promotion image of download ymail app
Promoted

Tartarughe giganti?

Volevo sapere se esiste una particolare razza di tartarughine acquatiche (quelle da tenere in casa in vasche per intenderci) che non crescono più di una certa misura. Crescono massimo secondo la dimensione del posto in cui sono tenute o anche secondo quello che si da loro da mangiare?

grazie

4 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    Trachemys Scripta Elegans

    carattere:

    Queste tartarughe sono creature timide, infatti al minimo segno di pericolo si immergono in acqua per nascondersi e cercare riparo. Al tempo stesso, pero', possono essere molto curiose. Non e' escluso che, nel corso degli anni di convivenza con l'uomo, prendano confidenza con quest'ultimo fino a non fuggirne piu'. Questa difficolta' di accettazione, comunque, rivela come le tartarughe non siano animali domestici.

    Allevamento e cura in cattivita'

    Partiamo con l'idea che piu' spazio c'è meglio è!

    pensate alle dimensioni che raggiungera' la tartaruga una volta diventata adulta, specie se femmina, o se ne avete piu' di una...dimenticate percio' le vaschette "lager" con la palma di plastica e 2cm d'acqua che vendono abitualmente nei negozi. Le tartarughe hanno principalmente bisogno di una vasca adeguata in cui possano nuotare, di una zona asciutta dove muoversi, di tanto Sole (ma anche di ombra), di una giusta alimentazione e di tanto amore.

    laghetto artificiale:

    L ideale sarebbe un laghetto all’aperto, realizzabile per il proprietario che ha un giardino. In commercio si trovano delle vasche che vanno messe dentro la terra per fare dei laghetti artificiali. Cerchiamo di sistemare la vasca in una zona dove ci sia ombra, per non causare il surriscaldamento corporeo. Deve pero' essere presente anche il Sole, indispensabile per il carapace. Il rammollimento di quest'ultimo, infatti, porterebbe l'animale alla morte. Importante e' fare una recinzione per evitare che le tartarughe scappino, e lasciare a disposizione una zona asciutta per permettere alle tartarughe di uscire dall’acqua.

    Chi ha una terrazza puo' usare una vasca di plastica rigida, tipo le piscine per bambini, allestita con un bel sasso dove la tartaruga si sistemera' per prendere il Sole. Fare attenzione alla temperatura invernale. Le tartarughe adulte si adattano bene al clima italiano. Tuttavia, se la temperatura scende sotto i 4 gradi centigradi, la tartaruga riportera' danni da congelamento, e probabilmente morira'. Meglio, dunque, dotarsi di un termoriscaldatore (e' molto economico), che tenga la temperatura del laghetto a livelli accettabili (ca. 20 gradi centigradi). Il termoriscaldatore e' indispensabile per le tartarughe non adulte.

    Acquaterrario:

    Per chi non ha il giardino la soluzione migliore consiste nell’utilizzare un acquario di vetro, materiale che è facilmente lavabile e disinfettabile. Se la tartaruga è giovane e sotto i 10 cm di lunghezza si puo' usare un' acquario delle dimensioni minime di 60 x 30 x 30 cm., naturalmente man mano che crescera' la vasca dovra' essere sostituita da una piu' grande.

    Evitiamo di usare come fondo dell'acquario ghiaia troppo piccola, se ingoiata potrebbe causare una costipazione intestinale, attenti alle piante di plastica che possono ferire l'animale. Evitiamo inoltre il sovraffollamento perché sono animali molto aggressivi e possono arrivare a ferirsi gravemente fra loro.

    L' acquario dovra' essere fornito di una zona asciutta e facilmente raggiungibile dalla tartaruga, che può essere costituita da un pezzo di legno o da delle rocce.

    Temperatura dell'acqua e illuminazione:

    La temperatura ideale dell’acqua è di 24-26°C di giorno con una (non indispensabile) riduzione di circa 5°C di notte. Questo si ottiene con riscaldatori collegati a un termostato (termoriscaldatori acquistabili in qualsiasi negozio di animali, con spesa modica).

    Come è stato gia' detto, di vitale importanza per la salute della tartaruga, è l'esposizione al sole. Durante le giornate calde e soleggiate è un’ottima pratica permettere alle tartarughe di esporsi alla luce solare diretta, fornendo sempre la possibilità di ripararsi all’ombra se la temperatura aumenta troppo.

    Tenete presente che la luce solare filtrata da un vetro o dal plexiglas non apporta raggi ultravioletti ed è perciò inutile.

    Se questo non è possibile si possono utilizzare lampade che emettano lo spettro completo di radiazioni, compresi i raggi ultravioletti. Anche queste lampade sono acquistabili presso negozi di animali. Sono specifiche per i rettili e non vanno confuse con le lampade per i pesci.

    La lampada sostituira' la luce solare. La luce va lasciata accesa per 12-14 ore al giorno.

    Tutto cio' non è necessario se le tartarughe vivono all’aperto o se vengono esposte regolarmente al sole.

    Pulizia dell' ambiente:

    Per evitare problemi di salute alla nostra tartaruga è molto importante tenere pulito il suo ambiente.

    Nel caso del laghetto artificiale o della piscina si procedera' a cambiare l'acqua togliendo con un secchio quella sporca per poi aggiungerne di pulita, senza aspettare che l'acqua sia troppo sporca.

    Nell' acquaterrario è necessario installare un potente filtro, interno o esterno, per eliminare gli odori sgradevoli e l’imputridimento dell’acqua, ed effettuare poi dei cambi regolari d’acqua ogni 10-15 giorni a seconda di quanto si sporca.

    In primavera-estate è la stagione piu' critica, infatti mangiano molto e sporcano molto, quindi è necessario cambiare l' acqua piu' spesso, anche tutti i giorni!

    Da notare che la presenza di MOLTA acqua rende piu' improbabile uno shock termico allorquando si cambia parte dell'acqua stessa (i.e.: cambiare 30 litri di una vasca da 100 piuttosto che in una da 50 rende meno probabile che la tartaruga contragga una polmonite e muoia in una settimana, a causa dell'improvvisa diminuzione della temperatura).

    L'alimentazione ideale:

    Le trachemys è onnivora.

    Le tartarughe piccole devono essere alimentate tutti i giorni; man mano che crescono la frequenza dei pasti va diminuita, o almeno la quantita' del cibo.

    NB: L'alimentazione non deve essere esagerata, dato che una delle cause piu' frequenti di morte di tartarughe "domestiche" e' l'eccesso di grasso contro il carapace. Non farsi traviare dal fatto che le tartarughe appaiono sempre affamate.

    Trachemys scripta elegans, la tartaruga dalle orecchie rosse

    Classificazione

    Classe: Reptilia (Rettili)

    Sottoclasse: Anapsida

    Ordine: Testudines

    Sottordine: Cryptodira

    Superfamiglia: Testudinoidea

    Famiglia: Emydidae

    Sottofamiglia: Emydinae

    Genere: Trachemys (7 specie)

    Specie: scripta (12 sottospecie)

    Sottospecie: elegans

    spero di esserti stata utile tu dammi 10 punti come migliore risposta grazie e ciao

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    dalla tua domanda traggo molti suggerimenti e risparmio di chiedere al negozzio dove le acquisto grazzie

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • ambra
    Lv 4
    1 decennio fa

    io ho una tartaruga acquatica da ormai 13 anni,e si chiama cirilla.Quando l'ho comprata la commessa mi ha assicurato che sarebbe cresciuta leggermente...ma non e' vero!...la mia cirilla e' diventata cirillona!!!!!E' molto grande,che credimi dirtelo non rende l'idea!!!...E sono costretta a tenerla in una bacinella poco piu' grande di lei perche' se no continuerebbe a crescere!...piu' grande e' il luogo dove stanno le tartarughe e piu' crescono,non c'entra niente quanto dai loro da mangiare...cmq non superare le dosi di cbo di due volte al giorno...ciao ciao!

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    scuma ma se tu quando eri piccola ti lasciavano in un luogo piccolo o ti davano poco da mangiare rimanevi piccola?

    per le tartarughe è la stessa cosa ci sono tartarugne "nane" e tartarughe che crescono molto.

    come ad esempio la trachemys scripta elegans(la tartaruga con la macchia rossa sulla testa) se è un maschio arriva ad una dimensione di 13 cm, se è una femmina arriva a 28 cm, linvece la trachemys scripta venusta arriva fino ai 48 cm (simile a quella elegans ma non ha le macchie rosse sulle orecchie) e così ce ne sono molto altre anche se sono della stesse specie sono diverse.....

    il mio consiglio è prima di comprare una tartaruga informati sulla specie e razza, internet serve anche a questo per darti mille informazioni. anche se crescono lentamente, devi pensarci prima dell'acquisto, perchè dopo non è che la puoi lasciare come fanno in tanti, perchè essendo nate in cattività morirebbero o se no ancora peggio distruggerebbero l'habitat delle nostre zone..... ( pensa hai disastri che hannno fatto le nutrie, igli scoiattoli grigi, le tartarughe trachemys,..)

    ciao

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.