Lv 42.540 points

Framan

Risposte preferite23%
Risposte370
  • come mai ad una società per azioni è limitato l'acquisto delle azioni proprie?

    ho capito che serve a mantenere integro il capitale sociale... ma che succederebbe se la società acquistasse tutte le azioni proprie? non ho ben capito..grazie in anticipo

    1 rispostaAziende e imprese6 anni fa
  • Cosa significa che in una società le azioni sono "diffuse in maniera rilevante al pubblico"?

    Come si fa a capire se sono diffuse in maniera rilevante o meno? le azioni una volta acquistate non fanno diventare gli acquirenti soci? Perciò dove sta la differenza tra una società "chiusa" e una "aperta"?

    1 rispostaAziende e imprese6 anni fa
  • domanda urgente: ma ci vedete?

    maaa ci vedeteee?!??

    2 risposteSalute mentale7 anni fa
  • La musica è una prerogativa solo degli umani?

    Viene concepita solo da noi uomini o anche dagli altri esseri viventi?può essere concepita come qualcosa di artificiale o naturale? Ho sentito di un esperimento in cui mettendo come sottofondo musica classica in un orto le piante crescevano più rigogliose ed erano attratte da essa al contrario la musica più "pesante" le allontanava e crescevano meno. Ma penso che sia legato solo alle vibrazioni che percepivano...oppure nella musica c'è qualcosa di più che scientificamente si può dimostrare?

    2 risposteMusica - Altro7 anni fa
  • Domanda sul nostro cervello?

    Domanda un po' fantascientifica...Come sapete il pensiero e gran parte delle nostre funzioni vitali viene controllato da questo organo: il cervello. Noi fin da piccoli siamo cresciuti nel mondo di regole e tradizioni che fa parte della nostra società...insomma con un certo modello (dato da nostri genitori e dalle persone e cose che ci circondano) che ci inducono a pensare e a ragionare in un certo modo. Per fare una similitudine facciamo finta che il nostro cervello sia come un computer e per farlo lavorare ci si impianti inizialmente un software: in questo modo il cervello ha la capacità di lavorare SU QUEL PROGRAMMA (quindi ogni ragionamento che facciamo e faremo sarà frutto di questo software impiantato...il pensiero infatti avviene grazie a processi chimici dopotutto se si considera il lato microscopico e dal punto di vista deterministico). Ora facciamo finta che in un futuro vorrei che mio figlio diventasse un genio informatico e appena nato lo rinchiudessi in una teca di vetro ( suona strano è un esempio assurdo ma è per far capire ;) ) e iniziassi a comunicare con lui solo tramite codice binario e linguaggio matematico(e ovviamente soddisfando tutti i suoi bisogni fisiologici): questo col tempo si formerebbe un cervello geniale (in campo matematico) e riuscirebbe a sorprenderci in modo impensabile per voi? oppure è solo fantasia? Poi se dicono che il cervello abbia mille possibilità e che noi sfruttiamo pochissimo del suo potenziale, come mai di geni ce ne sono pochi? è forse possibile "installare" un solo tipo di software o è così difficile installarne uno nuovo dopo una certa età?? :) spero capiate la metafora e la domanda .... p.s. so che scienziati stanno studiando approfonditamente il cervello(un'ultima novità infatti è che hanno scoperto che persino i ricordi si ereditano ....e questo sconvolge molto) forse è inutile/presuntuoso aspettarsi di capire cose che solo la medicina può magari dare in parte risposta... ma è per curiosità!

    3 risposteAntropologia7 anni fa
  • Domanda sul cervello?

    Domanda un po' fantascientifica...Come sapete il pensiero e gran parte delle nostre funzioni vitali viene controllato da questo organo: il cervello. Noi fin da piccoli siamo cresciuti nel mondo di regole e tradizioni che fa parte della nostra società...insomma con un certo modello (dato da nostri genitori e dalle persone e cose che ci circondano) che ci inducono a pensare e a ragionare in un certo modo. Per fare una similitudine facciamo finta che il nostro cervello sia come un computer e per farlo lavorare ci si impianti inizialmente un software: in questo modo il cervello ha la capacità di lavorare SU QUEL PROGRAMMA (quindi ogni ragionamento che facciamo e faremo sarà frutto di questo software impiantato...il pensiero infatti avviene grazie a processi chimici dopotutto se si considera il lato microscopico e dal punto di vista deterministico). Ora facciamo finta che in un futuro vorrei che mio figlio diventasse un genio informatico e appena nato lo rinchiudessi in una teca di vetro ( suona strano è un esempio assurdo ma è per far capire ;) ) e iniziassi a comunicare con lui solo tramite codice binario e linguaggio matematico(e ovviamente soddisfando tutti i suoi bisogni fisiologici): questo col tempo si formerebbe un cervello geniale (in campo matematico) e riuscirebbe a sorprenderci in modo impensabile per voi? oppure è solo fantasia? Poi se dicono che il cervello abbia mille possibilità e che noi sfruttiamo pochissimo del suo potenziale, come mai di geni ce ne sono pochi? è forse possibile "installare" un solo tipo di software o è così difficile installarne uno nuovo dopo una certa età?? :) spero capiate la metafora e la domanda .... p.s. so che scienziati stanno studiando approfonditamente il cervello(un'ultima novità infatti è che hanno scoperto che persino i ricordi si ereditano ....e questo sconvolge molto) forse è inutile/presuntuoso aspettarsi di capire cose che solo la medicina può magari dare in parte risposta... ma è per curiosità!

    1 rispostaAntropologia7 anni fa
  • Domanda e pareri su yahoo answer?

    Non trovate che il fatto di dare punti a qualsiasi risposta sia controproducente nei confronti di chi domanda? Va bene invogliare a usare il sito...ma molti rispondono alla ***** solo per prendere punti. Solo chi ci tiene davvero(o i maniaci che vogliono dare migliore risposta a tutti i costi per prendersi 10 punti) risponde bene. Non sarebbe meglio che dessero i punti in base ai 'pollici in su'? Comunque invoglia a usare il sito e tutti si impegnerebbero a dare risposte migliori.

    6 risposteYahoo Answers7 anni fa
  • Quanti tipi di intelligenza esistono?

    o meglio...quanti e quali tipi di intelligenza vengono riconosciute?

    3 risposteAntropologia7 anni fa
  • Come sarebbe il mondo se tutti iniziassero a dirsi le cose in faccia?

    Mi riferisco alle persone che pensano una cosa ma ne dicono un'altra...per paura o a volte per diplomazia. I rapporti tra le persone come diventerebbero? Sarebbero più autentici e il mondo diventerebbe migliore o saremmo tutti sempre in guerra?

    4 risposteSocietà e culture - Altro7 anni fa
  • Come sarebbe il mondo se tutti iniziassero a dirsi le cose in faccia?

    Mi riferisco alle persone che pensano una cosa ma ne dicono un'altra...per paura o a volte per diplomazia. I rapporti tra le persone come diventerebbero? Sarebbero più autentici e il mondo diventerebbe migliore o saremmo tutti sempre in guerra?

    4 risposteSocietà e culture - Altro7 anni fa
  • Percorso consigliato per diventare copywriter?

    Il mio sogno è diventare copywriter e lavorare nel mondo della comunicazione. Ho scelto di iscrivermi alla laurea in economia aziendale (in modo da avere una base economica, una conoscenza della gestione di un'impresa, delle dinamiche del mercato ecc ecc..) e intendevo poi fare come laurea specialistica quella in marketing e comunicazione. é la strada giusta da fare? Questa laurea è molto tecnica e orienta verso lavori da ragionieri e impiegati in banca vari...io cercavo però un lavoro creativo, che fosse legato alla pubblicità (non alla grafica pubblicitaria, ma alla creazione di progetti e elaborazione di idee creative). Fino ad un anno fa ero orientato a iscrivermi a scienze della comunicazione che sembrava perfetto... purtroppo mi sono informato e ho sentito anche delle esperienze dirette di persone che non trovano lavoro in quanto la loro laurea non viene considerata. è per questo che ho scelto di iscrivermi a economia. Esistono master o percorsi futuri alla triennale ideali per poi diventare copywriter? è giusta la scelta della laurea in economia? grazie mille in anticipo a tutti.

    3 risposteUniversità8 anni fa
  • Percorso consigliato per diventare copywriter?

    Il mio sogno è diventare copywriter e lavorare nel mondo della comunicazione. Ho scelto di iscrivermi alla laurea in economia aziendale (in modo da avere una base economica, una conoscenza della gestione di un'impresa, delle dinamiche del mercato ecc ecc..) e intendevo poi fare come laurea specialistica quella in marketing e comunicazione. é la strada giusta da fare? Questa laurea è molto tecnica e orienta verso lavori da ragionieri e impiegati in banca vari...io cercavo però un lavoro creativo, che fosse legato alla pubblicità (non alla grafica pubblicitaria, ma alla creazione di progetti e elaborazione di idee creative). Fino ad un anno fa ero orientato a iscrivermi a scienze della comunicazione che sembrava perfetto... purtroppo mi sono informato e ho sentito anche delle esperienze dirette di persone che non trovano lavoro in quanto la loro laurea non viene considerata. è per questo che ho scelto di iscrivermi a economia. Esistono master o percorsi futuri alla triennale ideali per poi diventare copywriter? è giusta la scelta della laurea in economia? grazie mille in anticipo a tutti.

  • Che gioco mi consigliate per l'xbox 360?

    Ho l'xbox 360 e adesso che ho finito la scuola posso riusarla (è da settembre che non ho avuto tempo di giocarci!!!) e vorrei comprarmi un nuovo gioco. Non ho idea di cosa potrei scegliere, non sono esperto. Quale gioco mi consigliate? Quali sono i migliori? (mi piacciono i giochi di avventura e lotta, non tanto sparatutto, preferisco lotta corpo a corpo stile assassin's creed o anche giochi come gta. Non mi piace tanto halo e i giochi in prima persona)

    4 risposteVideogiochi8 anni fa
  • Cosa ne pensate della Chiesa cattolica?

    Io sono un cristiano cattolico e rifletto spesso sulla Chiesa e nonostante sia credente(almeno credo in un dio...) non sono un fedele modello in quanto non vado a messa ogni domenica come dovrei e non condivido "alcune" idee. E spesso discutendo con altri e sostenendo queste mie idee mi ritrovo ad esserne ancora più convinto. Io per esempio sarei favorevole a dei cambiamenti alla Chiesa cattolica che secondo me dovrebbe seguire il modello di quella protestante. Una di queste ad esempio riguarda il ruolo dei preti nella società... non sarebbe meglio che questi avessero la possibilità di sposarsi?? io penso che molti credenti si stiano allontanando dalla Chiesa perché vedono la figura del prete come la figura di un uomo represso che si sente estraneo, superiore alla società e che spesso non può capire i problemi di tutti. Avendo la possibilità di costruire una famiglia sono sicuro che si costruirebbe in testa una mentalità diversa, una mentalità da padre. Io purtroppo osservando diversi preti, vedo che questi spesso si sentono a disagio...poi ci sono le eccezioni ovviamente però io parlo sempre in generale, perché solo così è possibile puntare ad un miglioramento a larga scala.

    Altro punto. non capisco perché le donne non possono fare anche loro le "pretesse". sono inferiori per caso? E non rispondetemi che è tradizione fare così perché non ha senso giustificarsi così...

    Altro cosa poi concludo anche se avrei molte altre da dire è la struttura della messa cattolica. Io credo sia rimasta troppo tradizionale. Leggere il vangelo è necessario e anche fare le preghiere tradizionali ma penso che metà del tempo impiegato ad attenersi al vecchio modo di fare messa dovrebbe essere impiegato a discutere di attualità. In questo modo ci sarebbe più partecipazione perché è inutile nascondere il fatto che MOLTISSIMI credenti fanno messa in modo PASSIVO (Spesso capita anche a me ma è l'impostazione della nostra messa che mi porta a non farmi coinvolgere)

    Ho fatto questo discorso perché penso che sia necessario fare un cambiamento, un rinnovamento alla nostra Chiesa perché prevedo che col tempo e con i problemi che aumenteranno ci sia un bisogno particolare della fede e attualmente l'istituzione della Chiesa cattolica è molto statica ed è rimasta indietro. Voi che ne pensate?

    9 risposteReligione e spiritualità9 anni fa
  • Tesina sull'immaginazione e pensiero scientifico?

    Vorrei fare una tesina riguardo il rapporto tra l'immaginazione e la scienza chiedendomi se questi siano destinati a scontrarsi o se sia possibile che tra loro nasca una collaborazione... Come collegamento sicuro ho inglese, che volevo collegare a Dickens, inserendo Hard Times e illustrando lo scontro tra world of imagination di Sissy Jupe e il suo insegnante Gradgind legato a una rigida disciplina e a una mentalità razionale. Con le altre materie ho alcune idee ma abbastanza incerte... voi cosa mi consigliate? In letteratura avevo pensato leopardi ma la sua idea di immaginazione come illusione non c'entra con quello che voglio portare io..credo! In filosofia poi è un disastro...ho cercato e ho trovato un filosofo mai fatto ( Gaston Bachelard) che ha una filosofia che può interessarmi solo che non è abbastanza approfondita su internet e nei miei libri non c'è scritto niente su di lui...voi che collegamento fareste?? Illuminatemi per favore...grazie in anticipo:)

    1 rispostaFilosofia9 anni fa
  • Interpretazione Sogno?

    Tanto tempo fa ho fatto un sogno che ricordo tuttora perfettamente dato che mi ha molto impressionato.

    All'inizio del sogno ci sono io a casa mentre ero in mansarda...fuori era inverno ed era tutto innevato. ad un certo punto nel silenzio della notte sento sbattere il cancello ripetutamente. Guardo in basso dalla finestra e vedo un cavallo bianco che vuole abbattere il cancello per entrare ma dopo un bel po' una zampa rimane incastrata tra le fessure e smette. Il giorno dopo esco di casa da un altro cancello faccio un bel po' di strada e improvvisamente mi accorgo che il cavallo si è liberato, mi ha inseguito x un bel po', io mi sono rifugiato in una casa ma il cavallo con un salto ha rotto i vetri della finestra e con un salto, ha corso verso di me e poi non avendo più via di scampo, mi è saltato addosso..... il sogno è finito così ( probabilmente mi aveva ucciso.. ) che interpretazione date??

    1 rispostaInterpretazione dei sogni9 anni fa
  • Interpretazione sogno?

    Interpretazione sogno?

    Stanotte ho fatto un sogno stranissimo e piuttosto inquietante... ho sognato che inizialmente le unghie dei piedi, ma poi anche quelle delle mani, hanno iniziato a crescere e a mutare poi in rami pieni di foglie ... erano rami di ulivo... questi si diramavano sempre più e sono iniziate a crescere anche olive... O.o... che razza di sogno è? io mi stavo spaventando, non riuscivo a bloccare la crescita di questi rami, credevo di diventare io stesso una pianta! che significato date?

    4 risposteInterpretazione dei sogni9 anni fa