dada ha chiesto in Gravidanza e genitoriNeonati e bambini · 1 decennio fa

Camicia della fortuna???

Appena nato il bimbo deve esserne avvolto. Che usanza è?Da dove o cosa proviene? Cosa ne pensate?

8 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    Non credo in queste usanze quindi per il piccino ci sono tutine e body intimi con cotone a contatto pelle

  • 1 decennio fa

    Da quanto ricordo, il detto "Nato con la camicia" si riferisce a quei casi in cui l'infante viene alla luce ancora avvolto dalla placenta materna. Data l'eccezionalità dell'evento si pensa che chi è "nato con la camicia" venga al mondo protetto e quindi in grado di sfidare la sorte. Ovvero fortunato.

    cercando sul web...

    Perlone Zipoli, pseudonimo di Lorenzo Lippi, autore del "Malmantile riacquistato", un poema burlesco arricchito di note linguistiche da Puccio Lamoni (anagramma di Paolo Minucci), così spiega l'origine del detto "nato vestito" (o con la camicia, ndr): "Dicono le levatrici che talvolta nascono bambini con una certa spoglia sopr' alla pelle, la quale spoglia non si leva loro subito nati, ma si lascia e casca poi da sé in processo di giorni; e tal creatura da esse si dice 'nata vestita', ed è preso per augurio di felicità (e di fortuna, ndr) di tale creatura".

  • 1 decennio fa

    non conosco la provenienza di questa usanza ma perchè non farla. So che la camicia della fortuna dovrebbe essere rossa (sembra strano ma è rossa anche per i maschietti) anche se si fa fatica a trovarla tutta rossa ma solo con i bordini ricamati rossi. Va data insieme alla tutina gia in sala parto e gli ostetrici stessi la metteranno al pupo/pupa sotto la tutina. Dicono porti fortuna. A me l'hanno regalata qualche settimana prima del parto e l'ho fatta indossare al mio bimbo.

  • 1 decennio fa

    Dicono che porti bene...anche a me ne avevano regalata una ma non l'ho portata con me in ospedale....tanto in sala parto non l'avrebbero messa...

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Iaia
    Lv 4
    1 decennio fa

    io non ne conosco il significato, ma secondo me è un buon augurio per la nuova nascita, più che superstizioni o riti scaramantici(come dicono alcune).

    ma sì, regalarne una può portare bene, è un gesto carino e non obbliga nessuno a farla indossare al bimbo quando nasce.

    Ciao

  • Anonimo
    1 decennio fa

    secondo me è una cosa piuttosto sciocca.

    è sì una "tradizione", ma non ne conosco il fondamento e la ritengo troppo familiare alla superstizione per i miei gusti.

    mia figlia l'ha ricevuta in regalo da mia suocera e per evitare di farle torto l'ho fatta indossare all'uscita dall'ospedale, come fosse una camicina qualsiasi(le cose hanno il valore che si dà loro).

    il secondo non l'ha avuta in dono e quindi ben lungi da me l'idea di fargliene indossare una.

  • Anonimo
    1 decennio fa

    quando è nata mia figlia glielo messa, ho maglio gliel'hanno messa le ostetriche appena dopo il parto.dicono che porti bene... ma io l'ho fatta mettere perchè la seta a contatto della pelle delicata della "pupetta" non gli irritasse la pelle....

    dicono anche di prendere la camicina rossa perchè il nuovo nascituro deve avere qualcosa di rosso,perchè porta bene....

    le leggende.....:

    (1) Secondo una tradizione Celtica, alcuni uomini "del vasto mondo dell'EST" dissero a DAGDA: "Ogni pelle che porta attorno a sè la camicia non può essere raggiunta da nessuna malattia". Simbolo di protezione.

    Essere privo di camicia è sibolo non solo della massima povertà materiale, ma anche della completa solitudine morale e dell'abbandono della società: nessuna protezione, nè quella di un luogo materiale, nè quella di un gruppo nè quella dell'amore. Donare anche la propria camicia è invece un gesto di generosità senza limiti e siccome, in parte, la camicia è una seconda pelle, ciò significa offrire in dono se stesso, far condividere la propria intimità.

    La materia stessa della camicia, che è a contatto diretto con il corpo, può modificare il simbolismo: Canapa rozza del contadino o dell'asceta, Lino fine della gente di mondo, Seta preziosa dei ricchi, camicia ricamata delle cerimonie ecc.: ognuna di esse individua un personaggio.

    (2) E' un segno di fortuna per il neonato nascere avvolto nella membrana amniotica chiama popolarmente camicia. E' anche un segno di forza spirituale oltre che fisica (e per questo a livello popolare esiste l'uso di portare sulla persona, da parte di chi è "Nato con la camicia" un frammento disseccato di essa) e questa per gli adulti si manifesta sotto altre forme. Lo spirito è invisibile e niente pùo toccarlo: essere avvolti nella membrana significa contemporaneamente invisibilità e spirito. Coprire qualcuno con un mantello significa renderlo invisibile e proteggerlo dalle sventure. Analogamente la camicia segnala la spiritualità e la tutela: garantisce doppiamente l'invisibile.

  • Anonimo
    1 decennio fa

    io credo ke sia una grande cavolata....nn serve a nulla...

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.