Anonimo
Anonimo ha chiesto in SaluteMalattie e disfunzioniMalattie - Altro · 1 decennio fa

Ematocrito basso?

Da ultime analisi mi è stato riscontrato l'ematocrito a 52, vi è chi sostiene che averlo basso è utile chi invece dice che è pericoloso in particolar modo per gli ictus, a chi devo credere e quali accorgimenti devo utilizzare per normalizzarlo ? Vi ringrazio anticipatamente

4 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    L'ematocrito è la percentuale del volume del sangue occupata dalla componente cellulare: la restante è occupata dalla parte liquida o plasma. Il suo valore normale si situa dal 37 al 52% per le donne, mentre normalmente per il sesso maschile è più alto (42-52%). Un ematocrito di 43, significa che il 43% del volume del sangue è costituito da cellule, il rimanente da plasma.

    È un indice molto importante nella valutazione di un eventuale stato anemico, poiché in tal caso il valore dell'ematocrito risulta diminuito.

    Al contrario, tale valore aumenta in tutte quelle situazioni nelle quali si ha esuberante produzione di globuli rossi e di emoconcentrazione, con conseguente riduzione della frazione plasmatica del sangue (policitemia).

    Esistono condizioni fisiologiche, come la gravidanza, in cui si instaura una cosiddetta "anemia fisiologica". Con questo termine si intende specificare che l'ematocrito, a causa dell'aumento della componente plasmatica del sangue, risulta "diluito", e si situa quindi a valori leggermente più bassi di quelli normalmente presenti nel sangue della donna al di fuori della gravidanza.

    In alcuni sport, come il ciclismo, il regolamento impone un limite massimo al valore dell'ematocrito degli atleti per tutelare la loro salute e per prevenire la pratica del doping. Quanta più emoglobina è disponibile tanto più ossigeno può essere trasportato, ritardando la crisi del sistema atletico. Più emoglobina significa più globuli rossi e in definitiva un valore di ematocrito più alto. Alti valori di ematocrito (oltre che dannosi alla salute) possono anche essere negativi per la performance sportiva perché se il sangue è troppo denso non scorre facilmente nei piccolissimi capillari che irrorano i muscoli.[citazione necessaria]

    Principali patologie, sostanze o condizioni che determinano un aumento dei valori: alcolismo; diabete; diarrea; diuretici; insufficienza renale acuta; peritonite; policitemia; poliglobulia; ustioni; vomito.

    Principali patologie, sostanze o condizioni che determinano una diminuzione dei valori: anemie emolitiche; emorragie; aplasie midollari; carenza di ferro; carenza di vitamina B12; cirrosi epatica; collagenopatie; infezioni gravi; insufficienza renale cronica; leucemie.

  • 1 decennio fa

    ATTENTO che hai un valore troppo alto dell' Hct.

    Mandami l'emocromo completo per mail!

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Basso?? 52 è un buon valore!! comunque averlo basso non è un fattore di rischio per ictus o roba del genere...semplicemente se tu lo avessi basso, ma non lo hai basso, ti sentiresti un pò stanco e senza energie e allora dovresti prendere un supplemento di ferro e vitamina b 12 e mangiare più carne!

  • 1 decennio fa

    Basso? o_o chi t'ha detto che ce l'hai basso?

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.