Anonimo
Anonimo ha chiesto in SaluteSalute della donna · 1 decennio fa

SOS endometriosi.....ho bisogno di consigli!!!?

Vorrei sapere se qualcuna di voi ha qsta malattia.....devo premettere che l'anno scorso ho passato un anno pieno di dolori....stavo malissimo, fino quando poi mi hanno diagnosticato una ciste endometriosica di 5 cm e durante l'operazione di laparoscopia mi hanno trovato l'endometriosi. Io pensavo che con l'operazione i dolori passassero, ma stò come prima....qsta malattia mi spaventa parecchio....vorrei sapere se si può convivere cn questa malattia in maniera dignitosa, magari guarire....oppure può portare gravi complicazioni???.

4 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    L’endometriosi è una malattia spesso progressiva, dove alcune cellule della mucosa uterina s’impiantano al di fuori dell’utero. I focolai endometriosici si trovano soprattutto nel basso ventre (ovaie, intestino o vescica), più raramente in altri organi (cute, polmoni) dove vengono stimolati dagli ormoni che provocano il ciclo mestruale. Come la mucosa uterina – denominata endometrio – i focolai endometriosici ciclicamente crescono e sanguinano.

    La causa dello sviluppo dell’endometriosi, non è stata ancora chiarita. Emorragie mestruali prolungate o cicli abbreviati ne aumentano il rischio. Ma anche fattori genetici e sostanze inquinanti, come ad es. la diossina, aumentano la predisposizione all’endometriosi.

    Una delle cause nella formazione dell’endometriosi è la mestruazione retrograda, che vuol dire un flusso parziale del sangue mestruale attraverso le tube nella cavità addominale. Questo sangue contiene delle cellule vitali della mucosa uterina. Se cellule possiedono una resistenza particolare e la donna presenta una certa debolezza della difesa organica, possono sopravvivere nell’addome, aderire al peritoneo e perfino crescervi.

    Fonte/i: Considerato che le manifestazioni dell’endometriosi sono diversi, così pure sono molteplici le varie possibilità terapeutiche. Ad es. esse possono essere il trattamento dei sintomi, soprattutto dei dolori, con medicamenti, asportazione chirurgica di focolai endometriosici oppure tramite la terapia ormonale. Quale terapia sia quella da impiegare nel singolo caso, dipende in primo luogo dall’obiettivo del trattamento. Si intende trattare una sterilità, oppure si intende essenzialmente combattere il dolore? Si vuole eliminare la malattia, possibilmente in modo radicale e ridurre il rischio di recidiva? Questi aspetti saranno discussi nel colloquio approfondito con la paziente. Per ogni donna affetta dalla malattia esiste una soluzione personalizzata. La forma di terapia o l’eventuale combinazione di diverse terapie devono essere adattate alla paziente in ogni singolo caso. E’importante un colloquio ampio ed esplicativo, nel corso del quale verrà stabilito un trattamento su misura. La terapia deve essere adeguata al risultato che si vuole ottenere
  • 1 decennio fa

    Carissima, anche io sono malata di endometriosi.

    E come noi milioni di donne.

    Ti consiglio di rivolgerti ad un centro specializzato di endometriosi e di non andare dal primo dottore che capita. Purtroppo è una malattia così sconosciuta e bastarda che spesso anche i dottori non sanno riconoscerla.

    Io frequento spesso il forum di www.apeonlus.info

    Troverai tante ragazze con le quali condividere i tuoi dubbi e le tue paure.

    Ti aspettiamo!

    Veronica Prampolini

    Fonte/i: www.donneaffettedaendometriosi.it
  • fatti seguire daun buon ginecologo

  • 1 decennio fa

    Probabilmente adesso stai male a seguito di aderenze post-operatorie. Dall'endometriosi non si guarisce ed è solo questione di tempo avere la ricomparsa di cistiti. Tuttavia di solito il ginecologo ti dovrebbe prescrivere la pillola che stabilizzando gli ormoni rallenta e ferma quasi del tutto la patologia.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.