Anonimo
Anonimo ha chiesto in Animali da compagniaCani · 1 decennio fa

problemi di trachea....?

...la mia cucciola di 3 anni e mezzo Kelly ha sempre avuto problemi di tosse...si pensa sia per la trachea piu' stretta rispetto alla norma che dà problemi...dicono anche che non si può fare niente e ogni volta curarla con cura antibiotica.

Essendo un incrocio con un cavalier king dicono che è normale...qualcuno sa dirmi qlc di piu?

2 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    La trachea è quel tubo che permette l'ingresso dell'aria ai bronchi fino ai polmoni.

    Il paragone è appropriato, infatti la trachea è proprio simile ad un tubo di gomma elastico e semirigido grazie agli anelli di cartilagine allineati nello spessore della sua parete.

    E' facile immaginare cosa accadrebbe se così non fosse e le sue pareti si afflosciassero impedendo il passaggio dell'aria fino ai polmoni.

    Nel cane la trachea è sostenuta da circa 30 - 45 anelli di cartilagine a forma di "C", la chiusura completa dell'anello si ha ad opera di tessuto molle ma ben teso: la membrana tracheale dorsale.

    Il collasso tracheale è un cedimento della parete della trachea che occlude parzialmente il lume e quindi riduce sensibilmente il passaggio dell'aria.

    Avviene sempre in senso dorso-ventrale. Gli anelli indeboliti tendono ad appiattirsi e la membrana che li chiude dorsalmente si stira, in questo modo perde la sua naturale tensione, diventa flaccida e pende, invadendo il lume.

    Il cedimento degli anelli e l'afflosciamento della membrana sono irreversibili.

    La trachea cervicale, cioè il tratto che va dalla gola alla base del collo, collassa durante l'inspirazione perché l'aria che entra risucchia verso di sé la membrana dorsale che ha perso la sua tensione, invece l'aumento di pressione nella gabbia toracica ad opera dei polmoni nella fase d'espirazione può schiacciare dentro il lume la membrana non più tesa nel tratto di trachea intratoracico.

    In condizioni normali i cambiamenti di pressione in seguito ai flussi d'aria che si verificano nell'atto respiratorio non influiscono in alcun modo sulle dimensioni del lume tracheale, anelli e membrana dorsale sani sono naturalmente abbastanza robusti per contrastare gli sbalzi pressori. Quando la trachea modifica il suo lume e si restringe sotto la forza dell'aria che la percorre si parla di "collasso tracheale".

    Cani obesi e di piccola taglia sono certamente i più interessati a questo problema.

    I sintomi possono comparire prima della maturità, così come quando il soggetto è già avanti con gli anni, solitamente si verificano in cani di mezza età.

    Comunque anche soggetti giovani di grossa taglia possono presentare collasso tracheale.

    SINTOMI

    Il cane viene portato dal veterinario perché tossisce in continuazione. Il problema è cronico, la tosse è secca, il rumore che produce è simile a quello di una trombetta. Dopo il pasto o l'assunzione di acqua spesso il cane tossisce, a volte presenta conati o addirittura vomita, quando si eccita e si affatica aumenta la gravità del problema. Umidità, calore e stress portano ad un peggioramento della situazione.

    Quando il cane presenta una crisi acuta, il proprietario corre dal veterinario sospettando che un corpo estraneo gli occluda le vie respiratorie; in effetti, in questi casi, la sintomatologia e la difficoltà respiratoria sono impressionanti, si può arrivare anche allo svenimento per ipossia cerebrale.

    Le cose si possono ulteriormente complicare se si associa una bronchite cronica.

    CAUSE

    Si ipotizzano anomalie congenite, difetti della consistenza degli anelli cartilaginei, o anche indebolimento di questi in seguito a traumatismi reiterati e malattie croniche dell'albero bronchiale.

    Anche un deficit di innervazione del muscolo che corre sul dorso della trachea è stato chiamato in causa come uno dei fattori causali.

    DIAGNOSI

    Il compito del veterinario è riconoscere questa malattia e valutare la miglior terapia del caso.

    Il rumore dei colpi di tosse, la taglia, l'età, la fame d'aria e le circostanze che aumentano i sintomi sono già abbastanza indicative; problemi di altra natura, come affezioni cardiache e bronchiali, vanno comunque sempre escluse.

    A tale proposito va ricordato che, indipendentemente dall'instaurarsi di un collasso della trachea, i cani di razza toy a volte hanno problemi cardiaci valvolari e respiratori cronici, che possono confondere il quadro.

    L'esame radiografico generalmente fuga ogni dubbio. La fase respiratoria in cui si scatta la radiografia è importante per valutare il tratto tracheale sospetto.

    Durante l'inspirazione si può vedere ai raggi X la riduzione delle dimensioni della trachea che corre nel collo, mentre in fase di espirazione si può valutare se esiste un difetto a livello del tratto tracheale all'interno del torace. Anche l'ecografia viene impiegata per individuare le condizioni della trachea, sebbene sia utile solo per il tratto cervicale.

    TERAPIA

    Quando il cane mostra sintomi acuti con grave difficoltà a respirare e appare molto agitato, la prima cosa da fare è tranquillizzarlo.

    Fornirgli ossigeno, trattarlo con antitussigeni e tranquillanti è l'approccio più indicato in questa circostanza.

    Nei casi di grave infiammazione è utile anche l'impiego di antinfiammatori steroidei; se si è effettuato un tampone e si ha la presenza di un'infezione è indispensabile l'impiego di antibiotici.

    Non esiste una terapia che possa ristabilire consistenza agli anelli e alla membrana dorsale.

    I cani affetti da collasso tracheale sono per tutta la vita a rischio di un'esplosione dei sintomi.

    La terapia di mantenimento è rivolta a ridurre al minimo i disturbi e a mantenere il soggetto in condizioni accettabili. I farmaci impiegati sono gli stessi citati per gli attacchi acuti, la loro posologia viene stabilita in funzione del risultato; si tende comunque a ridurre sempre di più il dosaggio e i tempi di somministrazione in modo da ottenere il miglior effetto con il minimo impiego di farmaci possibili. Alcuni soggetti richiedono l'uso ininterrotto di soppressori della tosse. Anche i broncodilatatori sono spesso impiegati con buoni risultati.

    La terapia chirurgica non è universalmente ritenuta valida. Consiste nell'impiego di protesi anulari che assicurino il sostegno della trachea, viene attuata solamente nei casi di collasso cervicale e deve essere ben ponderata perché non scevra da rischi postoperatori.

    PREVENZIONE

    E' fondamentale far dimagrire i soggetti obesi. I collari devono essere sostituiti da pettorine, soprattutto se il cane tira continuamente quando viene condotto al guinzaglio.

    Se l'animale ha un collasso tracheale, oltre a quanto sopra raccomandato, dovrà anche essere tenuto tranquillo soprattutto quando il clima è caldo e umido.

    Questo è tutto quello che ho trovato........

  • ?
    Lv 4
    4 anni fa

    Se soffri di ansia e panico ti consiglio di provare questo rimedio http://sconfiggiansia.givitry.info/?3pRB

    Ogni anno nei soli Stati Uniti i disturbi d’ansia colpiscono circa 40 milioni di adulti di età superiore ai 18 anni (circa il 18% della popolazione), facendoli sprofondare nella paura e nell’incertezza.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.