Chi in una infermeria?

Se in un ipotetica struttura, volessi aggiungere un'infermeria, come dovrei comportarmi e a chi dovrei rivolgermi per rendere il tutto funzionale??

Aggiornamento:

La struttura è una piscina, ovviamene c'è lo spazio per l'infermeria con kit pronto soccorso, carrozzella, lettino, doccia e bagno... vorrei sapere come va organizzata la cosa, ci va un medico/infermiere, dove lo prendo? come? quali leggi devo osservare?

Aggiornamento 2:

Si quello è ovvio, i bagnini sannocome intervenire, ma non hanno studiat medicina. Questo medico devo acquisirlo da un ospedale? da un centro sanitario? una semplice guardia medica? come devo fare?

5 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    non si capisce bene la tua domanda, scusami, ma la struttura esiste già? e poi che tipo di struttura?

  • Anonimo
    1 decennio fa

    sono infermiera vengo io. dove sei?37 anni laureata in infermieristica ho bisogno di un lavoro part time per pagarmi il mutuo della casa.

  • Sasuke
    Lv 5
    1 decennio fa

    Concordo con Fabrizio. Assicurati che gli assistenti abbiano tutti conseguito una opportuna abilitazione al primo soccorso. Generalmente chi ha acuisito quelle conoscenze, sa come operare sia per il salvataggio in acqua (ovviamente) sia per eventuali rianimazioni cardio-polmonari, bendaggio di ferite o l'immobilizzazione di articolazioni. Poi, in casi particolari, si chiama il 118...

    Di solito queste certificazioni sono rilasciate da Enti o associazioni quali ASL, Croce Rossa ecc...

    Qualora vi fossero eventi particolarmente rilevanti (gare con grande affluenza di spettatori/atleti) puoi sempre chiedere il supporto di un mezzo di soccorso (ambulanza) ad associazioni quali Misericordie, ANPAS, Croce Rossa ecc... Ovviamente si tratta di una spesa "una tantum" che fa stare molto più tranquilli... Considera che spesso nei grandi teatri staziona personale dei Vigili del Fuoco...

  • 1 decennio fa

    Allora se la struttura esiste già secondo me non è necessario che ci sia la presenza di un medico o di un infermiere in loco sempre...sarebbe uno spreco di soldi e basta.

    Ricordati che gli assistenti bagnanti devono avere nozioni di pronto soccorso e di rianimazione in quanto devono sapersi comportare in maniera adeguata nel caso in cui capitasse qualcosa ai frequentatori della piscina.

    Per cui secondo me meglio avere un bravo bagnino...piuttosto che un infermiere scazzato perchè passa tutto il suo giorno a fare nulla.

    ciao

    Ti ripeto che io non chiamerei un medico a lavorare in una piscina, sarebbe buttare via dei soldi, cm dice bene sasuke i tuoi assistenti bagnanti devono avere nozioni di pronto soccorso, in casi particolari si chiama il 118. Ma pensa che anche a bordo delle ambulanze molto spesso il medico non c'è...figurati se si può impegnare in una piscina. E' uno spreco di soldi per te che devi pagare il suo stipendio e per lui che perde il suo tempo visto che non succedono mai grandi cose in una piscina

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 1 decennio fa

    Vengo io a lavorare per te

    Fonte/i: infermiera
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.