.
Lv 6
. ha chiesto in Politica e governoPolitica e governo - Altro · 1 decennio fa

L'inflazione è al 1,9% circa.... guardate le % di aumento dei prezzi e dite la Vostra.?

Questi gli aumenti:

ALIMENTARI pane +15% (59 euro); pasta +22% (42 euro); carne +5% (72 euro); latte-formaggi +15% (118 euro); pesce +10% (48 euro); vino-bevande +5% (24 euro); olii-grassi +8% (16 euro); ortofrutta +2% (20 euro). Totale 399 euro.

NON ALIMENTARI rca +4,5% (35 euro); banche +4% (20 euro); trasporti +15% (46 euro); detersivi e prodotti igiene personale +14% (80 euro); benzina +15% (190 euro); riscaldamento +11% (140 euro); gas +2,5% (28 euro); elettricità +2,4% (12 euro); acqua +8% (20 euro); nettezza urbana +11% (24 euro). Totale 595 euro.

Queste le diminuzioni:

Ricariche telefoniche -12% (45 euro) Farmaci da banco -18% (21 euro) Totale 66 euro.

BILANCIO COMPLESSIVO: 1.216 euro (tra aumenti dei prodotti alimentari e non per 994 euro, diminuzioni per 66 euro e aumenti di 288 euro per la crescita dei mutui variabili)

http://notizie.alice.it/notizie/economia/2007/12_d...

Aggiornamento:

The hora : Se l'inflazione è così bassa xkè i prezzi hanno subito questi rialzi ?(sono a conoscenza rialzi petrolio e grano, ma non basta)

_________

Il tasso d'inflazione è la variazione del potere d'acquisto della moneta espresso in %

Il tasso d'inflazione si calcola su un paniere L'aggiornamento del paniere viene effettuato alla fine di ogni anno per eliminare quei prodotti il cui utilizzo risulta in discesa ed inserire quelli che hanno assunto maggiore rilevanza per gli italiani.

Contestato da anni dai consumatori proprio per la scelta dei beni inseriti, il paniere prende in considerazione nuovi beni di consumo togliendone altri.

Nel paniere 2007 entrano: la stampa da foto digitale, la scheda di memoria per macchine fotografiche digitali, i gelati multipak, i sughi pronti, il piumino da letto e la multipresa elettrica, a cui si aggiungono, la riparazione moto e le visite a monumento storico, il filo interdentale e le assicurazione sugli infortuni, mobili,

Aggiornamento 2:

articoli e servizi per la casa, scuola dell'infanzia, sedili porta bambini, ecc.

I dati forniti mensilmente dall'Istat sono stati contestati da più parti perchè considerati poco realistici specialmente dalle associazioni dei consumatori preoccupate per la forte crescita dell'inflazione in alcuni settori. L'aumento dei prezzi, infatti, riguarderebbe una consistente serie di beni ritenuti essenziali per le famiglie.L'Intesa dei Consumatori afferma che l'inflazione reale è almeno il doppio di quella dichiarata.

7 risposte

Classificazione
  • Migliore risposta

    Qualcuno di voi ha mai visto il paniere ISTAT su cui si calcola l'inflazione?

    E' una delle esperienze piu' esilaranti della vita.

    Nel paniere mancano beni di consumo di cui nessuno puo' fare a meno, per esempio il pane. Al suo posto vi e' invece il "pane sociale". Qualcuno di voi ha mai chiesto in un panificio un chilo di pane sociale? Ridicolo, ammesso anche che ce l'abbiano, ne producono una 10 di chili.

    Il trucco e' questo: si mettono nel paniere dei beni che sono calmierati (o calmierabili) dallo Stato, in modo tale che l'inflazione calcolata sia esattamente quello che si vuole che sia. Nel paniere non troveremo mai la benzina o i servizi bancari o assicurativi.

    E' chiaro che l'inflazione calcolata serve solo a Bankitalia per giustificare le sue variazioni dei tassi o al Governo per aumentare le tasse (scusate il gioco di parole) o adeguare i rinnovi contrattuali ma al cittadino, quell' 1,9% non dice assolutamente nulla, perche' quando fa la spesa, con 50 euro non ha il 2% in meno di prodotti ma molti di meno.

    Come ha detto qualcuno: "non prendeteci per il paniere..."

    Infatti l'intervento di Eurispes nel calcolo dell'inflazione ha creato molte polemiche. Mentre l'Istat calcola 2% Eurispes calcola 8%. Chi avra' ragione? Intanto l'ISTAT ha fatto causa all'EURISPES

  • Anonimo
    1 decennio fa

    L'euro utilizzato dai furbissimi italiani nn vale 1937,26 delle amatissime vecchie lire, ma appena 1000. Tranne Prodi &Co. gli economisti liberi cm il prof Geminello Alvi di Roma lo dichiarano e scrivono senza timori (vedi qualche suo volume). I prezzi sn alti anche per l'irrazionalità della filiera (10 al produttore e 100 al consumatore) e per la bassa produttività: come fai a gestire bene un'azienda con operai e sindacati marxisti o opportunisti che vogliono tutto a suon di scioperi e mandano fallite le aziende, Alitalia, fra le tante. Un passaggio di proprietà costa 400E per un'auto che ne vale 300, nel resto del mondo il costo è quasi 0. L'Italia non funziona, colpa di vecchie caste politiche DC e PCI che campano a sbafo e non sanno adeguarci ai paesi moderni. Teniamone conto alle prox elezioni: io voterò e farò votare solo per politici nuovi e capaci che risponderanno alle mie richieste di chiarimenti e di programmi. Gli altri a casa.

    Ciao!

  • 1 decennio fa

    il punto è che nel paniere dell'inflazione hanno lo stesso peso consumi comprimibili (che possono essere tagliati se costano troppo, come il televisore al plasma) e consumi incomprimibili (gli alimentari: ne puoi comprare di meno, ma insomma devi pur mangiare...)

    quindi è ovvio che la cosiddetta inflazione percepita è diversa da quella reale! ma la cosa peggiore è che l'aumento degli alimentari colpisce le fasce sociali più deboli che 1. spendono una quota maggiore delle loro entrate per il cibo- cosa dimostrata ampiamente dagli economisti; 2. non si avvantaggiano della diminuzione di prezzo di certi beni: a che serve un laptop più economico alla nonnina pensionata?? mica può usarlo per lavorare meglio/di più e "assorbire" l'aumento del pane...

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Beh, non è una novità.

    La crescita del costo della vita, la diminuzione o la "fissità" degli stipendi, l'andamento dell'economica e della moneta unica, ci stanno salassando.

    Premetto che sono di destra, ma non vorrei che le mie parole venissero prese perchè "di parte".

    Comunque, quest'anno sono uscita dal nido e sono volata verso un lido solitario: mi mantengo da sola, ho comprato una macchina e studio mentre lavoro.

    Sono abbastanza impegnata, ma nonostante cerchi di mettercela tutta, sono comunque sorpresa ed anche un pò demoralizzata da tutte le cose che devo pagare: non solo il cibo ha raggiunto costi alti [ a volte mi ritrovo a spendere 90/100 € di spesa senza avere niente di rilevante in borsa ], ma anche le tasse sono messe davvero su qualsiasi cosa.

    Per esempio, in questi mesi mi sono arrivati i famosi conguagli, coadiuvati alle bollette e alle tasse della macchina, tra bollino blu, permesso per ztl [ purtroppo abito in centro storico ], bollo e assicurazione.

    Se devo pensare a tutte le cose che devo pagare, mi sento male: ma ogni anno non noto un significativo calo nel costo della vita, quanto un significativo rialzo.

    La mia domanda è: ma possibile che non ci si ferma mai? Non c'è un tetto, un calmiere, qualcuno che dice "no, adesso basta"?

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 1 decennio fa

    Non sono i prezzi che aumentano... siamo noi che diamo i numeri..

    E se fossi un politico (destra o sinistra non fa differenza) e fossi al potere direi :

    "Stiamo valutando tale aumento percentuale, che tuttavia è in media con l'europa e ADDIRITTURA inferiore rispetto a quello della Cina e dell'America.. quindi direi che siamo fortunati, no? Comunque faremo le dovute constatazione tramite l'ISTAT (Istituto Sacro per Tutte le scappAToie) e sapremo come trarre le conclusioni... e bisognerà aumentare gli stipendi (nostri)"

    Se invece fossi all'opposizione direi " E' uno scandalo. Il governo non sa affrontare e lo ha dimostrato di saper gestire una cosa "semplice" come l'inflazione, aumentando le tasse a tutti, industriali e cittadini. Chiediamo le dimissioni subito. Votate votate votate .. "

    E una volta cambiato il governo lo stesso politico

    "Dobbiamo valutare la situazione..." --- qualche mese dopo -- "Siamo in una situazione disastrosa.. il governo precedente aveva fatto questo questo e questo... noi abbasseremo la pressione fiscale.. e faremo questo questo questo... " (debito pubblico x 2

    .................... e si ripete all'infinito... finchè... un giorno... ma questa è un altra storia

  • Anonimo
    1 decennio fa

    L'inflazione é davvero al 2%.

    Guarda i prezzi di tutti gli elettrodomestici, computer, stereo, ecc. e molti altri beni che tutti comprano ma che non sono affatto indispensabili. Sono tutti scesi negli ultimi anni.

    Le cose che costavano poco (cioé quelle che alla fine servono, tipo cibo e simili), sono invece piú che raddoppiate dall'entrata in vigore dell'euro.

    Un'altra cosa. Gli stipendi non sono conteggiati nell'inflazione, ma sono mediamente scesi soprattutto per i giovani neolaureati, che ora hanno paghe da manovale senza esperienza e sono tutti precari. Perció il potere d'acquisto degli italiani é sceso di molto molto molto!

  • Anonimo
    1 decennio fa

    L'inflazione dipende da un uso non efficiente delle risorse (beni, servizi, lavoro, capitale, imprenditorialità, informazione) e fa riferimento al prodotto nazionale.

    Questi rialzi che tu hai riportato sono un nulla al confronto dato che l'inflazione tiene conto di livello dei prezzi generali, domanda e offerta aggregata. In definitiva un'inflazione dell'1,9%è relativamente bassa.

  • maroc
    Lv 7
    1 decennio fa

    come diceva silvio? è un aumento percepito, basta imparare a fare la spesa da mamma rosa... girare per il mercato!

    e poi, quando hai comprato un bel cesto di frutta marcia, andare a tirarglielo addosso, altro che cavalletti.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.