risposteFidanzamento e matrimonio1 decennio fa
  • Ho fatto bene a essere sincero?

    Ciao a tutti.... torno a chiedervi una parola di conforto dopo tanto.

    Era un bel po' che non mi facevo prendere da una ragazza... e un mese e mezzo fa conosco lei. Australiana, bellissima, un'amica di amici che in realtà di vista conosco da un anno o forse più. Ma è stato solo un mese e mezzo fa che abbiamo cominciato a chiacchierare. Fitto fitto.

    Non è la prima volta che mi capita, lei sta partendo. Mi dice che a metà marzo lascia Londra (dove viviamo), va in giro per l'Europa per qualche mese e poi torna a casa. Non importa, le dico.

    Usciamo alcune volte, stiamo bene. Beviamo, balliamo e ancora e ancora chiacchieriamo. Poi due settimane fa, senza preavviso it is the night e finisco a casa sua. Il giorno dopo partiva in vacanza a New York. Non ci siamo più sentiti. Intanto però vengo a sapere (come tutti, tramite facebook), che ha cambiato i suoi piani e che torna a Londra a maggio invece che andarsene in Australia.

    Una stupida vocina nel cervello si illude che il futuro possa riservare qualcosa di più. Non faccio in tempo a zittirla.

    Ci siamo rivisti sabato scorso, e l'ho ritrovata un po' distante. Ma mi ha dato appuntamento per mercoledi.

    Oggi mi scrive un messaggio su facebook. Non mi vuole vedere. Visto che ha dovuto cambiare i suoi piani e che invece di tornare a casa si ristabilisce a Londra (questo, va detto, per cause indipendenti dalla sua volontà), a maggio al suo ritorno vuole "provare a stare con un ragazzo per il quale già nutriva un certo interesse". Ouch.

    Ok, nessuno dei due aveva mai minimamente pensato che ci potesse essere niente di serio tra noi in quelle poche uscite che abbiamo fatto in questo periodo.

    Ok, io per primo continuavo a guardarmi intorno.

    Eppure.

    Le ho risposto ringraziandola per l'onestà. E dicendole che, visto che giochiamo a carte scoperte, non le nascondo di provare qualcosa per lei. Di aver provato sentimenti che non provavo da tanto e che sono contento di accorgermi di essere ancora capace di provarli.

    E visto che mi aveva pregato di rimanere amici, le ho detto che non c'e' problema.

    Secondo voi ho fatto bene? Mi risponderà? O forse dovevo evitare di ammettere che mi ero infatuato di lei?

    ...E c'e' una cosa che non capisco... a me non interessa se una persona parte. Se una mi piace non penso cosi' tanto al futuro. Lei finche' sapeva di partire, ha evitato il ragazzo che le piaceva e si divertiva con me. Ora che sa che torna vuole provare a stare con lui. Si vede che lavora in finance... e che calcola i rischi e le percentuali....

    3 risposteSingle e appuntamenti1 decennio fa
  • Mi ha mollato senza che neanche stessimo insieme?

    Ciao a tutti.... torno a chiedervi una parola di conforto dopo tanto.

    Era un bel po' che non mi facevo prendere da una ragazza... e un mese e mezzo fa conosco lei. Australiana, bellissima, un'amica di amici che in realtà di vista conosco da un anno o forse più. Ma è stato solo un mese e mezzo fa che abbiamo cominciato a chiacchierare. Fitto fitto.

    Ovviamente, e non è la prima volta che mi capita, lei sta partendo. Mi dice che a metà marzo lascia Londra (dove viviamo), va in giro per l'Europa per qualche mese e poi torna a casa. Non importa, le dico.

    Usciamo, alcune volte stiamo bene. Beviamo, balliamo e ancora e ancora chiacchieriamo. Poi due settimane fa, d'un tratto it is the night e finisco a casa sua. Il giorno dopo partiva in vacanza a New York. Non ci siamo più sentiti. Intanto però vengo a sapere (come tutti, tramite facebook), che ha cambiato i suoi piani e che torna a Londra a maggio invece che andarsene in Australia.

    Una stupida vocina nel cervello si illude che il futuro possa riservare qualcosa di più. Non faccio in tempo a zittirla.

    Ci siamo rivisti sabato scorso, e l'ho ritrovata un po' distante. Ma mi ha dato appuntamento per mercoledi.

    Oggi mi scrive un messaggio su facebook. Non mi vuole vedere. Visto che ha dovuto cambiare i suoi piani e che invece di tornare a casa si ristabilisce a Londra (questo, va detto, per cause indipendenti dalla sua volontà), a maggio al suo ritorno vuole "provare a stare con un ragazzo per il quale già nutriva un certo interesse". Ouch.

    Ok, nessuno dei due aveva mai minimamente pensato che ci potesse essere niente di serio tra noi in quelle poche uscite che abbiamo fatto in questo periodo.

    Ok, io per primo continuavo a guardarmi intorno.

    Eppure.

    Le ho risposto ringraziandola per l'onestà. E dicendole che, visto che giochiamo a carte scoperte, non le nascondo di essermi innamorato di lei. Di aver provato sentimenti che non provavo da tanto e che sono contento di accorgermi di essere ancora capace di provarli.

    E ovviamente che sarà sempre la benvenuta come amica, visti tutti gli amici in comune che abbiamo.

    Secondo voi ho fatto bene? Mi risponderà? O forse dovevo evitare di ammettere che mi ero infatuato di lei?

    5 risposteSingle e appuntamenti1 decennio fa
  • Lei se n'è andata - solo l'ennesima storia impossibile?

    Ciao a tutti.... torno a chiedervi una parola di conforto dopo tanto.

    Era un bel po' che non mi facevo prendere da una ragazza... e un mese e mezzo fa conosco lei. Australiana, bellissima, un'amica di amici che in realtà di vista conosco da un anno o forse più. Ma è stato solo un mese e mezzo fa che abbiamo cominciato a chiacchierare. Fitto fitto.

    Ovviamente, e non è la prima volta che mi capita, lei sta partendo. Mi dice che a metà marzo lascia Londra (dove viviamo), va in giro pe l'Europa per qualche mese e poi torna a casa. Non importa, le dico.

    Usciamo, stiamo bene. Beviamo, balliamo e ancora e ancora chiacchieriamo. Poi due settimane fa, d'un tratto è it is the night. Il giorno dopo partiva in vacanza a New York. Non ci siamo più sentiti. Intanto però vengo a sapere (come tutti, tramite facebook), che ha cambiato i suoi piani e che torna a Londra a maggio invece che andarsene in Australia.

    Una stupida vocina nel cervello si illude che il futuro possa riservare qualcosa di più. Non faccio in tempo a zittirla.

    Ci siamo rivisti sabato scorso, e l'ho ritrovata un po' distante. Ma mi ha dato appuntamento per mercoledi.

    Oggi mi scrive un messaggio su facebook. Non mi vuole vedere. Visto che ha dovuto cambiare i suoi piani e che invece di tornare a casa si ristabilisce a Londra (questo, va detto, per cause indipendenti dalla sua volontà), a maggio al suo ritorno vuole "provare a stare con un ragazzo per il quale nutriva un certo interesse".

    Ok, nessuno dei due aveva mai minimamente pensato che ci potesse essere niente di serio tra noi in quelle poche uscite che abbiamo fatto in questo periodo.

    Ok, io per primo continuavo a guardarmi intorno.

    Eppure.

    Le ho risposto ringraziandola per l'onestà. E dicendole che, visto che giochiamo a carte scoperte, non le nascondo di essermi innamorato di lei. Di aver provato sentimenti che non provavo da tanto e che sono contento di accorgermi di essere ancora capace di provarli.

    E ovviamente che sarà sempre la benvenuta come amica, visti tutti gli amici in comune che abbiamo.

    Secondo voi ho fatto bene? Mi risponderà? O forse dovevo evitarle di ammettere che mi ero infatuato di lei?

    Sigh :-(

    1 rispostaSingle e appuntamenti1 decennio fa
  • Mi sento straniero in casa mia...?

    Ciao a tutti e perdonate il mio momento di sconforto. Sono ormai anni che non vivo più stabilmente nel paese del sud Italia in cui sono nato e cresciuto e dove vive la mia famiglia... Ho lasciato questo paese per fare l'università fuori, poi finita l'università sono andato un po' in giro per l'Europa. Ora sono tre anni che vivo (quasi) stabilmente in Regno Unito.

    Il primo Natale che ero all'università (si parla ormai di 6 anni fa), tornando qui incontrai quella che pensavo fosse la donna della mia vita... restammo insieme 4 anni e ci siamo lasciati 2 anni fa, sotto Natale.

    Natale scorso ci siamo rivisti e abbiamo ricominciato a parlare. Sono contento che dopo un anno di silenzio abbiamo ripreso rapporti civili, anche se ormai sono cambiato talmente e ho fatto esperienze così strane che mi sembra impossibile tornare con lei (che tra le altre cose ora vive a Milano).

    Comprendo che la paranoia natalizia che mi assale è dovuta in gran parte a questa storia finita male, ma al di là di ciò mi sento un po' straniero in casa mia: trattato con i guanti da mia madre, mio padre e mia sorella, ma se esco al bar del paese non riconosco quasi più nessuno. I miei amici di infanzia più stretti, anche loro, non vivono più qui e al momento non sono ancora tornati.

    Mi sento davvero più che mai senza radici. Non so più chi sono e da quando non ho una persona accanto non so più cosa voglio.

    Un abbraccio a tutti.

    1 rispostaFamiglia1 decennio fa
  • Sono appena tornato a casa per le vacanze...e non mi sento più a casa mia...?

    Ciao a tutti e perdonate il mio momento di sconforto. Sono ormai anni che non vivo più stabilmente nel paese del sud Italia in cui sono nato e cresciuto e dove vive la mia famiglia... Ho lasciato questo paese per fare l'università fuori, poi finita l'università sono andato un po' in giro per l'Europa. Ora sono tre anni che vivo (quasi) stabilmente in Regno Unito.

    Il primo Natale che ero all'università (si parla ormai di 6 anni fa), tornando qui incontrai quella che pensavo fosse la donna della mia vita... restammo insieme 4 anni e ci siamo lasciati 2 anni fa, sotto Natale.

    Natale scorso ci siamo rivisti e abbiamo ricominciato a parlare. Sono contento che dopo un anno di silenzio abbiamo ripreso rapporti civili, anche se ormai sono cambiato talmente e ho fatto esperienze così strane che mi sembra impossibile tornare con lei (che tra le altre cose ora vive a Milano).

    Comprendo che la paranoia natalizia che mi assale è dovuta in gran parte a questa storia finita male, ma al di là di ciò mi sento un po' straniero in casa mia: trattato con i guanti da mia madre, mio padre e mia sorella, ma se esco al bar del paese non riconosco quasi più nessuno. I miei amici di infanzia più stretti, anche loro, non vivono più qui e al momento non sono ancora tornati.

    Mi sento davvero più che mai senza radici. Non so più chi sono e da quando non ho una persona accanto non so più cosa voglio.

    Un abbraccio a tutti.

    1 rispostaFidanzamento e matrimonio1 decennio fa
  • Sono appena tornato a casa per le vacanze...e non mi sento più a casa mia...?

    Ciao a tutti e perdonate il mio momento di sconforto. Sono ormai anni che non vivo più stabilmente nel paese del sud Italia in cui sono nato e cresciuto e dove vive la mia famiglia... Ho lasciato questo paese per fare l'università fuori, poi finita l'università sono andato un po' in giro per l'Europa. Ora sono tre anni che vivo (quasi) stabilmente in Regno Unito.

    Il primo Natale che ero all'università (si parla ormai di 6 anni fa), tornando qui incontrai quella che pensavo fosse la donna della mia vita... restammo insieme 4 anni e ci siamo lasciati 2 anni fa, sotto Natale.

    Natale scorso ci siamo rivisti e abbiamo ricominciato a parlare. Sono contento che dopo un anno di silenzio abbiamo ripreso rapporti civili, anche se ormai sono cambiato talmente e ho fatto esperienze così strane che mi sembra impossibile tornare con lei (che tra le altre cose ora vive a Milano).

    Comprendo che la paranoia natalizia che mi assale è dovuta in gran parte a questa storia finita male, ma al di là di ciò mi sento un po' straniero in casa mia: trattato con i guanti da mia madre, mio padre e mia sorella, ma se esco al bar del paese non riconosco quasi più nessuno. I miei amici di infanzia più stretti, anche loro, non vivono più qui e al momento non sono ancora tornati.

    Mi sento davvero più che mai senza radici. Non so più chi sono e da quando non ho una persona accanto non so più cosa voglio.

    Un abbraccio a tutti.

    4 risposteRelazioni e Famiglia- Altro1 decennio fa
  • Perché ha fatto così?

    Ieri sera a una festa di Halloween ho conosciuto questa ragazza... siamo stati a chiacchierare tutta la notte, sia soli che in compagnia.

    Anche quando c'erano altri tutte le volte che diceva qualcosa si girava verso di me e mi sorrideva...oppure addirittura chiedeva il mio parere.

    Mi è parsa una persona parecchio interessante, oltre ad essere molto carina. Poi, verso la fine della serata, quasi con noncuranza butta lì un riferimento al suo "fidanzato". Io rimango un po' allibito, faccio finta di dissimulare ma probabilmente non ci riesco granché.

    Passa altro tempo, altre chiacchiere, dopo un po' mi allontano (ogni tanto mi allontanavo, per non opprimerla e comunque per godermi la festa), torno e lei è sparita. Se n'è andata senza salutarmi.

    Ci sono rimasto veramente male e non capisco il motivo per cui lei mi abbia dato corda tutta la sera per poi neanche dirmi ciao. Voglio dire, non ti mangio mica, ovvio le avrei chiesto il numero ma poteva sempre dirmi di no.

    Sono abbastanza perplesso anche perché è una cosa che ultimamente mi sta capitando parecchie volte. I mie amici scherzando dicono che sono troppo brillante e che incuriosisco le donne, anche quelle fidanzate. Certo non è consolante, anche perché ho questa visione romantica del conoscere una ragazza, poi finisce che ci sto sotto per una settimana.

    Secondo voi dovrei provare a cercarla? Non è molto semplice perché studia con la coinquilina del mio amico (la festa era appunto a casa del mio amico) e non conosco quasi per nulla la coinquilina del mio amico. In parole povere, risulterei abbastanza uno stalker se provassi a cercarla. Cosa dovrei fare?

    6 risposteStudi di genere1 decennio fa
  • La cerco o lascio perdere?

    Ieri sera a una festa di Halloween ho conosciuto questa ragazza... siamo stati a chiacchierare tutta la notte, sia soli che in compagnia.

    Anche quando c'erano altri tutte le volte che diceva qualcosa si girava verso di me e mi sorrideva...oppure addirittura chiedeva il mio parere.

    Mi è parsa una persona parecchio interessante, oltre ad essere molto carina. Poi, verso la fine della serata, quasi con noncuranza butta lì un riferimento al suo "fidanzato". Io rimango un po' allibito, faccio finta di dissimulare ma probabilmente non ci riesco granché.

    Passa altro tempo, altre chiacchiere, dopo un po' mi allontano (ogni tanto mi allontanavo, per non opprimerla e comunque per godermi la festa), torno e lei è sparita. Se n'è andata senza salutarmi.

    Ci sono rimasto veramente male e non capisco il motivo per cui lei mi abbia dato corda tutta la sera per poi neanche dirmi ciao. Voglio dire, non ti mangio mica, ovvio le avrei chiesto il numero ma poteva sempre dirmi di no.

    Sono abbastanza perplesso anche perché è una cosa che ultimamente mi sta capitando parecchie volte. I mie amici scherzando dicono che sono troppo brillante e che incuriosisco le donne, anche quelle fidanzate. Certo non è consolante, anche perché ho questa visione romantica del conoscere una ragazza, poi finisce che ci sto sotto per una settimana.

    Secondo voi dovrei provare a cercarla? Non è molto semplice perché studia con la coinquilina del mio amico (la festa era appunto a casa del mio amico) e non conosco quasi per nulla la coinquilina del mio amico. In parole povere, risulterei abbastanza uno stalker se provassi a cercarla. Cosa dovrei fare?

    3 risposteSingle e appuntamenti1 decennio fa