Anonimo
Anonimo ha chiesto in Scienze socialiPsicologia · 1 decennio fa

Quando è stata l'ultima volta che hai pianto?

E perchè ?

26 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    E' successo questa notte, come ogni notte da 7 anni, quando il cielo si fa scuro, la luna sale alta, il sonno tarda ad arrivare per i dolori, nel gelido silenzio troppi ricordi si fanno spazio nel mio cuore e le lacrime scendono da sole bagnando il cuscino... rievoco senza nemmeno pensarci l'immagine di quella ragazzina spensierata con i buffi capelli rossi cortissimi, la divisa da infermiera bianca e azzurra di cui andava tanto fiera, un'insolita instancabile vitalità, un sorriso sempre acceso sul viso e tantissimi sogni che brillavano nel cuore più luminosi delle stelle, quell'immagine che ora mi sembra così lontana da non appartenermi nemmeno più... l'uomo che amavo profondamente, un amore unico, dolcissimo, incondizionato, forte come non credevo si potesse provare, il battito dei nostri cuori vicini, i nostri respiri che vibravano all'unisono quando i nostri corpi si stringevano insieme, la sua tenerezza che mi avvolgeva quando mi coccolava e mi accarezzava al mattino appena sveglia, l'emozione nei suoi occhi lucidi quando viaggiando con la fantasia ci addentravamo nei sogni più segreti e immaginavamo il sorriso dei nostri nipotini, tutto simile a quello della nonna, mentre a Natale scartando i regali sotto l'albero con tutta la nostra meravigliosa famiglia... quella famiglia numerosa, unita, serena, nella casetta che immaginavo con un portichetto ornato di glicine rampicante, le pareti colorate, le scale di legno e un'amaca in un angolo del salone, piccola ma tutta mia, sempre rumorosa, rallegrata delle voci gioiose dei bambini che corrono giocando a nascondino con un grande cagnolone bianco con il pelo lungo e ruffo, per poi tuffarsi tra le mie braccia ridendo felici... quei bambini che desideravo da sempre più di ogni altra cosa al mondo, più della mia vita stessa, che avrei cresciuto nel mio grembo come un dono colma di emozione, che avrei dato alla luce tra le lacrime irrefrenabili di gioia, attendendo quel primo magico istante in cui i miei occhi si sarebbero persi abbandonandosi nei loro, per poi stringerli delicatamente al petto e non lasciarli mai più, colmandoli di tutto l'amore che avrei trovato in questo e in mille altri mondi di fantasia insieme.... e le lacrime scendono intravedendo invece nella fioca luce della luna il letto da cui non mi muovo più, imprigionata da queste fredde mura, mura che non mi appartengono, senza fiori, senza gioia, ma ormai solo ingiallite dal tempo, il tempo che ora trascorre sempre uguale, lentissimo, senza più amore, senza più carezze, senza più sogni, con la sola consapevolezza che ogni notte potrebbe essere l'ultima....

    Ma poi la mia gattina mi sveglia facendo le fusa e chiamandomi delicatamente con una zampina, il cielo è già rischiarato dalla splendida luce dell'aurora, gli uccellini sul grande albero davanti alla mia finestra cinguettano allegri, la natura si risveglia, il mondo sembra riprendere vita come per magia... respiro profondamente fino a sentire la purezza dell’ossigeno dentro di me e gli occhi si bagnano nuovamente di lacrime, ma ora sono di gioia e commozione perchè sento di esserci, di esserci ancora, di aver ricevuto il dono di un'altra giornata, di avere altre piccole ma preziose emozioni da vivere, come un abbraccio della mia mamma che mi stringe forte, i mille bacetti dei miei cagnolini che mi saltano in braccio pieni di felicità e la presenza di tanti amici che mi attendono dall'altra parte del computer con un sorriso, così sento che non sono sola e quindi in fondo nemmeno così sfortunata… e la serenità pian piano mi avvolge ancora, certa che la vita valga comunque la pena di essere vissuta e possa sempre essere dolce e gioiosa, se gli occhi con cui la vediamo e il cuore con cui la percepiamo sono anch’essi positivi e sereni.... sebbene ogni notte bagnati da lacrime di malinconia...

  • Anonimo
    1 decennio fa

    ieri notte appena mi sono messa a letto ho pianto...ho paura di non riuscire a trovare nessuno che voglia invecchiare con me e di morire sola......di non avere mai dei figli...di essere piano piano abbandonata da tutti gli amici che ora ho perchè magari assorbiti dalle loro vite familiari non avranno più tempo per me...

  • 1 decennio fa

    Un attimo fa,leggendo la risposta di LunAurora.

    Ciao Buona Pasqua

  • 1 decennio fa

    sai sono un tipo che si commuove facilmente, ma sempre per un motivo serio.

    piango per il pianto degli altri, per il riso di un bambino, per un tramonto meraviglioso, per una preghiera detta col cuore, per un bel voto dei miei figli, per un' aria lirica che mi tocca, per la storia di un film appassionante, per chi è solo, per chi ha bisogno di affetto e io vorrei darglielo ma non so come.

    ecco perchè piango, e lo faccio così spesso che non mi ricordo quando è stata l' ultima volta, ma recentissimamente.

    ah dimenticavo... e non me ne vergogno.

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 1 decennio fa

    Ieri ed era da molto che non accadeva..causa incomprensioni coi miei genitori..

    bacino e buona Pasqua di cuore..

  • Anonimo
    1 decennio fa

    tutti i giorni è un pianto oggi un'altra piagnucolata. Perche non ne posso più! Di tanta sofferenza in famiglia.

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Il primo giorno di Aprile....La figlia di una mia carissima amica mi ha chiamata dicendomi che sua mamma era morta la notte precedente.

    Avendo ricevuto 2 telefonate scherzose in

    mattinata non ci ho creduto....ho pensato si trattasse di un' altro " Pesce d' Aprile ".

    Purtroppo, la mia amica che conoscevo da 65

    anni non c' é più, ho tanto pianto, come non

    non piangevo da anni....

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Ieri sera a letto...ascoltando la canzone dei guns 'n roses...

    Don 't cry...(ke bel controsenso...)...semplicemente perché stavo pensando a tutto..alla mia vita,al mio futuro...

    Alla sera mi vengono davanti dei flashback dove vedo cose fatte e trascorse e allora penso a come sarà il resto della mia esistenza...a come la passerò...sperando in una famiglia e un amore..

  • 1 decennio fa

    un'ora fa sentendo una canzone e pensando a mio padre...

  • 1 decennio fa

    beh... cronologicamente, è stato per il dolore di un infortunio.... mamma mia......

    per altre cose, ho pianto quando un' amica ha perso una persona cara qualche mese fa...e anche quando un'altra amica mi ha detto che diventerà mamma :) ..ma nn avrei pensato di piangere per questo, è stata una "sorpresa"!!

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.