Cos'è il "Libro Tibetano Dei Morti" e di cosa si tratta?

So che il testo di "Tomorrow Never Knows" dei Beatles è preso da qui...

Scusate l'ignoranza.

3 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Migliore risposta

    Perchè scusarti?

    E' saggio cercare ciò che non si sà.. sarebbe un problema credere di sapere tutto negando l'esistenza di ciò che non si sa o non si comprende con la mente razionale..

    Ognuno degli 8 Grandi Poteri (le principali scuole spirituali attualmente attive in questo tempo) ha due Libri

    Uno della Vita e uno della Morte

    Il Libro della Vita parla di come funziona e cosa accade ad una coscienza quando vive l'esperienza umana in e attraverso un corpo fisico (cioè cosa accade al corpo in diverse situazioni, la guarigione, come usare la mente e le emozioni, le energie sottili del corpo, la sessualità sacra, le divinazioni, le tecniche di meditazione, le cerimonie, i riti ecc)

    Il Libro della Morte spiega cosa accade alla coscienza quando trascende il corpo fisico ma rimanendo ancora in qualche modo collegata ad esso ( sogni, meditazione profonda e abbandono del corpo fisico per tornare alla sua natura di energia fatta di pura Luce e puro Amore)

    Ogni tradizione detiene i due Libri (cioè conoscenza ed insegnamenti) che spiega le stesse cose ma con parole adatte agli umani che appartengono a quella tradizione spirituale.

    In poche parole sono i libretti delle istruzioni per un'anima incarnata sulla terra in terza dimensione.

    Si usa dire che i Libri sono aperti quando gli insegnamenti e la conoscenza è pubblica e divulgata a tutti e chiusi quando viene tenuta occultata dai maestri e rivelata solo agli iniziati

    I Tibetani hanno aperto da molto tempo ambedue i Libri, il Libro della Morte tibetano conosciuto normalmente parla apparentemente solo del bardo (cioè il passaggio dell'anima nel mondo di mezzo dopo la morte fisica) ma in realtà è molto più ampio e comunque si può leggere a diversi livelli

    L'unica tradizione a non avere ancora aperto i due Libri è quella cristiana

    Ma l'apertura dei Libri è determinata dalle capacità e dalla volontà delle persone che praticano quel sentiero spirituale nell'andare al di là dell'illusione creata dalle credenze che esistono in quella determinata tradizione

    Per parafrasare le parole di gesù “quando i porci vogliono abbandonare la condizione animale della mente e del cuore allora le perle vengono offerte a loro ”

    Il non accettare dogmi, credenze, regole, ecc da parte degli appartenenti ad una tradizione è il segnale per i Custodi dei Libri della Vita e della Morte di aprirli rendendoli pubblici.

    I rappresentanti degli 8 Grandi Poteri (che nono sono quelli ufficiali ) si riuniscono ogni 7 anni da più di 2000 anni per valutare la situazione del mondo ed il livello di maturità umana e spirituale degli esseri umani, pianificare le strategie per aiutare il pianeta e valutare l'opportunità di rivelare il "chi siamo", "da dove veniamo" e "cosa siamo venuti a fare qua" attraverso l'apertura dei Libri della Vita e della Morte.

    Spero ti sia stato d'aiuto.

    Buona Vita

  • 1 decennio fa

    Questo testo buddista incarna l'antica credenza religiosa orientale nella reincarnazione dell'anima. La ruota del karma deve essere rispettata e superata attraverso le azioni virtuose dei viventi per consentire alle anime dei morti di abbandonare la strada della reincarnazione e liberarsi nel definitivo ricongiungimento con l’Assoluto Cosmico.

  • 1 decennio fa

    ti scuso xche' ignoro piu' di te !

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.