Parlare di Dio a un bambino piccolo, senza fargli sentire l'altra campana è un lavaggio del cervello?

Perchè non si dice ai bambini: "guarda c'è questo problema dell'esistenza di Dio, se esiste o no e se avere fede in lui o meno lo deciderai tu tra qualche anno, quando sarai in grado di a capire?"...Cioè se studiate un minimo psicologia sapete benissimo che ciò che apprende il bambino... visualizza altro Perchè non si dice ai bambini: "guarda c'è questo problema dell'esistenza di Dio, se esiste o no e se avere fede in lui o meno lo deciderai tu tra qualche anno, quando sarai in grado di a capire?"...Cioè se studiate un minimo psicologia sapete benissimo che ciò che apprende il bambino dell'infanzia viene scritto a caratteri cubitali nel su super io e nel suo io, in altre parole viene in parte limitata la sua libertà di scelta infatti per "scrollarsi di dosso" la relgione ci vuole uno sforzo psicologico non indifferente che può scatenare conflitti interiori non immediatamente risolvibili. In poche parole il bambino quando cresce si ritrova (a volte) a dover sfatare con le sue sole forze e spesso con la società contro (sono oramai quotidiani gli attacchi del papa contro il relativismo), certo questo non accade spesso infatti ciò che accade secondo me nella maggior parte dei casi e che il bambino crescendo, forte delle sue convinzioni così radicate nella sua psiche non le mette
Aggiorna: mai in discussione o se lo fa lo fa con pregiudizio. Chiaramente ciò avviene anche se il bambino viene cresciuto come ateo. Questa è secondo me una cosa molto grave...Cioè anche per i credenti non preferireste che una persona possa decidere in autonomia? in questo modo ci sarebbero solo credenti VERI (gente come... visualizza altro mai in discussione o se lo fa lo fa con pregiudizio. Chiaramente ciò avviene anche se il bambino viene cresciuto come ateo. Questa è secondo me una cosa molto grave...Cioè anche per i credenti non preferireste che una persona possa decidere in autonomia? in questo modo ci sarebbero solo credenti VERI (gente come voi, se no non stareste qui) e non "preconfezionati". Idem per gli atei. La scusa del tipo "ma si tu battezzi un bambino tanto poi in futuro deciderà da solo" non regge perchè non si tiene conto che un bambino si beve di tutto, potreste insegnargli anche che Andreotti c'era prima dell'universo e lui ci crederebbe. E farebbe una fatica immane poi per convincersi del contrario anche di fronte a prove o ragionamenti che lui reputa logiche. Inoltre va anche considerato che si dice "il bambino vuole andare a catechismo e io ce lo mando" ma in realtà è "il bambino vuole andare in oratorio con gli amici e io ce lo mando" questo perchè da un punto di vista del bambino inizialmente
Aggiorna 2: il catechismo viene visto come occasione sociale perchè non è in grado di comprendere la religione (in compenso può assimilarne i dogmi, è questo il problema) Concludendo non sarebbe più saggio rimandare il catechismo la comunione e la cresima più in avanti e dare una REALE libertà di scelta ai nostri figli? o... visualizza altro il catechismo viene visto come occasione sociale perchè non è in grado di comprendere la religione (in compenso può assimilarne i dogmi, è questo il problema)

Concludendo non sarebbe più saggio rimandare il catechismo la comunione e la cresima più in avanti e dare una REALE libertà di scelta ai nostri figli? o preferiamo che sia la società e la nostre convinzioni (e non le sue) a farla da padrona?
Aggiorna 3: ps: mi sono accorto che il titolo della mia domanda è ingiusto, oltre a parlare di Dio anche dire che non esiste può essere un lavaggio del cervello.
Aggiorna 4: x Cinicus: la domanda c'è...ed è all'inizio e alla fine! ps: sono connesso...
Aggiorna 5: x Stefano Francesco: ma offrire dei momenti che parlino di Dio è ingiusto perchè il bambino non ha difese intellettuali un conto è dargli dei messaggi positivi un altro è parlargli di Dio. Senza contare che in questo modo non si rispetta il pensiero ateo e agnostico..io non dico dire guarda Dio non c'è ma fare... visualizza altro x Stefano Francesco: ma offrire dei momenti che parlino di Dio è ingiusto perchè il bambino non ha difese intellettuali un conto è dargli dei messaggi positivi un altro è parlargli di Dio. Senza contare che in questo modo non si rispetta il pensiero ateo e agnostico..io non dico dire guarda Dio non c'è ma fare in modo che il bambino intraprenda DA SOLO nel suo percorso di crescita un cammino che gli permetta DA SOLO (scusami il maiuscolo è solo per sottolineare non voglio essere arrogante) di rispondere alle sue domande..Si tratta semplicemente di non mettergli pregiudizi..
Aggiorna 6: x julia: e allora che fai gli parli di Dio solo perchè le cose sono leggermente complicate? puoi spiegargli che la farfalla è parte della natura senza stare li a nominare sempre Dio...
Aggiorna 7: e poi io non so se il big bang è stato merito/colpa di Dio ma non so (e neanche tu lo sai) se lo è stato! insomma non possiamo saperlo ognuno dovrebbe decidere da solo perchè condizionarlo? vi rendete conto che è ingiusto??
Aggiorna 8: x marte: per prima cosa ti dico che apprezzo la tua risposta. però..un conto è dare delle indicazioni "leggere" soprattuto dicendo che poi un giorno tu potrai non essere d'accordo, insomma stimolarlo a ragionare da solo. Se poi vuole andare a messa ben venga però devi ammettere che molti bambini vanno... visualizza altro x marte: per prima cosa ti dico che apprezzo la tua risposta. però..un conto è dare delle indicazioni "leggere" soprattuto dicendo che poi un giorno tu potrai non essere d'accordo, insomma stimolarlo a ragionare da solo. Se poi vuole andare a messa ben venga però devi ammettere che molti bambini vanno a messa perchè glielo dice la madre che è giusto farlo e questo a me non va giù perchè in questo modo lo si forza... insomma è giusto dire le proprie convinzioni ma non imporle e ti assicuro che tra spiegare e imporre il passo è breve. quanto al fatto che tutto ciò che è scritto nel nostro cervello può essere tolto beh mi spiace ma non è proprio così c'è una letteratura vastissima a tale proposito in psicologia
Aggiorna 9: x marte: quanta aggressività nella tua risposta! cmq... "Vuoi insegnare tu il metodo giusto?": no voglio solo criticare il metodo esistente e proporre la mia idea, posso farlo e lo faccio... "Io lascerei fare al Caso" se tu chiami casi battezzare tutti i bambini piccoli, io la chiamo... visualizza altro x marte: quanta aggressività nella tua risposta! cmq...
"Vuoi insegnare tu il metodo giusto?": no voglio solo criticare il metodo esistente e proporre la mia idea, posso farlo e lo faccio...

"Io lascerei fare al Caso" se tu chiami casi battezzare tutti i bambini piccoli, io la chiamo imposizione

"un bambino non soffre se viene instradato al rispetto umano" verissimo ma il concetto di rispetto umano non è certo proprietà privata della religione, forse ti sorprenderà sapere che gli atei non sono poi i baubau che tu pensi (cit.)

"e a credere in un Dio" non soffre adesso ma può soffrire poi quando cambia idea, io ad esempio ho sofferto

"che poi non è il babau che tu pensi." ti dispiace indicarmi dove ho detto che dio è un "baubau"?

"Dio è Amore [...] e saprà essere provvidente" vallo a spiegare ai genitori che sopravvivono ai figli, bell'amore che dimostra...

"nessuno è mai morto per aver conosciuto Dio": si invece, il Dio che voleva le crociate ad esempio. L'istiuzione religiosa
Aggiorna 10: è la stessa. "ma per non averlo mai incontrato a me risulta di si." e chi sarebbe? nome e cognome grazie! "Per quanto concerne la psicologia che illustra come non si possa togliere nulla dal cervello sono d'accordo, ma io non ho detto il contrario." nooooooooo hai detto testualmente... visualizza altro è la stessa.

"ma per non averlo mai incontrato a me risulta di si." e chi sarebbe? nome e cognome grazie!

"Per quanto concerne la psicologia che illustra come non si possa togliere nulla dal cervello sono d'accordo, ma io non ho detto il contrario." nooooooooo hai detto testualmente "tutto ciò che entra nel nostro cervello può essere capace di lavarlo" e "ciascuno di noi sceglie sempre quali pensieri accogliere e quali rifiutare" è una frase tipica di chi legge topolino perchè nella realtà le cose sono molto più complicate (ci sono delle cose chiamate pulsioni, il super io, l'es etc..mai sentite nominare?)

"nessuno impone mai a nessuno" infatti mi ricordo che prima di battezzarmi i miei me lo hanno chiesto peccato che ero troppo giovane per rispondere. Il silenzio assenzo non è un imposizione nè?
Aggiorna 11: Voglio chiedere scusa a marte, penso di avere esagerato. Scusami.
Aggiorna 12: x ste fra: io sono d'accordo con te sul modello sbagliato che danno i mass media però non corregiamo un errore con altro errore. Che la psiche di un bambino non venga messo in pericolo da Dio ok ma il problema non è Dio ma chi parla a nome di Dio che è una cosa molto diversa. Ps: non credo che il sesso a... visualizza altro x ste fra: io sono d'accordo con te sul modello sbagliato che danno i mass media però non corregiamo un errore con altro errore.
Che la psiche di un bambino non venga messo in pericolo da Dio ok ma il problema non è Dio ma chi parla a nome di Dio che è una cosa molto diversa. Ps: non credo che il sesso a scuola sia un gran problema il problema è che qualche cretino mette le immagini su internet...
15 risposte 15