Lv 44.538 points

eddy.mattei

Risposte preferite15%
Risposte1.101
  • Crocifissi: e se fossero tolti?

    Se fossero tolti i crocifissi da tutti i luoghi pubblici (scuole, uffici, bar, ristoranti, negozi) dovrebbero essere tolti anche i simboli delle altre religioni?

    Voi quanti credenti conoscete che protesterebbe pubbicamente dichiarandosi "credenti praticanti"?

    20 risposteReligione e spiritualità8 anni fa
  • Costituzione: cosa dice delle "unioni" (II°tentativo)?

    E' stata cancellata la domanda precedente!!!! Ma è incredibile????? Che aveva di offensivo????

    Nel mio profilo c'è la possibilità di mandarmi una emai: ditemelo!!!

    Riposto con tanto di risposte ricevute:

    Costituzione: cosa dice delle "unioni"?

    Costituzione della Repubblica - Articolo 29

    La Repubblica riconosce i diritti della famiglia come società naturale fondata sul matrimonio.

    Il matrimonio è ordinato sull'eguaglianza morale e giuridica dei coniugi, con i limiti stabiliti dalla legge a garanzia dell'unità familiare.

    Lo Stato Italiano è basato sulla Costituzione, riferimento di tutto l'operato delle istituzioni e dei cittadini e qui la famiglia è pensata come "società naturale fondata sul matrimonio". Questa definizione identifica solo e solamente la famiglia tradizionale oppure ha un respiro più ampio e contempla anche altre tipologie di "famiglie"? Io penso che occorra partire da alcuni punti:

    1) "società naturale": esiste un "diritto naturale" della famiglia a cui la Costituzione si deve sottomettere per non generare delle "mostruosità"? (chiedo scusa agli omosessuali/lesbiche: "mostruosità" è usato solo in opposizione a "naturale" senza alcun intento di offesa)

    2) "matrimonio": i padri costituenti pensavano (o noi possiamo pensare) al matrimonio come "sacramento", alla trasposizione laica del matrimonio religioso (perciò sempre uomo/donna) oppure ad una qualsiasi unione tra due esseri umani?

    3) "famiglia": se i single sono considerati "unità monofamiliari" e siamo davanti al fenomeno di nuovi tipi di famiglie (basti pensare al fenomeno della fecondazione eterologa - vado all'estero, la faccio e poi torno in italia!), di quale tipo di famiglia parlo? La famiglia segue la "legge di natura" o è un valore "socialmente costruito"?

    4) come cambia o dovrebbe cambiare il diritto familiare?

    E' palese a tutti che io sia cattolico e quale possa essere la mia posizione quindi non state a sottolinearlo senza dare un apporto alla discussione. Confrontiamoci su queste cose e stabiliamo i pro e contro di questo articolo che, a mio avviso, potrebbe essere cambiato. Infatti ogni legge ha le sue eccezioni e riguardo ai PACS/DICO ce ne sarebbero alcune di eccezioni che andrebbe contemplate :-)

    Spero che riusciremo a discutere CIVILMENTE E SERENAMENTE !!!!

    24 minuti fa

    - 4 giorni rimanenti per rispondere.

    Dettagli aggiuntivi

    @GABRIELE 333 io ho bloccato quelli che a mio personale avviso intervengono nelle discussioni con atteggiamenti offensivi e provocatori. Devo riconoscere che il suo intervento odierno è stato civile e sensato, forse proprio a motivo del precedente blocco. Io penso che solo gli stupidi non cambino idea e le tolgo il blocco...

    Sono Gabriele333, questo è il mio account di riserva perché mi hai bloccato senza motivo)

    Unione naturale non significa assolutamente unione uomo-donna secondo la costituzione, per naturale si sottolineava la differenza dell'impostazione del matrimonio fascista, ovviamente direzionato. Prima era scontato che fosse tra uomo e donna, non c'era ancora molta espressione omosessuale, ma giusto qualche articolo prima la costituzione parla di pari diritti e dignità sociali per tutti i cittadini italiani.

    (Federico) La Costituzione è stata scritta 65 anni fa, nel frattempo la società è cambiata (non solo in quest'aspetto). Io credo sarebbe giusto ridiscuterla, per rinnovarla e adeguarla ai tempi attuali.

    Non lo lascerei fare a un gruppo di "eletti", ma dovrebbe venire aperto un dibattito costruttivo con tutti gli italiani, fornendo ad ognuno i mezzi per esprimersi.

    Il concetto di famiglia sicuramente solleverebbe grandi scontri. Io penso che si debba offrire a tutti i cittadini pari opportunità nella scelta delle relazioni sentimentali e della loro ufficializzazione, come penso che l'articolo 11 non vada toccato... ma decisamente ATTUATO.

    Il mio sogno? Uno stato veramente laico, equo e nonviolento.

    (Frin_GE) Si parla più di omosessuali qui che nelle categorie apposite..

    io mi farei qualche domanda

    3 risposteReligione e spiritualità8 anni fa
  • Costituzione: cosa dice delle "unioni"?

    Costituzione della Repubblica - Articolo 29

    La Repubblica riconosce i diritti della famiglia come società naturale fondata sul matrimonio.

    Il matrimonio è ordinato sull'eguaglianza morale e giuridica dei coniugi, con i limiti stabiliti dalla legge a garanzia dell'unità familiare.

    Lo Stato Italiano è basato sulla Costituzione, riferimento di tutto l'operato delle istituzioni e dei cittadini e qui la famiglia è pensata come "società naturale fondata sul matrimonio". Questa definizione identifica solo e solamente la famiglia tradizionale oppure ha un respiro più ampio e contempla anche altre tipologie di "famiglie"? Io penso che occorra partire da alcuni punti:

    1) "società naturale": esiste un "diritto naturale" della famiglia a cui la Costituzione si deve sottomettere per non generare delle "mostruosità"? (chiedo scusa agli omosessuali/lesbiche: "mostruosità" è usato solo in opposizione a "naturale" senza alcun intento di offesa)

    2) "matrimonio": i padri costituenti pensavano (o noi possiamo pensare) al matrimonio come "sacramento", alla trasposizione laica del matrimonio religioso (perciò sempre uomo/donna) oppure ad una qualsiasi unione tra due esseri umani?

    3) "famiglia": se i single sono considerati "unità monofamiliari" e siamo davanti al fenomeno di nuovi tipi di famiglie (basti pensare al fenomeno della fecondazione eterologa - vado all'estero, la faccio e poi torno in italia!), di quale tipo di famiglia parlo? La famiglia segue la "legge di natura" o è un valore "socialmente costruito"?

    4) come cambia o dovrebbe cambiare il diritto familiare?

    E' palese a tutti che io sia cattolico e quale possa essere la mia posizione quindi non state a sottolinearlo senza dare un apporto alla discussione. Confrontiamoci su queste cose e stabiliamo i pro e contro di questo articolo che, a mio avviso, potrebbe essere cambiato. Infatti ogni legge ha le sue eccezioni e riguardo ai PACS/DICO ce ne sarebbero alcune di eccezioni che andrebbe contemplate :-)

    Spero che riusciremo a discutere CIVILMENTE E SERENAMENTE !!!!

    3 risposteReligione e spiritualità8 anni fa
  • Quali sono i ruoli familiari oggi?

    Prendiamo un nucleo familiare dove entrambi i genitori hanno un lavoro con prospettive di carriera il cui reddito permetterebbe all'altro coniuge di rimanere a casa.

    Cosa è giusto o meglio: che lavorino entrambi? che lavori uno solo? chi?

    E per i figli: a casa con l'eventuale coniuge oppure a scuola per socializzare e per il lavoro pedagogico?

    9 risposteReligione e spiritualità8 anni fa
  • Dimensioni spazio-temporali differenti?

    Perché la dimensione spazio-temporale dell'uomo e della donna sono differenti?

    L'unico spazio-temporale coincidente è "Caro, 5 minuti e sono pronta" con "Cara, 5 minuti e sono a casa".

    Per la Cristianità questo è ancora un mistero. Per la Scienza?

    2 risposteReligione e spiritualità8 anni fa
  • Perchè la selezione naturale non ha estinto i credenti?

    Se la selezione naturale permette la sopravvivenza del più adatto alla vita nelle situazioni contingenti e a permesso il formarsi del linguaggio, della scrittura ecc ecc perché esistono ancora sia i credenti sia i non credenti?

    I credenti sono un residuo dell'evoluzione destinati a scomparire oppure sono i non credenti quelli che non si stanno adattando?

    E se entrambi fossero adatti, perché pensare che uno sia meglio dell'altro?

    13 risposteReligione e spiritualità8 anni fa
  • Le contraddizioni delle Scritture: la Manna?

    I non credenti citano presunte contraddizioni della Scritture come se i credenti fossero cretini che non le avessero mai viste in minimo 2000 anni. Eppure ce ne sono di incredibili. Vediamone una

    Esodo 16,4 Allora il Signore disse a Mosè: "Ecco, io sto per far piovere pane dal cielo per voi

    Gv 6,31 I nostri padri hanno mangiato la manna nel deserto, come sta scritto: Diede loro da mangiare un pane dal cielo".

    Gv 6,48-50 Io sono il pane della vita. I vostri padri hanno mangiato la manna nel deserto e sono morti; questo è il pane che discende dal cielo, perché chi ne mangia non muoia.

    Dunque, la manna è un pane disceso dal cielo. Cristo dice che Lui è il pane disceso dal cielo e chi mangia questo pane non muore. Quindi la manna è Cristo e chi la mangiava non moriva.

    Perché allora sono morti? Perché Cristo dovrebbe essere differente?

    5 risposteReligione e spiritualità8 anni fa
  • Le contraddizioni delle Scritture: Cristo portatore di pace.?

    I non credenti citano presunte contraddizioni della Scritture come se i credenti fossero cretini che non le avessero mai viste in minimo 2000 anni. Eppure ce ne sono di incredibili. Vediamone una

    “Beati i costruttori di pace, perché questi saranno chiamati figli di Dio” (Mt 5,9)

    Ma come si fa ad essere costruttori di pace se Cristo dichiara: “Non pensate che io sia venuto a portare pace sulla terra; non sono venuto a portare una pace, ma una spada” (Mt 10,34) ???

    E continua

    Sono venuto infatti a separare il figlio dal padre, la figlia dalla madre, la nuora dalla suocera: e i nemici dell`uomo saranno quelli della sua casa. Chi ama il padre o la madre più di me non è degno di me; chi ama il figlio o la figlia più di me non è degno di me

    Alla faccia del Dio buono del NT !!!!

    7 risposteReligione e spiritualità8 anni fa
  • A cosa potrebbe servire la dimostrazione dell'esistenza di Dio?

    Ammettiamo per assurdo che sia possibile dimostrare con un procedimento logico o con qualche prova scientifica l'esistenza di Dio. Servirebbe a far convertire qualcuno? Io direi di no.

    Non crediamo a tutto ciò che esiste anzi, qualcuno addirittura pensa che non tutto quello che esiste sia reale.Non credere a Dio perché non si può dimostrarne l'esistenza è una scusa.

    Non si crede a Dio perché non si crede al suo messaggio?

    Molte volte si ha di Dio una visione distorta, infantile (quella del catechismo di quando avevamo 6 anni), piena di luoghi comuni, di pretese verità scientifiche o di frasi ascoltate qua e la.

    Se abbiamo una sola vita cerchiamo qualcosa che ci possa dare felicità e gioia. Dio non sembra in grado di farlo anzi, ci limita (caso emblematico: il sesso). Non era questo il dubbio di Adamo e Eva? "Dio mi ama veramente o mi tiene schiavo?".

    Questa è la domanda fondamentale da farsi: Dio, GIA' IN QUESTA TERRA e non quando sarò morto, è in grado di rendermi felice?

    8 risposteReligione e spiritualità8 anni fa
  • Perché i giorni della settimana sono chiamati...?

    ... ancora con i nomi mitologici

    Lunedì = Dies Lunae

    Martedì = Dies Martis

    Mercoledì = Dies Mercurii

    Giovedì = Dies Iovis

    Venerdì = Dies Veneris

    Sabato = Dies Saturni

    Domenica = Dies Solis

    Perché lo Stato Laico usa ancora oggi dei nomi mitologici? E' in realtà uno Stato Pagano???

    Se pensate che questa sia una domanda "stupida", sappiate che, secondo me, lo erano in egual misura tutte quelle sul "perché i cristiani celebrano il Natale il 25 dicembre se era una festa pagana?"......

    9 risposteReligione e spiritualità1 decennio fa