Lv 31.973 points

Alcorijk

Risposte preferite15%
Risposte412
  • titolo canzone grazie 10 pt?

    è un pezzo dance,nel video si vedono 2 ragazzi in una città del sud est asiatico,all'inizio sono amici,poi uno impara la breakdance mentre all'altro sparano.chi ha visto il video dovrebbe aver capito spero.

    1 rispostaMusica - Altro8 anni fa
  • aiuto grafica videogiochi?

    allora:ho da poco formattato il computer (è un laptop),e ho dovuto reinstallare tutto da zero.prima della formattazione giocavo a call of duty e girava perfettamente.ora che l'ho reinstallato però continua ad avere dei glitch grafici.per il resto gira alla perfezione,niente scatti o cose simili.ma quando si tratta di grafica,è come se delle sezioni degli oggetti fossero invisibili,es parti di fucili,di muri ecc.ho provato ad aggiornare i driver della scheda video,ma mi dice che sono tutti aggiornati.diretcx 11 installata.

    ho l'impressione che nella formattazione del computer ho dimenticato qualcosa,ma cosa?

    grazie a tutti.

    2 risposteVideogiochi9 anni fa
  • è necessaria una precisazione?

    volevo fare una precisazione sulla domanda recentemente posta da stanislao e sulla risposta data da sfigato (entrambi utenti che stimo).questa qui http://it.answers.yahoo.com/question/index;_ylt=Ak...

    non ho fatto in tempo a rispondere,e visto che siamo in tema di disinformazione.

    parto con il porre all'attenzione del popolo la risposta:

    1)forse tu non hai ben presente come sia la situazione a napoli...

    2)hai ragione

    3)tutte le am vere insegnano ad assassinare.se stiamo qui a fare i giochi è un conto,ma se parliamo di arti "da guerra",l'obbiettivo principale è cagionare la morte del nostro avversario,altrimenti detto omicidio volontario.può sembrare brutto da dire ma è così.

    4)ok

    5)il parkour come fenomeno di massa è da bimbiminkia come tutti i fenomeni di massa.ma non dimentichiamoci che:primo il parkour è per stessa ammissione dei suoi creratori molto più simile ad un'arte marziale che a uno sport,sia perchè il vero pk(e non il free running) mira all'applicazione reale,e rifugge la definizione di "sport",sia perchè ha come scopo la scoperta di se stessi piuttosto che il risultato agonistico o i gesto atletico.secondo,parkour significa percorso,e fa riferimento ai percorsi militari usati nell'addestramento dei corpi speciali francesi,per imparare a muoversi efficaciemente su tutti i terreni,urbani o boschivi che fossero.dunque ha una vera e propria matrice militare,o marziale.e comunque io il parkour non lo vedrei bene in nessun'altra sezione.

    sono in ogni caso d'accordo sulle conclusioni finali sulla cattiva influenza di never back down,manga e cultura americana.

    e ora passiamo alla domanda originaria.

    ma chiedersi quale sia lo stile migliore,non implica forse di dare per scontata l'esistenza di più stili?

    e non è forse questo l'errore da cui bruce lee cercava di metterci in guardia?una suddivisione che esiste prima di tutto dentro di noi,e non fuori?

    e questo porta direttamente alla mia nuova domanda che riapre una vecchia questione.

    quante sono le arti marziali?sono davvero così tante,o è una sola,quella che ci fa vincere?

    e se è una sola,quali sono i suoi tratti distintivi,che trascendono i singoli "stili"?

    rispondete,e sentitevi liberi di commentare o criticare quanto ho scritto.

    4 risposteArti marziali1 decennio fa
  • una domanda sul karate.?

    ho sentito che tutto il karate non sia altro che le prime tre forme del kempo,stilizzate e dilatate a tal punto da creare un nuova arte marziale.ma è vero?qualcuno ha delle informazioni più precise al riguardo?

    per favore non linkatemi la pagina di wikipedia che parla di okinawa e del tode e di quelle cose lì perchè già le so.

    3 risposteArti marziali1 decennio fa
  • Arte marziale migliore?

    A seguito di alcuni recenti avvenimenti,sono giunto alla conclusione che il praticante sia il pilota,e la macchina sia l'arte marziale,e la pista sia il contesto.Per cui shumacher su una punto(una punto sport,ok) darebbe ***** a me su una ferrari a monaco (senza alcun dubbio).

    Scendendo nel concreto,voglio parlare di due arti marziali che conosco,che pratico,e che continuerò a praticare.Il taekwondo e il jeetkunedo.Se facciamo un combattimento sportivo,la differenza la fa il praticante,non c'è dubbio.Per strada se facciamo una rissa da bar,cioè dove tutti si pestano ma nessuno vuole uccidere nessuno,la differenza la fa di nuovo il praticante,vero anche questo.Ma se,dio ce ne scampi,si dovesse fare sul serio,il praticante di jkd,ammesso che abbia capito l'arte,abbia sviluppato i vari attributi blablabla ecc ecc,quando si mette a fare scherma di finger jab,cioè,non ce ne per nussuno.A parità di rapidità,non riesco proprio a vedere come uno di tkd possa battere uno di jkd.E questo vale per la maggior parte delle arti marziali con cui sono entrato in contatto.Ad esempio nel karate tradizionale ci sono i colpi alla gola(o peggio),ma non sono trattati con una mentalità schermistica.Una stoccata di dita ha un effetto devastante,mortale se è un colpo pulito,incapacitante se comunque arriva a bersaglio,tatticamente vantaggiosa anche se è un colpo di striscio,e in più non richiede nè chissa quale forza o scioltezza.Un calcio fa molto male,forse ko,se preso in pieno,se arriva a bersaglio senza caricamento fa poco o niente,ma potrebbe comunque conferire un vantaggio(vedi uno stop),se arriva di striscio non può assolutamente nulla contro un avversario un minimo allenato,anzi rischia di farci perdere l'equilibrio ed esporci eccessivamente.In ogni caso per essere efficacie necessita di forza e agilità.

    Tutte queste considerazioni originano da una prova che abbiamo fatto qualche tempo fa:combattimento coi guantini,stile mma (ok è uno sport,ma lasciatemi finire) e mascherine anti schegge,con la regola che si fa normale mma,quindi pugni calci lotta,ma con in più le stoccate,e se l'arbitro ne vede una che va a bersaglio la vittoria è immediatamente data a chi la ha fatta.E c'era gente che normalmente mi stritola,e io perdo sempre,ma proprio sempre.Risultato:capito il meccanismo,la durata media degli incontri era 5-6 secondi.5 secondi di scherma,e poi BAM! colpo vincente.Le si provava tutte,ma alla fine la conclusione era:perchè rischiare un calcio,o una presa,o un seplice pugno,quando per perdere basta così poco?e oltretutto il finger jab è efficacie anche a terra.

    Per cui la mia conclusione è:in un contesto di fight or fly,la tecnica in assoluto migliore di tutte le arti marziali è la stoccata.Non copre tutte le possibilità,ma la maggior parte si.

    A questo punto,la domanda è:e se il jkd fosse davvero l'arte marziale migliore(per lo meno in un contesto di vita o di morte)?Voi cosa ne pensate?

    9 risposteArti marziali1 decennio fa
  • un dubbio sul pugno da tre pollici?

    mi sono imbattuto in un esercizio per così dire tradizionale,io abituato più che altro ai metodi moderni,che consiste nello spegnere una candela con questo tipo di colpo,e anche altri.secondo voi,una forma d'allenamento di questo tipo è utile?non è dannosa per le articolazioni?può reggere il confronto con i metodi moderni fatti di dati scientifici?grazie

    3 risposteArti marziali1 decennio fa
  • sul wireless....help?

    esiste un'antenna per migliorare la recezione da parte del mio computer di una rete wireless?

    possibilmente economica...

    5 risposteReti1 decennio fa
  • domanda sullo iaido..?

    ammetto la mia completa ignoranza sull'argomento.ho guardato il video di yamazaki postato da auri in un altra domanda ( http://it.answers.yahoo.com/question/index;_ylt=Au... )

    secondo il mio parere da profano i suoi movimenti non mi sembrano per nulla veloci (come credevo dovessero essere nello iaido) e di esecuzione piuttosto semplice.non dico che ce la farebbe chiunque,ma non mi sembrano cosi' difficili da richiedere un ottavo dan.ovviamente mi sbaglio,e mi sto certamente perdendo qualche particolare.non voglio essere presuntuoso,ed è per questo che faccio questa domanda.cosa distingue un ottavo dan da un grado più basso?è la concentrazione necessaria a ricordarsi con precisione un kata di 10 minuti?(io mi sarei già confuso 20 volte)Quale particolare della sua tecnica mi sto perdendo?

    voglio ribadire che nello iaido ho il massimo rispetto,è una di quelle arti marziali in cima alla mia lista di "se avessi il tempo e i soldi la farei",e non escludo di trovarmi a praticarla più in là nella mia vita.

    sono molto curioso di sapere...

    3 risposteArti marziali1 decennio fa
  • statistiche e numeri impersonali?

    La domanda è sempre la stessa.E la premessa anche:la differenza la fa il praticante,la vittoria dipende da troppe variabili,sia fisse che casuali.

    Ora,esistono le statistiche ed esistono i singoli individui.Le statistiche,per loro natura,non possono dare nessuna informazione certa sui singoli.ma supponiamo che,in un campo neutro,diciamo un prato sconfinato,si affrontino,una coppia alla volta,100 karateki contro 100 muratori/camionisti inca2zati.in pratica ci sono cento incontri,ciascuno dei quali è tra un karateka e un camionista/muratore inca2zato.quale sarebbe,secondo voi, la percentuale delle vittorie?e tra 100 karateki e 100 uinciunisti?e tra 100 uinciunisti e 100 muratori?

    6 risposteArti marziali1 decennio fa
  • Ma esiste o no..........................?

    Esiste un'arte marziale migliore di un'altra,dal punto di vista della biomeccanica,dell'economicità del movimento,del contesto del combattimento,e di altri parametri oggettivi e/o scientifici,fermo restando che sul campo ci sono cosi' tante variabili in gioco che alla fine la differenza la fa il praticante?

    (copia incolla brutale) a e la differenza la fa il praticante anche per quel che riguarda il fisico.detto questo...esiste l'arte marziale di cui sopra?

    9 risposteArti marziali1 decennio fa
  • ho un dubbio sul wing tsun?

    ma la molla,la fate come riflesso condizionato o potete controllarla?cioè,se vi trovate nella condizione di farla,la fate sempre e comunque?Cosa NON voglio dire:che per strada un tuo amico ti dice "o bella" e di da una pacca sfortunata e gli arriva una pizza in faccia.e non vorrei nemmeno entrare nel discorso di cosa è giusto se agire per schemi fissi o no(per quanto possibile).Dico solo 1) in combattimento 2)la fate senza pensarci un secondo?è un principio inscindibile?

    7 risposteArti marziali1 decennio fa
  • una domanda sul karate?

    Come si chiama lo stile che fa Jin in tekken 4?Qualcuno lo sa?Sul manuale c'è scritto karate tradizionale,ma nulla di più.Volevo sapere se è uno stile inventato o se ha dei fondamenti reali.Non tekken 1,2 o 3 (in cui fa karate inventato stile mishima).Visto che mi sembra diverso da tutto il karate che ho visto finora sono curioso di sapere di che si tratta.

    5 risposteArti marziali1 decennio fa
  • Qual'è la vostra strategia?

    Ho letto un intervista a uno dei gracie,che faceva le mma,e alla domada se la startegia conta nel suo sport ha risposto qualcosa del genere:"certo che conta.spesso quando chiedi a un lottatore qual'è la sua strategia lui risponde:lo attacco con due o tre pugni in faccia,lo porto a terra e lo monto,gli tiro delle gomitate in faccia e poi lo finisco con uno strangolamento.

    Ma questa non è startegia,questo è un desiderio.un desiderio è qualcosa di diverso dalla strategia.la vera startegia conta"

    Con in mente queste parole ho riflettuto che alcune volte nelle arti che pratico mi insegnano dei desideri,più che delle startegie.

    E voi che mi dite?qual'è la vostra vera strategia?

    6 risposteArti marziali1 decennio fa
  • domanda seria,mi chiedevo..?

    Probabilmente questa domanda è già stata fatta,ma ho cercato e non l'ho trovata da nessuna parte.Ma tra un ninja e un pirata,chi vincerebbe?Stavo pensando a che lavoro fare da grande e non so scegliermi,il guaio e che mi piacciono tutti e due.

    per favore non rispondete caxxate tipo "sono vissuti in epoche diverse","dipende dal praticante" ecc...

    Grazie

    15 risposteArti marziali1 decennio fa
  • Domanda sulla muay thai "tradizionale"?

    Ho sentito dire che è vero che la muay thai esiste da un migliaio di anni, ma è sempre stata uno sport da combattimento, e la cosidetta muay thai "tradizionale", mi sembra la chiamino muay boran, è in realtà un invenzione dell'ultima ora.Niente guardie di palazzo che combattevano a gomitate dunque, e semmai il metodo di combattimento tradizionale era costituito da tecniche di spada o comunque armate con l'aggiunta di qualche percussione di gomito o ginocchio in caso di corpo a corpo molto ravvicinato,ma niente di particolarmente elaborato.

    Con questo non voglio mettere in dubbio l'efficacia del muay boran, ero solo incuriosito da questo fatto del "tradizionale" che era tutta una montatura e volevo sentire il parere di altri marzialisti

    5 risposteArti marziali1 decennio fa
  • Libera te stesso dal karate?

    Bruce Lee (e non il primo che passa) lo ripeteva di continuo in film/telefilm/interviste/libri vari

    Voi cosa ne pensate?

    12 risposteArti marziali1 decennio fa