annak_d_dvd ha chiesto in Scienze socialiPsicologia · 1 decennio fa

per gli insegnati dell'asilo o gli esperti di bambini?

vorrei sapere come si insegnano i colori ai bambini:

io ho 1 fratellino di 3anni e mezzo,quest'anno ha "frequentato" il primo anno d'asilo o scuola dell'infanzia, cm preferite.....in realtà è 1 piccolo di salute molto fragile quindi è andato a scuola x pochissimo tempo, diciamo 1 settimana al mese .....il problema sta nel fatto k mentre nn andava a scuola era a casa cn 1 baby sitter molto inesperta k lo piazzava davaanti alla tv o al computer e lo ha reso 1 teledipendente idiota...dico idiota xk ha avuto 1 regressione,,,dopo 1mattina di tv parlava pochissimo e per quanto il pomeriggio tentavano di fargli fare qualc lui si rifiutava accendeva la tv e il computer...ora k gli è sta tolta la tv parla abbastanza(sottolineo k l'estate scorsa aveva 1 parlantina molto sviluppata xaver 2 ann e mezzo)....ma il problema è grave, dal punto di vista didattico è a zero, cioe a scuola ha imparato sl il colore giallo e dice k tt è giallo cm il sole,o dice giallo cm il fuoco giallo cm le foglie...

Aggiornamento:

ora sn tornata a casa dai miei e ho trovato mia mamma in crisi xk deve tornare a scuola e nn è riuscita a fargli imparare neank le cose basilari...insieme cn tanti libri ecc stiamo tentando ma xquanto mia madre sia 1 insegnante lei è abituata ad insegnare storia ai piu grandi....quindi nn esperta di questo....

HELP

ps:scusate se mi sn dilungata ma la situazione nn era chiara

Aggiornamento 2:

lasciamo stare il capitolo baby sitter ne abbiamo avute 2,la prima 1 angelo, lo adorava niente tv lunghe passeggiate camminate e poesie,,lo ricordo k quando ancora ero lì mi parlava tantissimo e diventammo amiche..,,poi se ne andò e mamma trovo sl questa, 1tipa strana k lo teneva chiuso in casa lo costringeva dentro mai fuori a giocare,,,lui ha avuto 1 primo trauma xil distacco da quella e poi xaver avuto 1 2nd baby sitter scema e poi xl'intermittenza della scuola...x cio dico a tt k i figli si fanno da giovani nn cm mia madre k a 43 anni in carriera dopo anni e anni dalla prma ne fa 1 altro-----cmq capitò

8 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    Una regressione? Bè non è normale. Nel senso che anche se esposto per più ore davanti alla tv (spero con programmi adatti) non sarebbe dovuto succedere. E' più probabile che si sia presentato un problema di apprendimento, oppure altrettanto facile, i bambini non sono stupidi, se trovano un modo per avere l'attenzione totale della famiglia sanno benissimo come farlo, e quindi avere tutta la famiglia intorno per questo grande gioco dell'imparare i colori, ecco lo fa. Potrebbe altresì essere entrambe le cose.

    Qualsiasi cosa sia cmq L'importante è non rendere ansioso il bambino e questo dipende totalmente da voi, quindi non mettersi lì con libri ecc, ecc facce distrutte e voi totalmente in ansia per questo problema, ma anzi pur giocando normalmente cercare di far imparare le cose al bambino, per esempio, giocando con il lego:

    mi passeresti il mattoncino blu?

    a) passa il mattoncino blu: Bravo (e gratificarlo) e ripetere (a mo di telettabbies) mi hai passato il mattoncino blu, adesso mettiamo il mattoncino blu sopra quello rosso (così impara sopra e sotto e i colori) e tutto questo giocando senza l'ausilio di nessun libretto!!!

    b) passa il mattoncino giallo: Questo è il mattoncino giallo!! (prendi quello blu) ecco questo è il mattoncino blu e mostrarlo, ecc

    e così il bambino è più rilassato perchè gioca e sicuramente è più predisposto all'apprendimento!!

    Vorrei però rassicurarti, aspetta con calma l'inizio della scuola, non ci sono esami di ingresso e le maestre sapranno sicuramente come fare, se poi dovessero sorgere dei problemi di apprendimento o di daltonismo saranno loro a segnalarvelo.

    Mi raccomando state tranquilli che così è più tranquillo anche il bambino!!!

    In bocca al lupo!!!

  • Anonimo
    1 decennio fa

    studiando per diventare insegnante posso assicurarti che la tv non è dannosa per i bambina, sarebbe opportuno guardarla assieme a loro e sicuramente non per tutta la durata della giornata però non può averlo ridotto così.

    per fargli imparare i colori visto che i libri non servono e magari ancora non lo attirano oppure la tua mamma utilizza tecniche non adatte ad un bambino così piccolo potresti guardare con lui programmi per bambini piccoli: tipo l'albero azzurro. ti assicuro che è utilissimo perchè è un programma che coinvolge i bambini direttamente e anche gli adulti vicino a loro. per il resto ci penserà la scuola, non vi consiglio di forzare troppo il suo apprendimento con modalità che non lo attirano...rischiate di farlo allontanare ancora di più

  • 1 decennio fa

    Secondo me avete fatto bene a togliergli la televisione momentaneamente. Per quanto riguarda la babysitter, io l'ho fatta per anni, e ancora i miei bimbi che ora anno 11 e 6 anni, se li passo a prendere, vengono volentieri con me.

    La madre però voleva che io non facessi vedere a loro la tv, sicuramente perchè lei gliene faceva vedere già molta. Ma i due bimbi sin dal primo anno di età hanno dimostrato due caratteri e due modi diversi di apprendimento.

    La più grande ha iniziato a parlare a 3 anni.

    Ed io quanto le parlavo, non stavo un secondo zitta, aveva un suo linguaggio e un suo modo di parlare oscillante dal cinese al sardo, e non solo ha smesso di volere il ciccio oltre i due anni e mezzo, se non tre.

    Il maschietto invece già a sei mesi ci lasciava a bocca aperta e a due anni il suo vocabolario era colmo di parole come "addirittura, ovviamente" che mi lasciavano ognigiorno stupefatta.

    Però ti dico anche la differenza sostanziale:

    La prima era dipendente dalla tv, il secondo era un amante dei libri, per i due anni gli ho regalato il libro di winnie the pooh... e, l'ho reso il bimbo più felice del mondo!

    come qualcuno vi ha consigliato provate a chiedere consiglio ai più esperti, andate alla asl, noi possiamo darti esempi di vita vissuta, ma ogni bambino è diverso.

    in bocca al lupo e continuate a dare tutto quell'affetto che fino ad ora non gli avete negato :)

  • 1 decennio fa

    Ho lavorato in un asilo nido con bambini da 0 a 3 anni, ho fatto anche la baby sitter da ragazza, ho un figlio di 8 anni. Ti posso dire avendo vissuto l' infanzia sia dal punto di vista lavorativo che come mamma che è dannoso per il bambino porsi in maniera ansiosa verso i suoi progressi o presunti regressi. Anche mio figlio ha avuto problemi alla scuola materna ma io ho avuto pazienza ed ho sempre premiato i suoi successi se pur minimi. Per me e per lui erano importanti ed questo ciò che conta. Non fare confronti nemmeno con quello che era lui un anno fa. Vai avanti serenamente dando fiducia e amore al bambino. Convengo che una giusta presenza educativa è importante ma non fondamentale quanto la vostra serenità e il vostro amore.

    Tranquilla!!!!

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 1 decennio fa

    Ho due bambine, una di 6 anni, e lei aveva anche alcuni problemi di lingua, non ti preoccupare ogni bambino ha bisogno del suo tempo, ancora e`piccolo, e se vede tutto giallo vuol dire che ha molta fantasia, o lo fa apposta, per attirare attenzione. Mia figlia di 6 a volte fa finta di non sapere qualcosa perche`vuole la mia attenzione, la seconda di due anni non parla proprio, grida o canta e la gente inizia a dirmi che non sia normale, ma che cosa e`normale? capisce tutto e pian piano iniziera`a parlare. Comunque prendetela con calma, un bambino e`un bambino non deve avere un eta`per fare qualcosa, l importante e`farlo parlare e parlagli e farci capire che lo si ama. il resto e`soltanto stress inutile .( a volte sono le persone con i figli che conosciamo che dicono sempre: mio figlio ieri ha scritto il suo nome con solo 4 anni,pensa un po`e tuo figlio ?) lasciateli perdere ,poveri figli di questa gente chissa`che vita avranno.)

  • R X
    Lv 5
    1 decennio fa

    Credo sia necessario farlo giocare con altri coetanei. Comunicano meglio ed in modo più "diretto". S'intendono. Ovvia la presenza di un adulto, ma solo come moderatore in casi di "difficoltà" ... i bambini tendono ad isolare con molta facilità chi non li stimola. E poi aspettare... porta pazienza.

  • 1 decennio fa

    Avrebbe bisogno dell'insegnante di sostegno ma se frequenta poco la scuola non si risolve il problema...credo che all'asl ci siano pedagogisti preparati a darvi buoni consigli, in bocca al lupo!

  • 1 decennio fa

    Ciao. Nn preoccupatevi in maniera ossessiva. Effettivamente tuo fratellino può avere avuto un momentaneo stop nell'apprendimento ma da quanto racconti tu nn è così drammatica la situazione. Tieni presente che sn molti ancora i bambini che a tre anni e mezzo parlano pochissimo. Certo dipende da quanto vengono stimolati ma anche dai loro tempi individuali. Insistete con il vs affetto

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.