Anonimo
Anonimo ha chiesto in Matematica e scienzeMatematica · 1 decennio fa

sapete come si fanno gli algoritmi????

8 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Migliore risposta

    Beh, per fare un algoritmo bisogna avere un problema da risolvere.

    L'algoritmo è un accrocchio informatico che risolve il problema.

    E' una vita che creo algoritmi (è il mio lavoro), ma la tua domanda è un po' vaga...

    Diciamo che una volta (parlo degli anni '80) andava per la maggiore il cosiddetto schema a blocchi. Dato un problema si creava lo schema a blocchi che lo risolveva nel migliore dei modi...

    Poi si procedeva con il linguggio di programmazione più opportuno... Pascal, Basic, Cobol, Fortran, C, ... una volta creato l'algoritmo , il linguaggio davvero conta poco...

    Poi sono arrivati i linguaggi di quarta generazione, SAS, Oracle, ...

    Oggi l'approccio è diverso, nel senso che si parte dalla base dati, la si normalizza, si crea una struttura relazionale e quindi da qiuesta si genera l'algoritmo. Access è un esempio di questo nuovo modo di programmare...

    Per problemi. però, di tipo matematico lo schema a blocchi, secondo me, è ancora indispensabile.

    Non lo so se volevi sapere qualcosa di diverso...

    Ripeto, la tua domanda è un po' troppo vaga...

    Ciao..

    Luigi, da quanto ho potuto vedere gli ingegneri usano soprattutto C++.

    Non da trascurare (soprattutto per statistici e matematici, ma per quanto ne so anche per problemi di ingegneria, che comunque non è il mio campo) è il linguaggio R. Nato come open source (ovverso scaricaile gratuitamente) in Linux ed ora anche installabile (sempre in modo del tutto gratuito) in Windows.

    Bellissimo perchè corredato da manuali anche molto specifici e scritti davvero bene (sono sviluppati quasi tutti in ambito universitario).

    E' un linguaggio a moduli, nel senso che tutti liberamente possono aggiungere pezzi.

    Con una sola riga si fanno inversioni di matrici, diagonalizzazioni, grafici stupendi... ed altre cose che nei linguaggi tradizionali richiedono decine di righe di codice...

    Se vi servono i link...

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    La risposta che ha dato Walter è giustissima concordo con lui...vorrei solo aggiungere che nel campo della matematica (un suo campo d'applicazione) si usano per fare "simulazioni" di situazioni reali (come "quante casse mettere al supermarket?") con schemi a blocchi che poi si portano su un linguaggio di programmazione che ora cavolo non ricordo il nome...cmq in Informatica (nel campo soprattutto ingegneristico) si usano per proggettare basi di dati per poi scriverle in SQL soprattutto...cmq la tua domanda come ha detto anche Walter è molto vaga e cmq non ci sono regole fisse per fare algoritmi ma dipende dal problema e dal progettista...ci sono solo principi e convenzioni che conviene seguire per far capire a tutti cosa si sta scrivendo e per non rendere l'algoritmo e poi la base di dati di conseguenza ridondante e onerosa a livello di memoria (come la normalizzazione)...ciao!

    Per Walter: Io faccio ingegneria...certo il c++ è importantissimo ma diciamo che quando si fa un programma (non troppo complicato) di solito non si fa il diagramma a blocchi per non "perdere" tempo(anche se è cosa buona farlo) ma si ha un "disegno mentale" e dopo si esegue in istruzioni...mentre per SQL si usa molto...il linguaggio da usare dipende da cosa si vuol fare...è chiaro che se voglio fare un sistema operativo userò il C se voglio fare una base di dati per internet o per un'azienda userò l'SQL...ma gli algoritmi come hai detto anche tu esulano dal linguaggio usato sono assolutamente generali..il programma applicativo è solo una loro interpretazione! ciao!

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    non sono assolutamente d'accordo con le definizioni di Walterone e di luigi, un algoritmo non ha niente a che vedere con un accrocchio ne con linguaggi di programmazione.

    inviterei dunque il sedicente walterone a smettere di scrivere algoritmi sul computer, ma di munirsi di carta e penna la prossima volta che ne deve far uno, magari gli viene meno accrocchio.

    un algoritmo non e' altro che il procedimento (descritto per passi) per raggiungere un certo scopo.

    in campo informatico gli algoritmi hanno i seguenti requisiti:

    un algoritmo e' costituito da un insieme FINITO di istruzioni,

    le istruzioni possibili sono in numero FINITO e hanno effetto LIMITATO su dati DISCRETI,

    una computazione e' eseguita per PASSI DISCRETI senza ricorrere a sistemi analogici o metodi continui.

    ogni passo dipende SOLO dai precedenti e da una porzione FINITA dei dati in modo DETERMINISTICO.

    NON c'e' limite al numero di PASSI NECESSARI all'esecuzione di un algoritmo, ne alla MEMORIA richiesta per contenere i dati (finiti) iniziali, intermedi, ed eventualmente finali.

    un prete si fece anche un algoritmo per convertire musulmani al cristianesimo, non molto funzionante in quanto fu decapitato mentre lo applicava.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    Per prima cosa bisognerebbe sapere l' obiettivo da raggiungere e poi tutte le ipotesi sul problema che si deve studiare. Poi ci sono anche algoritmi matematici piu complessi

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 1 decennio fa

    gli algoritmi non sono altro che spiegazioni passo passo di un programma che il pc dovrà eseguire. per crearli sono necessarie solo 3 strutture fondamentali: sequenza, selezione e iterazione (teorema di Bohem-Jacopini)

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    L'algoritmo non l'hanno inventato gli informatici, algoritmo significa solo un procedimento per raggiungere un obiettivo con una serie di passi definibili... quindi un algoritmo per fare il pieno di benzina al motorino è : 1)andare al distributore 2) aprire il serbatoio 3) versare benzina con la pompa fino al livello desiderato 4) chiudere il serbatoio 5) pagare (il passo 5 non è indispensabile per l'obiettivo prefissato, ma il proprietario del distributore ci tiene....). Chiaramente il fatto che tu tutti i giorni applichi continuamente algoritmi non vuol dire che tu sia automaticamente capace a scrivere un programma, ossia a tradurre in un linguaggio comprensibile a questi cavoli di computer l'algoritmo che hai ben chiaro in mente per ottenere quello che vuoi....

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Sheila
    Lv 4
    1 decennio fa

    il mio cervello è in vacanza.. mi disp!

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    oh dio ke brutta cosa....

    • Accedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.