Chiedere e rispondere....una forma di narcisismo oppure ??

Innanzitutto permettetemi di salutarvi, dopo una lunga assenza ho deciso di ritornare....con una frequenza limitata al mio poco tempo libero eheh!!

Mi stavo chiedendo se nelle domande e nelle risposte vi fosse in qualche modo una strana forma di narcisismo, nel senso ....rispondiamo davvero per aiutare qualcuno, oppure proviamo una grande soddisfazione quando scriviamo qualcosa di unico, fuori dal comune a prescindere dall'aiuto che possiamo dare alla persona che lo richiede?

Questo per quanto riguarda Answers, per quanto concerne la vita reale invece, non e' una forma di egoismo aiutare gli altri per soddisfazione personale?

Fare del bene per sentirsi bene e non per farlo e basta ?

Spero di essere stata abbastanza chiara.

Vi auguro una splendida giornata :))

Baciotti a tutti !!

Aggiornamento:

Grazie amici, delle risposte e anche del bentornata eheh!!!

Finora molte belle risposte, qualcuna la condivido altre meno....anche per questo sono tornata, mi piace il confronto :)))

Grazie a tutti !!

Un particolare saluto ai miei "vecchi" contatti, che non ho dimenticato...e' un piacere ritrovarvi :)

16 risposte

Classificazione
  • fara
    Lv 7
    1 decennio fa
    Migliore risposta

    ...e il colloqui dunque , è una forma di narcisismo ?

    perchè in fondo è questo che facciamo , o meglio tentiamo di fare , lanciando un ponte , tendendo una mano , lasciando che il "chiunque" di turno la afferi per creare una catena di amicizia (forse) , di scambio di opinioni , di conoscenza di se stesso e dell'altro.

    No , cara sandy ( bentornata, sono contenta di rileggerti finalmente !) per me chiedere e rispondere non è narcisismo, che certamente sarebbe un sentimento mortificato , ad esempio , dal seguito sempre circoscritto delle reazioni inerenti i nostri interventi.

    Lo stesso vale per il volontariato .

    Sto bene quando lo faccio , ma non è che non mi costi in termini di sacrificio, preparazione , tempo libero , disponibilità, ecc.ecc.

    Chi lo fa seriamente , tende quella mano di cui sopra e ma non sempre c'è la soddisfazione del risultato .

    Si fa perchè è un bisogno insopprimibile , perchè questa è la vita che si è scelta. Perchè così siamo .

    Bello rileggerti.

    Abbi serenità.

    :-)

  • 1 decennio fa

    Contrariamente a Fara che è personcina seria e in gamba, nel mio modo di deambulare su Answer non c'è una gran regola, ci stà a volte di sicuro del narcisismo, magari involontario, c'è a volte un paternalistico senso di missione, della serie "mo te spiego la vita", ci può essere una velata richiesta di affetto/soccorso, la voglia di essere d'aiuto a qualcuno e l'illusione di poterci riuscire, curiosità, noia, voglia di conoscere e sapere....e così via

  • 1 decennio fa

    bentornata!

    alcuni rispondono a caso, altri per aiutare, altri per offendere..oggi sono poche le persone che fanno del bene senza secondi fini

    un abbraccio

  • Squaw
    Lv 6
    1 decennio fa

    Se è la nostra umanità a spingerci a fare del bene, automaticamente farà star bene anche noi. Se invece, dietro un nobile gesto, si cela solo il desiderio di mettersi in mostra, di essere elogiati o di trarne qualsivoglia vantaggio... allora quel bene non è più tale ma solo ed esclusivamente freddo calcolo.

    Ciao dolce amica, insieme ci siamo allontanate e insieme siamo tornate...

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 1 decennio fa

    Aiutare per sentirsi migliori oppure per il solo gusto di far del bene.. credo che non conti poi così tanto, l'importante è far del bene.. indubbiamente ti fa sentire bene fare una buona azione.. inconsciamente tutti aiutano per sentirsi migliori.. non necessariamente per provarlo agli altri, ma per rendersene conto da soli.. è bruto vantarsi di aiutare gli altri.. ma è allo stesso modo sbagliato non coinvolgere nessuno..

    è complicato.. l'uomo ha bisogno di sentirsi dire che è una brava persona.. a volte anche solo da se stesso..

    Fonte/i: ^_^
  • a
    Lv 6
    1 decennio fa

    Sei limpida...e hai analizzato molto bene la questione ; a mio avviso, qui su answers ...sì una forma di narcisismo o esibizionismo credo vi sia in ogni risposta data, perché non ammetterselo ?! Chi scrive per farsi conoscere, chi per conoscere, chi per provocare, chi per sfogarsi, chi per sbizzarrirsi nell'arte del "bello scrivere" , chi per far passare messaggi latenti, chi per sedurre, ecc., ma credo che quando ci confrontiamo ad una domanda il punto focale siamo e restiamo sempre noi stessi in primo luogo...eh...tremendamente umani siamo... ;-)

    ciao

    p.s.: ... e chi per aiutare ? Hmm... confesso che ho esitato a metterlo...

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Cara Sandy66 per quanto riguarda la prima domanda rispondo che quando dò delle risposte lo faccio non per specchiarmi troppo davanti allo specchio ma per dire quello che è la mia opinione/conoscenza o una mia curiosità, punto.

    Per quanto riguarda la seconda domanda, rispondo che tutto dipende dal modo in cui intendi aiutare una persona. Io penso che ci sono due modi di aiuti e cioè: l'aiuto palesato e l'aiuto non palesato. L'aiuto palesato è quel tipo di aiuto che deriva da una forma di soddisfazione personale che tende al ringraziamento da parte della persona che lo riceve mentre l'altro aiuto, quello non palesato, ti arriva all'improvviso da una persona che non sai nemmeno chi è (anonimo) che non vuole ringraziamenti e riverenze di alcun tipo, lo fa perchè è un puro di cuore e si sente bene a prescindere di avere aiutato una persona o meno. Bene io preferisco dare questo tipo di aiuto restando nel'anonimato. Ciak da ASSO.

  • 1 decennio fa

    Credo tu abbia ragione. Ad ogni modo, credo sia naturale provare soddisfazione per aver risposto ad una domanda. Teniamo conto che YahooAnswers è un anche un po' un gioco, serio ovviamente, e quindi i punteggi...la vittoria...tutto concorre a creare quell'atmosfera di 'sfida'. Quindi, premesso che forse è innegabile una certa sana soddisfazione che nasce dal gusto della competizione, rimane il problema di come non scadere nel puro e semplie, egoistico narcisismo. Forse questo problema non è legato tanto al fatto che ci troviamo ad interagire sul web anzichè in piazza, quanto piuttosto ad una certa immaturità che alcune persone possono avere oppure ad una generale 'insensibilità'. Ripeto, il problema non è il gusto che da la competizione bensì il come dominare dentro di noi la pulsione dell'ego che si prepone davanti all'altro e le sue domande, le sue esigenze, che si presume siano reali (lasciamo stare quelli che usan le dom/risp solo per fare punti o per noia e quindi scrivono cazzate).

  • ?
    Lv 4
    1 decennio fa

    forse per qualcuno si......e si nota (quello che scrivono esula dall'argomento o fanno tanti giri di parole che poi finisco con l'incartamento):))

    io ci metto tutto il possibile per aiutare....ma non so se ci riesco.....in answer.......

    nella vita di tutti i giorni...beh! ho fatto sempre del bene e anche della beneficenza....ma per il solo piacere di farlo e non per sentirmi bene....

    ma mi sono concessa ...di sentirmi bene solo perchè so che hanno apprezzato..:)

  • 1 decennio fa

    niente di male se si prova piacere a dare piacere; il narcisismo esagerato si intuisce subito.

    Fonte/i: la vita mia e degli altri
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.