Lv 43.553 points

Pinneapolis

Risposte preferite23%
Risposte642
  • Ma Di Pietro su quale pianeta vive?

    Oltre alle sue posizioni giustizialiste Di Pietro è in grado di promuovere un progetto politico equilibrato? Come può fare certe dichiarazioni:

    "Va disposto l'embargo economico e commerciale con la Libia. Gheddafi non è un amico in quanto spara con le nostre armi addosso ai nostri cittadini".

    Si è mai accorto che noi importiamo il 40% del petrolio prodotto in Libia? E che non abbiamo il nucleare in Italia?

    19 rispostePolitica e governo - Altro1 decennio fa
  • Negli USA un uomo è stato condannato a 3 anni di reclusione per una mail contenente minaccie di morte ad Obama?

    In Italia un uomo tira un trepiede al presidente del consiglio e si prende 4 mesi di carcere ma senza scontarne nemmeno uno grazie alla condizionale.

    Negli USA un Senatore repubblicano accusa Obama durante un suo discorso al congresso di essere un bugiardo e viene costretto a scusarsi.

    In Italia una sentenza della Corte di Cassazione rende invece leggittimo l'insulto tra politici definendolo una libera espressione delle proprie opinioni:

    "Il diritto di critica riveste necessariamente connotazioni soggettive e opinabili quando si svolge in ambito politico, in cui risulta preminente l'interesse generale del libero svolgimento della vita democratica. Ne consegue che una volta riconosciuto il ricorrere della polemica politica ed esclusa la sussistenza di ostilità e malanimo personale, è necessario valutare la condotta dell'imputato alla luce della scriminante del diritto di cui all'art. 51 c.p. Dopodiché, se il giudice avrà verificato che l'operato del politico meritava di essere bollato con un epiteto che suona come ingiurioso, l'autore dello sfogo andrà assolto per non avere fatto altro che esercitare la libertà di "critica politica".

    Voi quale modello preferite? Quello che di fatto legittima l'insulto e l'aggressione oppure un modello che impone un certo rigore alla politica?

    10 rispostePolitica e governo - Altro1 decennio fa
  • Perchè gli elettori del PD si preoccupano tanto di Dell'Utri?

    E non si preocupano del loro senatore Antonino Papania di Alcamo recentemente promosso nel gruppo dirigente del PD (dopo l'elezione di Bersani) dopo che la polizia ha arrestato il suo "stalliere" mafioso?

    Non vi preoccupa il fatto che quest'uomo contatti attraverso il suo stalliere un boss mafioso per chiedergli i voti?

    8 rispostePolitica e governo - Altro1 decennio fa
  • Perchè si deve fare tanta polemica anche sul limite di velocità a 150 km/h in autostrada?

    A parte il fatto che il limite viene innalzato solo di 20 km/h e in tratti dotati di tutor e lontani dai centri urbani dove il traffico è più intenso e dove è alta la probabilità di rallentamenti. Inoltre la strada deve essere dotata di 3 corsie e asfalto drenante. Quindi vista la migliore sicurezza delle auto (Abs soprattutto) non vedo il motivo per il quale dovrebbero esserci problemi con questa nuova manovra.

    "Contrario Roberto Della Seta, capogruppo del Pd in commissione Ambiente al Senato. «La proposta di alzare il limite di velocità è demagogica e paradossale. Nel Paese che vede ogni giorno una media di quasi 600 incidenti automobilistici, molti dei quali causati dall`alta velocità e con un alto tasso di mortalità, di tutto si sentiva il bisogno tranne che innalzare il limite». Contraria anche Silvia Velo, vice presidente del Pd della commissione Trasporti della Camera: «Matteoli dà un messaggio negativo in un Paese in cui non c'è cultura della sicurezza stradale»."

    Cosa ne pensate voi? A me la risposta demagogica sembra quella del PD. In Francia e Germania le strade sono senza limiti e solo il 5% degli incidenti avviene in autostrada (10% di quelli mortali). Inoltre c'è da dire che la maggior parte degli incidenti in autostrada è causata da condizioni atmosferiche avverse quando le velocità dovrebbe essere ridotta oppure a causa di distrazioni o manovre azzardate. Io sinceramente non vedo quale possa essere il problema.

    22 rispostePolitica e governo - Altro1 decennio fa
  • La colpa è di Berlusconi o del sistema giudiziario?

    Spesso mi capita di sentire discussioni su questo sito in cui si accusa Berlusconi di cercare di evitare processi e si difende la magistratura quasi come se ne fosse una sua vittima. Ma di chi è la colpa? Possiamo forse imputare a Berlusconi il fatto di non essere mai stato condannato per tutti i malefici che secondo voi ha commesso? O forse dovreste prendervela con chi noi tutti paghiamo per indagare sui crimini ovvero i magistrati? Per esempio una delle questioni più importante che voi ponete è l'origine dei suoi soldi e del suo impero finanziario. E qui viene fuori la banca Rasini. E io pongo qui una questione. La nascita dell'impero imprenditoriale risale agli anni '60 '70. E a nessun magistrato è mai saltato in mente di indagare sull'origine dei soldi di Berlusconi prima che diventasse Presidente del Consiglio dei ministri?

    E pensare che nel 1983 c'era stata pure una maxi operazione della polizia di Milano che aveva portato all'arresto di numerose persone:

    "Diversi degli arrestati, Luigi Monti, Antonio Virgilio, Robertino Enea e per loro conto il clan Fidanzati, il clan Bono, Carmelo Gaeta e i relativi referenti palermitani, ovvero Pippo Calò, Totò Riina e Bernardo Provenzano, erano correntisti multimilardari della Banca Rasini.Non solo questa "clientela" affezionata al riciclaggio finì in galera, anche il direttore generale della Rasini, tal Vecchione, in seguito subirà una condanna a 4 anni di carcere."

    E nonostante ciò nessuno ha mai disposto il sequestro degli archivi della banca fino al 1998 per verificare l'eventuale presenza di attività illegali all'interno di essa. Peccato che ormai la banca Rasini non esisteva più (confluita nella banca di Lodi) e in più e gli eventuali documenti compromettenti avrebbero avuto tutto il tempo per essere distrutti.

    Già negli anni ottanta esistevano libri sulla carriera di Berlusconi ponendo diversi dubbi su alcune sue vicende personale ma ciò di cui parlavano giornalisti non è mai stato di interesse della magistratura, almeno fino a che Berlusconi non è entrato in Politica. Berlusconi ha subito un solo processo prima del 1994 per falsa testimonianza. E il tutto è nato da una denuncia che Berlusconi ha fatto nei confronti di Giovanni Ruggeri e Mario Guarino proprio per colpa di un libro sulla sua vita che veniva considerato diffamatorio. E tutto perchè Berlusconi in una udienza dice: "Non ricordo la data esatta della mia iscrizione alla P2, ricordo comunque che è di poco anteriore allo scandalo (...). Non ho mai pagato una quota di iscrizione, né mai mi è stata richiesta".

    E salta fuori una fattura di 100 mila lire da cui nasce il processo. Cosa che reputo assolutamente ridicola.

    Comunque non è mai stato processato per la sua attività imprenditoriale prima del 1994. Ci sono state indagini a suo carico nel 1983 e nel 1979 ma entrambe vengono archiviate quindi senza il rinvio a giudizio di Berlusconi. Ciò che è assurdo è che proprio mentre lascia la carriera imprenditoriale per iniziare quella politica saltano fuori le indagini per la sua carriera imprenditoriale.

    La domanda sorge spontanea. Dove erano i magistrati prima?

    Se volete prendiamo in esempio il processo Mondadori. A parte il tema del processo: corruzione di giudici. Per fatti risalenti al 1990-1991 il le indagini partono nel 1998? Vi sembra normale questo? Gli avvisi di garanzia a Berlusconi arrivano a processo già prescritto.

    E adesso con chi dovreste prendervela? Con Berlusconi o con i magistrati che lo hanno lasciato fare per anni e che poi si accaniscono contro di lui quando ormai è troppo potente?

    PS Cosa succederebbe se un'altro imprenditore tipo Briatore entrasse in politica? Credo che non accadrebbe nulla di diverso.

    14 rispostePolitica e governo - Altro1 decennio fa
  • Per quale motivo ci sono persone che credono nelle auto elettriche?

    Perchè dovrebbero essere il futuro? Perchè si dovrebbe andare in questa direzione?

    Le auto elettriche sono una cosa semplicemente improponibile. Hanno costi elevatissimi (basti pensare che il prezzo di una Panda elettrica è compreso tra i 20 e i 25 mila euro), tempi di ricarica lunghissimi (per un motore a scoppio bastano 3 minuti al distributore per un'auto elettrica minimo 3 ore), prestazioni imbarazzanti (130 km/h di velocità massima e accelerazione da 0 a 100 in 30 secondi), autonomia breve (come faccio ad andare in vacanza con soli 200-300 km di autonomia?). Già l'ibrido è una cosa che metto in dubbio (a un motore a scoppio ne aggiungo uno elettrico ed un paio di quintali di batterie, e con 2 quintali in più dovrei consumare meno?) ma l'elettrico lo trovo veramente una cosa inaccettabile. Non credo sia proponibile portare sulle strade dei caddy (e non intendo quello della Volkswagen. Poi il problema più grande, quanto durano le batterie?

    Con una utilitaria oggi ci fai minimo 200 mila Km, con un motore elettrico invece? Io so che le batterie al litio decadono ad ogni ricarica e dopo le 500 ricariche sono praticamente andate. E 500 ricariche sono poco meno di 2 anni se la ricarichi tutti i giorni.

    5 rispostePolitica e governo - Altro1 decennio fa
  • La sinistra è stata davvero la prima ad ideare il processo breve?

    A quanto pare si......

    Dall'atto n 2699 del 22 gennaio 2004 consultabile sul sito del Senato della Repubblica a firma dei senatori DS Fassone, Ayala, Brutti, Calvi e Maritati:

    «Art. 346-bis. - (Prescrizione del procedimento).

    – 1. Il giudice dichiara non doversi

    procedere per prescrizione del procedimento

    quando, fatto salvo quanto previsto dall’articolo

    346-ter:

    a) dal momento in cui e` pervenuta all’autorita`

    giudiziaria una notizia di reato

    sono decorsi piu` di due anni senza che sia

    stato emesso il provvedimento con cui il

    pubblico ministero esercita l’azione penale;

    b) dal provvedimento di cui alla lettera

    a) sono decorsi piu` di due anni senza che

    sia stato dichiarato aperto il dibattimento;

    c) dalla dichiarazione di cui alla lettera

    b) sono decorsi piu` di due anni senza che

    sia stata emessa la sentenza che definisce il

    giudizio di primo grado;

    d) dalla sentenza di cui alla lettera c)

    sono decorsi piu` di due anni senza che sia

    stata pronunciata la sentenza che definisce

    il giudizio di appello;

    e) dalla sentenza che definisce il giudizio

    di appello sono decorsi piu` di due anni

    senza che sia stata pronunciata sentenza da

    parte della Corte di cassazione;

    f) dalla sentenza con cui la Corte di cassazione

    ha annullato con rinvio il provvedimento

    oggetto del ricorso sono decorsi piu`

    di due anni senza che sia stata pronunciata

    nuova sentenza da parte della Corte di cassazione.

    E adesso cosa si può dire? Che siccome erano calvi brutti e maritati non sono da tenere in considerazione?

    PS Non voglio dibattere sul processo breve. Aspetto di vedere il testo che uscirà dal parlamento prima di giudicare. Questo intervento ha solo carattere informativo.

    4 rispostePolitica e governo - Altro1 decennio fa
  • La sinistra è stata davvero la prima ad ideare il processo breve? A quanto pare si...?

    Dall'atto n 2699 consultabile sul sito del Senato della Repubblica a firma dei senatori DS Fassone, Ayala, Brutti, Calvi e Maritati:

    «Art. 346-bis. - (Prescrizione del procedimento).

    – 1. Il giudice dichiara non doversi

    procedere per prescrizione del procedimento

    quando, fatto salvo quanto previsto dall’articolo

    346-ter:

    a) dal momento in cui e` pervenuta all’autorita`

    giudiziaria una notizia di reato

    sono decorsi piu` di due anni senza che sia

    stato emesso il provvedimento con cui il

    pubblico ministero esercita l’azione penale;

    b) dal provvedimento di cui alla lettera

    a) sono decorsi piu` di due anni senza che

    sia stato dichiarato aperto il dibattimento;

    c) dalla dichiarazione di cui alla lettera

    b) sono decorsi piu` di due anni senza che

    sia stata emessa la sentenza che definisce il

    giudizio di primo grado;

    d) dalla sentenza di cui alla lettera c)

    sono decorsi piu` di due anni senza che sia

    stata pronunciata la sentenza che definisce

    il giudizio di appello;

    e) dalla sentenza che definisce il giudizio

    di appello sono decorsi piu` di due anni

    senza che sia stata pronunciata sentenza da

    parte della Corte di cassazione;

    f) dalla sentenza con cui la Corte di cassazione

    ha annullato con rinvio il provvedimento

    oggetto del ricorso sono decorsi piu`

    di due anni senza che sia stata pronunciata

    nuova sentenza da parte della Corte di cassazione.

    E adesso cosa si può dire? Che siccome erano calvi brutti e maritati non sono da tenere in considerazione?

    PS Non voglio dibattere sul processo breve. Aspetto di vedere il testo che uscirà dal paralamento prima di giudicare. Questo intervento ha solo carattere informativo.

    6 rispostePolitica e governo - Altro1 decennio fa
  • Per quale motivo ci sono persone che credono nelle auto elettriche?

    Perchè dovrebbero essere il futuro? Perchè si dovrebbe andare in questa direzione?

    Le auto elettriche sono una cosa semplicemente improponibile. Hanno costi elevatissimi (basti pensare che il prezzo di una Panda elettrica è compreso tra i 20 e i 25 mila euro), tempi di ricarica lunghissimi (per un motore a scoppio bastano 3 minuti al distributore per un'auto elettrica minimo 3 ore), prestazioni imbarazzanti (130 km/h di velocità massima e accelerazione da 0 a 100 in 30 secondi), autonomia breve (come faccio ad andare in vacanza con soli 200-300 km di autonomia?). Già l'ibrido è una cosa che metto in dubbio (a un motore a scoppio ne aggiungo uno elettrico ed un paio di quintali di batterie, e con 2 quintali in più dovrei consumare meno?) ma l'elettrico lo trovo veramente una cosa inaccettabile. Non credo sia proponibile portare sulle strade dei caddy (e non intendo quello della Volkswagen).

    19 rispostePolitica e governo - Altro1 decennio fa
  • Sapete come userà i 23 milioni di euro di rimborsi elettorali l'IDV?

    Comprerà spazi pubblicitari su giornali stranieri titolati : Appeal to the international community, Democracy is in danger in Italy.

    E comincia una lunga filippica contro il lodo Alfano a dire le solite cose che noi tutti sentiamo. E se voi vedeste la pagina del Herald Tribune sulla quale è stata pubblicata pensereste che in Italia ci sia stato un colpo di stato. Invece non è così, l'Italia è una democrazia e Di Pietro ha il suo spazio per dire ciò che pensa, per il lodo Alfano sta raccogliendo delle firme che potrà utilizzare per il referendum qualora la legge venisse confermata. Allora che bisogno ha di fare queste azioni che a mio avviso non fanno che screditare l'Italia sul piano internazionale?

    E oggi scrive una lettera al Guardian, giornale che augura all'Aquila e all'Italia un altro terremoto, per scusarsi per le reazioni di Berlusconi e Frattini al loro articolo sul G8 sul quale lui stesso ammette che ci sarebbe da discutere. Quindi si scusa con questo giornale per un articolo che non è altro che un attacco gratuito all'Italia, in cui si propone l'esclusione dell'Italia dal G8 dicendo che la Spagna ha un PIL pro capite più alto (cosa non vera e oltretutto la stessa Gran Bretagna in virtù della svalutazione della Sterlina ha oggi un PIL pro capite inferiore al nostro), in cui si parla malamente dell'organizzazione del G8 (cosa smentita da tutti, da Obama, Ban Ki Moon, il segretario dell'OCSE Sarlozy e altri).

    E questo dovrebbe essere un politico che agisce per il bene dell'Italia? Io credo che ogni parlamentare eletto nel nostro parlamento non potrebbe che criticare un simile attacco.

    11 rispostePolitica e governo - Altro1 decennio fa
  • Sapete come userà i 23 milioni di euro di rimborsi elettorali l'IDV?

    Comprerà spazi pubblicitari su giornali stranieri titolati : Appeal to the international community, Democracy is in danger in Italy.

    E comincia una lunga filippica contro il lodo Alfano a dire le solite cose che noi tutti sentiamo. E se voi vedeste la pagina del Herald Tribune sulla quale è stata pubblicata pensereste che in Italia ci sia stato un colpo di stato. Invece non è così, l'Italia è una democrazia e Di Pietro ha il suo spazio per dire ciò che pensa, per il lodo Alfano sta raccogliendo delle firme che potrà utilizzare per il referendum qualora la legge venisse confermata. Allora che bisogno ha di fare queste azioni che a mio avviso non fanno che screditare l'Italia sul piano internazionale?

    E oggi scrive una lettera al Guardian, giornale che augura all'Aquila e all'Italia un altro terremoto, per scusarsi per le reazioni di Berlusconi e Frattini al loro articolo sul G8 sul quale lui stesso ammette che ci sarebbe da discutere. Quindi si scusa con questo giornale per un articolo che non è altro che un attacco gratuito all'Italia, in cui si propone l'esclusione dell'Italia dal G8 dicendo che la Spagna ha un PIL pro capite più alto (cosa non vera e oltretutto la stessa Gran Bretagna in virtù della svalutazione della Sterlina ha oggi un PIL pro capite inferiore al nostro), in cui si parla malamente dell'organizzazione del G8 (cosa smentita da tutti, da Obama, Ban Ki Moon, il segretario dell'OCSE Sarlozy e altri).

    E questo dovrebbe essere un politico che agisce per il bene dell'Italia? Io credo che ogni parlamentare eletto nel nostro parlamento non potrebbe che criticare un simile attacco.

    6 rispostePolitica e governo - Altro1 decennio fa
  • Sapete come userà i 23 milioni di euro di rimborsi elettorali l'IDV?

    Comprerà spazi pubblicitari su giornali stranieri titolati : Appeal to the international community, Democracy is in danger in Italy.

    E comincia una lunga filippica contro il lodo Alfano a dire le solite cose che noi tutti sentiamo. E se voi vedeste la pagina del Herald Tribune sulla quale è stata pubblicata pensereste che in Italia ci sia stato un colpo di stato. Invece non è così, l'Italia è una democrazia e Di Pietro ha il suo spazio per dire ciò che pensa, per il lodo Alfano sta raccogliendo delle firme che potrà utilizzare per il referendum qualora la legge venisse confermata. Allora che bisogno ha di fare queste azioni che a mio avviso non fanno che screditare l'Italia sul piano internazionale?

    E oggi scrive una lettera al Guardian, giornale che augura all'Aquila e all'Italia un altro terremoto, per scusarsi per le reazioni di Berlusconi e Frattini al loro articolo sul G8 sul quale lui stesso ammette che ci sarebbe da discutere. Quindi si scusa con questo giornale per un articolo che non è altro che un attacco gratuito all'Italia, in cui si propone l'esclusione dell'Italia dal G8 dicendo che la Spagna ha un PIL pro capite più alto (cosa non vera e oltretutto la stessa Gran Bretagna in virtù della svalutazione della Sterlina ha oggi un PIL pro capite inferiore al nostro), in cui si parla malamente dell'organizzazione del G8 (cosa smentita da tutti, da Obama, Ban Ki Moon, il segretario dell'OCSE Sarlozy e altri).

    E questo dovrebbe essere un politico che agisce per il bene dell'Italia? Io credo che ogni parlamentare eletto nel nostro parlamento non potrebbe che criticare un simile attacco.

    15 rispostePolitica e governo - Altro1 decennio fa
  • Voi credete alle teorie ambientaliste ed al "global warning"?

    Ovvero a quelle teorie che ci dicono che il riscaldamento globale sia dovuto all'aumento delle quantità di CO2 in atmosfera?

    Io leggendole e documentandomi proprio non le riesco a condividere. Mi sembrano troppo semplicistiche e vi spiego le mie ragioni ponendomi e ponendovi delle ragionevoli domande:

    1) Quale è la principale e quasi unica fonte di energia termica della terra? La risposta è semplice, il sole. Quindi è ragionevole chiedersi innanzitutto se l'energia termica fornita dal sole possa variare nel tempo. Anche a questa domanda la risposta non può che essere affermativa. Il sole è caratterizzato da cicli di attività più o meno intensi che si misurano ossevando il numero delle macchie solari e delle radiazioni elettromagnetica emesse dal sole. Secondo quanto dimostrano gli studi effettuati in base a questi fattori a partire da metà secolo scorso (ovvero da quando viene ravvisato l'aumento della temperatura globale) l'attività solare si è intensificata in maniera considerevole. Il numero delle macchie solari prodotte dal sole negli ultimi 50 anni risulta essere il più alto da quando esse vengono rilevate ovvero dal 1610 quando Galileo le scoprì. E come è ben noto all'aumento del numero delle macchie solari aumenta l'attività solare e quindi anche l'intensità della radiazione solare. Quindi non è ragionevole supporre che l'aumento della radiazione solare possa portare ad una maggiore quantità di energia termica sulla terra? La mia ragionevole risposta è si come dimostra anche la "piccola glaciazione" di fine 1600 in cui si verificò un prolungato minimo solare.

    2) Quanto può influenzare l'uomo la quantità di CO2 prodotta sulla terra? La risposta è anche qui semplice. Basta leggere i dati. L'uomo produce 7 Gt di CO2 ogni anno. La natura produce oltre 210 Gt di CO2. Quindi le attività umane producono solamente il 3% della CO2 prodotta dalla terra. E questa piccola percentuale dovrebbe modificare il clima più di quanto lo possa influenzare l'attività solare? Mi sembra alquanto bizzarro.

    3) Chi è il principale fautore dell'effetto serra? La risposta non è la CO2 bensì il vapore acqueo presente in atmosfera che è responsabile per il 75% dell'effetto serra. La CO2 contribuisce a crearlo solo per il 15%. E chi è che influisce sul ciclo dell'acqua aumentando o meno la quantità di umidità dell'aria? La risposta è semplice, il sole.

    4) Il sole può influenzare anche la quantità di CO2 in atmosfera? Naturalmente si. Il sole condiziona il metabolismo delle piante e degli animali. Le piante assorbono 121 Gt di CO2 l'anno. Ma le piante sono esseri viventi e la loro capacità di assorbire CO2 varia proprzionalmente alla temperatura (la temperatura di massima attività delle piante è attorno ai 20 gradi C, più aumenta la temperatura più la capacità diminuisce progressivamente) allo spettro luminoso dei raggi solari e ad altri fattori ambientali. Quindi sarebbe anche ragionevole pensare che non sia solamente l'uomo l'autore di questo aumento di CO2 in atmosfera. Oltre tutto non è nemmeno la prima volta che questo si verifica come dimostrano i carotaggi dei ghiacci polari.

    5) Come mai l'andamento della temperatura globale negli ultimi anni non conferma le previsioni dei sostenitori del "global warning"? Sapete quale è stato l'anno più caldo negli ultimi secoli? Il 2008? No. Il 2007? No. E' stato il lontano 1998 ovvero più di 11 anni fa. Naturalmente quell'anno fu influenzato da eventi metereologici di rilevante importanza per il clima come il Nino. Ma anche il 2005 caratterizzato dallo stesso fenomeno si è dovuto accontentare della seconda piazza degli ultimi secoli. Come mai tutto ciò? Analizzando i dati rilevati durante l'anno passato dimostrano che il 2008 è stato l'ottavo anno più caldo (come ci tengono a sottolineare i sostenitori del "global warning") negli ultimi secoli. Ma analizziamo nel concreto, l'ottavo anno più caldo significa che è stato l'anno con la temperatura media più bassa del nuovo millennio. E sapete cosa c'è di curioso in questo? In questi ultimi anni si sta verificando il più lungo minimo solare degli ultimi 60 anni. Sarà anche questo un caso? Volendo si può aggiungere anche che i ghiacci artici sono cresciuti nell'inverno a cavallo del 2008 e del 2009 di 340 km quadrati rispetto all'inverno precedente secondo le rilevazioni di gennaio. Questo è significativo perchè significa recuperare un terzo di ciò che era andato perduto dal 1979 al 2008.

    Per il resto pensatela come volete. Io credo che del resto sia strano che l'uomo nel suo piccolo possa influenzare il clima terrestre più dello stesso sole. Per il resto staremo a vedere.

    6 rispostePolitica e governo - Altro1 decennio fa
  • Voi credete alle teorie ambientaliste ed al "global warning"?

    Ovvero a quelle teorie che ci dicono che il riscaldamento globale sia dovuto all'aumento delle quantità di CO2 in atmosfera?

    Io leggendole e documentandomi proprio non le riesco a condividere. Mi sembrano troppo semplicistiche e vi spiego le mie ragioni ponendomi e ponendovi delle ragionevoli domande:

    1) Quale è la principale e quasi unica fonte di energia termica della terra? La risposta è semplice, il sole. Quindi è ragionevole chiedersi innanzitutto se l'energia termica fornita dal sole possa variare nel tempo. Anche a questa domanda la risposta non può che essere affermativa. Il sole è caratterizzato da cicli di attività più o meno intensi che si misurano ossevando il numero delle macchie solari e delle radiazioni elettromagnetica emesse dal sole. Secondo quanto dimostrano gli studi effettuati in base a questi fattori a partire da metà secolo scorso (ovvero da quando viene ravvisato l'aumento della temperatura globale) l'attività solare si è intensificata in maniera considerevole. Il numero delle macchie solari prodotte dal sole negli ultimi 50 anni risulta essere il più alto da quando esse vengono rilevate ovvero dal 1610 quando Galileo le scoprì. E come è ben noto all'aumento del numero delle macchie solari aumenta l'attività solare e quindi anche l'intensità della radiazione solare. Quindi non è ragionevole supporre che l'aumento della radiazione solare possa portare ad una maggiore quantità di energia termica sulla terra? La mia ragionevole risposta è si come dimostra anche la "piccola glaciazione" di fine 1600 in cui si verificò un prolungato minimo solare.

    2) Quanto può influenzare l'uomo la quantità di CO2 prodotta sulla terra? La risposta è anche qui semplice. Basta leggere i dati. L'uomo produce 7 Gt di CO2 ogni anno. La natura produce oltre 210 Gt di CO2. Quindi le attività umane producono solamente il 3% della CO2 prodotta dalla terra. E questa piccola percentuale dovrebbe modificare il clima più di quanto lo possa influenzare l'attività solare? Mi sembra alquanto bizzarro.

    3) Chi è il principale fautore dell'effetto serra? La risposta non è la CO2 bensì il vapore acqueo presente in atmosfera che è responsabile per il 75% dell'effetto serra. La CO2 contribuisce a crearlo solo per il 15%. E chi è che influisce sul ciclo dell'acqua aumentando o meno la quantità di umidità dell'aria? La risposta è semplice, il sole.

    4) Il sole può influenzare anche la quantità di CO2 in atmosfera? Naturalmente si. Il sole condiziona il metabolismo delle piante e degli animali. Le piante assorbono 121 Gt di CO2 l'anno. Ma le piante sono esseri viventi e la loro capacità di assorbire CO2 varia proprzionalmente alla temperatura (la temperatura di massima attività delle piante è attorno ai 20 gradi C, più aumenta la temperatura più la capacità diminuisce progressivamente) allo spettro luminoso dei raggi solari e ad altri fattori ambientali. Quindi sarebbe anche ragionevole pensare che non sia solamente l'uomo l'autore di questo aumento di CO2 in atmosfera. Oltre tutto non è nemmeno la prima volta che questo si verifica come dimostrano i carotaggi dei ghiacci polari.

    5) Come mai l'andamento della temperatura globale negli ultimi anni non conferma le previsioni dei sostenitori del "global warning"? Sapete quale è stato l'anno più caldo negli ultimi secoli? Il 2008? No. Il 2007? No. E' stato il lontano 1998 ovvero più di 11 anni fa. Naturalmente quell'anno fu influenzato da eventi metereologici di rilevante importanza per il clima come il Nino. Ma anche il 2005 caratterizzato dallo stesso fenomeno si è dovuto accontentare della seconda piazza degli ultimi secoli. Come mai tutto ciò? Analizzando i dati rilevati durante l'anno passato dimostrano che il 2008 è stato l'ottavo anno più caldo (come ci tengono a sottolineare i sostenitori del "global warning") negli ultimi secoli. Ma analizziamo nel concreto, l'ottavo anno più caldo significa che è stato l'anno con la temperatura media più bassa del nuovo millennio. E sapete cosa c'è di curioso in questo? In questi ultimi anni si sta verificando il più lungo minimo solare degli ultimi 60 anni. Sarà anche questo un caso? Volendo si può aggiungere anche che i ghiacci artici sono cresciuti nell'inverno a cavallo del 2008 e del 2009 di 340 km quadrati rispetto all'inverno precedente secondo le rilevazioni di gennaio. Questo è significativo perchè significa recuperare un terzo di ciò che era andato perduto dal 1979 al 2008.

    Per il resto pensatela come volete. Io credo che del resto sia strano che l'uomo nel suo piccolo possa influenzare il clima terrestre più dello stesso sole. Per il resto staremo a vedere.

    7 rispostePolitica e governo - Altro1 decennio fa
  • Voi credete alle teorie ambientaliste ed al global warning?

    Ovvero a quelle teorie che ci dicono che il riscaldamento globale sia dovuto all'aumento delle quantità di CO2 in atmosfera?

    Io leggendole e documentandomi proprio non le riesco a condividere. Mi sembrano troppo semplicistiche e vi spiego le mie ragioni ponendomi e ponendovi delle ragionevoli domande:

    1) Quale è la principale e quasi unica fonte di energia termica della terra? La risposta è semplice, il sole. Quindi è ragionevole chiedersi innanzitutto se l'energia termica fornita dal sole possa variare nel tempo. Anche a questa domanda la risposta non può che essere affermativa. Il sole è caratterizzato da cicli di attività più o meno intensi che si misurano ossevando il numero delle macchie solari e delle radiazioni elettromagnetica emesse dal sole. Secondo quanto dimostrano gli studi effettuati in base a questi fattori a partire da metà secolo scorso (ovvero da quando viene ravvisato l'aumento della temperatura globale) l'attività solare si è intensificata in maniera considerevole. Il numero delle macchie solari prodotte dal sole negli ultimi 50 anni risulta essere il più alto da quando esse vengono rilevate ovvero dal 1610 quando Galileo le scoprì. E come è ben noto all'aumento del numero delle macchie solari aumenta l'attività solare e quindi anche l'intensità della radiazione solare. Quindi non è ragionevole supporre che l'aumento della radiazione solare possa portare ad una maggiore quantità di energia termica sulla terra? La mia ragionevole risposta è si come dimostra anche la "piccola glaciazione" di fine 1600 in cui si verificò un prolungato minimo solare.

    2) Quanto può influenzare l'uomo la quantità di CO2 prodotta sulla terra? La risposta è anche qui semplice. Basta leggere i dati. L'uomo produce 7 Gt di CO2 ogni anno. La natura produce oltre 210 Gt di CO2. Quindi le attività umane producono solamente il 3% della CO2 prodotta dalla terra. E questa piccola percentuale dovrebbe modificare il clima più di quanto lo possa influenzare l'attività solare? Mi sembra alquanto bizzarro.

    3) Chi è il principale fautore dell'effetto serra? La risposta non è la CO2 bensì il vapore acqueo presente in atmosfera che è responsabile per il 75% dell'effetto serra. La CO2 contribuisce a crearlo solo per il 15%. E chi è che influisce sul ciclo dell'acqua aumentando o meno la quantità di umidità dell'aria? La risposta è semplice, il sole.

    4) Il sole può influenzare anche la quantità di CO2 in atmosfera? Naturalmente si. Il sole condiziona il metabolismo delle piante e degli animali. Le piante assorbono 121 Gt di CO2 l'anno. Ma le piante sono esseri viventi e la loro capacità di assorbire CO2 varia proprzionalmente alla temperatura (la temperatura di massima attività delle piante è attorno ai 20 gradi C, più aumenta la temperatura più la capacità diminuisce progressivamente) allo spettro luminoso dei raggi solari e ad altri fattori ambientali. Quindi sarebbe anche ragionevole pensare che non sia solamente l'uomo l'autore di questo aumento di CO2 in atmosfera. Oltre tutto non è nemmeno la prima volta che questo si verifica come dimostrano i carotaggi dei ghiacci polari.

    5) Come mai l'andamento della temperatura globale negli ultimi anni non conferma le previsioni dei sostenitori del "global warning"? Sapete quale è stato l'anno più caldo negli ultimi secoli? Il 2008? No. Il 2007? No. E' stato il lontano 1998 ovvero più di 11 anni fa. Naturalmente quell'anno fu influenzato da eventi metereologici di rilevante importanza per il clima come il Nino. Ma anche il 2005 caratterizzato dallo stesso fenomeno si è dovuto accontentare della seconda piazza degli ultimi secoli. Come mai tutto ciò? Analizzando i dati rilevati durante l'anno passato dimostrano che il 2008 è stato l'ottavo anno più caldo (come ci tengono a sottolineare i sostenitori del "global warning") negli ultimi secoli. Ma analizziamo nel concreto, l'ottavo anno più caldo significa che è stato l'anno con la temperatura media più bassa del nuovo millennio. E sapete cosa c'è di curioso in questo? In questi ultimi anni si sta verificando il più lungo minimo solare degli ultimi 60 anni. Sarà anche questo un caso? Volendo si può aggiungere anche che i ghiacci artici sono cresciuti nell'inverno a cavallo del 2008 e del 2009 di 340 km quadrati rispetto all'inverno precedente secondo le rilevazioni di gennaio. Questo è significativo perchè significa recuperare un terzo di ciò che era andato perduto dal 1979 al 2008.

    Per il resto pensatela come volete. Io credo che del resto sia strano che l'uomo nel suo piccolo possa influenzare il clima terrestre più dello stesso sole. Per il resto staremo a vedere.

    5 rispostePolitica e governo - Altro1 decennio fa
  • Voi credete alle teorie ambientaliste ed al global warning?

    Ovvero a quelle teorie che ci dicono che il riscaldamento globale sia dovuto all'aumento delle quantità di CO2 in atmosfera?

    Io leggendole e documentandomi proprio non le riesco a condividere. Mi sembrano troppo semplicistiche e vi spiego le mie ragioni ponendomi e ponendovi delle ragionevoli domande:

    1) Quale è la principale e quasi unica fonte di energia termica della terra? La risposta è semplice, il sole. Quindi è ragionevole chiedersi innanzitutto se l'energia termica fornita dal sole possa variare nel tempo. Anche a questa domanda la risposta non può che essere affermativa. Il sole è caratterizzato da cicli di attività più o meno intensi che si misurano ossevando il numero delle macchie solari e delle radiazioni elettromagnetica emesse dal sole. Secondo quanto dimostrano gli studi effettuati in base a questi fattori a partire da metà secolo scorso (ovvero da quando viene ravvisato l'aumento della temperatura globale) l'attività solare si è intensificata in maniera considerevole. Il numero delle macchie solari prodotte dal sole negli ultimi 50 anni risulta essere il più alto da quando esse vengono rilevate ovvero dal 1610 quando Galileo le scoprì. E come è ben noto all'aumento del numero delle macchie solari aumenta l'attività solare e quindi anche l'intensità della radiazione solare. Quindi non è ragionevole supporre che l'aumento della radiazione solare possa portare ad una maggiore quantità di energia termica sulla terra? La mia ragionevole risposta è si come dimostra anche la "piccola glaciazione" di fine 1600 in cui si verificò un prolungato minimo solare.

    2) Quanto può influenzare l'uomo la quantità di CO2 prodotta sulla terra? La risposta è anche qui semplice. Basta leggere i dati. L'uomo produce 7 Gt di CO2 ogni anno. La natura produce oltre 210 Gt di CO2. Quindi le attività umane producono solamente il 3% della CO2 prodotta dalla terra. E questa piccola percentuale dovrebbe modificare il clima più di quanto lo possa influenzare l'attività solare? Mi sembra alquanto bizzarro.

    3) Chi è il principale fautore dell'effetto serra? La risposta non è la CO2 bensì il vapore acqueo presente in atmosfera che è responsabile per il 75% dell'effetto serra. La CO2 contribuisce a crearlo solo per il 15%. E chi è che influisce sul ciclo dell'acqua aumentando o meno la quantità di umidità dell'aria? La risposta è semplice, il sole.

    4) Il sole può influenzare anche la quantità di CO2 in atmosfera? Naturalmente si. Il sole condiziona il metabolismo delle piante e degli animali. Le piante assorbono 121 Gt di CO2 l'anno. Ma le piante sono esseri viventi e la loro capacità di assorbire CO2 varia proprzionalmente alla temperatura (la temperatura di massima attività delle piante è attorno ai 20 gradi C, più aumenta la temperatura più la capacità diminuisce progressivamente) allo spettro luminoso dei raggi solari e ad altri fattori ambientali. Quindi sarebbe anche ragionevole pensare che non sia solamente l'uomo l'autore di questo aumento di CO2 in atmosfera. Oltre tutto non è nemmeno la prima volta che questo si verifica come dimostrano i carotaggi dei ghiacci polari.

    5) Come mai l'andamento della temperatura globale negli ultimi anni non conferma le previsioni dei sostenitori del "global warning"? Sapete quale è stato l'anno più caldo negli ultimi secoli? Il 2008? No. Il 2007? No. E' stato il lontano 1998 ovvero più di 11 anni fa. Naturalmente quell'anno fu influenzato da eventi metereologici di rilevante importanza per il clima come il Nino. Ma anche il 2005 caratterizzato dallo stesso fenomeno si è dovuto accontentare della seconda piazza degli ultimi secoli. Come mai tutto ciò? Analizzando i dati rilevati durante l'anno passato dimostrano che il 2008 è stato l'ottavo anno più caldo (come ci tengono a sottolineare i sostenitori del "global warning") negli ultimi secoli. Ma analizziamo nel concreto, l'ottavo anno più caldo significa che è stato l'anno con la temperatura media più bassa del nuovo millennio. E sapete cosa c'è di curioso in questo? In questi ultimi anni si sta verificando il più lungo minimo solare degli ultimi 60 anni. Sarà anche questo un caso?

    Per il resto pensatela come volete. Io credo che del resto sia strano che l'uomo nel suo piccolo possa influenzare il clima terrestre più dello stesso sole. Per il resto staremo a vedere.

    14 rispostePolitica e governo - Altro1 decennio fa
  • Di Pietro rifiuterà gli oltre 20 milioni di euro che gli spettano di rimborsi elettorali?

    E denuncierà il fatto che i partiti si intascheranno oltre 251 milioni di euro di soldi pubblici in rimborsi elettorali per le europee? Soldi che non vengono assegnati per il rimborso delle spese ma per il numero di voti presi. Infatti mi viene difficile pensare che un partito sia riuscito a spendere anche solo 10 milioni di euro in questa campagna elettorale. Specialmente perchè si trattava di una campagna per le europee e non per le politiche quindi meno intensa e meno costosa.

    Mi riferisco a Di Pietro che si rende autore di tante battaglie contro privilegi e contro la malapolitica. Questa secondo me è malapolitica peggio dei condannati in parlamento perchè alla fine i condannati in parlamento mi toccano poco, 251 milioni di euro di soldi pubblici sono una cifra immensa che mi costa parecchio. Secondo me dovrebbe rifiutare i soldi che gli spettano e prendersi solo i soldi che effettivamente ha speso.

    PS I rimborsi elettorali si calcolano in base al numero degli elettori e non in base alle spese. La legge per i rimborsi elettorali stabilisce che i rimborsi ammontino a 5 euro totali per ogni avente diritto al voto (non coloro che vanno a votare ma coloro che hanno diritto al voto ed è per avere più soldi che si è inventato il voto degli elettori all'estero). E non c'è nessun legame tra le spese sostenute e l'ammontare del rimborso.

    15 rispostePolitica e governo - Altro1 decennio fa
  • Di Pietro rifiuterà gli oltre 20 milioni di euro che gli spettano di rimborsi elettorali?

    E denuncierà il fatto che i partiti si intascheranno oltre 251 milioni di euro di soldi pubblici in rimborsi elettorali per le europee? Soldi che non vengono assegnati per il rimborso delle spese ma per il numero di voti presi. Infatti mi viene difficile pensare che un partito sia riuscito a spendere anche solo 10 milioni di euro in questa campagna elettorale. Specialmente perchè si trattava di una campagna per le europee e non per le politiche quindi meno intensa e meno costosa.

    Mi riferisco a Di Pietro che si rende autore di tante battaglie contro privilegi e contro la malapolitica. Questa secondo me è malapolitica peggio dei condannati in parlamento perchè alla fine i condannati in parlamento mi toccano poco, 251 milioni di euro di soldi pubblici sono una cifra immensa che mi costa parecchio. Secondo me dovrebbe rifiutare i soldi che gli spettano e prendersi solo i soldi che effettivamente ha speso.

    PS I rimborsi elettorali si calcolano in base al numero degli elettori e non in base alle spese. La legge per i rimborsi elettorali stabilisce che i rimborsi ammontino a 5 euro totali per ogni avente diritto al voto (non coloro che vanno a votare ma coloro che hanno diritto al voto ed è per avere più soldi che si è inventato il voto degli elettori all'estero). E non c'è nessun legame tra le spese sostenute e l'ammontare del rimborso.

    10 rispostePolitica e governo - Altro1 decennio fa
  • Donadi dice chiediamo l'impeachment, la Serracchiani dice chiediamo l'impeachment?

    Ma da quando l'impeachment fa parte dell'ordinamento italiano? Ve lo dico io. Non fa parte dell'orinamento italiano. La costituzione non lo prevede. L'impeachment è una istituzione che riguarda solamente il mondo anglosassone quindi vorrei sapere perchè queste persone devono appellarsi a cose che non esistono. Specialmente perchè l'impeachment è una istituzione che entra in azione qualora il presidente compia reati nell'esercizio delle proprie funzioni e la sentenza Mills non riguarda assolutamente reati relativi all'esercizio delle funzioni di capo di governo. Anche perchè la presunta corruzione risale a quando al governo c'era la sinistra.

    Parole di Di Pietro:

    "Insistiamo affinche' Berlusconi presenti le dimissioni o si vada avanti con una richiesta di impeachment."

    Per fortuna che era PM.

    9 rispostePolitica e governo - Altro1 decennio fa