arquero81 ha chiesto in Scienze socialiPsicologia · 1 decennio fa

Qual è il giusto approccio psicologico da adottare per superare l' ansia del primo volo in aereo?

Chiedo consigli specialmente a tutti coloro che hanno esperienza in aereo e come hanno affrontato la loro prima volta per stare sereni e superare l' ansia.

Grazie!

26 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Migliore risposta

    Io soffro il mal di tutto..mal d'auto,di treno,mal di mare.. e in più soffro di vertigini..quindi la prima volta che ho preso l'aereo ero tesissima!

    Invece poi è andata benissimo e ti dirò che mi piace tanto andare in aereo..guardare fuori..le nuvole..i paesaggi..è un'emozione davvero bella :)

    Comunque per superare l'ansia..cerca di essere positivo,se viaggi con qualcuno parlaci e scherzate,fate battute,ridete..altrimenti cerca di concentrarti su qualcosa di positivo..guarda un film se la compagnia aerea con cui viaggi lo permette..leggi se credi possa farti rilassare (attento che a me fa l'effetto opposto...)

    In ogni caso cmq non c'è davvero niente di spaventoso,il personale di bordo è molto gentile e calmo e ti metterà a tuo agio,se hai bisogno chiama loro che sanno cosa fare.

    Quando l'aereo decolla cerca di stare tranquillo e nella posizione consigliata,probabilmente ti si "stapperanno" le orecchie per la pressione che cambia..ma non fa mica male :D Poi per il resto...a parte qualche turbolenza che potresti incontrare..niente di che...è come se fossi in macchina e ci fossero dei dossi..L'atterraggio non mi sembra pauroso,si torna a terra quindi se è volare che ti preoccupa sarai sollevato.

    L'unica cosa un pò più scocciante sono i vuoti d'aria..che ti fanno sentire come mancare la terra sotto i piedi..ma è una cosa di breve durata di solito..

    In ogni caso il consiglio per affrontare tutto al meglio è predisporti con l'animo giusto e distrarti :) Stai tranquillo e goditi il tuo bel viaggio!

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    Pensa che stai prendendo un pullman, magari un pò piu' grosso, ma sempre un pullman. Ciao e auguri

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    Allora...io sono fobica nei confronti del volo, ma per 5 anni ho dovuto fare numerosi viaggi in aereo, quindi direi che ne ho accumulata, di esperienza. Anche se la fobia non è passata.

    Innanzitutto il personale tende a metterti molto a tuo agio....spesso hanno a che fare con gente che ha paura di volare, sono gentili e comprensivi: fai loro presente che è la tua prima volta, ti aiuteranno come possono.

    Non farti impressionare da tutte quelle belle spiegazioni sugli atterraggi di emergenza che si fanno prima di ogni volo....è routine, non prestarci attenzione, ascolta le informazioni senza farti suggestionare.

    Il decollo è la parte che solitamente mi da più fastidio....è il momento che la paura va a mille, almeno per me....c'è questa accelerazione che ti schiaccia contro il sedile che trovo sgradevolissima....io cerco di fare una tecnica di respirazione per rilassarmi: si inspira contando fino a 3 e si espira contando fino a 5. Non è un ritmo naturale, quindi bisogna concentrarsi sul contare e questo distoglie la mente dal resto. Funziona abbastanza.

    L'aereo resta inclinato finchè non raggiunge l'altitudine giusta...una volta rimessosi in orizzontale, non si avverte quasi più nulla, il volo non è così sgradevole, tensione a parte.

    Fai qualcosa per distrarti...non ti dico di dormire, sarebbe l'ideale, ma so per esperienza che tesi come siamo noi, è impossibile....quindi ascolta musica, parla, distraiti in qualche modo.

    Non prestare attenzione NEL MODO PIU' ASSOLUTO a tutti i vari rumori che sentirai sull'aereo...ce ne sono di diverso tipo, tutti normali, solo che noi li leggiamo in modo fantasioso-catastrofico, tipo motori che si spengono, ali che si staccano etc etc....eheheheh.....parlo con cognizione di causa.

    Quando ti senti agitato, guarda il personale, e pensa che quelle persone lo fanno per lavoro, praticamente vivono là sopra.

    Se avvertirai vuoti d'aria, tieni conto che è normale, ne ho avvertiti moltissimi, non è mai successo nulla.

    L'atterraggio, pare che sia un altro momento critico, ma io l'ho sempre vissuto come una tale liberazione che è il momento migliore, per me.

    E basta, dovrai solo andarci attraverso....e magari scoprirai che in fondo è meno peggio di quel che credevi.

    Un bacio, e buon viaggio.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    Neapolis divina, che di norma non si scorge se non roteando il viso da spalla a spalla e anche di più, era visibile tutta in un solo sguardo: L’aereo era nell’ impennata del decollo, la testa girava per l’accelerazione ed il forte sbalzo di pressione… Il cuore palpitava perché era la mia prima volta sull’aereo. Si aggiunga a questo che il decollo non è stato molto fortunato… si ballava un po!!!

    Cominciò immediatamente la virata e mi ritrovai inclinato, sia lateralmente che longitudinalmente…

    Giunta a termine l’obliquità della virata, ecco che dal finestrino appare l’isola di Capri. Mi volto in dietro e vedo il vesuvio, come mai l’avevo visto prima… e celermente si rimpiccioliva allontanandosi. Volgo avanti lo sguardo ed in un solo colpo d’occhio riesco a scorgere tutto il litorale flegreo, il litorale domitio e poi avanti ancora… sino a Gaeta.

    Che strano!! Non trovo parole per descrivere cosa ho provato…

    Solo sulla pista di Capodichino ho avvertito il senso della velocità… Ma già dal momento immediatamente successivo in cui le ruote hanno lasciato il suolo, non mi è sembrato di correre, ma che fossero invece le distanze ad accorciarsi.

    Credo di aver capito, seppure in minima parte, cosa volesse dire Neil Armstrong quando dalla luna riuscì a nascondere la terra dietro il suo pollice, con tutte le emozioni che ne conseguono…

    Come puoi vedere: La mia prima volta in aereo la ricordo istante per istante.

    Pensa che stai per assistere ad uno spettacolo grandioso...

    Non lo sprecare... anzi... Chiedi di stare vicino al finestrino.

    Saluti

    Andrea

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 1 decennio fa

    non avendo paura di volare non saprei dirti qual è l'approccio psicologico migliore per fartela passare. questa paura è irrazionale, quindi tutto ciò che posso fare è spiegarti alcune cose molto razionali per cercare di gestire le tue ansie:

    non ti sto a ripetere che l'aereo é il mezzo di trasporto più sicuro (anche se é vero), tanto già lo sai.

    in quanto ex hostess conosco i retroscena dell'aviazione e delle compagnie aeree e ti posso assicurare che gli aerei sono controllatissimi. passano dei test diversi ogni 50, 100 e 1000 ore, quindi in linea di massima i problemi tecnici sono controllati e risolti regolarmente. alla fine di ogni volo i piloti devono riportare ogni minimo problema, che i meccanici dovranno controllare, riparare se necessario e l'aereo comunque non volerà se tutto non é perfetto.

    un aereo, per volare, rispetta delle leggi fisiche molto precise, non sta su per magia! nell'aviazione c'è poco spazio per l'irrazionalità. ti assicuro, tutto è calcolato nei minimi dettagli: procedure, pesi, equilibri, training piloti e meccanici, manutenzione aereo, ogni singolo bullone e cavo è sottoposto a test regolarissimi e severi.

    ovviamente il problemino può sempre succedere, ma in linea di massima sono cose secondarie che non mettono in pericolo la vita dei passeggeri e dell'equipaggio.

    i momenti più "critici" sono il decollo e l'atterraggio, tutti gli incidenti durante la crociera sono gestibili. un atterraggio di emergenza é sempre possibile. e poi l'equipaggio é addestrato a gestire i problemi. fidati, sappiamo fare il nostro lavoro, soprattutto perché c'é pure la nostra vita in gioco!

    e poi non è vero che se un aereo cade debbano morire tutti per forza. famoso è l'incidente di Hapag-Lloyd: i piloti sono riusciti a far atterrare l'aereo scoperchiato a metà e a salvare tutti, dico tutti, i passeggeri. o i vari incidenti di Air France (uno in alsazia una decina e più di anni fa, e il più recente in Canada) dove nessuno si è fatto male.

    è ovvio che c'è sempre una percentuale di rischio, ma vale per tutto. ti può crollare il tetto di casa sulla testa, vai in Sri Lanka e ti becchi lo tsunami!

    non c'è un metodo preciso per farsi passare la paura, l'unica cosa che posso consigliarti é di non pensarci. quando sei in aereo leggi, guarda un film, ascolta musica, e cerca di dormire. evita i sonniferi (se dovesse davvero succedere qualcosa non potresti reagire come si deve), evita l'alcool e le bevande gassate. bevi molta acqua per evitare problemi renali e cerca di camminare il più possibile, e quando sei seduto tieni i piedi sopraelevati per favorire la circolazione.

    insomma cerca di distrarti. vedrai che poi ti piacerà volare.

    comunque la parte più sicura di un aereo é il fondo. quando sei seduto tieni sempre la cintura allacciata (non sono cavolate). se dovessi incontrare delle turbulenze non preoccuparti, sono un fenomeno normale e in linea di massima non pericolose. e soprattutto ascolta l'equipaggio! tutti ignorano il discorsetto delle hostess sulla sicurezza per scaramanzia o per dimostrare che sono dei viaggiatori esperti, che non ne hanno bisogno. ma sono delle informazioni importanti che davvero possono fare la differenza in caso di emergenza. localizza le uscite più vicine a te, guarda dove si trova il giubbotto di salvataggio e come si mette, insomma preparati. nel 99.99% dei casi non ne avrai bisogno, ma se dovesse succedere qualcosa potresti guadagnare dei secondi preziosi che faranno la differenza.

    buon viaggio e la prossima volta che voli, se davvero hai ancora paura informati presso la tua compagnia aerea per dei corsi sulla paura di volare. molte compagnie li fanno e possono essere abbastanza utili.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • love
    Lv 4
    1 decennio fa

    io ho preso tante volte l'aereo

    la prima volta che l'ho preso stavo andando a Parigi perchè il mio ragazzo mi aveva regalato una vacanza sapendo appunto che ero terrorizzata dall'aereo e appunto per farmi superare la paura.

    Quando eravamo all'aereoporto mi sono scolata due birre per farmi passare l'ansia e la paura ma niente ..poi siamo saliti e quando è decollato stavo per svenire e tenevo forte la mano al mio ragazzo...ti giuro che piu' terrorizzate di me, come in quel momeno non credo possano esserci...be' ti dirò che poi mi è passato tutto appena l'aereo si è stabilizzato sulle nuvole e il volo di ritorno è stata una passeggiata

    fidati la migliore cura è affrontare la paura che hai come ho fatto io

    paura scaccia paura

    dopo quella volta il mondo è diventato mio ..ho volato ancora tantissime volte

    ciao

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    Ecco,,,,,

    Nulla,,,,,,,,facevo le mie solite battute per sdrammatizzare,,,,ridevo, scherzavo e tremavo,,

    Pensavo al peggio,,,,,,^.^Però poi mi son fatta forza e ho guardato dal finestrino:WOW,

    Ho fatto 20 foto guardando giù,,,,xD

    Praticamente tutto il viaggio:Bergamo-Londra,,,,=P

    Rilassati, ascolta musica, se sei con qualcuno chiacchera tantissimo, o leggi,,,,,,,Insomma:tieniti occupato!!!!!!

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    1 decennio fa

    Ho fatto più di un centinaio di viaggi in aereo, devo dirti che la paura più grande è legata ai rumori che si hanno durante le vasi del volo, ma stai tranquillo! io preferisco stare vicino al finestrino per vedere cosa succede, mi irrita quando sono in mezzo e non vedo niente, poi se hai proprio paura ci sono delle pastigline che ti calmano.

    Vai tranquillo!

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    Secondo me, chi consapevolmente e chi inconsciamente , chi più chi meno, tutti abbiamo "paura di volare" e ciascuno adotta la sua trategia personale per superarla. Personalmente mi aiuta molto star seduta vicino al finestrino ed osservare come pian piano la città si allontana.. è una bellissima sensazione che mi distrae (e/o mi astrae).Durante il volo guardo sempre fuori e non penso ad altro che al momento che sto vivendo. D'altra parte credo di essere stata particolarmente fortunata: la mia prima volta in aereo (Milano-Parigi) era una giornata splendida, non una nuvola in cielo, il volo fu tranquillo, magnifico e ..rilassante. In ogni caso credo che l'approccio più valido al volo, e non solo la prima volta ma sempre sia quello di essere consapevoli che l'aereo è un mezzo di trasporto tra i più sicuri, il che è statisticamente accertato. Personalmente ho fatto centinaia di voli ed obiettivamente ho avuto paura una sola volta, quando capitammo in una turbolenza particolarmente pericolosa, ma una volta su cento può capitare ed in ogni caso nessun aereo è mai precipitato per una semplice turbolenza.. dovrebbe essere un tornado o un fortunale! Bisogna razionalizzare e l'ansia diminuisce o sparisce del tutto.. io ho fatto dell'aereo il mio mezzo di trasporto preferito e mi sento più tranquilla ad ogni volo.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    mi sono detta: ORMAI CI SIAMO

    ho chiuso gli okki e l'aereo è decollato...

    una splendida emozione, soprattutto perchè non la puoi provare tutti i giorni!! Per superare l'ansia mi sono messa ad osservare un prete che ci provava con mia sorella e ke le diceva (lei più ansiosa di me) di sbottonare la camicetta se aveva cadlo e avoglia a occhiate!!

    Comunque tranquillo!!! Tutto passa e a dirtelo è una claustrofobica!!!! é un esperienza bellissimaaaaa.....

    • Accedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.