Anonimo
Anonimo ha chiesto in Scuola ed educazioneScuole primarie e secondarie · 1 decennio fa

Avete voglia di darmi una mano?!?

Mi serve capire bene, e in modo chiaro le differenze tra neoclassicismo e romanticismo e la caratteristiche principali di ognuno! grazieeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee

2 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    caro dusty, devi sapere che il neoclassicismo è il nome dato da un movimento culturale sviluppatosi in numerose arti e discipline umanistiche, variamente caratterizzato ma ben riconoscibile nelle varia arti, nella letteratura, in campo teatrale,musicale e nell' architettura. Lo sviluppo di yale movimento si colloca tra il XVIII ed il XX secolo.

    Il termine " neoclassicismo " implica un particolare canone di modelli classici, in ogni tipo di arte. Tali canoni sono canoni fisici, tuttavia, e una tensione ricorrente al neoclassicismo, sembra essere un' espressione naturale della cultura a un dato momento della sua evoluzione, una cultura che sia altamente consapevole di se stessa, che sia anche sicura della propria tradizione, ma che allo stesso tempo senta la necessità di riacquistare qulcosa che le è sfuggito : Apollonio di Rodi è uno scrittore neoclassico; le ceramiche Ming sono un omaggio alle porcellane Sung; gli umanisti italiani del 1400 inventano una scrittura " romantica"

    nell' impero persiano la religione " classica " di Zarathrusta, Zoroastrismo, è riproposta dopo secoli, per " ri-personalizzare " una cultura ormai scaduta.

    All' interno della cultura occidentale, il primo movimento motivato da un' aspirazione neoclassica è quello dello stile Romano che fu distinto per primo da Friedrich Hauser, storico d' arte che pubblicò, nel 1889," La scultura Neoattica". Hauser identifica lo stile chiamato " Neo - Attico " fra le sculture prodotte dal movimento Ellenista durante gli ultimi secoli dell' Impero Romano : ciò che Hauser chiama " Neo - Attico " consiste in bassorilievi modellati su vasi decorativi e placche, impiegando una stile figurativo che cerca il suo canone di modello classico fra il V e IV secolo in Atene e Attica.

    Neklle arti visive il movimento neoclassico, di ampiezza europea, ha cominciato a svilupparsi dopo il 1765 circa, sia come reazione al tardo - barocco e al Rococò che come desiderio di ritornare alla magnificenza dell' arte antica, alimentato dal pensiero illuminista.

    Ogni neo - classicismo seleziona determinati modelli all' interno diuna gamma di possibili " classici " e ignora tutti gli altri. Tra i neoclassici del 1765 - 1830, in particolare gli scultori si rivolgono a un ideale fidiaco, anche se in realtà le opere prodotte si avvicinano di più alle copie romane dela scultura ellenistica, ignorando la scultura greca arcaica.

    Vi è stato nel XX secolo un intero movimento artistico denominato neoclassicismo. Esso includeva la musica, la filosofia e la letteratura e si è sviluppato tra la fine della prima guerra mondiale e la fine della seconda.Vi è stato anche in questo periodo un " neoclassicosmo semplificato " in architettura, che si è opposto al razionalismo. In Italia ciò è stato espresso dalle architetture di Marcello Piacentini. Questo neoclassicismo è un movimento che rigetta il romanticismo estremo, tipico, ad esempio, del dada, a favore di contenimento, religione ( il Cristianesimo ) e di un programma politico reazionario. Sebbene i fondatori di questo movimento sono da ricercarsi in T.E. Hulme, i più famosi neoclassicisti furono Thomas Stearns Eliot e Wyndham Lewis.

    Foscolo coniuga le istanze neoclassiche con una nuova interiore tensione già di matrice romantica in particolare nelle " Grazie " , qui la mitica Ellade è vista come un mondo di armonia, luminosa serenità e vitalità, contrapposto ad un presente inerte, oscuro e imbarbarito; un Eden vagheggiato nostalgicamente, in cui cercare rifugio dai traumi della storia, un' alternativa al " reo - tempo " delle discussioni politiche, del dispotismo e della ferocia disumana della guerra. Alla base di questo vagheggiamento vi è dunque una disposizione di animo schiettamente romantica e perciò la poesia delle Grazie mentre realizza i principi della poetica neoclassica, li supera nella tensione tutta romantica verso la mitica Ellade, patria o luogo ideale di equilibrio etico e di armonia interiore, luogo ideale del risarcimento delle tempeste del vivere, pessimismo Foscoliano, luogo " altrove " di purificazione in cui meglio si realizza il mito, illusione della " Bellezza " rasserenatrice. Detto ciò possiamo dire che la " nostalgia " di Foscolo è ancora in parte al di qua di quella romantica. Il suo dunque è un " classicismo - romantico ", un desiderio di Stille intimamente nutrito di Sehnsucht, nostalgia, desiderio, struggimento, cioè di contina aspirazione, di infinita tensione alla condizione dello Stille.

    Dunque le istanze neoclassihe e le istanze romantiche scaturiscono in Foscolo da una stessa radice e si pongono in posizione complementare.

    Il romanticismo si aferma in Europa intorno al 1830, presentandosi co caratteristiche diverse da nazione anazione. Il romanticismo rivaluta le sfere della passione, dell' irrazionalità e del sentimrnto che erano state messe da parte in favore della razionalità nel periodo " neoclassico ", rivalutando anche, in questo modo, il genio individuale e l' ispirazione. Mentre il neoclassicismo si rifà all' arte classica, il romanticismo si rifà al medioevo che fino a questo momento era considerato un secolo buio e decadente. La poetica romantica si basa sul concettoche la natura non produce il bello ideale, ma immagini che possono ispirare due sentimenti fondamentali : il pittoresco e il sublime. Secondo le teorie di Burke il pittoresco e il sublime sono due opposti tra loro, il sublime non nasce dal bello, ma nasce sentimenti di paura e di orrore del vouto e dell' infinito. Secondo Kant il sublime nasce dal conflitto tra sensibilità e ragione e dal sentimento di sgomento, di fragilità cheche prova l' uomo di fronte allo spettacolo dei grandi sconvolgimenti e fenomeni naturali.

    Il pittoresco è la categoria estetica dei paesaggi e del sentimento della rovina che ispira la sensazione di disfacimento delle cose prodotte dall' uomo, ispirando allo spettatore commozione per il tempo che passa.

    In Italia il fenomeno romantico, che coincide con la fase storia del risorgimento, 1820 - 1860, è meno sentito che nel resto d' Europa, sono del tutto assenti le tensioni mistico - religiose e il gusto per il tenebroso e l' orrido caratteristici del romanticismo dell' Europa del nord.

    Il sentimento civile e politico di questo periodo unifica tutte le arti, dalla letteratura alla pittura alla musica. Nell' ambito del romanticismo italiano è ancora da ricordare un altro movimento che viene chiamato Scapigliatura che ha il suo maggiore esponente in Giovanni Carnovali detto il Piccio.

    Caaaro il mio piccolo dusty, dato che io ero in riunione mooooooolyo importante ho fatto fare per te e solo per te qesta ricerca da un mio subalterno che è stato ben felice di accontentarmi e spero che vada bene, io non l' ho letta ma se tu mi dici che non è andata bene come minimo me lo mangio a colazione. Un baaaaaciooooone lungo e grande e pensa alla micia e non farlr soffrire, aggiornami. Ciao a risentirci.

    P.S. I tuoi saluti mattutini sono moooolto apprezzati, Grazie.

  • 1 decennio fa

    Il neoclassicismo è la ripresa del gusto classico, e tutta la concezione della coincidenza perfetta tra cosa in sè e manifestazione, più semplicemente la manifestazione dell'armonia e dell'equilibrio tra forma e sentimento, dove coesiste un trattenimento della passione.

    -Il romanticismo al contrario esalta il sentimento, l'uomo è al centro, l'artista viene considerato il filosofo per eccellenza, ora non più la verità è sinonimo di realtà e l'arte sinonimo di illussione, tutto cambia nel mondo della filosofia della letteratura ecc...

    Basti pensare al semplice termine, deriva da romatic che veniva utilizzato nel 1600 in Inghilterra per conntare negativamente i romanzi cavallereschi. Con il romanticismo i romanzi cavallereschi vengono esulatati...

    E' il fenomeno che contraddice in tutto e per tutto l'Illuminismo, alla razionalità matematica vince l'irrazionalità e l'intuito collettivo.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.