• Si può essere condannati per una cosa scritta su internet?

    Ciao ragazzi, non ho capito una cosa, se per esempio io andassi a scrivere su internet una cosa del tutto falsa (non parlo di diffamazione) potrei essere condannato? Per esempio, se ora andassi su Facebook e scrivessi "mi diverto a tamponare le macchine" (cosa ovviamente fasulla), e una persona a caso lo... visualizza altro
    Ciao ragazzi, non ho capito una cosa, se per esempio io andassi a scrivere su internet una cosa del tutto falsa (non parlo di diffamazione) potrei essere condannato? Per esempio, se ora andassi su Facebook e scrivessi "mi diverto a tamponare le macchine" (cosa ovviamente fasulla), e una persona a caso lo facesse presente alle autorità...che succederebbe? Esiste qualche legge o roba simile che "vieta di dire bugie"? So che probabilmente è una domanda molto idiota... però vorrei capire come funziona ;)
    12 risposte · Legge ed etica · 3 giorni fa
  • Ciao! Ho 2 amiche (italiane) in Russia, che sostengono di essere "spiate" dai servizi segreti.?

    Migliore risposta: Non hanno torto le tue amiche.E'da molti anni che Putin usa questo metodo,dobbiamo anche noi stare attenti a non fare domande sul regime quando chattiamo coi russi per non mettere a rischio gli interlorcutori.
    Migliore risposta: Non hanno torto le tue amiche.E'da molti anni che Putin usa questo metodo,dobbiamo anche noi stare attenti a non fare domande sul regime quando chattiamo coi russi per non mettere a rischio gli interlorcutori.
    17 risposte · Politica e governo - Altro · 3 giorni fa
  • Come si fa a chiamare "Madre Coraggio" una che ha portato il figlio a suicidarsi?

    Migliore risposta: Prenoto per dare una risposta più tardi. @Ecco qua, ora posso rispondere e cercherò di farlo con cognizione di causa, sebbene sia difficile non conoscendo bene la vicenda. Innanzitutto vorrei iniziare con una piccola parentesi sulla cannabis, innanzitutto vorrei iniziare a dire che è un "lusso" che non... visualizza altro
    Migliore risposta: Prenoto per dare una risposta più tardi.
    @Ecco qua, ora posso rispondere e cercherò di farlo con cognizione di causa, sebbene sia difficile non conoscendo bene la vicenda.
    Innanzitutto vorrei iniziare con una piccola parentesi sulla cannabis, innanzitutto vorrei iniziare a dire che è un "lusso" che non tutti possono permettersi, in quanto pare che il consumo di stupefacenti non faccia di per sé "divenire scemi", tuttavia molti hanno una sorta di predisposizione per alcuni disturbi mentali per cui ad esempio la "cannetta innocua" può portare all'esplosione di questi disturbi.
    In secondo luogo, la cannabis realmente fa male... nel senso che è molto più cancerogena della sigaretta (a parità di dosi), solo che i tabagisti fumano quantità notevolmente superiori.
    Infine è dimostrato che, a lungo andare, l'uso di cannabinoidi possa danneggiare alcune aree cerebrali, quali ad esempio quelle relative alla memoria (non mi chiedere quale tipo di memoria, perché sono cose che avevo letto senza troppa attenzione anni fa su un approfondimento presente su un libro di biologia che avevo dovuto studiare per un esame del primo anno e dovrei ripassare) o alla regolazione della fame.
    Per il resto, per quanto riguarda la mia esperienza di tirocinante presso una comunità per malati psichiatrici e tossicodipendenti, posso dire che quasi sempre, chi cade in una dipendenza, usa la sostanza (o la attività, dato che si può essere dipendenti anche dallo shopping per esempio, o dal gioco d'azzardo, o da internet) come tentativo di "automedicazione" per sfuggire ad alcuni drammi dentro e fuori di lui, quindi senz'altro ciò che ha detto quella madre, ossia di instaurare un dialogo con i propri figli, può essere senza dubbio un consiglio sacrosanto. Personalmente ritengo sbagliata la scelta di chiamare la guardia di finanza, ma non mi sento di farne una colpa per una donna già distrutta dalla disgrazia successa. Probabilmente alla scoperta era così shockata da aver agito d'impulso, forse anche complice una scarsa cultura sull'argomento che si può notare anche dai soliti luoghi comuni ("dalle canne poi si passa alla cocaina", "se ti fai una canna ci rimani scemo a vita", "se ti fai le canne diventi un criminale", "la canna ti uccide" ecc.) che uniti all'esagerazione di chi osanna la cannabis come panacea che cura ogni male (e altre panzane così favolistiche da bastare a renderle incredibili), a mio parere contribuisce a creare un alone di terrore intorno ad essa... terrore che spesso attira i giovani scettici più che dissuaderli dal provare (del resto è anche provato che quando cerchi di spaventare qualcuno e esponi pericoli molto -o troppo- grandi si attivano una serie di difese che fanno pensare cose tipo "tanto non capiterà a me", unito poi allo spirito di ribellione tipico degli adolescenti che porta spesso all'infrazione di regole del mondo adulto -spirito di ribellione che per molti versi è anche sano perché porta il ragazzo a individuarsi, tuttavia, come molte cose, quando si eccede diventa pericoloso come nel caso delle droghe o altre attività pericolose- fa vedere queste cose come ben più attraenti di quanto non lo sarebbero altrimenti).
    Per il punto di vista giuridico, penso che a voler essere etici, dovremmo vietare anche l'alcool e le sigarette in quanto parimenti possono dare dipendenza e nuocere alla salute e causare problemi sociali non da poco (quanti sono gli incidenti per guida in stato d'ebrezza? Quanti gli incendi causati dal classico "mozzicone buttato per terra"? Quante le risse tra ubriachi che poi degenerano?)
    Per il lato pratico, invece sarei per il legalizzare anche quelle pesanti, poiché così si avrebbe possibilità di tentare di controllare il fenomeno (o quanto meno ridurre alcuni problemi sociali ad esso collegati, per esempio le sale del buco ridurrebbero la possibilità di contagio di HIV tramite siringhe infette) o si darebbe anche uno scacco alla mafia che, avendo il monopolio, ci fa affari d'oro.

    Tuttavia, il problema vero, a mio avviso è che ci si concentra troppo sulla lotta alla droga e poco (o nulla) sulla lotta ai drammi sociali e personali che spesso spinge le persone (quando non si tratta del tentativo di sfuggire alla noia, perché purtroppo esiste anche questa eventualità) a ricercare questi "paradisi artificiali"*: ci sono spessissimo storie tristissime di violenza (fisica, psicologica, emotiva, sociale) dietro il desiderio di provare a "sballarsi", come anche spessissimo ci sono deficit in alcune funzioni psicologiche (ad esempio deficit nella capacità di resistere alla frustrazione o di ritardare la gratificazione): durante la mia già citata esperienza di tirocinio, ho sentito storie che mi rifiutavo di credere vere tanto erano atroci... A mio avviso quindi, il consiglio di instaurare un dialogo con i propri figli si presenta quindi come un consiglio d'oro... pensa anche alla vicenda... se anche quella madre l'avesse fatto, se si fosse messa a discutere col figlio invece di farsi prendere dal terrore e agire d'impulso, avrebbe evitato la tragedia? Impossibile dirlo, ma almeno qualche possibilità in più ci sarebbe stata. Tra l'altro magari avrebbe capito se il figlio aveva iniziato a consumare cannabis da molto o se era la prima volta (cosa che può influire sulle reazioni), se ne faceva uso per "scappare" da qualche situazione disastrata e magari con la sua maggiore esperienza di vita, una maggiore conoscenza di come funzionano le leggi, ecc, avrebbe potuto aiutarlo e far sì che ciò non si ripetesse. Secondo la mia opinione quella mamma è stata solo vittima di una scarsa informazione circa questi temi (e magari anche di una certa ansia, ma senza conoscere la persona come posso saperlo?), e senza volerlo ha vittimizzato il figlio. Non ha colpe.

    Scusa la pappardella.



    *se per esempio invece di sequestrare le partite di droga, lo stato si desse una mossa a creare occupazione, far sì che tutti abbiano un tetto sulla testa e un pasto caldo al giorno, credo che ben pochi vorrebbero ricercare un falso paradiso non essendo più in un vero inferno.
    12 risposte · Politica e governo - Altro · 3 giorni fa
  • Ma perché il Politici non pensano al popolo ?

    Perché i politici non pensano al popolo,non sanno che fanno soffrire la popolazione?
    Perché i politici non pensano al popolo,non sanno che fanno soffrire la popolazione?
    14 risposte · Politica e governo - Altro · 2 giorni fa
  • A Milano hanno bruciato le palme.Segno che la gente è stufa del mondialismo multiculturale?

    Migliore risposta: E' vero, quelle palme davanti al Duomo sono un obbrobrio, ma da qui a bruciarle.... In verità ci sarebbero altri modi, più civili e meno fanciulleschi, per contestare il compagno sindaco Sala, notoriamente affetto da islamofilia patologica pro-immigrazione. L'increscioso episodio lo vedo come una ragazzata... visualizza altro
    Migliore risposta: E' vero, quelle palme davanti al Duomo sono un obbrobrio, ma da qui a bruciarle.... In verità ci sarebbero altri modi, più civili e meno fanciulleschi, per contestare il compagno sindaco Sala, notoriamente affetto da islamofilia patologica pro-immigrazione. L'increscioso episodio lo vedo come una ragazzata un pochino idiota.
    10 risposte · Tauromachia · 1 giorno fa
  • Il PD è il cancro dell'italia?

    Migliore risposta: Pd e SEL -
    Migliore risposta: Pd e SEL -
    14 risposte · Politica e governo - Altro · 2 giorni fa
  • Cosa sta accadendo nel PD ?

    Cosa sta succedendo nel PD ? Perché ci potrebbe essere una scissione ?
    Cosa sta succedendo nel PD ? Perché ci potrebbe essere una scissione ?
    9 risposte · Politica e governo - Altro · 1 giorno fa
  • Come mai i cinque stelle non mettono più le loro riunioni in streaming come dicevano?

    Migliore risposta: Stanno litigando come mai nessuno aveva fatto. Ovviamente sarebbe imbarazzante che lo si vedesse pubblicamente.
    La coerenza domani.
    Migliore risposta: Stanno litigando come mai nessuno aveva fatto. Ovviamente sarebbe imbarazzante che lo si vedesse pubblicamente.
    La coerenza domani.
    10 risposte · Politica e governo - Altro · 2 giorni fa
  • Potete dire che fu folle pazzo e assassino ovvio ma Hitler fu lungimirante e stratega?

    Migliore risposta: Pazzo per niente, assassino men che meno.
    Come stratega invece commise degli errori.
    Era umano anche lui.
    Migliore risposta: Pazzo per niente, assassino men che meno.
    Come stratega invece commise degli errori.
    Era umano anche lui.
    6 risposte · Governo · 3 ore fa
  • Ma che fine sta facendo l'Italia? Assurdo....?

    Vicino a me c'è un albergo-ristorante molto famoso nella provincia. Fanno sempre molte nozze, battesimi ecc... Essendo grande e bellissimo. Il fine settimana sempre pienissimo e si mangia da dio. Adesso lo vogliono chiudere perché avendo 70 stanze lo vogliono riempire di immigrati!!!! Cioè, ci guadagnano di più... visualizza altro
    Vicino a me c'è un albergo-ristorante molto famoso nella provincia. Fanno sempre molte nozze, battesimi ecc... Essendo grande e bellissimo. Il fine settimana sempre pienissimo e si mangia da dio. Adesso lo vogliono chiudere perché avendo 70 stanze lo vogliono riempire di immigrati!!!! Cioè, ci guadagnano di più con loro che tenerlo come ristorante e albergo!!! Ma a che punto è arrivata l'Italia? Quando un azienda del genere che lavora tantissimo decide di chiudere per questo, mi sa che lo stato ha raschiato il fondo... Delusione totale.
    8 risposte · Politica e governo - Altro · 1 giorno fa
  • Come risolvereste il problema della droga nel mondo e in Italia?

    Migliore risposta: "Risolvere" il "problema " della droga nel mondo è pura utopia. Ho virgolettato quei due termini considerando il fatto che in realtà non trattandosi di un vero e proprio "problema" ma di un male necessario (esattamente come il cancro o come la povertà sfrenata in vaste zone mondiali)... visualizza altro
    Migliore risposta: "Risolvere" il "problema " della droga nel mondo è pura utopia. Ho virgolettato quei due termini considerando il fatto che in realtà non trattandosi di un vero e proprio "problema" ma di un male necessario (esattamente come il cancro o come la povertà sfrenata in vaste zone mondiali) ,la logica vorrebbe che la prima cosa da fare nei riguardi di questa come di altre grandi piaghe sociali ,sarebbe quella di debellarlo definitivamente. Ma come detto sopra ,questa è pura utopia dal momento che la droga è un male necessario e quindi SERVE ,prima ancora che a chi la produce e la smercia ,a coloro che (teoricamente) la contrastano ,ossia i vari governi mondiali. A parte il fatto che in tantissime zone del globo terrestre (sudamerica fra tutte) chi comanda DAVVERO e chi gestisce le sorti delle nazioni sono i produttori di droga e i narcotrafficanti rispetto ai quali governi e corpi di polizia annessi non possono far altro che essere sodali/schiavi(a seconda delle lussuose convenienze o meno che gli organi di potere ricevono dai cartelli della droga) ,ma ciò che ancor di più occorre considerare è che per i vari governi mondiali che ciclicamente si alternano nella stanza dei bottoni la droga è di primaria importanza poichè essa rappresenta uno dei punti focali(in alcune nazioni il principale) sul quale basare le varie campagne elettorali di FITTIZIA lotta alla droga ,in pratica fumo negli occhi per gli elettori. E questo vale tanto per i Paesi produttori quanto per i principali Paesi consumatori.
    Eradicare totalmente il fenomeno droga sarebbe una stronzata ,qualcosa di semplicissimo se DAVVERO lo si volesse. Sarebbe sufficiente l'impiego delle sole forze armate americane per distruggere(senza possibilità di ricrescita) TUTTE le più grandi e principali piantagioni ,raffinerie e laboratori mondiali di droga ,visto che chi di competenza SA BENISSIMO e PRECISAMENTE dove siano collocati/e e discolacti/e. Di conseguenza si passarebbe all'arresto DEFINITIVO di TUTTI i principali BOSS del narcotraffico mondiale che sono ben noti a tutti i governi e servizi segreti mondiali i quali non ci impiegherebbero un cazzò a catturarli e sbatterli in galera a vita. Volendo esagerare ,direi che per completare tutto ciò che ho descritto ,sarebbero sufficienti due settimane scarse di lavoro (ma forse 2 sono anche troppe) e successivamente limitarsi ad arrestare ,di tanto in tanto ,i pesciolini che inizierebbero a spuntare dalla "macerie" nel tentativo di riaprirsi un mercato ormai massacrato nel suo nucleo più profondo. Tutto qua!
    A questo punto la domanda VERA è un'altra...eliminare il "fenomeno droga" conviene davvero??
    18 risposte · Politica e governo - Altro · 5 giorni fa
  • La madre del ragazzino che si è gettato dal balcone durante una perquisizione della GdF ringrazia i finanzieri, io invece dico che...?

    ... quei 'zelanti' servitori dello stato (la s è volutamente minuscola) dovrebbero vergognarsi e il senso di colpa dovrà consumarli per il resto della loro vita. Io non sono favorevole alle droghe che considero un sistema stupido per evadere dalla realtà, ma 10 grammi di fumo sono nulla ! Due bicchieri di... visualizza altro
    ... quei 'zelanti' servitori dello stato (la s è volutamente minuscola) dovrebbero vergognarsi e il senso di colpa dovrà consumarli per il resto della loro vita. Io non sono favorevole alle droghe che considero un sistema stupido per evadere dalla realtà, ma 10 grammi di fumo sono nulla ! Due bicchieri di vinello buono vi sballerebbero di più. I supermercati lasciano in bella vista superalcolici alla portata di tutti e la Finanza invece di andare a perquisire la casa di noti politici cocainomani va a casa di un sedicenne spaventato. VERGOGNATEVI.
    24 risposte · Politica e governo - Altro · 5 giorni fa