Lv 55.188 points

comfortably numb.

Risposte preferite8%
Risposte1.666
Domande259

ciao, ho la vagina.

  • Perchè il ragazzo deve essere sempre più grande della ragazza?

    Vado all'ultimo anno del liceo e sto uscendo con un ragazzo del terzo anno, che tra l'altro ha fatto anche la primina, quindi ha solo 15 anni mentre io ne ho 18 (anche se fisicamente sembra più grande di me).

    Perchè risulta così strano? Se io avessi avuto 15 anni e lui 18 sarebbe andato tutto bene. Perchè sono più scandalosi un paio d'anni in meno in un ragazzo che una decina d'anni in una ragazza?

    Io credo che, innanzitutto, la maturità di una persona non dipenda dall'età anagrafica. Tra l'altro lui ha avuto molte esperienze, forse più di me, anche a livello sessuale (non me l'ha detto espressamente, ma si è capito). Inoltre penso che giochino un ruolo importante le personalità delle persone, cosa si cerca in un rapporto. Una ragazza che cerca protezione sicuramente la troverà in una persona più grande di lei. E se io non cercassi questo? E se la cercasse lui? I maschi non hanno bisogno di protezione?

    Oltre a queste ragioni, posso dire di avere avuto esperienze con ragazzi più grandi, anche di un bel po', e non sono mai stata tanto bene, anche se io e lui ci conosciamo da poco e la relazione non è ancora seria. Senza usare paroloni e dire cose azzardate, credo che lui valga più di tutti i ragazzi -presunti "uomini"- con cui sono stata.

    Però, dato che i pregiudizi nascono per un motivo, vorrei sapere cosa c'è di così sbagliato in una cosa del genere. Avete avuto esperienze? Perchè non dovrebbe funzionare?

    3 risposteAdolescenza7 anni fa
  • Domanda trita e ritrita: può esistere amicizia tra maschio e femmina?

    Vi spiego la mia situazione.

    C'è questo ragazzo che è un casino vivente. Dice di essere innamorato di una sua amica che vive in un'altra città, ed è piuttosto credibile in questo, si vede dal modo in cui ne parla, dalle loro foto insieme, ma contemporaneamente esce con un'altra perchè dice che "ne ha bisogno" e che "deve distrarsi". Non lo biasimo per questo, non è certo una bella cosa, ma non può mica struggersi finchè l'amica non torna.

    Tutte le cose che ho scritto sopra portano a pensare che io sia proprio il suo ultimo pensiero.

    Ma da quando ci conosciamo -pochissimo, qualche settimana- stiamo vivendo praticamente in simbiosi. Mi sveglio la mattina e cominciamo a mandarci messaggi, a scuola usciamo di classe insieme per incontrarci in corridoio, all'uscita di scuola ci incontriamo, non ci facciamo problemi ad uscire insieme da soli, ci sentiamo per tutto il giorno, fino a quando andiamo a dormire.

    Io con i miei altri amici/amiche non mi comporto così. E so che lui non mi vede nè come lesbica nè come vede la ragazza con cui sta uscendo (una vagina con cui distrarsi), perchè non ci ha mai provato. Ma so anche che continua a sostenere di essere innamorato di quella sua amica. Sembriamo due fidanzati che non scopano.

    Scusate se sono stata contorta.

    Ma, secondo voi, credete che una cosa del genere sia credibile come amicizia? Può esistere?

    3 risposteAdolescenza7 anni fa
  • Ho quasi 18 anni e non ho mai avuto una relazione VERA!!?

    Sono uscita con abbastanza ragazzi.

    Il primo a 13 anni e l'ultimo a Luglio. Con questo qui è finita nel disinteresse più totale.

    Il fatto è che tutte le mie relazioni sono state superficiali da far schifo, con ragazzi che ritenevo simpatici e carini, sì, ma senza nessun particolare coinvolgimento. Mai superati i due mesi.

    Per questo sono vergine. Credo che nessuno dei ragazzi che ho baciato si meritasse di andare oltre con me. Non è che ce l'ho d'oro, e non sono neppure la tipica ragazza romantica che aspetta l'amore della sua vita (non lo sono per niente), ma non voglio una prima volta squallida e priva di significato, vorrei che fosse con un ragazzo che ci tiene a me, e a cui tengo.

    Il fatto è che mi domando il perchè.

    Non sono brutta, i ragazzi interessati a me ci sono, non sono neppure stupida. Non credo di avere nulla in meno rispetto alle altre ragazze che a 14 anni hanno fatto l'amore con qualcuno che amavano, che alla mia età portano avanti relazioni di un anno, amano e vengono amate, o -se amare è una parola grande-, almeno hanno un ragazzo a cui importi di loro. Credo di meritarmi anch'io una cosa simile.

    Solo che non arriva. Arrivano solo ragazzi profondi quanto una pozzanghera che di me non se ne fregano niente. E io col càzzo che ci perdo la verginità.

    C'è stato un ragazzo di cui forse ero innamorata. Ma lui, dopo essersi avvicinato moltissimo a me, dopo che parlavamo sul serio, di cose di cui non si parla con tutti, si è messo con un'altra della quale sostiene di essere perdutamente innamorato. Ecco. Mi chiedo: perchè lei merita di essere amata e io no?

    Sono l'unica in una situazione del genere?

    9 risposteAdolescenza7 anni fa
  • Calcolo massa a partire dal volume?

    Un volume di 11,2 litri di CH4 in condizioni standard (0° C e 1 atm) ha una massa pari a grammi:

    A) 8

    B) 4

    C) 10

    D) 11

    E) 16

    Potete spiegarmi come si fa, per favore?

    2 risposteChimica7 anni fa
  • Perchè va così di moda tagliarsi?

    La gente su Ask che posta quelle storielle ridicole e vittimiste, spesso inventate, su come si squarta.

    Ma perchè?

    Vorrei tanto che stessero male sul serio, che davvero non potessero fare a meno di prendere la lametta. Capirebbero che è una cosa che ti riempie così tanto di vergogna che non lo racconteresti a nessuno, nemmeno ai tuoi genitori, nemmeno al tuo migliore amico, per non essere trattato con le pinzette, come un pazzo squilibrato col quale stare attenti. Io sono arrivata a non essere più capace di nascondere la cosa, a dover uscire dalla classe all'improvviso dicendo che mi gira la testa, perchè altrimenti spaccherei qualcosa, e sono stata sul punto di raccontare tutto a tutti, o solo a qualcuno, ma non ho mai detto niente, perchè è una cosa così spaventosa e che mi fa così vergognare ...

    Se qualcuno ha delle teorie, mi spiegate, per favore, cosa c'è di bello ed attraente nell'idea di tagliarsi? Cosa c'è di cui vantarsi? Da sbattere sui social network? Con nome e cognome tra l'altro, da sottolineare. Una cosa è sfogarsi, che è più o meno quello che sto facendo io qui in anonimato, e una cosa è alzare una lametta come un trofeo.

    Spiegatemi, per favore.

    3 risposteAdolescenza7 anni fa
  • Quanti invitati a una festa di 18 anni?

    Il locale dove faccio la festa non é enorme, ma abbastanza grande, c'é la piscina e si balla.

    Considerando pochi parenti, una quindicina, sono incerta su quante persone invitare.

    Ovviamente gli amici più intimi, e poi? Ci sono comunque altre persone che frequento e che mi sono simpatiche.

    Per dare l'idea di una vera festa, e non di un incontro tra amici stretti, quanti dovrebbero essere gli invitati? A voi quanti erano o saranno? Ovviamente non voglio eccedere troppo, eh.

    3 risposteAdolescenza7 anni fa
  • Vergine a quasi 18 anni?

    Ma il fatto é che non mi sento una sfigata.

    Non sono brutta, ho avuto tante occasioni di fare sesso e puntualmente ho evitato la situazione o mi sono fermata dove volevo.

    Non voglio essere sverginata dal primo ******** che passa. Non cerco certo l'amore della mia vita, semplicemente uno meno imbecille di quelli con cui sono stata, uno che un po' a me ci tenga.

    É tanto anormale che io la pensi cosí?

    Tutti dicono di aver fatto sesso la prima volta con qualcuno che amavano, ma io non ci credo troppo.

    Soprattutto, é tanto normale che io non abbia trovato ancora qualcuno come lo cerco? Perché mi capitano tutti i peggiori?

    Vedo ragazze brutte e squallide che cambiano ragazzi come calzini. Io non saró una fotomodella, ma oggettivamente schifo non faccio.

    Come mai allora?

    7 risposteAdolescenza7 anni fa
  • Festa di 18 anni in piscina?

    Ciao a tutti! =)

    Ad agosto compio 18 anni, e nella prima settimana di settembre vorrei dare una festa. Non ditemi che è uno spreco di soldi, se non ne avessi avuto la possibilità e non avessi vinto dei soldi ad un concorso non l'avrei mai fatta.

    Ho scelto un locale con la piscina. Avevo pensato di fare prima il buffet, le foto con gli invitati e la torta ecc ..., e poi metterci in costume! (tempo permettendo)

    Ovviamente non spero che tutti lo facciano, al massimo un decina-quindicina di amici. Essendo inizio settembre, non credo morirebbero di freddo.

    L'unico problema è che dovrebbero portarsi i teli da casa e rovinarsi il trucco. Per me non è un problema, figuratevi, nemmeno dopo ore di parrucchiere. Non mi va di fare una festa ingessata come tutte le altre a cui sono stata. Però non voglio che i miei amici si sentano obbligati per farmi felice! (lo farebbero)

    Che dite? Potrebbe essere una festa divertente anche per gli altri, o solo per me che sono una tipa strana? Voi fareste il bagno?

    4 risposteAdolescenza7 anni fa
  • Farsi accompagnare da un ragazzo a una festa?

    Allora, tra una settimana c'è una festa di 18 anni a cui sono stata invitata.

    Ho già sborsato i soldi per il regalo, e avevo detto di andare, quando vengo a sapere che praticamente tutte le persone che conosco sono a coppie e io sono single.

    La cosa risulterebbe imbarazzante.

    Le mie amiche mi avevano consigliato di farmi accompagnare da qualcuno.

    Questo qualcuno potrebbe essere un mio amico con cui mi trovo molto bene, e che mi dicono sia interessato a me. Io non escludo il fatto che potrei essere interessata a lui.

    Il problema è che mi domandavo: trovandoci a parlare, se gli chiedessi di accompagnarmi o se lui si offrisse di farlo, sarebbe come uscire insieme? O dichiarare di essere interessati? O è di norma farsi accompagnare da un semplice amico ad una festa?

    Lui è un bravissimo ragazzo, e io vorrei andarci.

    Che mi consigliate?

    4 risposteAdolescenza7 anni fa
  • In cosa consiste di preciso la decolorazione?

    Salve :)

    Allora, io sono bionda scura naturale, ma qualche mese fa ho tinto i capelli di un rosso mogano (mi pare 5.5), e adesso vorrei tornare al mio colore. Il parrucchiere mi ha detto che l'unico modo è la decolorazione.

    Innanzitutto, è davvero l'unico modo? E' così devastante come dicono per il capello?

    Non so neanche bene in cosa consista. Quanto dura tutto il processo? Insomma, quanto mi ci vorrà per tornare al mio colore naturale? E nel frattempo come saranno i miei capelli?

    (troppe domande)

    2 risposteAcconciature8 anni fa
  • Andare a studiare all'estero è una scelta troppo avventata?

    Al momento frequento il quarto anno del liceo scientifico, vado bene e conto di uscire con un voto dal 95 in poi. Dopo vorrei fare biologia con specializzazione in ingegneria genetica, oppure medicina e chirurgia.

    Il fatto è che avevo pensato di non farlo in Italia, ma nel Regno Unito, precisamente in Scozia, dato che in Inghilterra le università sono private e con tasse eccessivamente alte per una famiglia con un reddito nella media come la mia.

    Ho una certificazione C1 in lingua inglese, e quest'anno prenderò la C2, che è il massimo, quindi in teoria non dovrei avere problemi con la lingua. Quello che mi spaventa è innanzitutto il fattore economico. Non so quanto sia facile trovare lavoro lì, nè quanto possano venirmi a costare vitto e alloggio. I miei genitori mi aiuterebbero, ma nel limite del possibile.

    Il punto è che io non voglio restare a vita nella mia città, non mi sento al mio posto. Tra l'altro lavorare dignitosamente nel campo della ricerca biologica in Italia è quasi impossibile, ed entrare a Medicina è una lotteria. So che la Gran Bretagna non è un mondo utopico, che i problemi ci sono anche lì, ma che io sappia si investe molto di più sul lavoro e sullo studio. Potrei trasferirmi dopo gli studi (sempre che io riesca ad entrare, ovviamente), ma credo che, trattandosi di materie scientifiche piene di termini tecnici, potrebbe risultare ancora più problematico dover trasporre in un'altra lingua tutto quello imparato in anni di università. E intanto, aspettando il test di Medicina, mi giocherei comunque un anno, perchè per accedere in Scozia dovrei iscrivermi già il prossimo gennaio.

    So di essere forse troppo ansiosa, ma è una scelta importantissima, e non voglio farla all'ultimo minuto.

    Cosa mi consigliate?

    (scusate la categoria, ma è quella dove risponde più gente!)

    4 risposteAdolescenza8 anni fa
  • Andare a un concerto di nascosto?

    Il 6 Luglio vorrei andare con un mio amico a Roma, per il concerto dei Muse.

    Ci ho provato in tutti i modi, ma i miei non me lo permettono. E ho 17 anni, non 12.

    Quindi voglio andarci di nascosto.

    I soldi del biglietto me li anticipa questo amico, dato che i miei risparmi non sono ancora abbastanza. Metto da parte le paghette e dico di averle spese.

    Il 6 dico che andrò a vedere Roma con le mie amiche (non ci siamo mai state).

    Ora. Dite che mi metterei troppo nei guai? Avete mai fatto qualcosa di simile?

    4 risposteAdolescenza8 anni fa
  • Dovrei andare ad un concerto in un'altra città, da sola?!!?

    Ecco, vorrei evitarlo.

    Un mio amico l'ha fatto, ma lui è un pazzo, io non sono così espansiva, sono una complessata, lo ammetto, non me lo godrei, forse. Troppe virgole.

    Comunque vengono i Muse in Italia, e io che li adoro ovviamente vorrei andare al concerto. Sono di Napoli, dovrei arrivare a Roma, e dato che ho 17 anni dovrei prendere il treno o farmi accompagnare dai miei.

    Il fatto è che i cantanti che piacciono a me non piacciono ai miei amici, e quindi ho perso decine di occasioni con decine di band solo perchè nessuno era disposto ad accompagnarmi.

    Come posso fare?

    Ad andarci da sola mi sentirei in soggezione, ad andare con un genitore credo lo stesso. Dovrei provarci? O mi inginocchio e cerco di convincere qualche amico?

    7 risposteAdolescenza8 anni fa
  • Gli psicologi servono davvero a qualcosa?

    Mi dispiace se mi dilungo, spero che qualcuno risponda lo stesso.

    Ho 17 anni e frequento il liceo scientifico, ho buoni voti, ho la mia comitiva, esco, vado alle feste, rido e scherzo, faccio, in pratica, tutto quello che fanno le ragazze alla mia età.

    Salvo alcuni dettagli, che ho sempre pensato fossero normali nell'adolescenza, ma che ultimamente vanno peggiorando.

    Un paio d'anni fa mi sono provocata più volte il vomito, e tutt'ora, nonostante io porti una 42 e riceva complimenti, insisto col sostenere di non potermi permettere certi abbigliamenti. Tutto a posto fin qui, solo insicurezza, capita. Poi l'estate scorsa mi sono chiusa in bagno, ho preso una lametta, e mi sono fatta dei tagli, da sola. Qualche giorno fa l'ho rifatto. Ho delle crisi isteriche, causate da strònzate, la maggior parte delle volte mancanza di beni materiali, tipo vestiti, cellulare nuovo, o cose simili. Mi vergogno a dirlo, perchè fuori da questi momenti non sono un bimbetta viziata, ma a un certo punto esplodo, picchio la prima cosa o persona che mi trovo davanti e (mi vergogno immensamente a dirlo) mordo, mi manca il respiro e mi gira la testa. Vi prego, non prendetemi in giro. Nessuno dei miei amici lo sa, credo che a nessuno interessi. Se vedono i tagli io mi invento qualcosa, mi guardano strano e finisce lì. In famiglia, dopo che succedono queste cose, i miei non mi parlano per giorni, e hanno ragione. Gli creo stress. Ma non fraintendete, mio padre non è bravo ad ascoltare e mia madre è una che pretende molto dai figli, ma mi vogliono bene, e lo dimostrano.

    Non ho avuto traumi da piccola. Non credo. Eppure ricordo di aver desiderato di morire, certe volte, anche a 8 anni. Non avevo amichette. Se ce le avevo, mi abbandonavano dopo un po' e io ero sempre quella seduta da sola in classe. Da piccola ero molto intelligente, ma questo non piaceva a nessuno. Sono una che fa solo ridere, a cui nessuno si lega. Succede anche adesso. Non ho una migliore amica, non sono la prima scelta di nessuno. Ma sono cose normali, no? Non c'è da impazzirci. Alle medie mi prendevano in giro, perchè ero bruttina e sono sempre stata un po' stramba, lo sono ancora. Mi facevano scoppiare a piangere in classe e io avrei voluto scomparire. Se penso al mio futuro, piango. Voglio fare tante cose e ho paura di non farne nessuna, voglio superare tutti, sono terrorizzata dal fallimento, vorrei restare al liceo per sempre. Ho l'ansia di non vivere al massimo la vita, di non fare tutto il possibile per me stessa, di non godermi l'adolescenza, voglio sempre fare cose nuove, sperimentare tutto (proprio tutto, non so se mi spiego).

    Spesso le persone non mi capiscono. Non in senso metaforico, in senso pratico. Non capisco ciò che dico, io parlo e loro mi guardano strano, mi dicono "Eh? Cosa intendi? Che significa?". Ho iniziato a tremare e sudare quando devo parlare ad alta voce, mi sono quasi stancata di esprimere le mie idee, a nessuno interessano e nessuno ci si trova, e, essendo una persona sopra le righe, questo mi terrorizza. Sono sempre un po' esclusa, diversa, ho i miei "amici" ma loro danno per scontato che io sia un caso a parte, e a lungo andare ho imparato a fare così anch'io.

    Basta, mi sono dilungata troppo. A un certo punto, comunque, mia madre mi fa "Se pensassimo di vedere un medico?" e io le rispondo "Quelli non servono a niente".

    Ho fatto male? Dovrei provarci? E' il caso? O è tutto normale, sono solo un po' nervosa? Servirebbe a qualcosa?

    8 rispostePsicologia8 anni fa
  • Devo improvvisare un danza etnica per farvi aprire la domanda?

    Mi serve un consiglio.

    Ho già chiesto due volte, ma nessuno mi ha risposto, quindi scusate.

    Dato che il mio compleanno è in estate e non posso festeggiarlo con gli amici con cui sto tutto l'anno, ho deciso di festeggiare il compleanno.

    Il problema è: quante persone invitare?

    Premetto che non voglio fare le cose in grande e tra l'altro ho 17 anni e i miei non mi permettono di invitare mezza città. Più che una festa, è una serata tra amici, tra l'altro siamo a casa mia, e anche se ho un salone piuttosto grande, non ho terrazzo o simili.

    Gli amici con cui esco il sabato sono pochi, una quindicina, e quelli ci devono essere per forza. Il problema è se invitare o no qualcun altro, dato che invitando una persona, poi ti senti obbligato, per non fare brutta figura, ad invitare tutte le altre dello stesso "gruppo", non so se mi spiego.

    Quindi per pormi un limite, quante persone si dovrebbero invitare secondo voi?

    4 risposteAdolescenza8 anni fa
  • Meglio bionda o rossa?

    Le foto non sono molto simili, ma sono quelle in cui si vede meglio il colore.

    http://imageshack.us/photo/my-images/28/3815592779...

    http://imageshack.us/photo/my-images/27/wp000200k....

    Sinceramente, eh.

    17 risposteAcconciature8 anni fa
  • Come faccio a non sembrare volgare?

    Volgare per non dire tròia.

    Allora, è una domanda seria.

    Ho 17 anni e ogni volta che mi scopro un po', anche senza esagerare, sembro una prostituta di basso rango. Considerato che in realtà sono pure vergine e non mi ritengo un'oca stupida, la cosa non è piacevole. Il problema credo sia il mio fisico. Innanzitutto sono formosa, ma non ho la pancia, e porto una quarta di seno. Non è proprio molto, e so che chi non ce l'ha penserà "che ti lamenti", ma avevo pensato addirittura a un'intervento di riduzione. Inoltre non ho un viso molto delicato, credo sia bruttino, e, per concludere il quadro, ho i capelli rosso mogano (non molto acceso).

    Per capirci, un vestito che su un'amica risulterebbe elegante, su di me risulta porco, volgare. Non sembro mai dolce, mai "carina", o delicata, o cose simili.

    Vorrei un consiglio per evitare questo effetto, magari un trucco adatto, o un genere di abito.

    Non so se allegare o no una foto per darvi un'idea, vorrei evitare commenti.

    4 risposteAdolescenza8 anni fa
  • Capelli rossi: hennè o tintura, tintura o hennè?

    Allora, la settimana prossima dovrei andare dal parrucchiere, e sono in dubbio.

    Per ora non ho mai colorato i capelli, escludendo colpi di sole e simili, ho 17 anni e quindi non ne ho di bianchi. Il problema è che non vorrei perdere il mio biondo originale, e, capendone ben poco, non so se con la tintura corro il rischio. Se volessi tornare indietro dovrei fare delle decolorazioni, giusto? Come funziona di preciso?

    Tra l'altro non vorrei essere schiava del parrucchiere, e per questo avevo pensato all'hennè. Innanzitutto, qualcuno mi spiega bene come si usa? Non ne ho la minima idea. Danneggia il capello o cambia il colore naturale? Quando può costare?

    In conclusione, meglio tintura o hennè?

    3 risposteAcconciature8 anni fa
  • La peggiore estate della mia vita!?

    Questa non è tanto una domanda, più che altro spero voi siate più ragionevoli di me e riusciate a trovarmi una consolazione.

    Ho quasi 17 anni, e da quando ero piccola ho sempre viaggiato in estate, sempre bellissime vacanze a fine Luglio, ma poi Agosto era un incubo. Trascinata in una casa al mare in un posto orrendo, pieno di gente che non fa per me (non lo dico per pregiudizio, una volta provai a socializzare), con un fratello di 12 anni, degli zii insopportabili, e due cugini più o meno della mia età ma mentalmente neonati.

    Quest'anno poi sarà il massimo proprio.

    Niente vacanze a Luglio, niente proprio. La mia estate 2012 sarà nella *****. La sera chiusa in casa, e io sono una che ama uscire. Avrei voluto andare con una mia amica, ma alla fine non se n'è fatto niente. Non vedo l'ora che arrivi Settembre e che Facebook la smetta di rompere i còglioni con gente che si gode l'estate.

    La cosa peggiore è che lì devo passarci, oltre a ferragosto (che non ho mai festeggiato), anche il mio compleanno, giorno che quindi non festeggio più, e che credo di odiare. C'è da impazzire lì, credetemi.

    Ora non so se provare a socializzare o no. Tra l'altro, se pure volessi, non saprei come attaccare bottone, dato che sono praticamente sola.

    10 punti a chi mi trova una consolazione decente.

    8 risposteAdolescenza8 anni fa
  • Traferire file da smartphone a computer o viceversa?

    Scusate la categoria, ma vedo che qui rispondete di più.

    Comunque.

    Ieri ho comprato un Nokia Lumia, e tutto apposto, se non il fatto che non so come trasferire file dal o al computer. Non mi accetta il cavetto, e non c'è un CD di installazione. Penso sia un problema di PC, perchè non è molto nuovo, è del 2007 con Windows XP, e tra l'altro faceva questo anche per la macchina fotografica.

    Per la macchina fotografica risolsi con un adattatore per la scheda memoria, ma il cellulare non ne ha una. Cosa mi consigliate di fare?

    Mi hanno detto di comprare una chiavetta bluetooh, funzionerebbe? Quale potrebbe essere il prezzo?

    2 risposteAdolescenza8 anni fa