Anonimo
Anonimo ha chiesto in Scienze socialiPsicologia · 1 decennio fa

la sofferenza fà bene allo spirito ?

.

non è facile da spiegare , ci provo :

mi è capitato negli ultimi anni che in seguito a delle situazioni brutte e che ti mettono a dura prova , la mia coscienza mi portava ad un atteggiamento positivo verso gli altri ,

mi è successo quando è morta mia madre qualche anno fà , invece di farmi consolare , ero io che consolavo gli altri ,

ancora mi è capitato dopo un intervento chirurgico in ospedale , un intervento molto pesante che mi aveva messo proprio al tappeto ,

era il periodo di Pasqua e mentre mi trovavo nella sala post operatoria , parlavo con gli infermieri e cercavo di tirarli sù di morale , proprio in quel momento che stavo malissimo.

Forse a darmi la forza era stato il fatto di voler riprendere a stare bene , di tornare a casa dalla mia famiglia ,

poi quando sono guarito , sono un po' cambiato , non dico che me ne frego degli altri , ma non ho più quella " vocazione " a mettere loro prima di me.

Perchè ?

11 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    Il cervello a volte ci fa reagire nei modi più assurdi ma per "autodifesa"...ho perso mia madre a 13 anni e ho giurato che avrei tenuto il resto del mondo a km da me per non soffrire(E LO FACCIO). Poi incontro un uomo stupendo, andiamo a convivere e penso che con lui non devo avere paura..ovviamente mi sbaglio...scopre di avere un tumore(sono 7 mesi che non c'è più) e ora ho deciso che penso solo alla mia vita. Penso che sono stufa di perdere le persone che amo, penso che non ho più lacrime, penso che mi sono lasciata fregare per amore...penso che la mia reazione è stupida ma me ne frego.

  • xxx
    Lv 5
    1 decennio fa

    ti sei spiegato benissimo! non sei il primo che dice queste cose, mi è capitato sovente di constatare questa "forza" proprio nelle persone che invece dovrebbero averne bisogno per se stessi.....

    Sicuramente "scatta" qualche meccanismo strano.....per fortuna...., che aiuta a superare certi momenti!

    Poi può essere successo semplicemente che vedi le cose in maniera diversa, proprio a seguito degli ostacoli che hai dovuto superare!

    Ti auguro tanta salute.

  • Anonimo
    1 decennio fa

    No, indurisc 'o cor

  • ila
    Lv 7
    1 decennio fa

    forse la sofferenza ti rende più comprensivo verso le sofferenze altrui..

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 1 decennio fa

    Semplice e normale, quando soffri sei più sensibile al dolore altrui poiché lo stai provando anche tu, ti rispecchi nella gente che soffre perciò aiutarli a star meglio significa aiutare te stesso a star meglio. Quando il dolore è passato e ti lasci coinvolgere dalla routine quotidiana ti dimentichi di ciò che hai provato e non ti immedesimi più nella gente che soffre e non hai più l' esigenza di aiutare perché non devi più aiutare te stesso

  • 1 decennio fa

    Per quanto mi riguarda, la sofferenza in generale mi ha fatto crescere e maturare negli anni....il fatto e' che a volte non si e' subito consapevoli di questo "beneficio" e ci sentiamo avviliti e depressi ; ma col tempo, come a me , questo meccanismo "benefico" scatterà anche in te.

    Ciao

  • 1 decennio fa

    solo chi ha sofferto......solo chi ha perso qualcuno di molto caro.....può capire il dolore......può apprezzare le cose più semplici della vita.....ed essere grato ogni giorno di quello che la vita riesce ancora a regalargli......chi ha tutto non si rende nemmeno conto di quanto sia fortunato ad avere una famiglia accanto.......

    il dolore è un bene prezioso, solo attraverso di esso si può apprezzare la vita.....conoscere se stessi.....capire l'amore..

    ti capisco, anche io ho perso mia madre molto piccola e altri parenti che amavo......non ho quasi più nessuno.....il dolore mi ha scavato dentro, lacerato; perdere un gentitore è una mutilazione......perdi qualcosa di te e non sarà mai più come prima......il dolore ti cambia.........sinceramente ho sempre mantenuto quell'atteggiamento altruista e positivo verso gli altri di cui parli.......ma mai sono tornata indietro a come ero " una volta".....il dolore secondo me deve farci crescere.......

    Forse l'intervento, la malattia, questo dolore ha colpito "te" e non un'altra persona.....quindi è un dolore diverso.....ti ha fatto capire quanto sei importante tu e quanto tieni alla vita e forse è per questo che oggi vivi più alla giornata e metti prima te stesso.....credo sia normale......

    Un caro saluto

  • Anonimo
    1 decennio fa

    "chi riesce a sorridere anche nei momenti difficili è il padrone del mondo"

    caro amico, quella che ti è capiatata è una cosa meravigliosa perchè è la fervida testimonianza che tua madre nn ti ha mai abbandonato.

    A mio parere il suo amore immenso è riuscito a consolare il tuo cuore straziato.

    E' vero tu nn la puoi vedere ma anche le gocce che stanno nel mare quando le altre gocce evaporano, credono che esse siano morte,ma nn esiste falsità più grande, perchè in realtà quelle evaporate continuano ad esistere nelle nuvole e sono sempre nell'aria che ci circonda... vicine a noi, così come tua madre è vicina a te.

    Per quel che concerne il secondo episodio credo che dopo aver vissuto la tragedia di tua madre, nulla ti sembra così grave da starci giù.

    Hai imparato a relativizzare, i problemi e a dargli il giusto peso.E' un grande dono questo perchè ti aiuterà a superare tutti i momenti difficili e a godere meglio delle tante gioie che spero la vita ti riserverà

    ciao

  • 1 decennio fa

    Perchè la felicità è effimera e la sofferenza è connaturata al vivere.

    Perchè la sofferenza ci accomuna.

    Nel dolore ci sentiamo tutti fratelli, ci sentiamo uniti. In ospedale pensavo sempre che eravamo tutti nella stessa barca infatti.

    Non è che la sofferenza faccia bene allo spirito, ma ci rende consapevoli della nostra fragilità e dei veri valori della vita. Ci sensibilizza al dolore altrui.

  • Anonimo
    1 decennio fa

    la sofferenza nobilita l animo e rende Più forti. Ma bisogna pensare anche a se stessi per essere e rimanere forti se no ci si può fermare.ciao

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.