Lv 42.625 points

Adommy ~

Risposte preferite24%
Risposte554

Ciao a tutti! ^^ Ho 15 anni e sono del sud Italia. Adoro gli anime, i manga e gli animali! Poi l'editing video, il disegno e la playstation :3 Amo Adam Lambert più della mia stessa vita. [sul PSN sono FellGoodbye] Il mio motto è: You shouldn't compare yourself to the best others can do but to the best you can do. Sono iscritta a Youtube! Questo è il mio canale: http://www.youtube.com/user/fellgoodbye Sono iscritta a Deviantart! Questo è il mio account: http://onkoi.deviantart.com/ Ho anche Skype, il mio nickname è: CookieThieff La mia mail, se volete aggiungermi al messenger di Yahoo! è shine.dogs@yahoo.it Cya. c:

  • Solo dubbi da adolescente o un fondo di verità?

    Io torno sempre dopo mesi in questa sezione. Sempre quando non riesco più a distrarmi dai problemi legati al mio corpo.

    Ma a 16 anni compiuti da 15 giorni, si sa bene cosa o chi siamo, e cosa vogliamo dalla vita?

    Mi trovo sempre a pensare che sono un uomo bisessuale intrappolato in un corpo femminile, in un corpo in cui ho dovuto "adattarmi", perchè sin da piccin* sono stat* abituat* a comportarmi e agire come una donna.. Tuttavia, ovviamente, sono più le volte in cui esterno quello che sento dentro, che quello che vogliono che io sia.

    Ma è possibile che io stia affrontando solo un periodo? Non so, qualche problemino adolescenziale..? Tra qualche anno mi passerà tutto e riderò dei miei dubbi sulla mia identità di genere?

    So solo che ogni giorno che passa vorrei tanto essere un ragazzo..

  • Ennesimi dubbi sulla mia identità..?

    Chi ha avuto modo di leggermi in passato, sa già di cosa parlo: ogni giorno che passa, mi convinco di trovarmi nel corpo sbagliato. Io ho una mentalità da uomo, in un corpo da donna.

    Ho paura di fare coming out e ho provato a sondare il terreno chiedendo ai miei se potessi tagliare i capelli corti ma hanno rifiutato dicendomi "ma cosa devi farci, sei femmina!". Inutile dire che sono morto dentro.

    Parlo di me al maschile perchè mi sento ridicolo a parlare al femminile, spero possiate capirmi.

    Un mese fa, un mio compagno di classe, scherzando mi ha detto "ma lo sai che tu sei più maschio che femmina, vero?". Non ci volevo credere. Pensavo di essere bravissimo a nascondermi, ma lui sapeva. Mi ha osservato e ha scoperto cose che io non gli ho mai detto.

    Penso di aver bisogno di parlare con qualcuno. Lo so che la cosa migliore sarebbe uno psicologo ma io ho ancora 15 anni, quindi sono minorenne e dovrei comunque rivolgermi ai miei genitori.. Ed io non voglio Ma il problema principale è: io non so chi sono.

    Chi mi ha già letto sa che da piccolo rifiutavo vestiti femminili, giochi femminili, stavo sempre tra i maschi ecc.. Ma ultimamente ho trovato conforto riscontrando che ancora oggi, sono a mio agio SOLO se mi trattano da uomo. Sui siti, le chat, i forum, ecc.. mi sento a mio agio solo così. Infatti mi presento come "Lars" e le persone non sospettano mai la mia identità biologica.

    Cosa posso fare? Non ho il coraggio di parlare con i miei.

  • Curiosità sui transessuali..?

    Salve e scusate se dal titolo sembro una che vuole offendere o insultare. Non è assolutamente così perchè anche io, ogni giorno che passa, sento di non appartenere al mio corpo biologico.

    Avevo una domanda, o meglio una curiosità da soddisfare.

    Conoscete/siete protagonisti di casi dove un trans per tanti anni si è comportato come una persona normale, appartanente al 100% al proprio sesso biologico e solo dopo si è reso conto della verità?

    Mi spiego meglio con un esempio.

    -esempio FtM: nell'adolescenza un percorso "normale", con esperienze da adolescenti ragazzine.. trucco, gonne, smalto, fidanzatino, ecc.. Poi verso la maturità hanno scoperto la verità e hanno deciso della transizione.

    Esistono casi del genere? Perchè io nonostante tutti i dubbi e i pensieri su cosa sento dentro, mi comporto come una ragazza, una della mia età, ai ragazzi piaccio, e mi trucco.. Ma col tempo sto realizzando che è solo per "nascondermi", perchè vivo in un ambiente che non mi accetterebbe e la mia fifa di uscire allo scoperto e non essere accettata così presto è troppa. Dopo aver tagliato i capelli cortissimi li ho fatti ricrescere immediatamente perchè tutti mi dicevano che sembravo un maschiaccio, e assolutamente non riuscivo a capacitarmi di essere subito scoperto! Inutile dire che ho anche sofferto..

    (plus sono bisessuale quindi immaginate il mio caso "contorto"!!!)

    Grazie a chi risponderà.

  • Mi è morto il nuovo coniglietto di encefalite, pareri?

    Comprato per 10 euro ad un negozietto di animali, un piccolo nano colorato. Meno di 30 giorni, sicuro. Una bestiola dolcissima, timido come pochi, adorabile. L'avevo chiamato Muffin.

    Era malato di encefalitosi, asintomatico fino ad oggi ma con apparente sordità che ho riscontrato stesso ieri sera, quando l'ho portato oggi. Si è spento oggi con una crisi epilettica improvvisa, troppo piccolo per combatterla. Barcollava, poi ha perso l'equilibrio, poi la testa si è girata e poi.. Mio padre ha provato a farlo bere con una siringa, gli ha fatto un massaggio cardiaco, ha provato a farlo respirare tramite una respirazione assistita dalla siringa.. Ma era andato.

    Sono molto triste, quando è successo non ero in casa e c'erano solo i miei genitori. Ma possibile che queste malattie schifose siano così imprevedibili?

    I miei l'hanno riportato al negozio per contestare di questo coniglietto venduto già malato e gliene hanno fatto comprare un altro che è l'opposto di Muffin, il mio piccolo Muffin. Grandicello, sembra un mezzo angora, bianco (a me non piacciono bianchi..), ha le orecchie lunghissime (a me piacciono con le orecchie corte).. e beh, non l'ho scelto mica io! ci sto tanto male ragazzi. Torno a casa e mi ritrovo a casa questo scricciolo dopo che mi sono assentata 4 ore da casa per un progetto scolastico. E dopo che nella sua bella gabbietta aperta c'avevo lasciato Muffin, non questo sconosciuto.

    Cosa posso fare? Non ce la faccio ragazzi, aiuto.Non lo voglio quest'altro.

    3 risposteRoditori6 anni fa
  • Domanda su possibile gravidanza?

    Salve answerini.. Ho un dubbio che dovete chiarirmi, perchè non ci dormo più la notte.

    Sabato 10/05 io e il mio ragazzo eravamo in un momento di debolezza e nonostante non fosse mai successo ci siamo fatti prendere la mano e siamo andati oltre. Ci siamo resi subito conto dell'errore e infatti dopo 5 affondi di 20 secondi scarsi abbiamo subito rimosso il pene e ci siamo ricomposti. Ho un ciclo irregolare e ho avuto l'ovulazione tra martedì 5 e mercoledì 6 Maggio. Il ciclo scorso però è arrivato il 14 aprile. C'è qualche probabilità che per 20 secondi di sesso non protetto io possa essere rimasta incinta con la perdita del liquido pre-eiaculatorio? (anche se non siamo sicuri che ne sia uscito, altrimenti ce ne saremmo accorti dato che di solito resta appiccicato anche sulla punta del pene!)

    aggiungo che: Ho dei doloretti ai lati del seno

    in questo periodo ho spesso voglia di dolci

    Premetto che non ho nessun sintomo strano ma dei miei amici (che d'altronde NON hanno mai avuto esperienze) mi hanno attaccato addosso un'ansia assurda e ho perso l'appetito, arrivando a perdere quasi un chilo. Ho delle occhiaie da paura D:

    Grazie a chi mi aiuterà.

    2 risposteConcepimento e fecondazione7 anni fa
  • Potete aiutarmi con l'interpretazione di questo sogno?

    Un sogno alquanto strano e contorto. Anzichè abitare nella mia attuale casa, abitavamo nell'appartamento affianco attualmente sfitto. La mia stanza aveva 3 letti (invece siamo solo 2 figli). Uno era un letto a castello e l'altro un letto singolo. Mia madre era molto entusiasta e stavamo ancora spostando i mobili da un appartamento all'altro. Mentre torno nell'altra casa (quella che nel sogno corrisponde alla "ex" casa) per sistemare alcune cose, trovo uno scarabeo molto grande che tenta di uscire dalla finestra, "inseguito" da un ramarro verde altrettanto grande. Non mi hanno mai fatto paura questi due animali ma non appena li ho individuati sono scappata a chiamare mio padre. In un momento il ramarro era tra le sue mani mentre lo scarabeo volava via dalla stanza (dalla finestra), e cercavo di allontanarmi indietreggiando perchè ero terrorizzata alla vista del rettile. In quel momento è stato tutto molto strano, ho sognato che mio padre voleva forzarmi a tenerlo vicino mentre io strillavo affinchè lo spostasse. Ad un certo punto mi sono inginocchiata a terra coprendomi il volto con le braccia e sentivo mio padre che mi posava questo ramarro sulla schiena mentre mia madre, che puliva i restanti mobili, continuava a dire "dai, lasciala stare". Il sogno a quel punto è finito.

    Qualcuno potrebbe spiegarmi il suo significato?

    1 rispostaInterpretazione dei sogni7 anni fa
  • devo trasferirmi, ma non voglio. Qualcuno che ci è passato? Una parola di conforto?

    15 anni, secondo liceo, una scuola che mi ha offerto solo bullismo e pochi amici, ma veri. Un ragazzo che mi ama e una famiglia con la quale ho un buon rapporto (nei limiti). Mio padre non lavora da molto (quasi due anni) e la sua azienda, da che sembrava ripresa, oggi ha ufficialmente dichiarato il fallimento e ha chiuso. I miei genitori sono mesi che pensano di andare ad abitare fuori, (Nord Italia) proprio adesso, che io mi sto costruendo una vita e un futuro, che sto imparando a conoscere le persone (in passato ero chiusa ed asociale, non uscivo mai/non avevo amici anche per via del bullismo) e sono ancora molto debole. Il punto è che tutto sembra andare a rotoli proprio ora che sto bene e ho acquistato un equilibrio psicologico che pensavo di non raggiungere mai. Sono molto preoccupata anche per la mia relazione, stabilissima, seria, sincera, con una persona fantastica, dolcissima, gentile. Un ragazzo che amo tanto e ormai sono quasi 5 mesi che stiamo assieme. Ma adesso che dovrò trasferirmi fuori come farò? Avevo pensato di restare a vivere dai miei nonni che sono sempre soli, almeno fino alla maggiore età (ancora 3 anni, coraggio) ma mio padre mi ha detto che comunque andranno le cose, io dovrò seguire i miei genitori e questa cosa mi intristice molto. Qualcuno ci è passato?

    Perfavore non ditemi "non ci pensare, sei giovane e fuori troverai un altro ragazzo", perchè io lui lo amo davvero e non è come farsi dei nuovi amici. (un'altra cosa difficile per me d'altronde)

    3 risposteRelazioni e Famiglia- Altro7 anni fa
  • I border collie NON stressati e abituati alla socializzazione, sono adatti ai bambini?

    Toglietemi ogni dubbio. Il mese prossimo mi arriva un cucciolo di simil-border collie dopo 14 anni che ho desiderato un cane. Casa mia è di 90mq ma ho un giardino davvero molto grande dove ogni giorno posso far giocare il cucciolo (ciò significa non lasciarlo da solo a "giocare", ma scendere con lui e passarci delle ore assieme, vale a dire a giocarci, coccolarlo, e prendermi cura di lui).

    Ho un fratellino di 3 anni che ha un po' paura dei cani (non è proprio paura, è semplicemente una "cosa" nuova per lui e quindi ne è un po' spaventato ma al contempo incuriosito, dato che in famiglia tutti i cani che avevano i miei parenti sono morti prima della sua nascita). Non ha mai avuto a che fare con i cani per più di qualche minuto, in genere ritira anche le mani quando i cuccioli iniziano a leccarlo (credo dovrà farci l'abitudine). Tuttavia quando leggo su internet dello standard di un BC non leggo altro che "radunano le pecore, potrebbero mordere i bambini/le persone". Ma questo che significa? Che tutti i cani che radunano pecore azzannano persone scambiandole per ovini? Così come tutti i cani da guardia azzannano i padroni scambiandoli per ladri o malintenzionati? Che senso ha?

    Se un border collie riesce a sfogare la sua tensione ed i suoi estinti correndo molto in un giardino molto grande, ricevendo cure ed attenzioni e giocando molto con il suo "branco" (o famiglia umana, per meglio dire), si possono evitare morsi verso bambini così piccoli?

    Ovviamente non lascerò mai mio fratello giocare col cane dandogli fastidio (tirare coda, dita nel naso, ecc), quindi non correrò il rischio che il cane reagisca a certi stimoli o perlomeno cercherò di evitare per tempo. Il bambino imparerà a rispettare il cane e per questo, ancora mi chiedo, il cane lo rispetterà? Lo amerà? Eviterà di morderlo come se stesse radunando le pecore?

    Grazie mille a tutti in anticipo.

    8 risposteCani7 anni fa
  • Come si arricciano i capelli come in questa foto?

    http://data1.whicdn.com/images/7460182/tumblr_lh6z...

    qualcuno saprebbe darmi una mano? Anche perchè non credo siano naturali.. Ma anche se lo fossero ci sarà pure un metodo per "imitarli", no?

    3 risposteAcconciature7 anni fa
  • Come si chiama quel libro..?

    Qualche tempo fa trovai un libro alla Feltrinelli.. Mi piacque, ma non lo presi per motivi che non sto qui a spiegarvi. Ci sono tornata di recente e di quel libro nessuna traccia. Ho provato a spiegare al commesso ma non ricordavo il titolo, tant'è che quel poveretto non ha saputo aiutarmi. Devo avergli fatto venire una crisi nervosa.. Potete aiutarmi? Ricordo dalla copertina che c'era una Converse disegnata sopra, ricordo slacciata, e sul retro c'era questa sorta di introduzione che esponeva di questo ragazzino che doveva stare sempre attento e portare rispetto. Ricordo qualche citazione sull'igiene e sul lavare le mani. Ricordo che era un libro sull'adolescenza. Qualcuno potrebbe aiutarmi?

    1 rispostaLibri ed autori7 anni fa
  • Vaginismo a 14 anni? Un aiuto?

    Ho 14 anni e ho questa stranissima fobia. Non ho confidenza col mio corpo e cercando su internet ho scoperto si tratta di vaginismo. Sono continuamente tesa quando si tratta di toccarmi, le visite dal medico non si svolgono tranquillamente e nemmeno il petting è possibile. Mi irrigidisco completamente e se provo a mettere anche solo metà falange del dito, mi fa malissimo e mi si stringe tutto. Ho letto sulla rete che c'è bisogno di un sessuolo e di psicologo per risolvere il problema, ma a 14 anni devo davvero presentarmi da persone così tanto competenti per sbloccarmi un po'? Il tutto comunque ha un origine psico-fisica, sono stata in passato colpita da infezioni vaginali nonostante io sia ancora vergine. A volte solo il pensiero di toccarmi i genitali mi mette ansia e mi fa sentire male. Col mio ragazzo è tutto impossibile e anche solo stimolando il clitoride non sento altro che fastidio, sia da sola che lasciando fare a lui. Ci sto restando male e questo dannato problema mi allontana moltissimo dalla vita sessuale e dalla complicità di coppia. Ma come diamine posso fare?

    3 risposteConcepimento e fecondazione7 anni fa
  • Mi affatico subito e non so come mai?

    E' da un annetto che ogni volta che tengo un passo veloce per alcuni minuti, mi affatico subito e non trovo sollievo nel respirare, anzi a volte sento come se mi mancasse il fiato ancora di più e mi prende un dolore in mezzo al petto al momento della respirazione. Sono una ragazza, sono 1.65 per 50 kg. Non sono affatto grassa e non so cosa mi prenda. Non fumo e non bevo. Qualcuno può dirmi cosa potrebbe essere?

    4 risposteDieta e fitness7 anni fa
  • Genitori che pensano sia presto fidanzarsi?

    Ho 15 anni. Credono sempre che sia presto fidanzarmi e mia madre mi ripete sempre di fare molte esperienze prima di compiere la mia scelta.. Solo perchè lei alla mia età era già fidanzata col mio babbo e si è come pentita di aver avuto solo lui come esperienza e nessun'altra alternativa. La cosa mi dispiace un po', ma io a quindici anni ho conosciuto molti dei miei coetanei ed è già un mese che sono fidanzata con serietà con un ragazzino di un anno più grande. Il migliore, davvero. Tutti dicono che non è granchè bello, ma per me è bello almeno quanto un dio greco. Sarà che lo guardo con gli occhi dell'amore, ed è una persona dolcissima e premurosa. Mi vuole molto bene. Non mi ero mai innamorata prima, nonostante io avessi avuto altri "fidanzatini" prima di lui.

    Il problema è che i miei credono sempre che sia presto fidanzarsi e non approvano mai, stanno a storcere il naso ogni volta che sentono la parola "fidanzamento".. Come se domani dovessi sposarmici, con questo ragazzo. Sento che lui è quello giusto e magari tra un annetto, se le cose andranno sempre bene e continueranno così, sarà la persona che vorrò presentare ufficialmente ai miei genitori. Voi che ne pensate? Questa mentalità chiusa dei miei genitori potrà mai cambiare?

    1 rispostaFidanzamento e matrimonio7 anni fa
  • Fotocamera interna Xperia J?

    Volevo chiedervi se c'è qualcosa che possa aiutarmi a migliorare la fotocamera interna del Xperia J. Fa veramente schifo, la qualità è pessima e le foto quando vengono scattate hanno un nonsochè di pixelloso e distorto che dà veramente fastidio. E' il mio cellulare a fare così schifo o è proprio la fotocamera che c'hanno piantato dentro? Avete dele soluzioni?

    1 rispostaCellulari e piani tariffari7 anni fa
  • Lui non mi fa sentire "abbastanza"?

    Stiamo insieme da un mese. E da sempre tende a farmi sentire inutile e mai abbastanza o all'altezza delle aspettative di tutti, specialmente le sue. A volte scherzando mi dice che sono grassa.. ed io, pur essendo abbastanza esile di corporatura, pur dicendo a mia volta che magari 1-2 chili dovrei perderli davvero, riesco ad offendermi e un momento dopo a piangere e/o vomitare volontariamente, provocandomi ulteriormente dolore. Dov'è il problema? Non mi ama abbastanza? Scherza e non si rende conto che mi fa del male sul serio? sono continuamente botte di autostima.. aiutatemi perfavore.

    2 risposteAdolescenza7 anni fa
  • Delucidazione sui gatti randagi?

    Salve. Oggi io e il mio ragazzo abbiamo avuto un incontro con un micetto randagio. Eravamo su una panchina del parco quando la bestiola si è avvicinata e tra una carezza e l'altra è balzata sulla panchina e si è appollaiata sulle gambe di Lui. E' rimasta lì almeno mezz'ora a farsi coccolare da entrambi, era una gattina affettuosa. (credo fosse femmina). Ad un certo punto ci siamo accorti che s'era fatto piuttosto tardi e che dovevamo tornare per il pranzo, ma la gattina non sembrava voler scendere. Il mio ragazzo con molta delicatezza l'ha presa da sotto le ascelle e ha tentato di sollevarla per posarla a terra, ma la micia in tutta risposta ha soffiato e lo ha graffiato in pieno volto senza preavviso, rischiando di beccargli entrambi gli occhi. Dopodichè è scesa da sola scappando via a leccarsi. Mi chiedo cosa abbiamo sbagliato. Non l'ho sollevata dalla collottola perchè era una micia adulta e piuttosto in carne. Avevo paura di farle male ai muscoli del collo. Qualcuno può spiegarmi cosa non ha funzionato e come avremmo dovuto spostare la gattina

    6 risposteGatti7 anni fa
  • Natale si avvicina.. che cosa regalerete ai vostri cari?

    Qualche idea da suggerire anche a me?

    E cosa regalare al proprio ragazzo? Il mio ha 16 anni e nonostante abbia una Xbox non gli piacciono molto i videogiochi su console (adora gli FPS Arena su pc).. E non so proprio cosa regalargli per questo natale. Premetto che a Dicembre sarà un mese che stiamo assieme :) Qualche idea?

    5 risposteNatale7 anni fa
  • Genitori invadenti e poco permissivi. Una mano?

    Ciao a tutti, sono prossima ai 15 anni. Frequento una seconda liceo /linguistico/ e vado bene a scuola, non sono un disastro, sono una persona tranquillissima, non fumo, non bevo e non ho tante di quelle manie che potrebbero avere i miei coetanei/le mie coetanee.

    Tuttavia i miei genitori non mi lasciano mettere piedi fuori di casa.. e per questo stesso motivo non faccio altro che rintanarmi al pc e/o tra la musica. Che per carità, la musica è bellissima, ho i miei idoli, suono il piano e sto bene.. Ma una vita sociale? Se non imparo ora ad integrarmi tra le persone e a scegliere le giuste compagnie, quando imparerò?

    I miei mi lasciano mettere piede fuori di casa solo il sabato, dalle 17:00 alle 22:30. Non è per gli orari che mi lamento, mi sembrano più che giuste queste regole e il coprifuoco.. Il problema è che io esco pochissimo perchè i miei non vogliono! Esco solo il sabato e se mi azzardo a chiedere di uscire un pomeriggio, per esempio durante la settimana quando non devo studiare, loro non me lo permettono! Mi fanno tremila paranoie tipo "stai uscendo troppo", "hai preso l'abitudine di stare sempre in mezzo alla strada" (come se fossi una poco di buono..), "perchè esci così tanto?" e non mi lasciano mai. Infatti se qualche pomeriggio sono talmente giù di corda da voler prendere una boccata d'aria fresca, per convincerli a permettermelo ci vogliono almeno un litigio e cento strilla. E' come se pensassero che mettendo piede fuori di casa un giorno in più potrei iniziare a drogarmi o a fare chissà quale altra pazzia.

    Ho iniziato ad avere una comitiva e più amici solo da quest'estate perchè l'anno scorso stavo sempre chiusa in casa.. Mi sentivo a disagio e non uscivo mai con nessuno e i miei genitori mi spronavano, invece, a farmi una vita sociale. Stavo sempre al pc e loro non volevano.. Ora una vita sociale ho la possibilità di averla (ho trovato delle persone adatte a me e con le quali sto molto bene) e non posso? Ho addirittura trovato un ragazzo che mi piace moltissimo e stiamo insieme.. Immaginatevi cosa mi tocca fare quando lui mi chiede di uscire a prendere un caffè, di mercoledì pomeriggio, per esempio! E il più delle volte non ne ho nemmeno il permesso e sono costretta a dirgli "ci vediamo sabato".

    Mio padre è molto geloso di me, è chiuso mentalmente, pensa sempre che dietro ogni angolo ci sia un molestatore pronto a rapirmi e a farmi chissà cosa. Mia madre è più o meno su queste idee, nonostante sia un po' di più dalla mia parte.

    Inoltre vogliono sempre sapere dove vado e chi, con la paranoia "eh ma se ti succede qualcosa io devo sapere dove stai e con chi!". Perchè poi chiaramente pensano che siamo una comitiva di persone e siamo sempre buttati tutti sulla stessa panchina, senza muoverci, ogni santo sabato!

    Inizio ad aver bisogno dei miei spazi e non so più che fare per farglielo capire. Sto proprio male, i miei amici escono spesso ed io non posso mai raggiungerli, ci fosse una volta che mi lasciassero uscire.. Avete qualche consiglio? Cosa posso fare? Durante la settimana comunque alle 19:30 sarei a casa, non chiedo tanto. Non mi piace molto stare in giro in realtà, è solo che ho voglia di coltivare le mie amicizie e CONOSCERE le persone, non farmi una canna o chissà che altro. Avete qualche consiglio? Grazie mille a tutti.

    6 risposteGenitori7 anni fa
  • E' vero che qualsiasi cane può diventare "adatto" ai bambini?

    ..Oppure sono i bambini che possono diventare adatti ai cani?

    Voi che ne pensate?

    10 risposteCani7 anni fa
  • Sono bisessuale affetta da DIG? Qualcuno può aiutarmi a fare chiarezza?

    ho 14 anni. Sono una ragazza e sono attratta sia dagli uomini che dalle donne, sin da quando ero molto piccola. Ho baciato diversi ragazzi e non ho mai provato sentimenti particolari, neanche quando c'era una forte intesa e molti interessi in comune. Neanche quando sono stata con un ragazzo circa 2 mesi.. E di ragazze non ne ho mai baciate. Fatto sta che il corpo femminile mi attrae, sessualmente parlando. Ma io personalmente non riuscirei a vedermi con una ragazza, e non capisco perchè. Che io non abbia accettato la mia bisessualità? Tuttavia sono due anni che ragiono sulla mia DIG (disturbo di identità di genere), risalendo che già da piccina, verso i 3 anni, affermavo di essere un maschietto, senza accettare i miei genitali femminili. Oggi, che ho 14 anni, mi rendo conto di come nasconda i miei lati da maschiaccio con una femminilità che non mi apparterrà mai, cercando di farmi accettare da questa terribile società. All'età di 12 anni e mezzo accolsi il ciclo con indifferenza e tutt'ora è così. Ogni volta che arriva non me ne preoccupo. Ricordo inoltre, con chiarezza che sin da piccola, anche nei "giochi di ruolo" tra bambini (mamma e figlio, famigliola felice, ecc), io ricoprivo il ruolo del maschio, del padre autoritario di solito, o del fratellino combinaguai. E mi ci divertivo, stavo bene.

    Ho così ragionato a lungo sul mio orientamento sessuale, e ho compreso quanto io sia attratta da uno e dall'altro sesso.. Ma come in realtà, nel mio corpo attuale, io non riuscirei a stare con un'altra ragazza! Non riesco proprio ad immaginarmi "io, femmina, con un'altra femmina". Ma il discorso cambierebbe se invece diventassi un FtM, quindi un maschio (come sto pensando già da un paio d'anni.. sono tormentata da questa mia DIG e non so come uscirne). A quel punto mi sentirei a mio agio, anche per la presenza del membro maschile.

    Ma quindi quale diamine è il mio problema? Qualcuno ci è già passato? Potete aiutarmi a fare chiarezza? Vi ringrazio tutti in anticipo..