Quale e' la differenza tra infuso, e tisana?

2 risposte

Classificazione
  • Ivan C
    Lv 5
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    La tisana viene definita come una soluzione acquosa diluita di sostanze medicamentose, formate da fitocomplessi, da utilizzarsi per via orale.

    Una tisana si può preparare con una o con più erbe.

    Esistono diversi tipo di tisane a seconda del metodo estrattivo cui si ricorre:

    infuso,

    decotto,

    macerato.

    L'infuso è un tipo di tisana che viene utilizzata per estrarre principi attivi delle parti più delicate di una pianta officinale: fiori, parti erbacee e foglie.

    L'infuso viene preparato versando sulle parti idonee della pianta (tagliata in maniera opportuna) dell'acqua bollente (o calda) e lasciando il tutto a contatto per dieci-quindici minuti.

    Passato questo periodo di tempo, si procede alla filtrazione e l'infuso è pronto.

  • Anonimo
    1 decennio fa

    L'infuso è un tipo di tisana che viene utilizzata per estrarre principi attivi delle parti più delicate di una pianta officinale: fiori, parti erbacee e foglie.

    L'infuso viene preparato versando sulle parti idonee della pianta (tagliata in maniera opportuna) dell'acqua bollente (o calda) e lasciando il tutto a contatto per dieci-quindici minuti.

    Passato questo periodo di tempo, si procede alla filtrazione e l'infuso è pronto

    La tisana è una preparazione farmaceutica liquida appartenente alla categoria degli idroliti.

    La tisana viene definita come una soluzione acquosa diluita di sostanze medicamentose, formate da fitocomplessi, da utilizzarsi per via orale.

    Una tisana si può preparare con una o con più erbe.

    Una tisana composta da più erbe presenta elementi così schematizzabili:

    il remedium cardinale (o rimedio di base): una o più droghe con principi specifici per la terapia in questione,

    l'adiuvans (o adiuvante): una o più droghe capaci di sinergizzare con il rimedio di base

    il costituens (o complemento): una o più droghe in grado di conferire un aspetto piacevole,

    il corrigens (o correttore): una o più droghe in grado di migliorare le caratteristiche organolettiche della tisana.

    Nella preparazione di una tisana le erbe (fresche o secche) devono essere opportunamente sminuzzate (forma taglio tisana). Il grado di sminuzzamento è importante, in quanto può influire sull'estrazione dei principi attivi.

    In una tisana di più erbe le componenti devono essere tra loro omogenee. Non si devono mischiare tra loro le parti dure e quelle tenere delle piante.

    A causa dei problemi di interazioni sfavorevoli che possono insorgere, si consiglia, inoltre, di non superare le 5 erbe in una stessa tisana.

    Esistono diversi tipo di tisane a seconda del metodo estrattivo cui si ricorre:

    infuso,

    decotto,

    macerato.

    Fonte/i: wikipedia
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.