come si guarisce dalla periostite tibiale?

4 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    Dipende da come è insorta la patologia!!!!

    E' tipica di chi inizia un'attività sportiva come la corsa (a vario livello) ed è dovuta al trauma ripetuto col suolo!!

    In questi casi convine sospendere l'attività per un periodo o comunque correre su terreni morbidi (tipo erba).

  • 1 decennio fa

    Il trattamento della periostite si basa essenzialmente su il riposo, sull'applicazione di ghiaccio e in fase acuta si eseguono eventualmente dei bendaggi compressivi. Il bendaggio compressivo ha il compito di premere il tessuto infiammato e di aiutarlo nel sopportare i carichi meccanici e le sollecitazioni anomale dirette. Difatti non esiste una cura elettiva nei confronti della periostite e si deve affrontare il problema in funzione dell'atleta, della specialità sportiva e del grado di gravità dell'infiammazione.

    Comunque è esclusivamente una patologia benigna che regredisce col tempo, con la pazienza e con la costanza di sopportare un dolore piuttosto duraturo.

  • 1 decennio fa

    La periostite tibiale è una patologia infiammatoria che colpisce la membrana connettivale (periostio) che avvolge la tibia, nelle aree in cui si inseriscono i muscoli soleo e tibiale posteriore e la fascia che le ricopre (è anche nota come sindrome mediale della tibia, sindrome del muscolo soleo o del muscolo tibiale posteriore).

    La causa più probabile è rappresentata dall'infiammazione della fascia e del periostio. L'attività sportiva favorisce l'insorgenza dell'infiammazione sia per le forti sollecitazioni a carico dei tendini di soleo e tibiale posteriore sia per un'eccessiva pronazione nell'appoggio del piede. La sindrome provoca dolore nella parte interna della gamba, inizialmente in occasione degli allenamenti; gradualmente il dolore può persistere anche a riposo.

    Le cause più frequenti – Nel runner le cause più frequenti sono:

    a) abbinamento con altri sport (basket e, in linea del tutto teorica, salti)

    b) combinazione di lunghe distanze con scarpe non idonee (poco ammortizzamento)

    c) corsa in discesa

    d) sovrappeso

    e) marcata dismetria che provoca un'errata distribuzione del carico.

  • 1 decennio fa

    Essendo una patologia cronica, ben difficilmente si risolve con il solo riposo.

    Plantari adeguati sostengono l'arco e risolvono la patologia.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.