• Qual è stata per te l'attesa più lunga?

    Migliore risposta: L'attesa più lunga è stata la morte di mio padre. Dieci anni di calvario, una vita spezzata da una malattia che all'epoca dava poche speranze. Dieci anni di degenze ospedaliere quotidiane, 120 km al giorno senza sconti, nè feste Pasque nè Natali, nè altre feste comandate. Il suplizio di vederlo spegnersi a... visualizza altro
    Migliore risposta: L'attesa più lunga è stata la morte di mio padre.
    Dieci anni di calvario, una vita spezzata da una malattia che all'epoca dava poche speranze.
    Dieci anni di degenze ospedaliere quotidiane, 120 km al giorno senza sconti, nè feste Pasque nè Natali, nè altre feste comandate.
    Il suplizio di vederlo spegnersi a poco a poco, lucido della sua condizione, implorante di una speranza che ha reciso per il bene di chi amava.
    Quegli occhi che erano solo rassegnazione dove mia la rabbia di non poter far nulla mi faceva pregare in un Dio in cui non credo che se lo portasse via.
    E ho pregato, sì, perchè la morte lo cogliesse.
    E ho pianto notti intere perchè alla fine era l'unica consolazione che mi restava.
    Non ho mai capito mio padre, non l'ho mai amato come un figlio dovrebbe, l'ho detestato per le decisioni che in merito a questa sua patologia hanno privato me di una serenità che mi spettava.
    Neppure alla nascita di mio figlio ho potuto permettermi di lasciarlo solo.
    Ma so che lui, nei suoi silenzi, mi amava e glielo dovevo.
    Quando è morto pesava 42 kg, l'ho preso in braccio e non ho versato una lacrima.
    Ero, in un certo qualmodo, contento per lui.
    Ma la vita è strana, o forse l'attesa di un riscontro è quella che davvero ho aspettato più a lungo.
    Non passa giorno che guardando mio figlio che è identico a lui non lo veda e sorrido pensando che, ovunque sia, mi sorrida a sua volta sapendo che ora ho capito davvero chi fosse e compreso tanti dei suoi perchè.
    23 risposte · 2 settimane fa
  • Qual è stato il tuo amore più conflittuale?

    Migliore risposta: Amori conflittuali non ne ho mai vissuti. Non riesco a pensare a un amore che possa contenere in sé un conflitto, è un sentimento talmente istintivo, basilare e "semplice". E quando penso all'amore, penso a quell'amore (a quegli amori, che vanno oltre al solo rapporto uomo-donna) che, mentre li... visualizza altro
    Migliore risposta: Amori conflittuali non ne ho mai vissuti.
    Non riesco a pensare a un amore che possa contenere in sé un conflitto, è un sentimento talmente istintivo, basilare e "semplice". E quando penso all'amore, penso a quell'amore (a quegli amori, che vanno oltre al solo rapporto uomo-donna) che, mentre li ho vissuti, mi hanno fatto sentire in pace con me stessa e perfettamente appagata.
    Rapporti conflittuali sì, ne ho vissuti e ne vivo, purtroppo. Alla loro base c'è stata (c'è) spesso l'ostinazione, l'incapacità ad accettare una fine, un astio sotterraneo, una lontanza dall'altro che non si vuole veramente ammettere. E forse si crede di amare, ma non si ama veramente, e ci si vergogna con se stessi di riconoscerlo.
    L'"odi et amo" per me non è amore, non lo è mai stato.
    E' sfida, è desiderio, tormento e struggimento.
    Questi versi di Neruda dicono invece quello che sento io:
    "T’amo senza sapere come, né quando, né da dove,
    t’amo direttamente senza problemi né orgoglio"
    (non c'è spazio per la tensione, per il conflitto, per niente che possa inquinarlo).
    9 risposte · 2 settimane fa
  • L'amore platonico secondo voi esiste?

    Migliore risposta: Cosa può non esistere a questo mondo? Ciò che non esiste si inventa Esiste, dunque, ma è pur sempre una cosa parziale. Se ti accontenti dei "lavori in corso" all'italiana, fai pure. I ragni, da qualche parte, devono pur fare le loro tele... cosa c'è di meglio degli organi sessuali degli innamorati... visualizza altro
    Migliore risposta: Cosa può non esistere a questo mondo?
    Ciò che non esiste si inventa
    Esiste, dunque, ma è pur sempre una cosa parziale.
    Se ti accontenti dei "lavori in corso" all'italiana, fai pure.
    I ragni, da qualche parte, devono pur fare le loro tele... cosa c'è di meglio degli organi sessuali degli innamorati platonici?
    Si può chiamare amore? Bah!
    La cosa curiosa è che alcuni lo considerino superiore.
    Per la natura, se non ti accoppi e fai figli, l'amore non serve a nulla.
    Sotto questo aspetto, l'amore platonico è innaturale, potendo configurarsi come un amore malato, una perversione; anche ipocrisia: si cerca una scusa per non impegnarsi. Vive di fantasie: chi si guarda dietro si trasforma in statua di sale.
    Per contro, una costante degli amori di Paoli è che nascono in una bettola per poi divenire grandi amori.
    Fateci caso: il cielo in una stanza, una lunga storia d'amore, e m'innamorerai, vivere ancora, oppure degradano: la gatta, ti lascio una canzone, sassi, albergo a ore, non andare via...
    Ecco una sua canzone come esempio.
    https://www.youtube.com/watch?v=W_YpB_p2...
    30 risposte · 2 settimane fa
  • Ma è il pensiero che avvicina noi ansewerini?

    Voglio dire, alcuni answerini sono di Roma, altri di Torino, altri di Palermo, altri ancora di Canicattì...E' quando esprimiamo i nostri pensieri su answers che diventiamo incredibilmente vicini? La mia domanda si ispira ad un'altra di Michelle che ringrazio :)
    Voglio dire, alcuni answerini sono di Roma, altri di Torino, altri di Palermo, altri ancora di Canicattì...E' quando esprimiamo i nostri pensieri su answers che diventiamo incredibilmente vicini? La mia domanda si ispira ad un'altra di Michelle che ringrazio :)
    15 risposte · 2 settimane fa
  • “Non condivido la tua idea, ma darei la vita perché tu la possa esprimere.” Naturalmente purchè non danneggi altri. Che ne pensate?

    Migliore risposta: Per me è molto bella e dovrebbe guidare tutti. E' la base di ogni dialogo: Per rispettare una persona non c'è bisogno di condividere le sue idee. Le persone si rispettano anche se hanno idee diverse dalle nostre. Non vedo perché, se hai idee diverse dalle mie, non dovrei rispettarti. E non riesco nemmeno a... visualizza altro
    Migliore risposta: Per me è molto bella e dovrebbe guidare tutti. E' la base di ogni dialogo:
    Per rispettare una persona non c'è bisogno di condividere le sue idee.
    Le persone si rispettano anche se hanno idee diverse dalle nostre.
    Non vedo perché, se hai idee diverse dalle mie, non dovrei rispettarti.
    E non riesco nemmeno a capire come l'espressione di un'idea (che si fermi all'espressione) possa danneggiare gli altri. Stiamo parlando di idee, non di offese o di calunnie o simili.
    28 risposte · 2 settimane fa
  • Ci sono dei limiti, secondo voi, alla libertà di espressione? E quali dovrebbero essere?

    Migliore risposta: Si.
    Esistono dei limiti...e sono quelli del buon senso. Proprio come esistono i limiti di velocità che bisogna rispettare se non si vuole finire fuori strada o peggio ancora.

    Bella domanda:)
    Migliore risposta: Si.
    Esistono dei limiti...e sono quelli del buon senso. Proprio come esistono i limiti di velocità che bisogna rispettare se non si vuole finire fuori strada o peggio ancora.

    Bella domanda:)
    21 risposte · 2 settimane fa
  • Perchè desideriamo (vogliamo possedere) quello che non possiamo avere (che non è alla nostra portata)?

    Migliore risposta: hai scelto una canzone di rottura tra i dischi di prima e quelli dopo di Mogol Battisti, praticamente è un inno contro la Chiesa cattolica che tiene prigioniero l'uomo, ritenendolo un eterno peccatore..ecc.ecc. Il fatto di desiderare quello che non si può avere descrive esattamente la carenza umana di molte... visualizza altro
    Migliore risposta: hai scelto una canzone di rottura tra i dischi di prima e quelli dopo di Mogol Battisti, praticamente è un inno contro la Chiesa cattolica che tiene prigioniero l'uomo, ritenendolo un eterno peccatore..ecc.ecc.
    Il fatto di desiderare quello che non si può avere descrive esattamente la carenza umana di molte persone, l'insoddisfazione che è alla base della vita, se pensi che quando si desidera qualcosa , che per lo più è un qualcosa di materiale, subito si pensa ad altro..come i bambini cui abbiamo regalato tanti giocattoli, giocano ma poi ne guardano altri e dimenticano quelli di prima mettendoli da parte. Nella nostra società abbiamo troppo superfluo e poche cose veramente essenziali per renderci la vita più serena:non sappiamo vedere e nè godere delle piccole cose, i piccoli momenti felici
    5 risposte · 1 settimana fa
  • Ho trovato un profilattico nella borsetta di mia figlia?

    Migliore risposta: Picchiarla? Punirla? Saresti proprio una madre fallita al 100 percento. Una volta che si mettono d'impegno e fanno le cose giuste, tu la vuoi picchiare? Fallita.
    Migliore risposta: Picchiarla? Punirla? Saresti proprio una madre fallita al 100 percento. Una volta che si mettono d'impegno e fanno le cose giuste, tu la vuoi picchiare? Fallita.
    11 risposte · 1 settimana fa
  • Dite che quello che i genitori hanno fatto con l'ultima figlia (la terza) è ingiusto nei suoi confronti?

    Migliore risposta: Ora le prime due figlie staranno in debito con i loro genitori, e la terza li accudirà quando saranno vecchi ed un peso. E di certo non può sfrattarli. Arte dei fessi.
    Migliore risposta: Ora le prime due figlie staranno in debito con i loro genitori, e la terza li accudirà quando saranno vecchi ed un peso. E di certo non può sfrattarli. Arte dei fessi.
    5 risposte · 1 settimana fa
  • Che cosa ti permetti? Che cosa Non ti permetti?

    Migliore risposta: Mi permetto di prendermi il tempo che voglio e di impedire a chiunque di decidere al posto mio.
    Non mi permetto di decidere io per gli altri.
    Migliore risposta: Mi permetto di prendermi il tempo che voglio e di impedire a chiunque di decidere al posto mio.
    Non mi permetto di decidere io per gli altri.
    10 risposte · 2 settimane fa
  • Quando gli altri hanno determinate aspettative nei tuoi confronti e tu non puoi soddisfarle, è giusto che se la prendano con te?

    Migliore risposta: collera? no assolutamente non esiste. Opponiti a questo atteggiamento. Sono cresciuta con un padre che voleva plasmare la mia vita a suo piacimento. Cosa alla quale mi sono sempre opposta. Lui ha sempre reagito con collera e violenza (mai fisica solo verbale). Anche se ho sempre seguito la mia strada, le sue... visualizza altro
    Migliore risposta: collera? no assolutamente non esiste. Opponiti a questo atteggiamento. Sono cresciuta con un padre che voleva plasmare la mia vita a suo piacimento. Cosa alla quale mi sono sempre opposta. Lui ha sempre reagito con collera e violenza (mai fisica solo verbale). Anche se ho sempre seguito la mia strada, le sue reazioni mi hanno sempre e comunque condizionato la vita, facendomi pensare che fossi io quella sbagliata. Finché non ho capito che il problema non ero io ma lui. Nel momento in cui ho capito ciò, non ho più permesso alle sue parole di ferirmi, e il suo "potere" su di me è svanito. Il suo atteggiamento non cambia e non cambierà mai, ma sono cambiata io, che non mi lascio più toccare dai suoi ricatti morali. Per rispondere alla tua domanda, la miglior risposta che puoi dare è l'indifferenza. Se usano la collera è perché hanno capito che in questo modo riescono a fare breccia e a condizioniarti, che in questo modo riescono ad avere un certo "potere" su di te. Liberati da tutto questo, altrimenti continuerai a vivere male. L'unica persona che può prendersela con te per le aspettative mancate sei tu.
    17 risposte · 2 settimane fa
  • Entrare concorsi carabineirei per due ?

    6 risposte · 2 settimane fa
  • Perchè........................... ??

    Migliore risposta: chiedilo a loro, evidente che c'è qualcosa di poco chiaro. o la solita fregatura, le mafie e i delinquenti hanno mille trucchi per fregare i cittadini facendo finta di essere babbo natale
    Migliore risposta: chiedilo a loro, evidente che c'è qualcosa di poco chiaro. o la solita fregatura, le mafie e i delinquenti hanno mille trucchi per fregare i cittadini facendo finta di essere babbo natale
    6 risposte · 2 settimane fa
  • Per quale motivo trovo più attraenti i ragazzi già impegnati?

    Migliore risposta: Perché se sono già impegnati sono interessanti, sono una preda più difficile da conquistare di un single che non vede l'ora di ficcare; poi c'è la competizione tra donne, soffiarlo ad un'altra da un'immensa soddisfazione.
    Migliore risposta: Perché se sono già impegnati sono interessanti, sono una preda più difficile da conquistare di un single che non vede l'ora di ficcare; poi c'è la competizione tra donne, soffiarlo ad un'altra da un'immensa soddisfazione.
    37 risposte · 3 settimane fa
  • Ma che razza di persona è questa che affigge tale manifesto sulla parete del posto di lavoro?

    Migliore risposta: Deve vivere male una persona che va a lavorare come se andasse in guerra. Ma perché vi aggredisce? Quali sono i motivi? Nessuna la costringe ad andare d'accordo con voi, sarebbe assurdo pretenderlo: se non c'è simpatia, rapporti di pura cortesia (il saluto etc., se si è costretti a condividere per tanto... visualizza altro
    Migliore risposta: Deve vivere male una persona che va a lavorare come se andasse in guerra.
    Ma perché vi aggredisce? Quali sono i motivi?
    Nessuna la costringe ad andare d'accordo con voi, sarebbe assurdo pretenderlo: se non c'è simpatia, rapporti di pura cortesia (il saluto etc., se si è costretti a condividere per tanto tempo lo stesso luogo) bastano e avanzano, e poi ci si ignora.
    Andare d'accordo con tutti non è un dovere.
    Ma è un dovere non aggredire gli altri, tenersi per sé i propri malumori, non intossicare l'ambiente e le ore di lavoro dei colleghi.
    Il cartello affisso mi fa sorridere, ci tiene molto a che voi sappiate il suo punto di vista! Avrebbe potuto limitarsi a ignorarvi.
    Ma no, "doveva" farvi sapere come la pensa. "Doveva" comunque comunicare con voi.
    Speriamo che quel cartello la faccia sentire più leggera.
    14 risposte · 2 settimane fa
  • Ma quant'è bella Roma?

    Migliore risposta: moltissimo bella, l'Italia è bella tutta, ma per chi è nato a Roma con genitori romani di tante generazioni che non si contano , è un amore grande per questa città forse anche esagerato per gli altri...ogni angolo è come se fosse qualcosa che ci appartiene di famiglia. Il vederla trascurata, depredata, sporca,... visualizza altro
    Migliore risposta: moltissimo bella, l'Italia è bella tutta, ma per chi è nato a Roma con genitori romani di tante generazioni che non si contano , è un amore grande per questa città forse anche esagerato per gli altri...ogni angolo è come se fosse qualcosa che ci appartiene di famiglia. Il vederla trascurata, depredata, sporca, che cade a pezzi e nessuno muove un dito per rimetterla a posto, ma solo per sedersi sullo scranno del comando e prendere soldi, è un avvilimento costante...girare a piedi di notte la si ammira nel silenzio che finalmente le è dovuto: vederla all'alba da un lato riempie di stupore ancora con la luce che la illumina poco e pian piano aumentando mette a fuoco ciò che non va, e sono troppe le cose che non vanno e la nostalgia dei tempi dell'infanzia quando ancora era vivibile fa male al punto di togliere le parole
    16 risposte · 3 settimane fa
  • La poesia ci permette di navigare nel mare dell'infinito?

    Migliore risposta: Provincia Che imprechi ad uno schermo spento, Ti specchi e ti ritiri Con il fuoco sotto alle lenzuola. E sono il lampione Che attrae la tempesta di insetti E la pioggia di luce. Mi dai i brividi, Mi fermi sotto a un albero A barattare risate, Mi fai correre come un ladro Fino a fenderti il sonno. Sono... visualizza altro
    Migliore risposta: Provincia
    Che imprechi ad uno schermo spento,
    Ti specchi e ti ritiri
    Con il fuoco sotto alle lenzuola.
    E sono il lampione
    Che attrae la tempesta di insetti
    E la pioggia di luce.
    Mi dai i brividi,
    Mi fermi sotto a un albero
    A barattare risate,
    Mi fai correre come un ladro
    Fino a fenderti il sonno.
    Sono chilometri
    Storditi di tosse secca,
    Sono stracci
    Diventati cartone al gelo.
    Domani smetterò di tremare
    E raccoglierò i cocci.

    (R.L.)


    Certo che le so apprezzare, anche se non sembrerebbe.
    17 risposte · 3 settimane fa