Perché nessuno sembra far caso ad accuse di estremo degrado politico e morale del nostro paese?

Riporto queste parole del pm De Magistris al Parlamento Europeo, sulle sovvenzioni destinate al mezzogiorno (9 miliardi di euro per nessuno sviluppo economico realizzato):

"In taluni casi abbiamo rilevato che nella parte pubblica si verifica una vera e propria lottizzazione degli incarichi, con persone che fanno parte di tutti gli schieramenti politici: in alcune società abbiamo verificato che si trovavano persone appartenenti a tutte le forze ad eccezione, forse, dell’estrema destra e dell’estrema sinistra...Ciò che preoccupa è la parte privata, perché in alcuni casi abbiamo notato che si trovano imprenditori direttamente collegati a chi si trova nella parte pubblica, settori rilevanti di organizzazioni vicine al mondo della Chiesa, personaggi politici di sinistra e di destra e si chiude il cerchio con società riconducibili alla criminalità organizzata."

Di queste accuse gravissime il mondo politico non sembra curarsi, l'opinione pubblica nemmeno, nessuno scandalo, perché?

10 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Migliore risposta

    Le parole di De Magistris descrivono una realtà che tutti conosciamo, e che non è neppure limitata solo al Sud. La cosiddetta "classe dirigente" in Italia è ancora troppo ristretta, anzi, va restringendosi sempre più perchè ormai la mobilità sociale è a zero. In questa situazione, se si vanno ad incrociare i dati, tutti quelli che contano sono parenti o amici fra di loro. D'altronde, non è possibile impedire al figlio di un politico di fare il giornalista, al marito di un giudice di avere un'impresa, ad un prefetto di frequentare un circolo sportivo. Il problema dell'Italia è che, a guadare i risultati, viene il sospetto che di questi legami - di per sè innocenti - si tenga assai conto al momento di prendere decisioni che dovrebbero, invece, essere dettate solo dalla legge e dall'interesse generale. E il problema di De Magistris è riuscire a provare al di là di ogni ragionevole dubbio che il sospetto sia fondato.

    Quanto allo scandalo, non c'è, perchè anche i non potenti, di solito, si comportano, nel loro piccolo, allo stesso modo, privilegiando sempre e comunque l'interesse del gruppo - familiare, amicale, professionale, sportivo - al quale appartengono rispetto all'interesse generale, che ormai non si sa proprio più che cosa sia.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    Perché le notizie che hai appena citato non appaiono ne in TV ne sui giornali che ormai sono tutti schiavi e servi dei politici, vedi anche l' ultimo scandalo RAI-MEDIASET. Si è creato un fronte politico-mafioso che gestisce interessi e finanziamenti, la vecchia DC ed i Socialisti al confronto erano dei dilettanti. Se si vuole essere messi al corrente di queste notizie bisogna andare a leggersi il Blog di Grillo e credo che per cambiare questo ordine di cose debba accadere qualcosa di grosso, c'è troppo marciume in giro,

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • soham
    Lv 7
    1 decennio fa

    Perché siamo in Italia, perché preferiamo pensare alle gite di fine settimana, perché ci interessa sapere chi vince all'Isola dei Famosi, perché ammiriamo le profonde elucubrazioni filosofiche degli Amici di Maria De Filippi, perché pensiamo che lo Stato dovrebbe provvedere in tutto ai nostri bisogni, gratis e senza pagare le tasse, perché non leggiamo un libro, né compriamo un settimanale di informazione ma solo di spettacolo e pettegolezzi. Vuoi che continui? Meglio di no. Ciao

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    Ti accendo una stella perchè hai evidenziato il problema dell'Italia.

    Partiamo dai media, iniziando dalla televisione. Essa è tutta politicizzata, ovvero ogni rete TV da spazio, dopo ore di pubblicità, programmi trash e film di venti anni fa, a talk show con politici e "opinionisiti" della politica. Se si prova seguire uno di questi "dibattiti televisivi", si nota come gli ospiti, anzichè trattare il problema in questione in maniera seria con dati e provando a confutare la tesi dell'avversario basandosi su prove oggettive, essi sfocino in liti personali e attacchi basati su altri fatti diversi da quello in esame. Direte che è tutto normale, che è lo specchio dell'inefficenza dei nostri politici.... invece io ci vedo dell'altro. Il fatto è che si vuole coinvolgere i cittadini in una sorta di "tifo da stadio" per la politica. In questo modo l'elettore, venendo toccato nella sfera emotiva, non vedrà più i problemi dell'Italia in maniera obbiettiva ma inizierà a ragionare per luoghi comuni coma "a destra tutti ladri" o "a sinistra tutti ladri". Vi chiederete che vantaggio ne avrebbero le reti TV nel fare questo al popolo... Beh, basta vedere come in realtà gli editori TV non siano altro che attivisti politici.. i vertici RAI sono stati messi lì solo per la loro comprovata fedeltà politica....

    E i giornali? La carta stampata? In questo settore il voler raccontare la verità solo secondo il punto di vista di una certa linea politica è dettato dagli interessi della corporazione dei giornalisti. Essi ragionano così: gli italiani sono in 100? Bene, i 20 di estrema destra dovranno avere un giornale di estrema destra, i 40 di centro dovranno avere un giornale di centro, 30 di sinistra dovranno avere un giornale di sinistra... Così facendo essi si spartiscono il mercato assicurandosi due vantaggi non da poco. Il primo, che ci sarà sempre qualcuno che comrperà quel quotidiano solo per fede politica. Il secondo è che i partiti politici potrebbero diventare finanziatori di quel giornale, quindi immettendo soldi nelle tasche del direttore della testata.

    Ora, alla luce di quanto ti ho raccontato, capirai da te perchè i media non parlano delle accuse di De Magistris. Semplicemente perchè ogni problema che cozza contro quella che è l'abitudine dei poltici italiani, ovvero di arraffare più soldi possibile fregandosene dell'Italia, mette seriamente in pericolo anche il sistema medaitico di questo Paese. Sistema mediatico che è strettamente connesso alla politica. Come prova di questo ci sono i titoli dei giornali stessi. La carta stampata infatti è molto utile a capire questi intrallazzi. Ad esempio, duranti gli anni in cui c'erano i processi a Berlusconi, si avevano due tipi di titoli per i quotidiani. Uno che sostanzialmente diceva "Berlusconi davanti al tribunale - finalmente accusato di corruzione con prove schiaccianti", l'altro che invece faceva "I giudici accusano Berlusconi - complotto contro il Cavaliere che da anni è soggiogato da una campagna diffamatoria". Come avrai capito, se lo scandalo coinvolge solo uno schieramento politico, i media ne danno ampio risalto, ovvero tuonano titoli e scrivono parole esplosive perchè attaccando solo una parte politica, possono accaparrarsi gli utenti dello schieramento vittima dell'accaduto. Viceversa, i media legati a chi ha subito il problema, difenderanno a spada tratta il partito di cui fanno capo, sperando di dimostrare le calunnie e le fandonnie degli altri giornali ottenendo così elettori (e clienti) nuovi.

    Ma se il problema, come nel caso delle indagini di De Magistris, riguarda tutto il sistema politico, ebbene i media tacciono, perchè non avrebbero alcun giovamento economico nel dire la verità, e soprattutto si dovrebbero ribellare a quello stesso sistema poltico che o li controlla, o li finanzia o li comanda a bacchetta. Non che ai media itliani comunque dispiaccia essere sottomessi, anzi....

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Anonimo
    1 decennio fa

    Purtroppo siamo all'apice della immoralita' e la colpa di questo cancro in metastasi e' il fatto che si e' voluto cancellare tutto quanto di buono si era fatto con falcone e borsellino,si era finalmente arrivati ad un buon punto...........

    MA DI COLPO!!................BOOM 1 BOOM 2

    tutti felici e contenti,ma i Martelli,Berlusconi,Dell'utri,IL GOBBO ed il vecchio potere ad essi legati STANNO ANCORA in mezzo ai KOGLIONI

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • SaveB
    Lv 4
    1 decennio fa

    Perché si è creato un maledetto spirito di assuefazione in Italia verso questo andazzo, e molti, se guardi bene, non lo sanno che si potrebbe vivere meglio, o non ci credono.

    Aggiungi questo al fatto che per molti italiani la vita non è nera come la si dipinge, e lo spirito di contestazione si assopisce.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • laura
    Lv 4
    1 decennio fa

    PERCHE' QUESTA, PURTROPPO, E' L'iTALIA...... D'ALTRA PARTE SE VAI IN FONDO IN FONDO A SPULCIARE LE ACCUSE TI ACCORGERAI CHE SOLO POCHI, E SOTTOLINEO POCHI, POVERI DISGRAZIATI ,COME TE COME ME E COME POCHI ALTRI...,POSSONO DIRE DI NON AVERE ,AL RIGUARDO SCHELETRI NEGLI ARMADI...MI VIENE IN MENTE A PROPOSITO UNA BATTUTA DI CROZZA: " IN ITALIA NON CI SONO PIU' DELINQUENTI .... ORMAI GODONO TUTTI DELL'IMMUNITA' PARLAMENTARE......"

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    A me sembra esagerato dire che nessuno fa caso all'estremo degrado politico e morale che impera nel nostro Paese. Mi chiedo se ti è capitato di trovarti in compagnia in un ambulatorio medico o in un ambulatorio di ospedale o ASL, nella sala di un barbiere o parrucchiere o nella sala d'attesa di una stazione. L'attesa fa aprire la bocca e la mente dei convenuti: si parla di mafia, strozzinaggio, stupri, rapine, borseggi, protezioni politiche e assalti alle direzioni di Enti, banche e uffici da spellare, che esistono anche in altri Paesi, ma la maggior parte di Italiani, che ne discute ne parla con paura, perché sono reati troppo numerosi e quasi sempre non repressi o penalizzati come il Codice comanda.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    1 decennio fa

    la commissione europea ha deciso che pompare 9 miliardi di euro nel mezzogiorno sono comunque soldi ben spesi, anche se spesso arrivano soltanto di pomeriggio.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • ooooo nn fa er matto

    • Accedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.