albergo 4 stelle?

mi potreste indicare i requisiti fondamentali k un albergo 4 stelle deve avere?

1 risposta

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    * Camere: letto comodino, sedia e armadio in tutte le categorie, poltrone e telefono con comunicazione esterna nei 4 e 5 stelle. Televisione dal 2 stelle in poi. Aria condizionata in tutta la struttura e regolabile in camera prevista solo nei 5 stelle. Cambio biancheria tutti i giorni nei 5 stelle, 3 volte alla settimana nei 4 stelle, 2 volte nei 3 stelle, una volta negli 1 e 2 stelle. Cambio asciugamani tutti i giorni nei 3, 4 e 5 stelle, tre volte alla settimana nei 2 stelle, due volte nella sola stella. Sali da bagno solo nei 5 stelle, asciugamano grande e piccolo, sgabello e cestino rifiuti in tutte le stelle. Lavatura e stiratura della biancheria degli ospiti solo per i 4 e 5 stelle.

    * Portiere di notte: assicurato solo nei 4 e 5 stelle, su chiamata nelle altre. Reception 24 ore con almeno due dipendenti nei 5 stelle, con un dipendente nei 3 e 4 stelle, 16 ore nelle 1 e 2 stelle.

    * Bar: previsto per 16 ore con personale solo nel 4 e 5 stelle, 12 ore nei 2 e 3 stelle.

    * Bagagli: trasporto con personale nei 3, 4 e 5 stelle.

    * Lingue estere: 2 negli alberghi a 4 e 5 stelle, 1 nei 2 e 3 stelle.

    Primo Mastrantoni, segretario Aduc

    Regione per regione...

    Gli alberghi sono classificati in categorie contraddistinte da 1 a 5 stelle.

    Gli hotel contrassegnati da 5 stelle possono inoltre ottenere l’aggiunta del termine “lusso” se sono in possesso di caratteristiche qualitative tipiche degli esercizi di classe internazionale.

    Le pensioni sono state cancellate dalla L.R. 11/1980, che le ha identificate come alberghi ad 1 stella, se in possesso dei requisiti minimi richiesti. La classificazione viene proposta dall’albergo stesso, il quale indica la categoria a cui appartiene. L’assegnazione avviene da parte dell’ente preposto, ovviamente in seguito alla verifica dei requisiti necessari. E ogni regione attua un proprio sistema di classificazione nonchè una disciplina autonoma per attribuire le stelle.

    * LAZIO, MOLISE, BASILICATA

    Il sistema di classificazione per categorie, risale al 1937 e prevede la classificazione degli alberghi in cinque categorie: lusso, prima, seconda, terza e quarta. Per ogni categoria sono elencati requisiti obbligatori. La legge 217 del 1983 ha previsto che, a decorrere dal 1° gennaio 1985, anche in assenza di legge regionale, gli alberghi classificati per categorie siano comunque individuati con la con la classificazione a stelle. Pertanto, anche in assenza di legge regionale, gli alberghi classificati di lusso ai sensi della normativa del 1937 sono diventati alberghi 5 stelle, gli alberghi di prima categoria sono diventati 4 stelle, gli alberghi di seconda categoria sono diventati 3 stelle, gli alberghi di terza categoria sono diventati 2 stelle, gli alberghi di quarta categoria sono diventati 1 stella. Gli alberghi di lusso in possesso di standard di classe internazionale sono diventati alberghi 5 stelle lusso.

    * ABRUZZO, CAMPANIA, CALABRIA, EMILIA ROMAGNA, LIGURIA, SARDEGNA, VALLE D'AOSTA

    Il sistema di classificazione a stelle a punteggio è stato adottato negli anni 1980/1985, a cavallo dell'emanazione della legge quadro 217 del 1983. Il sistema, in via di superamento, prevede che per l'assegnazione ad un determinato livello l'esercizio alberghiero debba conseguire un punteggio complessivo non inferiore a quello stabilito, al cui totale concorrono tutti i requisiti obbligatori previsti per quel livello, nonché i requisiti fungibili scelti dall'albergo. (esempio normativa regione Calabria)

    * PROVINCIA DI TRENTO, PROVINCIA DI BOLZANO, FRIULI VENEZIA GIULIA, LOMBARDIA, MARCHE, PIEMONTE, PUGLIA, SICILIA, TOSCANA, UMBRIA, VENETO.

    Il sistema di classificazione a stelle basato su requisiti minimi obbligatori, adottato dagli anni '90, prevede una serie di requisiti minimi obbligatori per ciascun livello di classifica. Ciascun albergo è libero di incrementare i propri servizi e le proprie strutture secondo la tipologia di clientela a cui si rivolge. (esempio normativa regione Marche)

    Alla luce delle tante differenze, non è possibile paragonare un albergo 3 stelle in Molise con uno a 3 stelle in Umbria... i requisiti sono infatti differenti. Tutto ciò genera senz'altro confuzione nel viaggiatore, talvolta tratto in inganno dal numero di stelle: in manzanza di una normativa univoca, consigliamo quindi di informarsi bene sui servizi offerti dalle varie strutture, considerando il numero di stelle puramente indicativo.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.