Anonimo
Anonimo ha chiesto in Mangiare e bereVegetariani e vegani · 1 decennio fa

Essere vegetariani/vegani aiuta a salvare il pianeta?

La domanda globale di carne si è impennata, sulla scia del benessere crescente, alimentata dal proliferare di vaste operazioni di alimentazione forzata di animali d'allevamento. Vere e proprie catene di montaggio della carne, che partono dalle fattorie, consumano quantità "smisurate di energia", inquinano l'acqua e i pozzi, generano significative quantità di gas serra, e richiedono sempre più montagne di mais, soia e altri cereali, un fatto che ha portato alla distruzione di vaste aree delle foreste pluviali tropicali.

Il presidente brasiliano Lula, ha dovuto prendere dei provvedimenti di emergenza, per fermare gli incendi controllati e l'abbattimento delle foreste pluviali del Paese, per creare nuovi pascoli e aree di coltura. Negli ultimi 5 mesi soltanto, ha fatto sapere il governo, sono andate perse 1.250 miglia quadrate di foreste.

Aggiornamento:

Nel 1961, il fabbisogno complessivo di carne nel mondo, era di 71 milioni di tonnellate. Nel 2007 si stima che sia arrivato a 284 milioni di tonnellate. Il consumo pro-capite di carne è più che raddoppiato. Nel mondo in via di sviluppo, è raddoppiato in 20 anni. Il consumo mondiale di carne si prevede che sia destinato a raddoppiare nuovamente entro il 2050.

568 milioni di Tonnellate!

Produrre carne, comporta il consumo di tali e tante risorse, che è una vera impresa citarle tutte.

Secondo la Fao, la Food and Agriculture Organization delle Nazioni Unite, le terre destinate all'allevamento del bestiame, costituiscono il 30 per cento delle terre emerse non ricoperte da ghiacci del pianeta. Questa stessa produzione di bestiame è responsabile di 1/5, delle emissioni di gas serra della Terra, più di quelle emesse dai trasporti nel loro complesso”.

Aggiornamento 2:

altri 10 punti al primo che risponde anche qui

http://it.answers.yahoo.com/question/index;_ylt=Am...

11 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    Ciao Antonio...:-)

    "Non mangiare carne, va' in bici, sii un consumatore frugale" - ecco come fermare il riscaldamento globale.

    Queste le parole di Rajendra Pachauri, premio Nobel e direttore dell'IPCC, il Panel Intergovernativo sui Cambiamenti Climatici delle Nazioni Unite, pronunciate il 15 gennaio a una conferenza stampa a Parigi.

    Il dossier emesso nel 2007 dall'IPCC sottolinea infatti "l'importanza di cambiare stile di vita" per combattere il riscaldamento globale. Il direttore dell'IPCC, coerentemente vegetariano lui stesso, afferma anche: "E' qualcosa che l'IPCC ha avuto paura di affermare prima, ma ora l'abbiamo finalmente detto".

    E continua chiedendo: "Per favore, mangiate meno carne, la carne e' un prodotto ad altissimo consumo di carbonio" e sottolinando anche che alti consumi di carne sono dannosi per la salute.

    Il Centro Internazionale di Ecologia della Nutrizione (NEIC) plaude a questa presa di posizione: "Ricordiamo che recenti studi pubblicati sul Lancet hanno mostrato che le emissioni di gas serra causate dal settore agricolo sono pari al 22% del totale; come percentuale questa è simile a quella dovuta all'industria e maggiore di quella dovuta al settore dei trasporti. L'allevamento di bestiame (compresa la coltivazione del mangime e il trasporto) contribuisce per l'80% al totale del settore agricolo."

    Rajendra Pachauri ha inoltre ricordato che la produzione di un kg di carne causa emissioni equivalenti a 36,4 kg di biossido di carbonio e che l'allevamento e il trasporto di animali richiede, per un kg di carne, la stessa energia richiesta per mantenere accesa una lampadina di 100 Watt per quasi 3 settimane.

    Oltre a questo ha raccomandato di usare meno la macchina e andare in bicicletta, e di essere consumatori "frugali", intendendo con questo di non comprare qualcosa solo perche' "esiste", ma comprare solo quello che ci serve davvero.

    "Lo scenario e' piuttosto triste - se il genere umano non fa nulla, il cambiamento climatico avra' impatti molto seri" ha dichiarato alla conferenza stampa di Parigi.

    Il meeting di Bali ha definito un accordo globale per la riduzione delle emissioni del biossido di carbonio dovute ad attivita' umane, e la cosa positiva e' che per la prima volta da quando si e' iniziato a tenere dei meeting internazionali sull'argomento - nel 1994 - nessuno ha contraddetto i risultati presentati dall'IPCC, e quindi si accetta finalmente che il problema esiste ed e' grave.

    Conclude il Centro Internazionale di Ecologia della Nutrizione: "E' bene che finalmente si affermi che per quanto riguarda l'impatto sull'ambiente il comportamento personale e' importante, e in particolare le nostre scelte alimentari. La massa di evidenze in merito non si puo' ormai contraddire, cosi' come i risultati dell'IPCC sulla necessita' di un cambiamento drastico sia a livello governativo che a livello personale. Meno alimenti animali, una alimentazione a base vegetale, e' la scelta piu' potente che ciascuno puo' fare per fermare il riscaldamento globale ed evitare un tragico spreco di risorse".

  • 1 decennio fa

    Sì.. Io lo sono dalla nascita perché anhce i miei genitori lo diventarono e comunque se non si uccidono animali per mangiarseli di sicuro del bene si fa!!

  • 1 decennio fa

    daccordissimo io sono diventata vegetariana da piccola e nn vi dico in una famiglia di 8 persone!!! ma io e mia sorella c davamo man fote e ora sia io che lei abbiamo 2 figli vegetariani naturalmente e purtroppo sul pregidizio c'e' ancora da lottare....inoltre oltre a tutte le spiegazioni esatte e molto tecniche volevo mettere in evidenza anche il lato umano che spinge una persona a fare questa scelta..non ammazzare essere viventi a cui abbiamo tolto anche la dignita' facendoli nascere gia' in scatoletta,non vestirsi della pelle di queste vittime,e nn usare prodotti sperimentati o con componenti animali,inoltre il fatto di ingerire carne macellata conporta l'inquinamento "karmiko" del nostro essere e c rende aggressivi e feroci .

    insomma un mondo di vegetariani sarebbe molto meglio...

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Sì... mi sembra che molte delle ragioni le hai appena elencate tu...

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • ale
    Lv 5
    1 decennio fa

    si, ti sei risposto da solo.. :)

    speriamo che leggano in tanti..

    ciaoo

  • Anonimo
    1 decennio fa

    a quanto pare si, può aiutare.. ma non è tanto il fatto che le persone dovrebbero diventare TUTTE vegetariane, è più un fattore di equilibro con la Terra..

    se vi servono tot spazio per il bestiame, okay prendetevelo ma nn vi allargate più di tanto: la gente cmq nn sa quanti tipi di cibo ci sono al mondo, xk mangiano sempre e solo carne?!

    nella mia famiglia si mangia carne 5 gg su 7! io poi che ho adottato la dieta vegetariana da poco mi vedo costretta a mangiare la metà di prima (sn dimagrita 4 kg in 1 mese e mezzo senza volerlo!!!) xk mia madre non sa cos'altro comprare da mangiare!!

    ti pare possibile!?

  • Anonimo
    1 decennio fa

    ciao Antonio,

    certamente è la scelta più potente che si può fare per la salvaguardia dell'ambiente e delle specie (che sono legate direttamente alla qualità e alla quantità di ambiente naturale).

    Peccato che oggi molti "ambientalisti" stile Greenpeace credano che per salvaguardare l'ambiente bisogna farsi una doccia al mese, con il rischio di un'epidemia su scala mondiale :)))

  • Anonimo
    1 decennio fa

    ESATTO! :)

    Fonte/i: .P.P.P. PICCOLO PARERE PERSONALE
  • Anonimo
    1 decennio fa

    assolutamente no... si blocca il ciclio vitale...

  • Miri81
    Lv 7
    1 decennio fa

    1. Concordo con chi sostiene che il consumo di carne ha subito un'impennata allucinante

    2. Sono d'accordo con chi dice che consumiamo troppa carne

    3. Non sono d'accordo con chi dice che non dovremmo consumarla affatto: non mi piacciono gli estremismi in particolare

    4. Essere vegetariani/vegani non aiuta a salvare il pianeta più di quanto lo possa aiutare essere solo carnivori. Ti ricordo che per avere frutta e verdura bisogna coltivarle. Per coltivare si tolgono terreni alla foreste e si usa tantissima acqua. Inoltre, se per assurdo tutta l'umanità si nutrisse di frutta e verdura, forse non te ne rendi conto ma servirebbero ingenti dosi di insetticidi, pesticidi e fertilizzanti che inquinano le falde acquifere.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.