Malefica Aleun ha chiesto in Società e cultureLingue · 1 decennio fa

Qualcuno conosce il significato della parola "mesmerisation"?

vi scrivo anche il contesto in cui si trova:

the film, as Rohmer has pointed out, is full of spiral images, images of instability and mesmerisation, image of spinning down into darkness.

ho 3 vocabolari e non sono riuscita a trovarla cribbio!!!! siccome l'ho trovata più di una volta nel testo, sto cominciando a spazientirmi.... che cavolo vuol dire?????

8 risposte

Classificazione
  • Jade V
    Lv 7
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    Il termine "mesmerizzazione" viene direttamente dal nome del medico tedesco Franz Anton Mesmer, che, nella seconda metà del 1700, si interessò e mise a punto una pratica che egli stesso chiamava "sonnambulismo artificiale", poi detto appunto mesmerizzazione e, in tempi più recenti, ipnotismo. In realtà, questo ipnotismo improprio, veniva usato da Mesmer come cura di stati di alterazione corporea, poichè il medico partiva dal presupposto che l'Universo, le cose e le persone, fossero pervase da un fluido (magnetismo) che, se alterato, poteva dar origine a malattie. Con le pratiche mesmeriche, Mesmer voleva ristabilire omogeneamente tale fluido all'interno del corpo umano, così da riportare (a mezzo di un catalizzatore, l'ipnotista, appunto) la normalità nella salute alterata del paziente. A tal fine, utilizzava anche tutta una serie di altre pratiche collegate, come applicazione di magneti e pranoterapie.

    Considerato da alcuni un genio, da molti altri un vero ciarlatano, il suo operato fu analizzato da Lavoisier e B. Franklin, e i loro studi conclusero che le pratiche fossero inutili e prive di qualsiasi base scentifica, e che i pazienti miglioravano solo per l'effetto placebo, o per la sconfinata fiducia che riponevano in Mesmer.

    All'utente che cita Dylan dog come sua fonte di conoscenza, neanche fosse l'encliclopedia britannica, rispondo inoltre che E.A.Poe non INVENTO' affatto la parola mesmerizzazione, bensì ne venne a conoscenza (come della pratica -che, nonostante le critiche - era ancora in uso ai tempi di Poe) e vi si ispirò per il suo racconto, conosciuto come "La verità sul caso del signor Valdemar" o "Le vicende relative al caso del signor Valdemar", in cui si narra appunto di un esperimento di ipnosi (esperimento estremo, come ben sa chi ha letto il racconto...).

    Il contesto in cui tu lo hai trovato ( e del quale riporti una frase)mi fa pensare che tu ti stia interessando di "Il Gabinetto del Dr. Caligari" di Wiene, di cui Rohmer scrisse un saggio (dalla sua tua tesi di laurea, correggimi se ricordo male...), film che è un ottimo esempio di come la pratica mesmerico/ipnotica, avesse avuto un rigurgito di popolarità a inizio '900, grazie agli studi di Joseph Breuer (seguace della cosiddetta "Teoria di Brucke") e alla sua collaborazione con Sigmund Freud, anche se quest'ultimo, in seguito, scelse di abbandonare tali esperimenti per il più razionale "metodo catartico".

    Sull'argomento, e le connessioni fra psiche e cinema, hanno scritto saggi molto interessanti sia Paolo Bertetto che Lucilla Albano (che si è anche concentrata su un altro film, "Svengali", di Archie Mayo del 1931), che credo siano già stati pubblicati o in via di pubblicazione (specie quello della Albano, ne accennava in un suo intervento ad un seminario nell'autunno scorso e durante un suo corso universitario). :-)))

  • ?
    Lv 7
    1 decennio fa

    Sono arrivato tardi per darti il significato.

    La parola deriva dal cognome di tale Mesmer che per primo ipotizzò l'esistenza di un ipotetico fluido magnetico che emanava dalla volotnà delle persone ipnotizzava.

    Molto in voga, successivamente, nell'Inghilterra vittoriana dove le signore grazie a questa tecnica provavano quelle emozioni che avevano rimosso dal loro io cosciente (le porcone). Ricordi Dracula con Lucy e la finata santarellina di Mina ?

    Non sto scherzando.

    http://www2.comune.bologna.it/bologna/fbibbdb/rice...

    http://www.daltramontoallalba.it/personaggi/mesmer...

  • 1 decennio fa

    Ciao! Io lo conosco con la "z", mesmerization,ma si sa che gli inglesi sostituiscono spesso "s" e "z"! Significa ipnosi, incanto, trance. Deriva dal verbo mesmerize. Spero di esserti stata utile, ciao!

  • 1 decennio fa

    to mesmerize: mesmerizzare, ipnotizzare

    aggiungo:

    mesmerizzare: http://www.demauroparavia.it/68949

    mesmerismo: http://www.demauroparavia.it/68948

    e aggiungo pure che c'hai dei vocabolari da cùlo!

    Fonte/i: dizionario "oxford - paravia" in associazione al "demauroparavia online"
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 1 decennio fa

    sicuramente viene dal mesmerize che significa ipnotizzare

  • Anonimo
    1 decennio fa

    il mio dizionario monolingua (oxford) dice

    mesmerize = to hold sb's attention completely

    cioé mesmerize (il verbo da cui deriva mesmerization o mesmerisation) = catturare completamente l'attenzione di qualcuno

  • 4 anni fa

    "Una parola è troppa e due son poche" è un'espressione che si u . s . riferendosi a quei casi in cui in line with descrivere un concetto o un fatto usare una parola sola è troppo lapidario e rischioso ma in line with approfondirlo due son poche , nel senso che due non basterebbero. E' un po' come un non voler toccare un argomento perché poi ce ne sarebbero troppe di cose da dire.... Spero di essermi spiegata :D

  • Anonimo
    1 decennio fa

    la mesmerisazione credo sia una tecnica di ipnotizzazione....l'ho letto in un dylan dog, fossi in te mi informerei al riguardo...

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.