Il 4 maggio 2021 il sito di Yahoo Answers chiuderà definitivamente. Yahoo Answers è ora accessibile in modalità di sola lettura. Non verranno apportate modifiche ad altri siti o servizi di Yahoo o al tuo account Yahoo. Puoi trovare maggiori informazioni sulla chiusura di Yahoo Answers e su come scaricare i tuoi dati in questa pagina di aiuto.

Anonimo
Anonimo ha chiesto in Politica e governoImmigrazione · 1 decennio fa

che ne pensate di emigrati?

Volio sapere il vostro parere sincero....e se e posibile perche la pensate in quel modo?

16 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    Mi fate ridere quando dite TUTTI A CASA LORO, OGNUNO ALLE CASE...bene, allora TUTTI GLI ITALIANI ALL'ESTERO TORNINO IN ITALIA!!!Oppure vi dimenticate che quanto NOI stavamo morendo di fame siamo emigrati in massa verso l'America? I processi beffa di Sacco e Vanzetti da parte degli americani non vi hanno insegnato un fico secco su come siamo stati trattati noi all'estero? Ah si e vero, non lo dicono a UOMINI E DONNE...

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Non ho pregiudizi di nessun tipo e contro nessuno.

    Penso che debbano poter fare una vita dignitosa, quindi devono avere un lavoro, una casa ed il ricongiungimento familiare.

    Devono, come noi, seguire le nostre leggi e professare la religione che vogliono.

    Chi commette reati deve andare in galera.

    Dobbiamo fare uno sforzo reciproco per capirci e soprattutto dovremmo tutti capire che l'essere diversi è una ricchezza se si è disposti al dialogo ed al confronto civile.

  • Anonimo
    1 decennio fa

    prima di dire tutti a casa io andrei a vedere come stavano prima...provengono da situazioni disumane e hanno bisogno di aiuto...senza dimenticare che all'estero, specialmente in america, ci sono milioni i emigrati italiani, e non venitemi a dire:"eh ma quelli lavorano e sono onesti!!!" perchè la mafia la ce l'abbiamo portata noi...e poi se nei loro paesi si fa la fame è soprattutto colpa nostra,di francesi e portoghesi, con la conversione delle colture di grano e altri alimenti primari in piantagioni di cacao o altre piante utili a noi durante il colonialismo...PS guardate che in europa ci sono paesi con molti più immigrati e in cui le cose vanno molto meglio!

  • Anonimo
    1 decennio fa

    siamo nell'era della globalizzazione....

    e poi noi italiani non dovremmo proprio parlare di nazionalità...siamo stati da sempre la nazione più invasa nei secoli rispetto agli altri..e quindi non abbiamo proprio niente di originale...e mi fa ridere la gente che parlòa come se non fosse così...

  • 1 decennio fa

    Sono innanzitutto persone, e poi risorse fondamentali di cui il nostro paese ha bisogno... di solito mal gestite per la solita incompetenza dei nostri politici.

    Perché la penso così? Sin da piccolo ho pensato che sono stato FORTUNATO per essere nato in Italia. Avrei potuto nascere in Africa, in qualche paese dell'est Europa o, ancora peggio, in Bangladesh o in qualche altro paese dove i bambini muoiono x malnutrizione e quelli che crescono sono costretti ad emigrare in cerca di "fortuna".

    Invece sono cresciuto in Italia, bello e pasciuto, ho studiato e fatto l'università, e ora ho un lavoro e i soldi per divertirmi. E' stato x merito mio e dei miei genitori, ma è stata anche FORTUNA, perché avrei potuto nascere da qualche altra parte, da altri genitori, in una situazione meno favorevole.

    Quando vedi in immigrato x strada prova per un attimo a pensare che potresti essere tu al posto suo, a fare le cose che fa lui, con la sua cultura non del tutto adatta alla vita in questo paese.

    Poi è vero che certi immigrati sono teste di c.z.o, ma lo sono anche certi italiani, non credo che questo dipenda dalla razza.

  • Anonimo
    1 decennio fa

    emigranti o immigrati? perchè c è differenza!

    Gli emigranti sono i gli italiani che emigrano altrove, gli immograti sono quelli che vengono in Italia.

    Se parliamo di tutti quelli provenienti dall'est europa, per me dovrebbero partire mega tir, raccoglierli tutti e rispedirli a casa loro. Seguono gli orientali. Mentre quelli dell'america latina sono persone civili anzi, fin troppo. Si integrano in maniera eccellente, non ho mai sentito parlare di boliviani o peruviani che si voglia che violentano ecc.

    Si mettono a lavorare e spesso pure sfruttati dai datori di lavoro italiani (esempio colf pagate pochissimo).

  • 1 decennio fa

    Sono persone come tutti meritano di avere una vita migliore!

    per quelli che dicono tutti a casa: immigrato non vuole dire male..l' orco cattivo è un' altro ed è seduto su una poltrona ( si chiama ignoranza) oppure a scuola non ve lo hanno spiegato?

  • 1 decennio fa

    Che la maggioranza qui sono criminali, la gente per bene sta andando via e quei pochi di loro che sono rimasti non sono educati ed hanno perso il rispetto verso noi che siamo nati e cresciuti in questa terra...Questo accade perchè agli immigrati non è mai interessato e non interessa integrarsi con noi apparte le poche eccezioni...

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Io penso che devono adeguarsi alle leggi fondamentali della civiltà occidentale, senza sconti per i loro usi e costumi tradizionali che vanno contro di esse. Però se si tratta di mangiare cus cus o vestirsi con la tunica sono fatti loro. Soprattutto: PRETENDETE CHE VENGANO IN ITALIA COME SCHIAVI? AVETE MAI LETTO L'INCHIESTA GIORNALISTICA DI FABRIZIO GATTI SUI CLANDESTINI SCHIAVIZZATI? Nel suo caso si era travestito da immigrato clandestino per spiare gli schiavi in Puglia, ma situazioni abaloghe esistono anche altrove. Lavoro sì, dico, ma schiavismo no.

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Ora come ora non bene.....

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.