che significa diffusa iperdiafania dei campi polmonari da enfisema.non lesioni parenchimali a focolai in atto.

Non capisco che significa il risultato dell' RX torace che ho fatto recentemente. potete aiutarmi visto che sono in viaggio e non posso consultare il mio medico di fiducia?

5 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    L'Iperdiafania mi fa pensare ad un modesto inizio di enfisema, vale a dire i tuoi polmoni all'rx si sono presentati piu' trasparenti, per intenderci più "neri" perchè contengono un maggiore quantitativo di aria risp.al polmone normale>>>ciò è dovuto ad un danno delle strutture profonde (alveolari) del polmone che si rigonfiano, si iniziano a rompere e si fondono in alveoli piu' grandi.

    No way, smetti di fumare!

  • Te lo traduco letteralmente.

    Diffusa iperdiafania:

    si riscontra presenza di aria in piu del normale,perche l'aria,nelle radiografie appare sempre radiotrasparente,a causa della sua rarefattezza.

    Al contrario l'osso,piu compatto,e quindi con un maggior numero di molecole al suo interno,fa da scudo e appare "bianco" (tonalita di grigio piu chiare)

    Enfisema:

    Infatti l'enfisema è una patologia polmonare ostruttiva ed infiammatoria cronica caraterizzata dal fatto che i setti alveolari distali (cioe laddove avviene lo scambio tra ossigeno e anicride cabonicA) si rompono.

    Per cui in pratica un polmone con enfisema ha meno capacita di scambiare ossigeno,per perdita di tessuto (sostituito dall'aria,che si vede nell'rx come iperdiafania) e quindi il paziente anda incontro col passa del tempo a maggiori problemi respiratori e di ossigenazione (almeno che non si blocchi la patolog con le cure)

    Non lesioni parenchimali(cioe del tessuto) a focolai in atto: indica che non ha infezioni in corso nel polmone (da batteri,funghi,micobatterio tubercolotico etc..)

    In pratica due sembrerebbero le cause del tuo enfisema.

    O sei un fumatore accanito,da molti anni,sovrappeso,con bonchite cronica da una vita,tosse,catarro etc (il cosidetto enfisematoso blue bloater)...quindi ti prego,se vuoi vivere ancora a lungo smettila di fumare ! (o lavorare in luoghi molto inquinati)

    Oppure sei un enfisematoso della tipologia con torace a botte,megrolino,labbra increspate per respirare meglio,sensazione di mancanza d'aria a volte (il cosidetto pink puffer) con tosse stizzosa da anni e con deficit di alfa-1-antitripsina genetico o da commorbilita col fumo....

    In ogni caso,ti consiglio un bel check up ed una cura per evitare il peggioramento della situazione

  • loma
    Lv 4
    1 decennio fa

    visto che il referto è in italiano ti avranno visitato in un ospedale italiano.. chiedere ad un medico dell'ospedale?

  • 1 decennio fa

    Trasparenza totale dei polmoni, senza tuttavia dilatazione patologiche degli alveoli polmonari e senza alterazioni delle pareti o elasticità dei polmoni. In poche parole sei nella norma medica.Ciao

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 1 decennio fa

    La radiologia del torace.

    Il torace presenta strutture anatomiche diverse, con diversa capacità di trattenere i raggi X, coste, vertebre, parti molli, parenchima polmonare, organi mediastinici con vasi, linfonodi, cuore ecc. Le proiezioni del torace fondamentali sono l'antero-posteriore, per visualizzare il parenchima polmonare e le due laterali, per visualizzare le aree retrosternali e retrocardiache e per avere un'idea migliore di opacizzazioni che, altrimenti, sembrerebbero ascrivibili a masse e, che, invece, viste di lato si rivelano affezioni di diversa nataura: un esempio sia l'infiltrato infiammatorio del lobo medio, che assume la forma triangolare. Cosa leggere in una lastra?

    Opacità: a) estese e diffuse, b) multiple a macchia, c) rotonde e solitarie d) a strie e reticolari e) trasparenze.

    Opacità massive possono essere provocate da processi infiammatori, da neoplasie e malformazioni; per es. l'opacità di una polmonite lobare mostra un aspetto omogeneo ed interessa un intero lobo polmonare, conservando la forma e le dimensioni del lobo, a differenza di un'area atellettasica in cui il polmone collassa su se stesso ed attira a sè le strutture mediastiniche e quelle adiacenti. I margini, come dissi sopra, di una polmonite lobare del lobo medio di destra, si osservano meglio in L-L (latero-laterale), con aspetto di opacità quasi triangolare o cuneiforme.

    La forma di opacità massiva lobare da polmonite classica da streptococco pneumoniae avrà un aspetto di opacità densa ed omogenea; le infiltrazioni polmonitiche virali, invece, saranno a limiti sfumati, come di velature omogenee e lattiginose, espressione di infiltrato interstiziale e non, come per le polmoniti franche, di essudato siero-fibrinoso endoalveolare.

    Altre opacità massive sono quelle relative all'infarto polmonare emorragico, con aspetto cuneiforme che si estende verso la periferia della pleura, da emboli a partenza da distretti venosi del bacino, pelvi, specie nei soggetti allettati che hanno subito interventi di riduzione di fratture ossee del femore, oppure nel post-partuum e nella chirurgia addominale e pelvica in genere.

    I lobi atelettasici, per esempio per carcinoma endobronchiale occludente il lume del bronco principale, determinano l'atelettasia di un intero polmone: ne deriva l'immagine opaca di un intero emitorace con spostamento a sinistra del mediastino.

    Le pleuriti ed i versamenti, invece, si presentano all'Rx come opacità raccolte nelle parti più declivi della pleura, visibili per versamenti di 300-400 ml, a concavità verso l'alto e verso l'interno, spostabili nel decubito laterale, se non massive e con opacizzazione dei recessi costofrenici.

    L'edema polmonare cardiogeno acuto si caratterizzaper opacità nubecolare diffusa estesa e relativa trasparenza, per confluenza di grosse macchie di opacità di trasudati alveolari.

    Opacità multiple ed a macchia.

    Le ombre piccole a macchia sono forse i reperti più frequenti del radiogramma: se sono interessati il parenchima appariranno come piccoli addensamenti di 1-2 mm, puntiformi, fino a 1,5 -3 mm, come macchie miliari, e 3-10 mm, macchie nodulari. Se è colpito dal processo anche l'interstizio allora l'aspetto sarà di opacità lineare e reticolare. Esempio ne siano le strie di Kerley di tipo A della regione perilare e di tipo B della periferia delle basi polmonari, riferibili ad aree atelettasiche lamellari per ostruzione dei piccoli bronchi.

    Focolai tubercolari possono apparire nei campi superiori, talvolta con inclusioni centrali di calcio;

    Brocopolmoniti aspecifiche danno luogo ad opacità tenui a limiti sfumati, localizzate nei campi polmonari inferiori;

    Processi di fibrosi interstiziale polmonare (vedi link), silicosi per reazione fibroblastica del quarzo SiO2 danno luogo a granulomi silicotici, con ombre a macchia piccole, miliari e nodulari (ILO)

    Tubercolosi miliare: dà un aspetto a piccole macchie miliare diffuse su tutti i campi polmonari, in prevalenza nei campi medi ed inferiori.

    Bronchiolite: polmoni gonfiati, a piccole macchie. con ispessimento delle ombre ilari.

    Ombre rotonde solitarie (!)

    Focolai rotondi (coin lesion), di diametro tra 1-6cm, nascondono spesso insidie, da qui il nostro "!". Possiamo avere a) formazioni rotonde maligne; b) infiammatorie c) benigne; d) cisti, aspergillomi

    Tumori bronchiali: in uno studio tedesco il 42,3% delle lesioni rotonde sono tumori bronchiali! la forma può essere a coda di cometa, a forma di mela, a forma multipla, a pseudopodi; se si tratta di tubercolomi si localizzeranno nel lobo superiore destro; lo stesso, tuttavia, si dirà per i carcinomi bronchiali che si localizzano su entrambi i polmoni preferendo il lobo superiore destro,e se vi sono immagini precedenti una caratteristica importante sarà la loro capacità all'accrescimento repentino; si tratta di opacità di varia grandezza, rotondeggianti o irregolari, a zampe di granchio, dei bronchi lobari e segmentari o dei bronchi periferici come di cancro periferico a palla, con contorni mammellonati, o aree iperchiare con necrosi centrale; di carcinomi dell'apice del polmone che determina la sindrome di Ciuffini Pancoast, opacità netta ed omogenea a margine inferiore netto e convesso, che erode le prime 2 coste e vertebre adiacenti e da compressione del simpatico cervicale e del plesso brachiale.

    Tumori metastatici , possono dare immagini di linfangite carcinomatosa o di micropacità nodulari, che si localizzano nei campi medi ed inferiori, focolai rotondeggianti unici o plurimi, di densità omogenea.

    Opacità lineari e reticolari.

    Le malattie della trama polmonare comprendono un gran numero di processi infiammatori e distrofici, le polmoniti interstiziali, da virus rickettsie e batteri, bronchioliti e bronchiti croniche, tubercolosi miliare, fibrosi polmonare interstiziale, polmone da raggi, collagenopatie ecc.

    Fibrosi interstiziale: appare come un rinforzo della trama reticolare, con fenomeni retrattivi dei campi polmonari, fino al quadro del polmone a nido d'ape. I quadri variano da aspetti reticolari come di opacità lineari bilaterali che configurano un aspetto finemente reticolare, o come di opacità a vetro smerigliato alle basi; via via col progredire della malattia l'aspetto sarà reticolare e reticolonodulare più evidente con progressiva perdita di volume del polmone e progressiva elevazione del diaframma.

    Ipertrasparenze.

    Le ipertrasparenze dei campi polmonari posono essere localizzate o diffuse; nel quadro dell'enfisema polmonare gli emitoraci si presentano espansi con emidiaframmi abbassati ed ipomobili ed iperdiafania diffusa negli ambiti polmonari.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.