che fine ha fatto la ricetta dell'aglio marinato?

ho seguito tutte le risposte date a orsy ma, non sono riuscita a sapere la ricetta giusta. qualcuno mi può aiutare?

come sono andati a finire i vari esperimenti?

e la famosa ricetta di Stefania chi ce l'ha?

sono anch'io una appassionata di questo particolare ORTAGGIO!!!

non vedo l'ora che sia tempo di raccolta dell'aglio per poter provare la ricetta!!!

2 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    Necessario è usare l'aglio fresco che è più profumato e meno forte come sapore.

    Come per tutte le conserve i barattoli devono essere lavati e sterillizzati (bolliti o messi nel microonde per qualche minuto) e le capsule devono essere nuove.

    4 teste d'aglio fresco

    1/2 litro di aceto bianco

    1/2 litro di vino bianco secco

    5 chiodi di garofano

    1 foglia di alloro

    1 cucchiaio di sale

    1 cucchiaio di zucchero

    Pulire per bene gli spicchi d'aglio. Mettere in una pentola di acciaio l'aceto, il vino, le spezie, il sale e lo zucchero e portare a ebollizione. A questo punto versare nella pentola gli spicchi d'aglio e far bollire per 1 minuto. Invasare con tutto il liquido, chiudere i barattoli e capovolgerli per creare il sottovuoto. Aspettare un mese prima di consumarli.

    buon appetito

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    ricetta dell'aglio marinato e/o sott'aceto:

    ingr. per un vasetto:

    1/2 lt aceto di malto distillato o di vino bianco

    2 cucchiai di sale

    1 kg di aglio (se fresco meglio)

    bollite per 2/3 min l'aceto col sale e raffreddare, pulire l'aglio dalle

    "pellettiche" (come diceva l'Artusi) se l'aglio è fresco tagliatelo a metà,

    immergere l'aglio in acqua calda per 1 min, scolarlo e metterlo in un vaso

    sterile e coprire con l'aceto cotto. volendo aggiungere i gusti preferiti,

    alloro, pepe, ecc. io consiglio peperoncino e timo. comprimere e sigillare.

    è pronto dopo 30gg.

    usato ancora oggi nei bar egiziani con l'aperitivo.

    --------------------------------------------------------------------------------

    L'aglio marinato

    Inizia il periodo delle conserve e dei sottaceti. Di solito passo fine agosto e settembre a mettere in vaso tutto quello che mi capita di trovare al mercato. E' un lavoraccio ma ripagato dalla goduria di gustare i colori e i sapori dell'estate in pieno inverno.

    Ho provato a rifare l'aglio marinato assaggiato alla Fiera dei Sapori lo scorso inverno. Mi aveva colpito perché manteneva il gusto piccante/aromatico dell'aglio senza averne i difetti (l'olezzo per intenderci).

    La ricetta esatta l'ho trovata sia sul forum della Cucina Italiana sia sui forum del Bimby.

    Necessario è usare l'aglio fresco che è più profumato e meno forte come sapore.

    Come per tutte le conserve i barattoli devono essere lavati e sterillizzati (bolliti o messi nel microonde per qualche minuto) e le capsule devono essere nuove.

    4 teste d'aglio fresco

    1/2 litro di aceto bianco

    1/2 litro di vino bianco secco

    5 chiodi di garofano

    1 foglia di alloro

    1 cucchiaio di sale

    1 cucchiaio di zucchero

    Pulire per bene gli spicchi d'aglio. Mettere in una pentola di acciaio l'aceto, il vino, le spezie, il sale e lo zucchero e portare a ebollizione. A questo punto versare nella pentola gli spicchi d'aglio e far bollire per 1 minuto. Invasare con tutto il liquido, chiudere i barattoli e capovolgerli per creare il sottovuoto. Aspettare un mese prima di consumarli

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.