Lv 57.435 points

grande bonzo

Risposte preferite14%
Risposte1.597

Si è necessari, si è un frammento di fato, si appartiene al tutto, si è nel tutto - non c'è nulla che possa giudicare, misurare, verificare, condannare il nostro essere, giacché questo equivarebbe a giudicare, misurare, verificare, condannare il tutto... Ma fuori del tutto non c'è nulla! Che nessuno più sia reso responsabile, che la natura dell'essere non possa venire ricondotta a una causa prima, che il mondo non sia, né come sensorium, né come "spirito", una unità, tutto ciò soltanto è la grande liberazione - con ciò soltanto è nuovamente ristabilita l'innocenza del divenire... Il concetto di "Dio" è stato fino a oggi la più grande obiezione contro l'esistenza... Noi neghiamo Dio, neghiamo in Dio, la responsabilità: soltanto in questo modo noi redimiamo il mondo. [Friedrich Nietzsche, "Il crespuscolo degli dei"]

Spiacente, qui non c’è niente da vedere! L'attività dell'utente è privata.