Pacey ha chiesto in Scuola ed educazioneUniversità · 1 decennio fa

Fonti del Diritto (pubblico) -10 punti-?

Chi mi sa dire, oltre a quali sono, cosa sono le fonti del diritto in diritto pubblico o costituzionale?

Grazie e 10 punti al migliore

6 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    Secondo una definizione consolidata, sono fonti del diritto i fatti o gli atti che producono o contengono le norme del diritto.

    Le fonti del diritto si distinguono in "fonti di cognizione" e "fonti di produzione".

    Per fonti di cognizione, s'intende l'insieme dei documenti che forniscono la conoscibilità legale della norma e sono, quindi, i documenti che raccolgono i testi delle norme giuridiche, come la Costituzione, la Gazzetta Ufficiale, i codici.

    Le fonti sulla produzione, ovvero quelle norme che individuano i titolari del potere normativo, le procedure che sono obbligati a seguire, e i metodi con i quali le norme prodotte saranno portate a conoscenza dei rispettivi destinatari.

    le fonti del diritto italiano sono:

    Costituzione

    Leggi costituzionali

    Leggi ordinarie

    Atti aventi forza di legge (Decreti legge Decreti legislativi )

    Leggi regionali

    Regolamenti dell’esecutivo

    Regolamenti degli enti locali

    Consuetudine

  • 1 decennio fa

    Le fonti del diritto sono atti o fatti che danno origine a norme giuridiche. Sono prodotte seguendo una particolare modalità (procedimento) e possono essere prodotte soltanto da organi appositi dello Stato o di altre organizzazioni riconosciute dallo Stato (Unione europea, Province, Comuni).

    Ogni Paese ha le sue fonti: nel diritto italiano non esiste una norma che elenchi le fonti del diritto ma le si ricava da più norme contenute nel Codice civile, nella Costituzione, nei trattati dell'Unione europea, nei regolamenti provinciali e comunali.

    Questo è l'elenco delle fonti del diritto italiano in ordine di importanza.

    FONTI COSTITUZIONALI:

    Costituzione

    e leggi costituzionali

    FONTI PRIMARIE INTERNE:

    leggi ordinarie

    decreti legislativi e decreti legge applicati nell'ambito del territorio nazionale

    leggi regionali applicate nell'ambito del rispetto del territorio

    FONTI PRIMARIE ESTERNE:

    trattati e regolamenti dell'Unione europea

    FONTI SECONDARIE:

    regolamenti del Governo

    FONTI CONSUETUDINARIE:

    usi o consuetudini

  • 7 anni fa

    Ol

  • 1 decennio fa

    Il diritto lo troviamo in diversi "posti" come per esempio nella Costituzione, nelle leggi,nei decreti....Il diritto in pratica si sviluppa da diverse fonti, infatti con il termine "fonti del diritto" si intende in maniera figurata le origine del diritto.Però le fonti da cui si ricava il diritto non hanno la stessa importanza, infatti alcune sono più importanti ed altre meno.Così si è fatta una scala d' importanza (la gerarchia delle fonti) in cui le norme meno importanti devono "obbedire" a quelle più importanti, cioè non devono essere in contrasto con le norme più importanti. Nella scala d' importanza al primo posto si hanno le fonti supreme che comprendono: la Costituzione e le leggi costituzionali, al secondo posto ci sono le fonti primarie che comprendono: le leggi ordinarie, i decreti legislativi, le leggi regionali, i regolamenti parlamentari, il risultato positivo del referendum abrogativo e i regolamenti dell'Unione Europea. Al terzo posto ci sono le fonti secondarie che comprendono i regolamenti, che possono essere emanati dal Governo (regolamenti governativi), dai singoli ministeri (regolamenti ministeriali) e dalla Pubblica Amministrazione (regolamenti amministrativi). E al quarto posto infine ci sono le fonti orali che comprendono la consuetudine cioè " l' uso " che è la ripetizione di un comportamento in modo costante nel tempo.

    Spero di esserti stato d' aiuto....ciao

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 1 decennio fa

    ora ti mando un bel link che chiarirà tutti i tuoi dubbi... te l'assicuro...

    http://www.comunicazione.uniroma1.it/materiali/13....

  • 1 decennio fa

    La fonte del diritto è la volontà degli organi legislativi di emanare le norme giuridiche e tutti gli atti attraverso i quali tale volontà si manifesta.

    Le fonti di dirito si distinguono in:

    -fonti di cognizione: tutti gli strumenti che permettono la conoscenza delle norme giuridiche.

    -fonti di produzione: il modo di formazione della norma giuridica da parte degli organi legislativi.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.