Anonimo
Anonimo ha chiesto in Animali da compagniaRoditori · 1 decennio fa

benvenuto jimmy!!!!!!!?

ieri io e il mio fidanzato e i nostri 2 bambini abbiamo preso un piccolo criceto di 5 settimane..lo abbiamo chiamato jimmy!!

ho gia` avuto criceti in passato, ma era cosi` tanto tempo fa che mi sono scordata come bisgna curarli....che cosa devo e soprattutto che cosa NON devo assolutamente fare??

voi avete dei criceti? come sono? avete foto/video da condividere? come vi comportate con loro? avete un buon rapporto??

io ho avuto 4 criceti vari anni fa e con uno avevo un rapporto splendido...dormivamo insieme, giocavamo e quando gli mettevo la sua musica preferita lui ballava!!!!

:)

4 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    ciao allora ecco un paio di consigli su tt:

    Tabella dei cibi

    Cibi consigliati

    Semi

    Avena, grano, soia, miglio, farro, orzo, mais e girasole. Non eccedere nella somministrazione di semi di girasole, sono molto grassi e possono imbruttire il pelo.

    Verdure

    Tutte le insalate, piselli con baccello, carote, pomodori (ma non il picciolo), finocchio, cetrioli, sedano.

    Frutta

    Mele, pere, ciliegie, albicocche, uva, fragole, mandarini, prugne, pesche, melone, anguria, frutti di bosco, arancia, banana, fichi, pompelmo.

    Frutta Secca

    Noci, mandorle, pinoli, fichi (tutto in minime dosi poichè molto grassi o troppo dolci per il criceto).

    Erbe

    Trifoglio bianco e rosso, erbe medicinali.

    Varie

    Pane e pane tostato, pasta cruda, uovo sodo.

    Carne

    Fegato di vitello, pollo, carne magra e tenera tagliata a pezzi, tonno senza olio.

    Latticini Formaggi a pasta molle, ricotta, parmigiano, pecorino, mozzarella (minime dosi poichè molto salati per l'animale), yogurt alla frutta o al naturale.

    Liquidi

    Acqua, latte, succhi di frutta diluiti in acqua.

    Cibi Sconsigliati

    Cioccolato

    Disturbi intestinali, eczemi, danneggia il fegato.

    Merendine e Patatine Disturbi intestinali, eczemi, danneggiano il fegato.

    Barbabietole

    Arrossano l'urina.

    Cavoli, cavolfiori, asparagi

    Rendono l'urina maleodorante.

    Foglie di gelso

    Sono astringenti.

    Fagioli

    Sono velenosi.

    CONSIGLI UTILI PER LA CORRETTA ALIMENTAZIONE DEL CRICETO

    - Evitare di far assaggiare ai criceti qualsiasi cibo vi capiti fra le mani. Caramelle, cioccolatini, patatine, smarties, e cose simili nuocciono alla loro salute anche se sembrano felici di aver assaporato qualcosa di speciale. I criceti sono animali che producono poca insulina, di conseguenza dolci ed alcuni tipi di frutta possono provocare l'insorgenza del diabete.

    - Evitare di somministrare verdura e frutta fredde di frigo, bagnate o con segni di deterioramento. Se l'animale non le consuma entro le 24 ore, togliere i residui dalla ciotola o dalla gabbia poichè potrebbero marcire o ammuffire. Se si somministra troppo alimento vegetale, si corre il rischio che al criceto venga la diarrea.

    - I succhi di frutta non devono essere un'alternativa all'acqua ma devono essere somministrati in un abbeveratoio separato, non devono essere freddi nè zuccherati.

    - La carne deve essere scottata prima di essere somministrata al criceto. Il tonno deve essere al naturale e va ben sgocciolato prima di essere dato in pasto all'animale. Il tonno sott'olio non va bene poichè troppo unto. Saltuariamente possono essere somministrate anche crocchette per gatti alla carne, soprattutto se la femmina è incinta o sta allattando.

    - Sebbene i criceti adorino i semi, e soprattutto quelli di girasole, evitare di riempirgli la ciotola solo di questo alimento. Se somministrati in dosi elevate, i semi rendono il mantello opaco e coperto da una patina di grasso. E' corretto variare la loro dieta mettendo a disposizione ogni giorno piccole dosi di frutta e verdura e saltuariamente (un paio di volte alla settimana) formaggi o uova (vedi tabella).

    - Gli stick ricoperti di semi vanno regalati al criceto saltuariamente; sono prodotti che, se dati con insistenza, ingrassano l'animale poichè contengono zuccheri.

    Alimenti ricchi di sale e di grassi (da evitare):

    - formaggi a pasta dura

    - brodi di carne, carne bovina in scatola, insaccati, hamburger, salsicce, wurstel, maiale grasso, agnello grasso castrato, carni semigrasse e grasse soprattutto se cotte, fritte o con sughi

    - alcuni pesci (stoccafisso secco e pesci in salamoia o salati come alici, aringa, salmone, sardine, tonno sott'olio)

    - sostituti del pane (fette biscottate, crackers, grissini, panini all’olio)

    - patatine fritte

    - alcuni dolci (biscotti, cornetti etc)

    Alimenti magri ma ricchi di sale (da evitare):

    - fiocchi di formaggio

    - bresaola, parte magra del prosciutto e dello speck

    - alcuni pesci (aragosta, cozze, gamberi surgelati, granchi in scatola, razza, scampi)

    - mollica del pane, muesli

    - legumi in scatola

    - minestrone in scatola, cuore di carciofo, succo di pomodoro

    Alimenti magri e poveri di sale (concessi):

    - patate, cornflakes (senza zucchero)

    - carni bianche (petto di pollo, petto di tacchino), parte magra del bovino e del maiale, vitello, coniglio, manzo, cavallo, cotte alla griglia al forno e al vapore senza condimenti vari

    - la maggiorparte dei pesci (cernia, dentice, gambero, luccio, merluzzo o nasello, orata, palombo, pesce spada, rombo, sogliola, spigola)

    - uova

    - legumi

    - yogurt

    - ortaggi purchè freschi o bolliti ma senza nessun condimento nè sale

    - frutta: mele rosse, pere, agrumi (arancia, mandarini dolci), albicocche, ciliegie, lamponi, mirtilli, fragole

    in qst sito puoi vedere i errero piu comuni http://www.ziprar.com/index.php?pid=70

    I criceti non necessitano di molte cure. Non hanno bisogno di fare vaccinazioni o di fare il bagno come cani e gatti, l'unica cosa che ci chiedono, essendo animali molto puliti, è di aiutarli a vivere in un ambiente sano e pulito.

    La pulizia della gabbia

    La gabbia del nostro criceto va pulita a fondo una volta la settimana; durante la pulizia il criceto va trasferito in un luogo sicuro (come un piccolo trasportino, una bacinella con i bordi piuttosto alti) in modo che non riesca a scappare e che non venga raggiunto da altri animali. Bisogna togliere tutta la lettiera, lavare la gabbia con acqua calda, asciugarla bene e mettere della lettiera nuova. Tutti i giochi, le ciotole per il cibo, il beverino e la casetta vanno lavati accuratamente e asciugati. Per disinfettarli si può usare dell'Amuchina diluita, l'importante è risciacquare tutto attentamente con acqua corrente. Tutti i giorni bisogna togliere dalla gabbia e dal nido del criceto il cibo fresco che non è stato consumato; è inoltre opportuno controllare che il beverino non goccioli e che funzioni correttamente per evitare che il criceto rimanga senza acqua senza che ce ne accorgiamo. I criceti sono animali molto puliti, e quindi cercheranno di urinare sempre nello stesso posto della gabbia. Una volta individuato l'angolo che hanno scelto, possiamo metterci un piccolo recipiente riempito di materiale assorbente da cambiare quotidianamente in modo da mantenere più pulita la gabbia.

    Se preso da piccolo, il criceto è facilmente addomesticabile bisogna però sapere come “prenderlo”, altrimenti può arrivare a mordere.

    Quando si compra un criceto bisogna lasciarlo in un ambiente silenzioso resistendo alla tentazione di toccarlo per un paio di giorni per far sì che si tranquillizzi. Dobbiamo limitarci a restare fermi vicino alla gabbia parlando dolcemente al criceto, in modo che impari a riconoscere il nostro odore e la nostra voce. Quando il criceto si è rassicurato, possiamo provare, per i primi tempi, ad appoggiare la mano sul fondo della gabbia mettendoci vicino del cibo; in seguito possiamo iniziare a mettere il cibo direttamente sulla nostra mano lasciando che il criceto si avvicini e ci salga. Una volta che il criceto ha perso la sua naturale diffidenza, si può iniziare ad accarezzarlo delicatamente, evitando movimenti bruschi, e smettendo se l’animale non gradisce. Se invece il criceto scappa non appena lo tocchiamo, è meglio lasciarlo un po’ tranquillo e riprovare il giorno dopo. Dobbiamo ricordarci però che ogni criceto ha il suo carattere e i suoi tempi, e mentre ce ne sono alcuni a cui piace molto essere coccolati, altri rifiuteranno qualsiasi contatto con noi. In questo caso ci dobbiamo rassegnare e limitarci ad osservare l’animale senza toccarlo.

    Quando il criceto impara a salirci sulla mano senza timore, possiamo provare a sollevare la mano di pochi centimetri, ogni giorno per un tempo un po’ più lungo, in modo che l’animale impari ad essere maneggiato.

    Visto che i criceti non amano stare fermi a lungo, quando ne teniamo in mano uno non dobbiamo mai sollevarlo troppo in alto, in modo che se cade non si faccia male. L’ideale sarebbe maneggiarlo stando seduti per terra o in ginocchio e in un luogo sicuro dove poterlo recuperare facilmente se dovesse scappare.

    Il criceto ha un sonno molto pesante, e se lo svegliamo bruscamente può arrivare a morderci. Possiamo ricevere un morso anche se lo tocchiamo quando lui non vuole, se non ci conosce, se lo tocchiamo di sorpresa alle spalle o se le nostre mani hanno un odore che non conosce.

    Per questo motivo è molto importante che ci laviamo bene le mani ogni volta prima di toccare il nostro criceto, visto che per riconoscerci si basa principalmente sull’olfatto. In questo modo le nostre mani avranno sempre lo stesso odore: se abbiamo appena toccato del cibo, ci potrebbe scambiare per un grosso pezzo di mela o di cioccolato, o se abbiamo appena accarezzato cani o gatti ci potrebbe prendere per un grosso predatore. Anche se riceviamo un morso, l’importante è non urlare ed evitare di fare movimenti bruschi per non spaventare l’animale. Il morso di un criceto infatti è molto più pericoloso per il criceto stesso che per noi: facendo movimenti bruschi c’è il pericolo che l’animale cada o che venga “lanciato” lontano procurandosi lesioni gravi.

    Una volta che il criceto si è abituato a noi, e si lascia prendere in mano tranquillamente, possiamo iniziare a fargli fare delle “passeggiate” fuori dalla gabbia per permettergli di fare un po’ più di movimento. Dobbiamo scegliere accuratamente la stanza in cui liberare il nostro criceto. Per prima cosa bisogna controllare che non ci siano fessure o buchi (ad esempio attorno alle tubature o sotto i mobili) dove l’animale possa infilarsi e rimanere incastrato. Ricordatevi che i criceti possono infilarsi in spazi molto più piccoli di quanto il loro aspetto lasci pensare. Detersivi, medicinali, insetticidi, piante, cavi elettrici e catini o ciotole pieni d’acqua sono molto pericolosi per i criceti, e vanno spostati prima di lasciare libero l’animale. Se nella stanza ci sono tende che arrivano al pavimento, le dobbiamo sollevare per evitare che il criceto ci si arrampichi e che cada poi da grandi altezze.

    Una volta trovata la stanza adatta, possiamo disporre sul pavimento dei giochi che facciano divertire il criceto: tubi, rotoli vuoti di carta igienica, semi sparsi sul pavimento, pezzetti di legno (non di pino o di cedro)… e qualsiasi oggetto che possa scatenare la curiosità del nostro animaletto. Dobbiamo tenere d’occhio il criceto senza perderlo mai di vista per recuperarlo facilmente se dovesse imbattersi in qualche pericolo e per evitare di schiacciarlo camminando.

    La porta deve essere ben chiusa, e le altre persone che vivono con noi devono sapere che non possono aprire la porta per evitare che il criceto scappi o resti schiacciato dalla porta

    cmq l'importante ke gli dai molto amore!!!cmq io ho un criceto di nome dixy pultroppo nn ho foto ma ti faccio vedere un crici ke ci assomiglia molto ma e piu kiaro

    http://www.mondocriceto.it/razze/winter.htm

    cmq in qst sito vedi quale razza e il tuo crici!

  • Anonimo
    1 decennio fa

    stai attenta ke i bambini siano delicati e poco invasivi con lui,altrimenti si traumatizzerà!

  • Anonimo
    1 decennio fa

    allora sulla mia esperienza,attualmente non ho criceti,ma in passato ne ho avuto anche 30 contemporaneamente,posso consigliarti di dar loro non solo semi di girasole che fanno male ma di ampliare l'alimentazione,dare anche frutta e verdura.

    E' molto importante cambiare l'acqua spesso.

    Per igene ti conviene mettere qualcosa sul fondo della gabbia:io trovai un erba secca confezionata per criceti veramente ottima perchè i criceti si facevano dei tunnel e ricreava l'ambiente naturale.

    Che altro?lascia che sia il criceto a venire sulla tua mano e non tu a prenderlo..

    se hai bisogno di altro chiedi pure..

  • Anonimo
    1 decennio fa

    I criceti sn gli animali piu facili da allevare...io ne ho avuti tantissimi...basta sl ke compri una gabbietta adeguata...magari quelle in commercio con scivoli doppi piani ecc...x quanto riguarda il "carattere" varia da criceti e criceti....la maggior parte cmq è socievole e man mano impara anke a mangiare dalle vostre mani...i cricetini sono animali bellissimi...ti danno tantissime soddisfazioni...soprattutto nel campo della riproduzione :D x altri consigli contattami ;)

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.