• Lo spazio è infinito?

    Migliore risposta: @Lord Byron chi ti dice che lo spazio esiste da un tempo finito? 13 miliardi cosa? Gli scienziati esistevano 13 miliardi di anni fa? Quella è un'ipotesi semplicistica, facilona come te. Il tempo non è finito, e neanche lo spazio, perché allora prima del tempo dovrebbe esserci stato qualcosa, anche prima dello... visualizza altro
    Migliore risposta: @Lord Byron

    chi ti dice che lo spazio esiste da un tempo finito? 13 miliardi cosa? Gli scienziati esistevano 13 miliardi di anni fa? Quella è un'ipotesi semplicistica, facilona come te. Il tempo non è finito, e neanche lo spazio, perché allora prima del tempo dovrebbe esserci stato qualcosa, anche prima dello spazio, e tu riesci ad immaginarti cosa? 13, 7 miliardi di anni c'era sia lo spazio che il tempo, perché sono due grandezze infinite, difatti è impossibile pensare ad una realtà priva di spazio e di tempo, perché lo spazio e il tempo sono due organi necessari della realtà. Cosa c'era prima del tempo, giacché finito? Nulla? Ma la logica non ti è amica a quanto vedo...
    ti sfugge che l'essere è e non può non essere, il nulla non è possibile che sia.
    Dunque non c'era una condizione precedente, anteriore al tempo, il tempo è sempre esistito e sempre esisterà, all'infinito.
    L'universo non è finito, che prova ne hai? L'universo "totalità delle cose esistenti" è infinito non perché ci siano aggregrati materiali infiniti, ma perché lo spazio-tempo non ha limiti, non può averne, un po' di raziocinio dai.
    15 risposte · 1 settimana fa
  • Gli extraterrestri sono sulla terra e sono pronti a fermarci?

    Da quando l'uomo è riuscito a creare armi atomiche, che essi ci controllano e sono pronti a fermarci ad ogni costo, perché potremmo arrivare a costruire un arma in grado di far collassare l'intera nostra galassia. Un arma che pensavamo semplicemente più potente di centinaia di bombe atomiche, ma che in... visualizza altro
    Da quando l'uomo è riuscito a creare armi atomiche, che essi ci controllano e sono pronti a fermarci ad ogni costo, perché potremmo arrivare a costruire un arma in grado di far collassare l'intera nostra galassia. Un arma che pensavamo semplicemente più potente di centinaia di bombe atomiche, ma che in realtà se sperimentata provocherebbe una reazione distruttiva su scala interstellare. Tutti direte bello come racconto di fantascienza, ma se l'uomo, senza saperlo, creasse veramente un'arma del genere?
    10 risposte · 6 giorni fa
  • Rispondetemi al più presto grazie !?

    i pianeti: A sono tutti solidi come la Terra B riflettono la luce del sole C emettono luce propria a causa delle reazioni di fusione nucleare D fanno parte di costellazioni rispondetemi al più presto grazie!
    i pianeti: A sono tutti solidi come la Terra B riflettono la luce del sole C emettono luce propria a causa delle reazioni di fusione nucleare D fanno parte di costellazioni rispondetemi al più presto grazie!
    9 risposte · 5 giorni fa
  • Pianeti ..a cosa servono ?

    La luna serve X le fasi lunari ...il sole meno male che C e ...e gli altri pianeti che servono ?
    La luna serve X le fasi lunari ...il sole meno male che C e ...e gli altri pianeti che servono ?
    12 risposte · 2 settimane fa
  • L'uomo è mai stato sulla Luna?

    Migliore risposta: L'UOMO NON È MAI STATO SULLA LUNA, È TUTTA UNA FINZIONE MONDIALE MOSTRUOSA E LA MAGGIOR PARTE DELLA GENTE È COSÌ RINCÓGLIONITA CHE CREDE ANCORA ALLA TERRA SFERICA. STI FINTI SCIENZIATI E STUDENTI CHE CREDONO DI SAPERE E AVER IMPARATO QUALCOSA...SIETE DEI CÓGLIONI CHE CAMMINANO A QUATTRO ZAMPE. CI HANNO... visualizza altro
    Migliore risposta: L'UOMO NON È MAI STATO SULLA LUNA, È TUTTA UNA FINZIONE MONDIALE MOSTRUOSA E LA MAGGIOR PARTE DELLA GENTE È COSÌ RINCÓGLIONITA CHE CREDE ANCORA ALLA TERRA SFERICA. STI FINTI SCIENZIATI E STUDENTI CHE CREDONO DI SAPERE E AVER IMPARATO QUALCOSA...SIETE DEI CÓGLIONI CHE CAMMINANO A QUATTRO ZAMPE. CI HANNO INGANNATO TUTTI! LA NASA È UNA FRODE. TRADITORI!!! BASTÁRDI MANIPOLATORI DELLA REALTÀ! ECCO I VOSTRI EROI:

    https://m.youtube.com/watch?v=HQi71SXLFLo


    TAMMY, TACI COGLIÒNE INDOTTRINATO DI MÈRDA.
    16 risposte · 2 settimane fa
  • È altamente probabile che l'universo sia una sorta di "simulazione di tipo informatico" sofisticatissima e dalla risoluzione altissima?

    Non ci altre spiegazioni, l'informazione, proprio come i nostri programmi infirmatici, rappreesenta L'unità base oltre la quale ci sono soltanto le menti di coloro o colui che ha progettato tutto questo. E probabilmente non è l'unico esistente.
    Non ci altre spiegazioni, l'informazione, proprio come i nostri programmi infirmatici, rappreesenta L'unità base oltre la quale ci sono soltanto le menti di coloro o colui che ha progettato tutto questo. E probabilmente non è l'unico esistente.
    11 risposte · 2 settimane fa
  • Come si fa a candidarsi astronauta ?

    Migliore risposta: il liceo scientifico è un ottimo liceo per fare l'astronauta. per fare questo mestiere solitamente vengono selezionati i militari quindi non puoi fare l'università in quanto c'è un limite d'età per l'entrata in accademia militare aeronautica (a Pozzuoli) che è molto basso... per l'accademia... visualizza altro
    Migliore risposta: il liceo scientifico è un ottimo liceo per fare l'astronauta.
    per fare questo mestiere solitamente vengono selezionati i militari quindi non puoi fare l'università in quanto c'è un limite d'età per l'entrata in accademia militare aeronautica (a Pozzuoli) che è molto basso... per l'accademia devi scegliere il ruolo normale delle armi specialità piloti ( 3 anni di università e poi le scuole di volo negli USA) oppure ingegneria (5 anni di università)...
    però si può anche entrare da civili (anche se è molto difficile). ci sono delle selezioni, per esempio le ultime dell'ESA si sono svolte nel 2009, quelle della nasa nel 2013...
    intanto di auguro buona fortuna! non è un percorso semplice ed immediato ma è fattibile se si ha tanta determinazione!!!! ce la puoi fare se vuoi
    ciao
    ps. per altri chiarimenti chiedimi nei commenti
    4 risposte · 1 settimana fa
  • Qual'è il pianeta più bello dell'universo?

    Migliore risposta: Ovviamente il pianeta dei nostri sogni ...ma subito dopo viene la Terra ..o è la stessa cosa ? Se riusciremo a salvare il nostro mondo allora avremo il mondo azzurro a nostra disposizione @ informazioni Purtroppo non riesco a leggere le altre risposte e non solo a questa domanda ma a tutte le domande. poste ... visualizza altro
    Migliore risposta: Ovviamente il pianeta dei nostri sogni ...ma subito dopo viene la Terra ..o è la stessa cosa ? Se riusciremo a salvare il nostro mondo allora avremo il mondo azzurro a nostra disposizione


    @

    informazioni

    Purtroppo non riesco a leggere le altre risposte e non solo a questa domanda ma a tutte le domande. poste Nel mio computer ( e soltanto in Answer ) leggo solo la prima risposta la mia o quella di altri . Non posso neanche rispondere se altri hanno già risposto ( meno che non risulta visualizzata per prima ) . Il cursore a destra della pagina allontana dalla prima risposta tutte le altre risposte successive . Quindi non posso scrivere una risposta successiva nè leggere le risposte successive Penso che sia un altro problema di Answer poiché accade soltanto in Answer . Finché il problema non si risolve vedrete soltanto delle mie prime risposte e non mie risposte successive . Penso che Answer non vuole assolutamente migliorare le sue pagine . Mi leggerete quando posso . Saluto a tutti
    12 risposte · 2 settimane fa
  • E va bene sappiamo che gli UFO esistono e sepoiamo che questi sono oggetti volanti non identificati.?

    ma gli alieni se esistono dove sono veramente , si e' scoperto di più negli ultimi anni di essere viventi che vivono in altri pianeti? Per caso?
    ma gli alieni se esistono dove sono veramente , si e' scoperto di più negli ultimi anni di essere viventi che vivono in altri pianeti? Per caso?
    6 risposte · 2 settimane fa
  • Fine del mondo Di nuovo vicina?

    Migliore risposta: Diciamo abbiamo fatto l'abitudine ..ogni 10 anni ( e forse meno ) c'è una fine del mondo che puntualmente non viene ( e meno male ) . Dall'anno 1000 ci sono state centinaia di fine del mondo non verificate successivamente . Questa sequenze di catastrofe non avvenute mi indica che forse ..soltanto Noi... visualizza altro
    Migliore risposta: Diciamo abbiamo fatto l'abitudine ..ogni 10 anni ( e forse meno ) c'è una fine del mondo che puntualmente non viene ( e meno male ) . Dall'anno 1000 ci sono state centinaia di fine del mondo non verificate successivamente . Questa sequenze di catastrofe non avvenute mi indica che forse ..soltanto Noi uomini riusciremo a portare la fine del mondo
    .Il riscaldamento globale potrebbe essere l'inizio .....e spero di sbagliarmi ovviamente .

    @ tenete presente che io non riesco a leggere le altre risposte ma soltanto la mia ( e soltanto perchè è prima nell'ordine di esposizione della pagina ) . Quindi non posso rispondere ad altre osservazioni .
    8 risposte · 2 settimane fa
  • Domanda sul pianeta Marte?

    Migliore risposta: Prima vediamo le cause della rarefazione dell'atmosfera di Marte (parte 1), poi vedremo brevemente la questione della sua ipotetica terraformazione (parte 2) 1) Effettivamente la rarefazione attuale dell'atmosfera di Marte è dovuta alla quasi scomparsa del campo magnetico (attualmente è inferiore ai 5... visualizza altro
    Migliore risposta: Prima vediamo le cause della rarefazione dell'atmosfera di Marte (parte 1), poi vedremo brevemente la questione della sua ipotetica terraformazione (parte 2)

    1) Effettivamente la rarefazione attuale dell'atmosfera di Marte è dovuta alla quasi scomparsa del campo magnetico (attualmente è inferiore ai 5 nanoTesla, un valore estremamente basso), ma magari può interessare perché la scomparsa del campo magnetico abbia provocato la rarefazione dell'atmosfera...

    In realtà la vera causa è stato l'intenso vento solare, non "schermato" da un campo magnetico planetario di sufficiente intensità.
    Da studi astrofisici relativi a primo periodo nella Sequenza Principale delle stelle di tipo e classe GnV come il nostro Sole (dove "n" sta per una cifra che identifica il sottotipo, nel nostro caso per il Sole è G2V), vi è motivo di pensare che in passato le eruzioni solari erano più frequenti di oggi, e il vento solare era anche un po' più potente. Le particelle elettricamente cariche del vento solare quasi certamente hanno "strappato" gradualmente gran parte delle molecole dell'atmosfera presente in origine su Marte.

    La sonda MAVEN è stata lanciata nel 2013 verso Marte e ha iniziato la sua attività nel 2014, e il suo scopo era determinare la composizione dell'atmosfera di Marte a diverse quote, tramite specifici strumenti.
    Sono state in particolare le misure sulle abbondanze relative di due isotopi dell'Argon, l'Argon-36 e l'Argon-38, a fornire una chiara identificazione degli effetti del vento solare sull'atmosfera di Marte.

    Avendo misurato l'abbondanza relativa dei due isotopi dell'Argon a diverse quote dell'atmosfera di Marte, si è potuto fare una stima abbastanza precisa di quanto gas sia andato disperso nello spazio rispetto alle condizioni iniziali. é stato perso il 66% di Argon, ma quantità ancora superiori di molecole più leggere, come l'anidride carbonica e a maggior ragione l'ossigeno, che comunque già in origine era meno abbondante dell'anidride carbonica: in parte poi si è legato chimicamente al suolo di Marte, formando così ad esempio la sabbia composta in parte di ossido di Ferro, ossia "ruggine", che conferisce a Marte un caratteristico colore fra l'ocra e il rossiccio.

    La perdita della maggior parte della sua atmosfera, ha apportato grossi cambiamenti per l'ambiente e il clima di Marte: purtroppo decisamente sfavorevoli per abitarci e per la vita in generale.

    Ritornando all'inizio; potremmo dire che vi sono due responsabili per la notevole rarefazione dell'atmosfera di Marte e per il notevole peggioramento climatico: il vento solare, più intenso fra l'altro ai primordi dell'evoluzione ecologica di Marte, e la mancanza dello "scudo" contro le radiazioni di tale vento solare, scudo che consiste nel campo magnetico planetario, che però nel caso di Marte aveva intensità decisamente inadeguata. Si pensa che in origine Marte come la Terra avesse un "effetto dinamo ad autoeccitazione" nel suo nucleo, allora più caldo e fluido, e ciò aveva portato alla creazione di un certo campo magnetico, per quanto inferiore a quello Terrestre, ma tale fenomeno, che sulla Terra è tuttora assai attivo, si esaurì circa 3 miliardi di anni fa su Marte: ciò è stato dedotto dal magnetismo residuo delle rocce del pianeta.

    Il nucleo di Marte si è raffreddato assai più velocemente di quello terrestre, per due motivi: la sua minore massa e la probabile assai inferiore abbondanza di elementi radioattivi che generano calore (in particolare isotopi di Uranio, Torio Potassio a lentissimo decadimento). Per la Terra si pensa che tutora parte del calore irradiato provenga da quello residuo iniziale, e parte per i processi di decadimento radioattivo cui si è accennato. Ma tornando a Marte, il raffreddamento assai più veloce del nucleo ha portato ad un aumento della sua viscosità e a sua volta questa avrebbe gradualmente fatto cessare l'effetto dinamo, e il risultato è stato la quasi totale scomparsa del campo magnetico di Marte.

    E la scomparsa del campo magnetico di Marte ha levato ad esso il suo "scudo" contro gli effetti delle particelle cariche elettricamente del vento solare nei confronti dell'atmosfera marziana, che perciò è divenuta assai più rarefatta di quanto lo fosse all'inizio.

    NOTA: Comunque anche il campo gravitazionale di Marte, decisamente più debole di quello Terrestre, ha giocato un suo ruolo, seppure quantitativamente il suo effetto sia stato assai inferiore a quello provocato dalla perdita della magnetosfera (campo magnetico del pianeta); ma come ha già scritto @Lord Byron, alla lunga anche questo altro fattore porta inevitabilmente alla rarefazione dell'atmosfera.

    Nelle Fonti alla fine della mia risposta metto i link che ho consultato sulla questione.

    2) TERRAFORMAZIONE di Marte?
    Con la tecnologia attuale non è possibile una "modellazione artificiale" dell'ambiente e del clima di Marte in modo tale che essa "assomigli" alla Terra, o almeno abbia una "vivibilità" simile ad essa: questo è quanto s'intede col termine. E' vero che erano stati ipotizzati vari progetti, ma per ora sono assai più affini alla Fantascienza che non alla Scienza... fre lìaltro, anche avendo una tecnologia futura capace di farlo, l'impresa sarebbe lunghissima e con costi a dir poco ABNORMI. TUTTAVIA...

    In uno studio di un Team della NASA presentato durante il workshop Planetary Science Vision 2050, a Washington dal 27 al 1° marzo scorso,
    Jim Green, direttore della Planetary Science Division NASA e del suo team, ha presentato uno studio "serio" sull'argomento.

    Non si tratterebbe di "terraformazione" in senso proprio, ma di fornire all'atmosfera di Marte uno SCUDO MAGNETICO DIPOLARE posizionato da un grande veicolo spaziale nel punto di Lagrange L1; secondo loro, cito testualmente da QUI (articolo dell'Agenzia Spaziale Italiana):

    http://www.asi.it/it/news/uno-scudo-per-...

    Citazione:
    "una struttura gonfiabile potrebbe essere in grado di generare un campo magnetico dipolare di 1 o 2 Tesla, funzionando come uno scudo attivo contro il vento solare." (Insomma, come una magnetosfera artificiale)

    Altra citazione:
    "Secondo Jim Green si registrerebbe un aumento medio della temperatura superficiale di circa 4 gradi centigradi. Ciò sarebbe sufficiente a sciogliere il rivestimento di ghiaccio di anidride carbonica sopra la calotta polare settentrionale. L'evaporazione della CO2 innescherebbe un effetto serra, riscaldando ulteriormente l'atmosfera e causando lo scioglimento dell'acqua ghiacciata nelle calotte polari, dove si stima sia imprigionato circa un settimo degli oceani che una volta scorrevano su Marte. Il pianeta rosso potrebbe così tornare ad essere un mondo abitabile più simile alla Terra.

    Il prossimo passo per il team di Green sarà quello di riesaminare le simulazioni per produrre una valutazione sui tempi necessari a innescare questi cambiamenti e, allo stesso tempo, di avviare uno studio di fattibilità per la realizzazione dello scudo" [fine delle citazioni]

    A mio avviso, seppure abbiamo la tecnologia di base, non abbiamo però ancora la capacità di applicarla ad un simile livello neppure per questo progetto, e sebbene costerebbe assai meno di altri iper-faraonici, sarebbero comunque costi enormi, immagino. Come ha detto Pietro, perché allora non "terraformare" il deserto del Sahara? Risposta ovvia: per molti l'idea di andare ad abitare su Marte è di gran lunga più affascinante... vedi Elon Musk, ad esempio.
    Altri link per articoli su questo argomento:

    https://www.wired.it/scienza/spazio/2017...
    https://www.tomshw.it/nasa-scudo-magneti...

    Ti saluto
    5 risposte · 2 settimane fa