Illuminazione in casa: dov'è meglio posizionare i punti luce?

Per la prima volta, ristrutturo casa. E' meglio pensare subito agli attacchi luce o è una cosa secondaria?

E che tipo di lampade e lampadine mi consigliate, per una buona illuminazione?

10 risposte

Classificazione
  • Risposta preferita

    Intanto direi che è molto difficile indicarti delle lampade, molto sta al gusto personale ed alle caratteristiche dell'ambiente.

    le lampade a risparmio energetico tipo osram dulux o philips plc-plet garantiscono una buona simulazione della luce naturale, con un notevole risparmio energetico.

    Per la luce diretta opterei pero' per lampade di tipo alogeno, e nel caso di illuminazione di rilievo, lampade scarica tipo ioduri; vedi mastercolor philips.

    Comunque sono indicazioni generiche che non so' di quanto ti possano essere di aiuto.

    Per cio' che riguarda i punti luce ti consiglio di recarti in un buon centro luce, purtroppo non conosco la tua citta e non posso indirizzarti.

    Segliete insieme gli apparecchi e poi fatti realizzare un renderig illuminotecnico.

    E' un operazione piuttosto semplice da eseguire, quindi occhio agli eventuali ricarichi sui costi.

    Cosi' sarai in grado di visualizzare realisticamente la resa dei corpi illuminanti nell'ambiente.

    sara' determinante al fine di ottenere risultati verosimili che tu gli fornisca dati precisi circa gli ambienti, oltre i dati metrici relativi le superfici una descrizione accurata dei materiali e dei colori in modo da determinare i corretti valori di assorbimento e riflessione delle superfici.

    Per cio che riguarda gli apparecchi ti consiglio a 360gradi alcuni marchi.

    Luceplan, Cini e Nils, Targetti, Artemide, Zumtobel, Simas, IGuzzini, disano -fosnova.

    Sono tutti marchi di media alta altissima qualita'.

    Ci troverai sicuramente il tuo stile ed il tuo badget, visitane i siti ed Auguri. Ciao

  • 1 decennio fa

    Per la tipologia di arredo luminoso mi sembra ti abbiano già consigliato bene. Da elettricista vorrei aggiungere però:

    - se nella ristrutturazione devi intervenire sulle pareti pensa subito a dove mettere i punti luce, anche a scapito di abbondare un pochetto, altrimenti a pareti finite le nuove tracce ti costeranno un patrimonio. Già che ci sei fatti controllare anche le linee elettriche, spesso negli appartamenti vecchi le linee della cucina sono sottodimensionate.

    - Le principali lampade per illuminazione casalinga sono:

    * incandescenza: a fronte della migliore resa di colori e comfort visivo consumano un patrimonio e durano poco. Rendimento 10lm/W.

    * fluorescenti compatte (a risparmio): la migliore alternativa all'incandescenza perché consumano 1/5 a parità di resa e durano 10 volte tanto. Costano di più ma le ammortizzi in 4-5 anni. Rendimento 60lm/W

    * tubi fluroescenti (neon): i tubi dritti non sono male, anche perché esistono di varie qualità visive, ma le classiche "circoline" da casa hanno una pessima resa cromatica. Ad ogni modo consumano molto poco e sono convenienti. Rendimento 75lm/W.

    * alogene, alogene dicroiche, alogene lineari: contrariamente al senso comune hanno una resa migliore delle incandescenza (15lm/W); inoltre durano di più ed hanno comunque un'ottima resa dei colori; per contro sono più onerose di tutti gli altri tipi.

    - a livello di corpo illuminante ricorda sempre che:

    * le piantane sono belle, ma illuminare un ambiente con l'illuminazione indiretta richiede maggiore emissione luminosa; soffitti a travicelli assorbono la luce rendendo vana l'illuminazione indiretta

    * i faretti in genere hanno un'emissione molto concentrata, quindi vanno bene per risaltare un punto o creare un'illuminazione soft con molte ombre

    Buon divertimento.

  • Anonimo
    1 decennio fa

    dipende moltissimo dal tipo di arredamento che vorrai mettere. i punti luce centrali al soffitto sono passati di moda da una vita, si usano ancora in fase di costruzione solo per comodità ed economia, li puoi sostituire con delle piantane o delle lampade a stelo, sicuramente più gradevoli alla vista. metti predisposizioni ovunque, sulle pareti, vicino al pavimento, dove capita. è meglio non usarne qualcuno piuttosto che ritrovarsi in difficoltà per l'assenza di un punto luce nel posto dove lo vorresti, ed è sicuramente più economico del dover far nuove tracce su dei muri appena finiti.

    per le lampadine è una questione di gusti, dalle alogene a quelle a risparmio energetico la scelta è enorme, e anche qua dipende dall'arredamento e dal colore delle pareti. se usi degli interruttori a potenziometro per regolare l'intensità della luce ricordati che fanno un leggero ronzio, non te li consiglio troppo vicini al letto.

  • 1 decennio fa

    pensa subito agli attacchi della luce perchè potresti aver bisogno di una controsoffitatura per mettere dei faretti, oppure di nuove canaline per i fili

    il tipo di illuminazione dipende dai gusti personali

    io metterei dei faretti alogeni all'ingresso, un lampadario centrale e una piantana regolabile in sala e nello studio (ovviamente se hai queste due camere) una bella luce viva (100 watt) in cucina vicina ai piani di lavoro, e una lampada stilosa in camera, con le abat jour in tono (io ho comprato tutto alla murrina)

    nei bagni ho messo delle plafoniere con lampadine a risparmio energetico

    Fonte/i: la mia nuova casa
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 6 anni fa

    L'illuminazione è la prima cosa, non solo per trovare i punti luce, ma soprattutto perché cambia completamente gli assetti dell'arredamento. La cosa migliore è mettere da subito tutti i complementi per l'illuminazione, partire proprio da lì, a proprio piacimento e poi procedere con il resto.

  • 1 decennio fa

    Assolutamente PRIMARIA!! fatti tutti gli attacchi prima sennò poi ti tiri tutti i capelli!! io dico che a centro stanza ci vuole una luce, poi se lampadario o plafoniera è a gusto personale. a me piacciono molto le luci soffuse perciò pensa a qualche bel lume su un tavolino o a delle piantane... o meglio ancora a dei faretti negli angoli delle stanze. danno un bell'effetto e l'atmosfera è più elegante!

  • 1 decennio fa

    non rimandare fai tutto subito e bene.

  • 1 decennio fa

    per soggiornoe cucina al centro....dove si presume ci sia un tavolo....diversamente potrai metterlo ai lati per dare un'atmosfera piu' soft...nella zona notte ciao

  • 1 decennio fa

    pensa prima alla luce, all'acqua, agli scarichi, al gas al riscaldamento ,al condizionamento ecc.. chi prima non pensa all'ultimo sospira e..............paga doppio !!

  • Anonimo
    1 decennio fa

    i punti luce principali di solito vanno al centro della stanza....

    oppure sul tavolo se è leggermente defilato.....

    oltre a quelli principali (luce molto forte)...

    molto carini sono punti luce negli angoli (meno luminosità) in modo che se hai bisogno di un ambiente con luce più soft puoi accendere solo le lampade laterali.... importante è pure il risparmio enegetico quindi compra lampadine a risparmio energetico....

    molto dipende dagli ambienti se sono grandi oppure piccoli.... per le lampade se vuoi farti un'idea consulta il sito IKEA puoi trovare grandi idee.....

    ecco il link....

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.