angelo
Lv 4
angelo ha chiesto in Scuola ed educazioneCuriosità · 1 decennio fa

Che cosa vuol dire un Verbo Transitivo un Verbo Intransitivo e cual è la diferenza tra loro?

Sopratutto per diferenziare loro quando si usa il passato prossimo con "essere" e "avere".

Ciao a tutti. Mi chiamo Angelo e sono peruviano. Studente universitario.

So che quando uso per esempio al passato prosimo il verbo "dormire" devo farlo con "Avere" e quando uso il verbo "Morire" lo faccio con "Essere" ma non so il perché.

Mi potete aiutare?

Grazie,

Angelo.

14 risposte

Classificazione
  • Risposta preferita

    caro angelo, la differenza principale è che un verbo Transitivo regge il complemento oggetto (Chi? Cosa?) mentre un verbo Intransitivo no (non risponde alla domanda Chi? Cosa?)

    Ad esempio, verbi Transitivi (mangiare; portare; cantare; comprare;bere; fare; dire, leggere; ottenere; aprire; etc) rispondono tutti alla domanda "Che cosa"?>>mangiare una mela; portare un pacco; cantare una melodia; etc..

    Verbi Intransitivi (dormire; sudare; correre; nuotare; etc) non rispondono a questa domanda Chi-Che cosa, cioè non reggono un oggetto (non si dice dormo una cosa; nuoto una cosa, etc).

    Il passato prossimo dei verbi si costrusce per la maggiorparte dei verbi Italiani con l'ausiliare Avere più Participio Passato del verbo, sia i Transitivi che gli Intransitivi (Ho mangiato; ho portato; ho cantato; ho comprato; ho portato e così via per tutti quelli che ti ho scritto; ma anche Ho dormito, ho corso, ho nuotato, etc, per quanto riguarda gli intransitivi).

    Il motivo per cui si usa l'ausialiare avere piuttosto che l'essere è perchè quest'ultimo viene utilizzato prevalentemente nella costruzione PASSIVA della frase (solo i verbi transitivi possono essere messi al passivo, gli intransitivi MAI). >>Es. è stato magiato, è stato portato, è stato detto, MA NON è stato nuotato, è stato dormito! NON SI DICE! MAI IL PASSIVO PER GLI INTRANSITIVI!

    una cosa fondamentale che devi ricordare è che gli unici verbi Intransitivi che reggono l'ausiliare essere sono quelli che indicano MOVIMENTO= andare, venire, tornare, uscire, passare, giungere, e anche morire e nascere (indicano una sorta di "passaggio", è questa la spiegazione etimologica del fenomeno).

    Spero di non essermi dimenticata nulla..e di averti aiutato;-)))

    Tanti bacetti

  • 1 decennio fa

    In linea di massima gli intransitivi hanno l'ausiliare essere e i transitivi l'ausiliare avere; rare eccezioni sull'ausiliare degli intransitivi (mi pare di ricordare che possa teoricamente essere "avere" in qualche caso) sono sempre segnalate dai manuali di grammatica italiana. Il verbo è transitivo quando regge un complemento oggetto (o, comunque, potrebbe reggerlo) mentre è intransitivo quando non può reggere il complemento oggetto. Il motivo per cui l'ausiliare normalmente usato per i transitivi è avere risiede nel fatto che dei verbi transitivi tu puoi fare la forma passiva (degli intransitivi MAI) e la forma passiva vuole l'ausiliare essere, per cui, per distinguere le due forme, si riserva "avere" all'attivo (io HO MANGIATO una mela, transitivo attivo) e "essere" al passivo (una mela E' STATA MANGIATA da me, forma passiva). Gli intransitivi non hanno questo problema perché degli intransitivi non si può fare la forma passiva (io SONO ANDATO a Milano = attivo intransitivo).

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Ciao angelo,

    peccato che le mie informazioni sono un po arrugginite,

    ma se ben ricordo i verbi transitivi sono quelli che permettono l' uso del complemento del complemento oggetto

    ESEMPIO:

    Papa legge(che cosa?) un libro

    l' oggetto del leggere è chiaramente il libro

    n.b. il complemento oggetto può anche non essere indicato, ma il verbo lo stesso è transitivo

    ES:

    papa legge.

    I verbi Intransitivi viceversa sono tutti quei verbi che non consentono l' uso del complemento oggetto

    Esempio:

    La mamma arrossi'/la mamma è arrossita

    Marco cadde/marco è caduto

    Non studiare mai i verbi a memoria non utilizzare mai liste inutili che servono solo a confonderti,

    ma cerca di capire quando il verbo regge il complemento oggetto, cioè quando dopo il verbo c'è quella parte della frase che risponde alla domanda" Chi o che cosa "

  • 4 anni fa

    Se soffri di iperidrosi ti onsiglio di provare questo http://miracoloperiperidrosi.latis.info/?c70O

    Molte persone soffrono di iperidrosi, ma non sanno che è un problema diffuso e sono in imbarazzo a parlarne con il medico. Eppure, e lo dico per esperienza personale, si tratta di un disturbo serio che spesso causa notevoli problemi, anche di natura psicologica, e rende difficili i rapporti sociali.

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 4 anni fa

    Anche io, come tanti altri, mi son trovata nella condizione di dover perdere peso repentinamente e ho trovato una soluzione in questo programma http://fattorebruciagrasso.gelaf.info/?Sf88. Come dimagrire velocemente mi sono chiesta? La situazione è quella classica: evento importante, abito che deve calzare a pennello, ovviamente un po’ di pancetta e di rotolini da eliminare

  • 4 anni fa

    perché non si può dire sono dormito ma avevo dormito

  • 1 decennio fa

    La questione dei verbi è un pò ostica anche per gli italiani.

    cercherò di spiegartelo brevemente

    Essere e avere sono verbi ausiliari,cioè aiutano gli altri verbi nella coniugazione.

    Si usa essere quando ha il significato di: esistere,stare,trovarsi ma anche con i verbi che indicano un'apparenza o un modo di essere o di divenire( ecco perchè lo unisci al verbo morire).Avere invece ha il significato di possedere. Poichè non esistono regole precise sull'uso degli ausiliari, solo la lettura,la pratica, la lettura e il vocabolario ti possono aiutare.

    Per quanto riguarda i verbi transitivi ed intransitivi c'è da dire che ad esempio : La mamma veste La frase non dice quasi nulla, affinchè questa assuma un significato bisogna aggiungere un nome che ci esprima l'OGGETTO cioè la persona che la mamma veste questo nome si chiama complemento oggetto e risponde alla domanda :chi veste? Avremo così La mamma veste (Chi?) il bambino; le frasi che dopo il verbo hanno un complemento oggetto hanno il verbo transitivo quindi veste è un verbo transitivo altri esempi

    Maria mangia (che cosa?) la mela (compl. ogg.) quindi mangia è un verbo transitivo.

    Sono intransitivi quei verbi che invece dopo non possono avere un complemento oggetto ma per completare la frase hanno bisogno di ricorrere alle preposizioni.Es Io siedo sul(preposizione ) divano

    Sono verbi intransitivi es andare, venire, partire,arrivare,cadere

  • Nahla
    Lv 7
    1 decennio fa

    Il verbo si dice transitivo quando permette il passaggio dell'azione dal soggetto al complemento oggetto = Io mangio la mela; Io(soggetto),mangio(azione espressa dal verbo)la mela (cosa mangio? la mela,complemento oggetto del verbo mangiare.).

    Il verbo si dice intransitivo quando non permette questo passaggio = Io corro ; Io (soggetto) corro(azione espressa dal verbo).Non posso chiedere cosa corro , ma "dove?" oppure "come?".Non può avere il complemento oggetto.

    I verbi transitivi ,nei tempi composti, usano l'ausiliare avere; gli intransitivi usano essere.

    Io ho mangiato la mela; io sono corso alla stazione.

    E' la grammatica italiana. E non sono affatto verbi irregolari, sono regolarissimi.

    Ciao ciao!

  • 1 decennio fa

    Un verbo transitivo è un verbo che regge il complemento oggetto (complemento oggetto= sostantivo che si trova immediatamente dopo il verbo usato e che risponde alla domanda chi o che cosa subisce l'azione espressa dal verbo, es. Marco mangia il panino, "panino" è complemento oggetto perchè è il sostantivo che risponde alla domanda "che cosa mangia marco?", cioè è il sostantivo che nella frase subisce l'azione espressa dal verbo), mentre i verbi intransitivi non reggono MAI il complemento oggetto (es. i verbi di movimento - andare, venire, tornare, ecc -)

  • 1 decennio fa

    I verbi predicativi si dividono in transitivi e intransitivi. I transitivi sono quelli che esprimono un'azione che ha necessariamente bisogno di un oggetto su cui esplicarsi. Per esempio il verbo "leggere" presuppone un libro, una lettera su cui il soggetto esercita l'azione, ma in assoluto non esiste. Anche quando dico "lo leggo molto" per intendere che sono una persona intellettualmente impegnata, è chiaro che non potrei fare l'azione del leggere senza giornali, riviste, libri.

    Gli intransitivi sono quelli che esprimono un'azione che rimane sul soggetto che la compie, che non ha bisogno di un oggetto: "andare", "venire", "camminare", ecc. esprimono azioni che non transitano su un oggetto.

    ESSERE e AVERE sono i due verbi ausiliari che servono per formare tutti i tempi composti nella coniugazione di un verbo (indicativo: passato prossimo, trapassato prossimo trapassato remoto, futuro composto; congiuntivo: imperfetto e trapassato; condizionale: condizionale composto; passati di infinito participio e gerundio).

    Una regola sicura per riconoscere automaticamente l’ausiliare di un determinato verbo non esiste. Anzi, possiamo dire che i casi di oscillazione e incertezza sono assai più numerosi di quelli che superficialmente potrebbero sembrare. Con certezza possiamo soltanto sapere che usano essere tutti i verbi riflessivi, e tutti i verbi impersonali (anche se quelli che indicano condizioni atmosferiche hanno poi una doppia possibilità).

    Con la stessa sicurezza sappiamo che usano avere tutti i verbi transitivi.

    Per la scelta dell'ausiliare dei verbi intransitivi, invece, pare impossibile affidarsi a qualche supporto di tipo grammaticale. Meglio invece riferirsi a qualche schematica tabella:

    VERBI INTRANSITIVI CON AUSILIARE ESSERE :

    accorrere

    addivenire

    affiorare

    allibire

    ammattire

    ammuffire

    andare

    apparire

    arrivare

    arrossire

    assurgere

    avvizzire

    balenare

    bastare

    cadere

    capitare

    cascare

    comparire

    costare

    crollare

    decadere

    decedere

    decorrere

    decrescere

    defungere

    dimagrire

    dipendere

    dispiacere

    divenire

    diventare

    durare

    emergere

    entrare

    esistere

    essere

    giacere

    giungere

    implodere

    incorrere

    insorgere

    insorgere

    intervenire

    morire

    nascere

    occorrere

    parere

    partire

    permanere

    piacere

    provenire

    restare

    ricadere

    rimanere

    risorgere

    risultare

    ritornare

    riuscire

    sbucare

    scadere

    scappare

    scomparire

    sembrare

    sfuggire

    sparire

    sopraggiungere

    sopravvenire

    sorgere

    sovvenire

    spiacere

    stare

    sussistere

    svanire

    svenire

    tornare

    uscire

    valere

    venire

    VERBI INTRANSITIVI CON AUSILIARE AVERE:

    Va ricordato che non tutti i verbi intransitivi usano essere come ausiliare. Un elenco di intransitivi con ausiliare avere sarebbe troppo vasto per poter essere riportato in queste pagine. Possono perciò bastare come esempi i verbi:

    abbaiare

    (versi degli animali)

    abdicare

    abusare di

    accennare a

    acclamare

    accondiscendere

    acconsentire

    accorciare

    adempiere

    aderire a

    agire

    agonizzare

    albeggiare

    aleggiare alitare

    allappare

    alludere a

    altalenare

    ambire

    ammiccare a

    annuire

    ansimare

    approfittare di

    attentare a

    badare a

    barare

    bisticciare con

    bussare a

    camminare cenare

    chiacchierare

    debuttare

    esitare (a fare)

    galleggiare

    litigare con

    mentire a

    nuocere a

    nuotare

    pattinare

    pedalare

    provvedere a

    reagire a

    remare

    ridere di rinunciare a

    russare

    sanguinare

    sbuffare

    scherzare

    sciare

    scioperare

    smettere di fare

    telefonare

    tossire

    tremare

    ubbidire a

    viaggiare

    zoppicare

    VERBI CON DOPPIO AUSILIARE :

    Iverbi che hanno una doppia possibilità di ausiliare (che possono cioè far uso di essere o di avere nei tempi composti) sono molto numerosi. Alcuni di loro possono usare i due ausiliari in modo completamente indifferente, altri usano essere se hanno valore intransitivo e avere se hanno funzione transitiva. Altri ancora hanno l’ausiliare che dipende dal significato che si vuol dare al verbo o semplicemente dalla costruzione del verbo stesso.

    VERBI CHE USANO INDIFFERENTEMENTE ESSERE O AVERE :

    Usano per lo più indifferentemente essere o avere tutti i verbi che esprimono condizioni atmosferiche (anche se la tradizione grammaticale consiglierebbe l’ausiliare essere). Inoltre tendono a usare sia essere che avere i verbi modali anche quando reggono verbi che hanno l’ausiliare esser (ho potuto andare, ho voluto partire, ho dovuto restare, insieme con sono potuto andare, sono voluto partire, sono dovuto restare).

    accedere

    allunare

    ammarare

    annottare

    appartenere

    approdare

    arretrare

    assomigliare

    attecchire

    atterrare

    brillare

    calzare

    campare

    coincidere

    combaciare confluire

    convivere

    culminare

    debordare

    decollare

    defluire

    degenerare

    deragliare

    dilagare

    diluviare

    emigrare

    equivalere

    espatriare

    figurare

    fioccare garbare

    germinare

    germogliare

    grandinare

    incespicare

    inciampare

    indietreggiare

    inorridire

    lampeggiare

    luccicare

    marcire

    maturare

    migliorare

    naufragare

    nevicare piovere

    prevalere

    procedere

    rabbrividire

    rimpatriare

    risaltare

    risuonare

    scivolare

    somigliare

    sventolare

    tramontare

    vivere

    zampillare

    VERBI CHE USANO ESSERE QUANDO HANNO UN VALORE INTRANSITIVO E AVERE QUANDO HANNO VALORE TRANSITIVO :

    Sono un gruppo piuttosto numeroso.

    Spesso possiamo riconoscere l’ausiliare essere o avere a seconda del soggetto: se il soggetto è una persona o comunque un essere animato più facilmente c’è la possibilità di un uso transitivo del verbo (e quindi ausiliare avere). Se il soggetto è un qualcosa di inanimato è più probabile l’uso intransitivo (e quindi ausiliare essere).

    In altri casi è da notare che con il cambio di genere transitivo o intransitivo ci può essere anche un vero cambio di significato del verbo:

    accelerare / Il ritmo del cuore è accelerato; Il musicista ha accelerato il ritmo

    accrescere / I problemi sono accresciuti; Ho accresciuto il mio capitale

    affievolire / La luce è affievolita; Ho affievolito il suo entusiasmo

    affogare / I passeggeri del Titanic sono affogati; Ho affogato il dolore nell’alcol

    affondare / La nave è affondata; I pirati hanno affondato la nave

    agghiacciare / A queste parole sono agghiacciato; Ho agghiacciato tutti con le mie parole

    ammutolire / A queste parole sono ammutolito; Ho ammutolito tutti con le mie parole

    annegare / Alcune persone sono annegate; Ho annegato il mio gatto

    annerire / I muri sono un po’ anneriti; Ho annerito i miei capelli

    ardere / Il rogo è arso in pochi minuti; L’imperatore ha arso la città

    arretrare / Davanti al nemico sono arretrato; Davanti al nemico ho arretrato la cavalleria

    arricchire / In questi anni lui è arricchito; Lui ha arricchito molta gente

    arrugginire / La mia bicicletta è arrugginita; La pioggia ha arrugginito la bicicletta

    asfissiare / E’ asfissiato in un incendio; Lui mi ha asfissiato con le sue domande

    aumentare / Il costo della vita è aumentato; Ho aumentato il volume della radio

    avanzare / E’ avanzato da mangiare; Noi abbiamo avanzato una proposta

    azzittire / A queste parole lui è azzittito; Con uno sguardo lo ho azzittito

    bruciare / L’edificio è bruciato; Ho bruciato i miei diari

    calare / La notte è calata; Ho calato una corda dalla finestra

    calzare / Il tuo discorso è calzato perfettamente; Ho calzato queste scarpe

    cambiare / Col tempo sei cambiato molto; Finalmente ho cambiato macchina

    centuplicare / Le sue forze sono centuplicate; Ho centuplicato i miei sforzi

    cessare / Il terremoto è cessato; Ha cessato di piovere

    cicatrizzare / La ferita è cicatrizzata rapidamente; Questa pomata ha cicatrizzato la ferita

    colare / Il liquido è colato a terra; Ho colato il tè

    cominciare / Lo spettacolo è già cominciato; Hai cominciato il tuo nuovo lavoro?

    continuare / La vita è continuata serena; Ho continuato a fare le cose di sempre

    convenire / La decisione ti è convenuta; Ha convenuto con me che è meglio così

    correre / Sono corso a casa; Ho corso un bel rischio

    crepare / E’ crepato come un cane; Il terremoto ha crepato i muri di casa

    crescere / Il bambino è cresciuto; La madre ha cresciuto i suoi figli

    declinare / Il suo potere è declinato; Ha declinato ogni responsabilità

    derivare / L’italiano è derivato dal latino; Abbiamo derivato questo dai fatti

    deviare / Il corso del fiume è deviato; Quel re ha deviato il corso della storia

    diminuire / La popolazione è diminuita; Ho diminuito le mie spese

    discendere / Siamo discesi a valle; Ho disceso una montagna

    evadere / Sono evaso di prigione; Ho evaso le tasse

    esplodere / Sono esploso per la rabbia; Ho esploso un colpo di pistola

    fallire / Quella ditta è fallita; Ho fallito il mio bersaglio

    finire / Il film è finito alle 11; Ho finito l’università nel 1995

    fuggire / Davanti al rischio sono fuggito; Non ho mai fuggito le tentazioni

    gelare / L’acqua è gelata; Con le mie parole ho gelato tutti

    guarire / Il malato è guarito; La medicina ha guarito il malato

    importare / Non mi è importato quello che ha detto; L’Italia ha importato molti cereali

    ingrassare / Sei ingrassato di qualche chilo?; Ho ingrassato il motore della macchina

    invecchiare / Non sei invecchiato per niente; Il falegname ha invecchiato il mobile

    mancare / Mi è mancata la tua presenza; Ho mancato il bersaglio

    maturare / La frutta è maturata; Ha maturato la decisione di partire

    migliorare / Le sue condizioni sono migliorate; Ho migliorato l’aspetto del mio ufficio

    montare / Lui è montato in macchina; Il cavallo ha montato la cavalla

    mutare / Il suo aspetto non è mutato; Ho mutato opinione

    passare / Molto tempo è passato; Lui ha passato tutta la mattina a letto

    peggiorare / La situazione è peggiorata; Hai peggiorato la situazione

    pesare / Questa valigia pesa; Ho pesato la mia valigia

    resuscitare / Gesù è risuscitato; Questa notizia lo ha risuscitato

    rincarare / Questi prodotti sono rincarati; Ho rincarato la dose

    ringiovanire / Sei ringiovanito; Questo taglio di capelli ti ha ringiovanito

    salire / Sono salito a casa mia; Ho salito tutti gli scalini

    saltare / L’appuntamento è saltato; Ho saltato un ostacolo difficile

    sbarcare / I passeggeri sono sbarcati a Taranto; Ho sbarcato il lunario per molti anni

    scattare / E’ scattata l’ora x; In vacanza ho scattato molte foto

    scendere / Siamo scesi dall’autobus; Abbiamo sceso le scale

    schizzare / E’ schizzato via come un fulmine; La macchina mi ha schizzato addosso del fango

    scorrere / Il vino è scorso a fiumi; Hai scorso il giornale?

    seguire / Dopo questo è seguito un fatto; Ho seguito il tuo consiglio!

    servire / Quei soldi mi sono serviti; Il barista ha servito un cliente

    sfumare / Il progetto è sfumato; Il pittore ha sfumato i colori

    suonare / E’ suonata la tua ora!; Abbiamo suonato una canzone

    toccare / Oggi è toccato a me; Chi ha toccato i miei fiori ?

    trascorrere / E’ trascorso un mese; Ho trascorso la settimana aspettandoti

    variare / Il tempo è variato; Ho variato il menù

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.