sniff3r ha chiesto in Matematica e scienzeIngegneria · 1 decennio fa

Ho voglia di regalare 10 punti!!!?

Per gli amanti di ingegneria in generale ma soprattutto di motori...vedete questo video http://www.youtube.com/watch?v=ddq71pvoOkM

Youtube thumbnail

.A Colui che mi colpirà maggiormente per le sue osservazioni regalerò 10 punti rispondete in tanti !!!

8 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    Appunto si tratta del propulsore turbogetto del F-16 durante una "prova al banco". (ad essere onesti se non ci fosse scritto sarebbe difficile dire di che motore si tratta e che è di un f-16, visto che a guardarli così sono piuttosto simili e con la scarsa risoluzione del video solo un vero esperto potrebbe capirci qualcosa...)

    Io ho avuto la fortuna di assistere ad una prova simile a questa, ma senza postcombustione, su di un turbogetto dei Tornado di Ghedi all'interno di una sala prove simile a quella del video, solo non così grossa..

    La prova che ho visto consisteva nel mettere il motore ad un tot% di manetta e poi spegnerlo per cronometrare il tempo che impiegavano le palette del compressore assiale a fermarsi...il tempo che risultava veniva confrontato con dei valori di riferimento nel manuale e doveva essere in un certo range...altrimenti c'era qualcosa che non andava...

    Un'altra differenza che mi è saltata all'occhio è che il motore del Tornado è molto meno "liscio" alla vista perchè all'esterno è pieno di flange che permettono uno smontaggio pressochè completo per poter accedere a tutti gli stadi di turbine e compressori...è divisibile in più di venti sezioni...invece quello del video è composto esternamente da molti meno pezzi....a prima vista si direbbe non più di 7-8...

    La spinta del motore dipende sia dalla velocità con cui fuoriescono i gas(per la precisione bisogna sottrarre la velocità di captazione) sia la portata, cioè la quantità di gas espulsa in un certo tempo...Nei motori a reazione la portata è relativamente bassa ed è alta la differenza di velocità dei gas.(nell'elica è il contrario: grande portata e piccola accelerazione) Comunque sia, si vuole che la velocità del getto sia la massima possibile.

    Il fatto che l'ugello sia a geometria variabile ha a che fare con il fatto che se ad un restringimento della sezione corrisponde un aumento di velocità quando si parla di flussi "incomprimibili", questa regola che per noi è intuitiva(sezione si dimezza - velocità raddoppia) non vale più per i flussi comprimibili, ed in particolare per quelli supersonici si inverte....per aumentare ulteriormente la velocità del getto la sezione si deve allargare e non più restringere....

  • 1 decennio fa

    Il video in questione mostra,da quanto ho capito, il motore e postbruciatore di un F16...Il postbruciatore è un componente aggiuntivo dei motori aeronautici a reazione che permette di incrementare la massima spinta disponibile di un motore a getto o di un turbofan con minimi aumenti di peso a scapito dell'efficienza.

    A valle dell'ultimo stadio di turbina, il componente che espande il flusso per trarne il lavoro necessario a muovere il compressore, il flusso ha bassa pressione, alta temperatura e, poichè la combustione in un turbogetto avviene in notevole eccesso di aria, ricca di ossigeno. Iniettando carburante, l'aumento di temperatura e pressione (energizzazione della vena fluida) consente, mediante l'ulteriore espansione nel cono di scarico, l'aumento di spinta.

    La necessità di espandere ulteriormente il flusso in condizioni di postcombustione, rende necessario un ugello a geometria variabile che si adatti alle diverse situazioni di post combustione.

    A fronte di aumenti di spinta dell'ordine del 60-100% si hanno aumenti di consumo dell'ordine del 1000% (10 volte tanto).

    Per questo l'uso dei postbruciatori è limitato alle fasi di decollo (specie se a pieno carico o su velivoli piuttosto pesanti) o in determinate situazioni di volo (durante l'intercettazione o combattimento con manovre ad alto numero di g oppure durante il volo supersonico) oppure per superare il regime transonico, cioè il passaggio dalla condizione di volo subsonico a quella di volo supersonico.Spero che ti sia piaciuta la mia osservazione ciao

  • 1 decennio fa

    Tiro un po' ad indovinare.

    Un turboventola con postbruciatore Pratt and Whitney 220 (forse un 200, ma onestamente oenso sia un 220) provato in una base aerea (probabilmente di Robins, Georgia, USA). La galleria dietro allo scarico del motore serve a raffreddare il flusso ed a diminuirne l'intenso rumore. La grata attaccata davanti alla presa d'aria serve ad evitare l'ingestione da parte del motore di corpi estranei e non è parte integrante dello stesso.

    Se hai bisogno di dettagli sul funzinamento del motore, chiedi pure..

    Altrimeni penso possa bastare.

  • 1 decennio fa

    non ne sono sicura ma a me sembra la prova di quelle navicelle che vanno sulla luna

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Anonimo
    1 decennio fa

    Beh... io sono un amante della lingua italiana e quando si indica un video si dice guardare... Che rompiballe che sono!

  • 1 decennio fa

    allora nn c capisco una **** ma a me sembra un c.A..z...zo gigante ke vuole entrare in una ****...(hai kapito)!!!!eheh

  • Deby
    Lv 5
    1 decennio fa

    io ho sl capito kè è un missile hahaha

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Non ci capisco 1 tubo di ingegneria,sorry=)

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.