Lv 2785 points

Svampi

Risposte preferite70%
Risposte56
  • Hola!! Potreste dirmi cosa ne pensate di questa mini-parte di un mio racconto?

    Premetto che non so come proseguirà, se questo è l'inizio o una parte nel mezzo..-.- Già.. ho le idee molto chiare..-.-

    Il vento ululava tra gli alberi, il cielo plumbeo minacciava di scrollarsi di dosso tutto quel grigiume da un momento all’altro.

    -Aidan! Muoviti! Sta per piovere, accidenti a te e alle tue idee balorde!-

    Un ragazzo dai capelli neri come la notte era fermo nella radura, il naso all’insù, le mani sprofondate nelle tasche della giacca troppo leggera.

    -Insomma! Grover! Ti decidi a venir via o vuoi mettere radici qui!?-

    L’aveva chiamato per cognome, era un cattivo segno. Pessimo, a dirla tutta.

    -Arrivo, Ally. Arrivo.-

    ***

    -Stai sgocciolando dappertutto.-

    -Arguto, il ragazzo. Mi hai fatto prendere tutta la pioggia del Surrey! Ora evita almeno di lamentarti se bagno la tua preziosa casetta.-

    -Non mi sto lamentando , Ally.-

    -Si, lo so. La barbosa, lagnosa, indisponente e irascibile ragazza del Nord sono io.-

    - Non ho mai detto una cosa del genere..-

    -Io si però, e ora sgancia una di quelle barrette al cioccolato che non mi vuoi mai dare.-

    -Cosa ti fa pensare che oggi cambierò idea?-

    -E’ il minimo che tu possa fare, per risarcirmi dei danni fisici e psichici che ho subito questo pomeriggio.-

    Il ragazzo sorrise, avvicinandosi all’armadietto sopra il lavandino.

    -Era solo pioggia, Al.-

    -Col cavolo! Col cavolo che era solo pioggia. Il diluvio universale si è scatenato su di noi!-

    Prese al volo la barretta che le era stata lanciata, e addentandola, si chinò per strizzare i lunghi capelli arancioni.

    -No! Sul pavimento no! Aspetta che prenda un catino almeno! E un asciugamano!-

    -Come siamo diventati perfettini! Mi nascondi qualcosa, Aidan Grover? Una bellissima e affascinante signora dell’ Hampshire sta per venire a farti visita? Sappi che in quel caso non mi leverò dai piedi..-

    Il ragazzo abbassò la testa per nascondere l’espressione triste.

    -Oh no, Aidan, che ho combinato questa volta? Non volevo sporcarti la cucina, prometto che pulirò tutto. E me ne andrò prima che tu possa avere il tempo di gridarmi dietro che anche con lo spazzolone in mano me la cavo alla grande.-

    Un piccolo sorriso fugace comparve sul volto del giovane.

    -Dev’essere qualcosa di serio se nemmeno l’immagine di me, alla presa con le faccende domestiche, ti tira su di morale.-

    La ragazza si avvicinò all’amico.

    -Su, dimmi che hai Aidanuccio..Non farmi stare in pensiero.. Chiquitito, tell me what's wrong .. I'm a shoulder you can cry on.. Your best friend..Se nemmeno la combinazione con gli ABBA e la mia dolce voce da usignolo ti sblocca, non so più davvero che potrei inventarmi..-

    -Al, non c’è bisogno d’inventare niente. Devo dirti una cosa.-

    -Oh, oh. Quando inizi così c’è sempre qualcosa di preoccupante in arrivo. Forse è meglio che mi sieda, non vorrei svenire e affogare nella pozza che ho lasciato sotto il tavolo..-

    -Mi sto per trasferire.-

    -Bene! Via dalla baracca finalmente! E dove sarebbe la tua nuova dimora? Nei quartieri alti, dì la verità, riccastro che non sei altro..-

    -No, Al. Vado in America.-

    Aidan era così. Non balbettava. Non ricorreva a inutili ehm, ehm.. Faceva la sua sparata. E stop. Niente salamelecchi. Ma non serviva ad attutire il colpo.

    -Ah.-

    -Lo so che sei arrabbiata ora. Avrei dovuto dirtelo subito, ma non volevo rovinarti la giornata..-

    -Ti sbagli, non sono per niente arrabbiata.-

    La sua voce tesa faceva intendere tutto il contrario.

    Aidan fissò l’amica, triste.

    -Allora, si potrebbe sapere, di grazia, quando hai deciso di partire alla volta del nuovo continente?-

    -Non ho deciso niente, Al.. Sai bene che devo tornare laggiù..-

    Allyson prese un gran respiro. Doveva riuscire a mantenere la calma. Ma l’ondata di parole che le stava risalendo in corpo proseguiva inarrestabile. Ed esplose, come lava incandescente.

    -Non ci sei mai stato! Non sei mai stato in quel fottutissimo posto! Non devi tornare proprio da nessuna parte! E non rifilarmi le solite stronzat* del “cuore che chiama”, “alla ricerca di me stesso”!-

    -Sei arrabbiata.-

    Non era una domanda.

    -Me ne torno a casa.-

    -No,dai Ally.. aspetta.. dobbiamo parlare, devo spiegarti..-

    Ma la ragazza si era già infilata la sua giacca zuppa e in pochi passi aveva raggiunto la porta.

    -Non c’è niente da spiegare, assolutamente niente.-

    Uno scatto secco. E ad Aidan rimase solo l’involucro di una barretta dimenticata.

    5 risposteLibri ed autori10 anni fa
  • Ehi.. guardate qui..please!?

    Hola! c'è una mia amica ke è in spagna, a barcellona, e vorrebbe sapere come si chiamano i grandi magazzini di cui fernando torres ha fatto la pubblicità.. potreste aiutarmi a cercarli please?

    1 rispostaNotizie ed eventi - Altro1 decennio fa
  • Help Me Please! Il mio ex migliore amico mi odia!?

    Ciao a tutti quelli che hanno avuto la bontà di cliccare sulla mia invocazione.. incomincio a raccontare, vi consiglio di mettervi comodi..

    Esattamente un anno fa io e il mio ex migliore amico eravamo inseparabili. D'estate la mattina veniva a prendermi e andavamo insieme a casa della mia migliore amica, passavamo interi pomeriggi a casa sua, a parlare al telefono, a messaggiare, la sera uscivamo insieme, ci divertivamo un mondo. A lui potevo raccontare tutto, e lui poteva raccontare tutto a me. Gli sono sempre stata vicina, anche quando ha incominciato ad uscire con una compagnia di ragazzi che fumavano canne da mattina a sera. Anche quando veniva a dirmi tutte le cavolate che gli facevano fare, e io cercavo di convincerlo a lasciarli perdere. E' venuto a trovarmi al lago, e ci siamo visti al mare, perchè per una coincidenza siamo andati in vacanza in posti vicini. Poi, a settembre, così all'improvviso è scomparso dalla mia vita. Ho scoperto che mi odiava. Ma non sono mai riuscita a scoprire il perchè. E dopo svariati tentativi per riuscire a parlargli mi sono rassegnata. Mi sono rassegnata ad avere la sua presenza che mi aleggiava costantemente intorno, senza poterla toccare. Mi sono rassegnata a fare incubi tutte le notti su di lui. Credevo che non sarei mai riuscita ad accantonare il suo ricordo. Invece per un po' ci sono riuscita. Ho parlato con un altro amico durante le vacanze di natale, e ho deciso di farmene una ragione. E aveva quasi funzionato. Fino a uno stupido, stupidissimo giorno in cui ho scoperto che saremmo andati a fare una "visitina alla sindone" con degli amici.. e guarda caso c'era dentro pure lui!!! Perchè non vi ho ancora detto che i nostri genitori si conoscono.. evviva! -.- per fortuna alla fine io non ci sono andata, ma mio fratello e mia sorella si, così al ritorno sono venuti tutti qui a casa nostra. E io mi sono nascosta in camera mia. Non lo volevo vedere. Non ci sarei riuscita. Ero sicura che sarei crollata se l'avessi visto trafiggermi con lo sguardo. Sono passati altri mesi, abbiamo fatto pure una pizzata con la vecchia classe, lui ovviamente mi ha ignorato bellamente. Gli ho mandato un messaggio, in cui mi scusavo, mi scusavo per qualcosa che avevo fatto e di cui ero all'oscuro. Non mi ha risposto. La cosa peggiore è che abitiamo in un paese piccolo, e quindi è facile incontrarlo, tanto quanto trovare un piccione in piazza del Duomo a Milano. Esco con gli amici e lui arriva. Puntualmente. E saluta tutti, elencando i nomi di chi c'è, tranne il mio. E' una cosa ridicola se ci si pensa, ma a me non viene da ridere. Mi viene da fare l'opposto. Ma non posso. Non posso piangere. Mi sento assurda, perchè è un anno che va avanti questa storia, e a me manca, mi manca, mi manca, mi manca. Non riesco ad odiarlo, neanche un po'. Come posso dimenticarlo? E' forse possibile??

    Mi dispiace di avervi annoiato.. molto probabilmente sto parlando con il vuoto ora.. ma se c'è qualcuno che ha letto questo sproloquio fino in fondo, allora perfavore, potrebbe darmi un consiglio..?

    7 risposteAmici1 decennio fa