Anonimo
Anonimo ha chiesto in Politica e governoGoverno · 1 decennio fa

Quali intervento di breve termine per ridurre in modo sensibile la dipendenza dell'Italia da petrolio e gas?

Premetto di essere consapevole che questo quesito e' ai limiti della fantapolitica, essendoci ancora interessi enormi che affossano scientificamente ogni progresso in tale direzione. Constato solo questo: per me sarebbe necessaria la costituzione di un ente cui ho dato il nome di E.N.A.E. (Ente Nazionale per l'Autosufficienza Energetica), con un centro di ricerca all'avanguardia aperto a finanziamenti privati (sul modello della Silicon Valley per intenderci), con l'obiettivo di approntare le tecnologie per produrre LA nuova fonte di energia, pulita e a basso costo, di cui il mondo ha bisogno, e che sembrava essere l'idrogeno, il quale poi si e' rivelato un serpe che si morde la coda, visto che serve a priori energia per produrre l'idrogeno stesso. In sostanza, vogliamo fare dell'Italia il paese che arriva per primo, in un tempo ragionevole, a brevettare questa nuova tecnologia, per poi venderla agli altri? Pensate inoltre al richiamo che avrebbe per i cervelli italiani una simile meta

Aggiornamento:

Il da me proposto Ente chi poi vuol considerarlo "il solito carrozzone statale" e' libero di farlo, ma mi sembra lo faccia un po' per partito preso, potrebbe avere assegnate, tra le competenze, anche la formulazione di soluzioni tampone per l'immediato. In fondo il concetto base e' quello di sottrarre ai politici cio' che hanno dimostrato di non saper fare, ovvero studiare interventi brevi, mirati e "avvertibili". Dare carta bianca a un coordinamento tecnico del tutto esterno al Parlamento e al governo, per poi discutere, qui si' che interviene la politica, su priorita', tempi e modi di attuazione, per me non sarebbe affatto una cosa malvagia. Quindi studi di soluzioni e di fattibilita' a priori, magari organizzati secondo tre linee distinte temporali (breve, medio, lungo periodo).

8 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    La tua idea è buona, ma se tieni conto che per "il petrolio" negli ultimi decenni stanno facendo guerre su guerre e imbroggli su imbrogli ("pensi che le torri gemelle siano cadute per caso???") la vedo dura.

    faranno finire le scorte, poi ci diranno che possiamo utilizzare l'energia eolica (e ne abbiamo tanta), le maree, le dighe, e l'energia solare.

    purtroppo hai ragione... è fanta politica. ricordi beppe grillo? la macchina ad idrogeno già c'è. l'idrogeno saprebbero anche come produrlo. l'energia nucleare pulica, ovevro la fusione e non la fissione, la stanno studiando, e se stanziassero la stessa cifra che stanziano per gli armamenti già a avremmo.

    dopotutto i GRandi della terra non ricordano, che se i combustibili alternativi vanno bene per i normali mezzi di "autotrazione e navigazione" per missioni spaziali e aerei, finito il tradizionale carburante sarà un pò più costoso applicare una alternativa.

    Diciamo che il nostro governo, se sponzorizzasse energia eolica e solare per uso domestico e industriale (visto che abbiamo detto no al nucleare da inteligentoni visto che le scorie ce le mandano uguale) e incentivasse l'ENI e FIAT alla convesione e utilizzo dell'idrogeno (fiat fà le auto ed ENI aggiunge in ogni stazione una pompa) sarebbe un buon passo avanti, anzi un vero salto. Fattibile, ma come per ogni cosa, bisogna VOLERLO. Poterbbero farci pagare l'idrogeno quanto la benzina per i primi 5 anni (autotassazioen per i sovvemzionamenti). certo non risparmieremmo, ma almeno respireremmo aria pulita...

    Dovremmo organizzare una petizione e raccogliere almeno 1 milione di firme, altrimenti non ci considereranno o ci pernderanno per pazzi.

    Potemo provarci, ma bisogna fondare una organizzazione no profit di coordinamento.

    mica facile

    Speriamo bene....

  • 1 decennio fa

    Solo il nucleare. Ma Chernobyl e il conseguente referendum ci fecero smantellare le centrali che si stavano costuendo. Energia solare? Provate a chiedere quanto costa montare i pannelli solari su una casa per avere un minimo di energia. Eolica? I verdi protestano perchè i pali con le eliche hanno qualche impatto ambientale negativo (ehi, potrei sbagliarmi, non arrabbiatevi). Altro nin so. Però io ero per il nucleare, visto che la Francia e la Svizzera ci circondano con le loro centrali nucleari e in caso di incidente non siamo al sicuro comunque. Ma noi italiani siamo fatti così!!

  • Mara
    Lv 4
    1 decennio fa

    Secondo me se tutti iniziassero ad utilizzare l'energia solare sabbe già una gran cosa...pensa alle industrie, le città, gli stessi palazzi con pannelli solari...non si dovrebbe più prudurre energia nelle centrali e quindi ci sarebbe già un risparmio perchè non si acquisterebbe più il petrolio per produrre energia. Per non parlare dei benefici all'ambiente.

    Per quanto riguarda il resto...sono sicura che con gli anni, i decenni qualcuno inventerà l'auto che non usa benzina ma altro (ci sono già dei prototipi)...e la fiamma per la cucina di casa non sarà più generata dal gas...

    Ma per fare questo ci vuole ricerca e soldi....

    Cosa che l'Italia non ha...

    E comunque secondo me c'è anche mancanza di volontà...se davvero si trovasse un modo per produrre solo energia pulita senza utilizzo di gas e petrolio bè....gli emirati arabi e tutte le aziende che hanno a che fare con quelle fonti di energia (tipo le rafffinerie...ce ne sono a migliaia nel mondo) andrebbero verso il fallimento sicuro...

    Il petrolio genera un giro di soldi al quale nessuno è risposto a rinunciare...

    Sai quando si troveranno davvero fonti di energia alternativa? Quando la terra rimarrà senza gas e petrolio...e tutti si ritroveranno col sederino per terra...

  • 1 decennio fa

    Bisognerebbe "obbligare" le fabbriche e case di nuova costruzione ad utilizzare pannelli solari, ovviamente con degli incentivi statali, cosi' forse non pagheremo più multe per il protocollo di kyoto, cosi' forse diminuirebbe la richiesta di petrolio e i prezzi della benzina si abbasserebbero tantissimo; in alternativa c'è l'energia nucleare, pero' poi le scorie come si smaltiscono? dove? w l'energia solare!!!

    Fonte/i: c'è un paesino in Spagna che ha adottato questo metodo, ed in breve tempo è diventato uno dei paesi più ricchi del mondo. solo in Italia siamo sempre arretrati e dobbiamo dipendere da Francia, Russia ecc per avere energia
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 1 decennio fa

    La tua proposta ha della fantapolitica, per il semplice fatto che l'italia non ha i soldi per investire in tali progetti di ricerca. Di conseguenza anche gli stipendi offerti non sarebbero abbastanza alti per frenare i migliori dall'espatrio. Ci rimane il nucleare, che peraltro è stato abrogato anni orsono (una quindicina?) con referendum popolare, credo insieme al ministero del turismo.... come siamo lungimiranti noi italici... :(

  • Marco
    Lv 5
    1 decennio fa

    Modello Cina di Mao: biciclette e pedalare

    In reatà non ci sono soluzioni a breve. Tutta l'economia italiana e legata al petrolio-gas-carbone e cambiare la produzione costa e richiede tempo

  • Anonimo
    1 decennio fa

    nucleare, al momento non esiste altro. Avrei una ideuzza di seminare a colza l'intero continente africano chedarebbe anche lavoro, però cambi solo il padrone, dagli arabi agli africani.

    Al momento, con le risorse italiane disponibili e le attuali conoscenze scientifiche, resta solo il nucleare.

    Mi pare che neppure tu hai altre proposte. La costituzione di enti vari al massimo può essere conseguente alla nuova fonte di energia. Ma per uno che si rifà alla CCCP niente di strano, l'avete nel dna il fondare carrozzoni statali.

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Ha visto la fine delle C.C.C.P.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.